Brutta immagine del nostro comune rappresentativo della cattiva politica locale

Quando i “particolari” fanno la differenza 

BandieraGiorno 28 gennaio abbiamo scritto:

“Crediamo che il Sindaco debba spiegare i motivi  per i quali quelle bandiere sono tenute in quello stato nonostante il Dpr 121 del 2000 prescrive  espressamente che “le bandiere italiane e quella Europea  devono essere disposte in buono stato e correttamente dispiegate”.

Vediamo la bandiera Italiana sfilacciata e “tendente a sinistra”, quella europea strappata e quella regionale a mezz’asta, ma chi è morto?

La bandiera dovrebbe essere il simbolo dell’orgoglio  nazionale e invece sempre più spesso rappresenta, nel nostro caso, l’immagine di un paese in “disfacimento” e politicamente condizionato…

Un amministratore che non si accorge del pessimo esempio che quei simboli in quello stato danno,  soprattutto ai giovani, non è degno di sedere su quegli scranni!.”

Quali provvedimenti sono stati presi?
Il giorno dopo le bandiere, unitamente alle aste,  sono state tolte.
Pensavamo ad un immediato ricambio, invece ancora oggi notiamo una brutta immagine del nostro comune rappresentativo della cattiva politica locale.

Ovviamente, occorre riconoscere che sono altri i problemi seri di Ustica, ma se non si riescono a risolvere piccoli problemi di ordinaria amministrazione come possiamo pensare di risolverne altri molto più delicati ed importanti?

Ricordiamo che:

  • Una bandiera strappata simboleggia l’inefficienza amministrativa;
  • Un comune (istituzione) privo di bandiera simboleggia assenza di identità e di valori.

Cosa direbbe il Prefetto qualora venisse informato dell’accaduto?

PB

Comune senza bandiere

Comune senza bandiere

 

 

3+

Leave a Reply

See also:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: