All’Hotel Ustica Punta Spalmatore venerdì 2 giugno risate assicurate con il duo di cabaret “I Babbaluci”.


Prosegue il periodo felice del teatro comico e cabaret palermitano all’interno del quale a fianco dei “vecchi” mostri sacri si collocano giovani generazioni che crescono e ottengono sempre più crescente spazio. La premessa  non è casuale e il riferimento va particolarmente alla coppia di cabaret Daniele e Fabio Vespertino, in arte “I Babbaluci”, che, durante l’evento “Ustica Dreams”, alle 22,30 con il loro spettacolo allieteranno la serata del 2 giugno all’Hotel Ustica Punta Spalmatore, il cui anfiteatro nel quadro del programma “Ustica Villaggio Letterario”, III ed.2017 da giugno a settembre avrà l’onore di ospitare numerosi spettacoli dei migliori attori di teatro e cinema siciliani. Mi sono procurato il piacere di incontrare Daniele e Fabio Vespertino con i quali ho registrato questa simpatica chiacchierata:

= Ragazzi, il vostro è un matrimonio artistico che dura ormai da sette anni; si vuole che nei matrimoni “normali” il settimo anno è quello a rischio crisi. Nel vostro caso? …
“Diciamo che siamo in controtendenza in quanto proprio il settimo anno è quello in cui stiamo andando a gonfie vele, è quello che nel nostro lavoro ci sta regalando più soddisfazioni”

= Daniele, Fabio, il fatto di essere nella vita cugini, quindi già legati affettivamente, fin dall’inizio della vostra carriera artistica ha costituito  un punto di vantaggio per quanto riguarda l’affiatamento sul palco? …
“Ci ha solo portato vantaggi; siamo cresciuti assieme e questa sintonia parentelare non ci è stato difficile riversarla poi nel nostro rapporto professionale; diciamo che ci ha tanto aiutato e continua ad aiutarci”.

= Sarò sicuramente l’ennesima persona che, incuriosito dal nome che avete dato al vostro sodalizio artistico, vi chiede come nasce la curiosa denominazione “I Babbaluci” …
“Per la verità il nome non ce lo siamo dati noi ma altri per pura casualità ma dobbiamo dire che ci sta portando tanta fortuna;  ci piace poi  considerare questo accostamento infondo bene augurante in quanto come il mollusco vogliamo, anche se piano, andare lontano.  Particolare poi non di poco conto: a Palermo il 15 luglio giorno del Festino, per noi è doppia festa, è come fare anche … l’onomastico!

= I vostri “strali” cabarettistici che lanciate nel corso delle vostre esibizioni hanno destinatari particolari o spaziate ovunque? …
“Preferiamo guardare attorno a tutto quanto in generale succede attorno a noi e deformarlo ad arte al fine di offrire al pubblico che ci segue occasioni di continuo divertimento; di spunti non ne mancano, anzi c’è l’imbarazzo della scelta. L’unico campo in cui per nostra scelta non ci avventuriamo è quello della satira politica; preferiamo tenerci alla larga anche perché riteniamo l’argomento abbondantemente inflazionato”.

= In queste forme di spettacolo in cui ci si esibisce in coppia nella maggior parte dei casi c’è il braccio e la mente, il comico e la spalla; da voi come funziona? e i testi sono farina del vostro sacco? …
“Ci siamo sempre impegnati, riuscendoci, per far si che i ruoli siano per noi sempre interscambiabili; siamo entrambi ora braccio ora mente, ora comico ora spalla. Quanto ai testi che proponiamo nei nostri spettacoli sono esclusivo frutto del nostro lavoro, anzi ne scriviamo anche per altri colleghi dal momento che facciamo parte di una Associazione di Autori”.

= Il palcoscenico del teatro “Al Convento” è stato e continua a essere una importante palestra formativa? …
“Sicuramente!  Abbiamo a disposizione due appuntamenti settimanali attraverso i quali possiamo confrontarci con quel “giudice” unico che è il pubblico che viene a vedere i nostri spettacoli. C’è un bellissimo rapporto amichevole ed artistico con tutti i nostri colleghi, meno giovani e giovani, con i quali si fa laboratorio a 360°, sempre tutti disponibili”.

= A giorni vi aspetta il pubblico dell’anfiteatro dell’Hotel Punta Spalmatore di Ustica. Sensazioni? …
“Conosciamo l’isola in quanto già in passato l’abbiamo frequentata da turisti ma è la primissima volta che ci esibiremo; quando ci è arrivato l’invito quasi non ci credevamo; come sempre succede nelle prime volte siamo emozionati ma anche impazienti; proporremo diverse “scenette” tratte dal meglio del nostro repertorio, tutto legato comunque da un unico filo conduttore; gli spettatori, lo assicuriamo, assisteranno in assoluto ad uno spettacolo “strapparisate”. Vi aspettiamo!”.

Termina così la mia piacevole conversazione con Daniele e Fabio Vespertino. Ringrazio entrambi per la cortese disponibilità concessami. Non ci vuole molto a prevedere che venerdì 2 giugno il pubblico che alle 22,30 assisterà a Ustica all’anfiteatro dell’Hotel Punta Spalmatore al loro spettacolo constaterà la loro bravura artistica e simpatia. Non ci sono dubbi. Per chi ci sarà, con “i Babbaluci” risate a volontà.

a cura i Mario Oddo

Rispondi