Cerimonia del Giovedì Santo 1941

COMMENTO

Da Ustica Giovanni Martucci

Caro Gaetano, questa foto che a suo tempo ho dato a Pietro e che oggi ha pubblicato, era caduta dai miei ricordi. Adesso la rivedo con piacere e non ti nascondo che grande è l’emozione che mi suscita. Senza alcun dubbio la persona in primo piano è mio padre molto giovane e forse, a suo tempo, neanche sposato. A sinistra di mio padre c’è il tuo anche lui molto giovane e, a seguire alla sua sinistra, mio zio nonché padrino il prof. Biagio Patti. Alle spalle di mio padre suo zio Pietro Picone e alle spalle di tuo padre il sig. Goffredo Caserta. A quell’età quindi non eravamo né bambini né in costruzione. Siamo stati costruiti in un secondo tempo e per fortuna non ci lamentiamo di come siamo stati costruiti. Anzi. Ti saluto cordialmente e ti invio un affettuoso abbraccio. Giovanni

^^^^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Gaetano Nava

Ciao Giovanni, presumo che quel signore vicino a mio padre sia il tuo, o no?.Grandi ricordi, anche perchè, non sappiamo se eravamo bambini o ancora eravamo in costruzione, ciao
Giovedi Santo 1941

0

2 Responses to “Cerimonia del Giovedì Santo 1941”

  1. nava gaetano ha detto:

    Ciao Giovanni, presumo che quel signore vicino a mio padre sia il tuo, o no?.Grandi ricordi, anche perchè, non sappiamo se eravamo bambini o ancora eravamo in costruzione, ciao

    0
  2. Giovanni Martucci ha detto:

    Caro Gaetano, questa foto che a suo tempo ho dato a Pietro e che oggi ha pubblicato, era caduta dai miei ricordi. Adesso la rivedo con piacere e non ti nascondo che grande è l’emozione che mi suscita. Senza alcun dubbio la persona in primo piano è mio padre molto giovane e forse, a suo tempo, neanche sposato. A sinistra di mio padre c’è il tuo anche lui molto giovane e, a seguire alla sua sinistra, mio zio nonché padrino il prof. Biagio Patti. Alle spalle di mio padre suo zio Pietro Picone e alle spalle di tuo padre il sig. Goffredo Caserta. A quell’età quindi non eravamo né bambini né in costruzione. Siamo stati costruiti in un secondo tempo e per fortuna non ci la mentiamo di come siamo stati costruiti. Anzi. Ti saluto cordialmente e ti invio un affettuoso abbraccio. Giovanni

    0

Leave a Reply

See also:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: