Giorno 19 Agosto 2015 – Ore 21,30 all’Auditorium Comunale di Ustica – un tributo a Louis Prima


 

Locandina_Louis-Prima

Locandina Louis Prima

Costituisce il fiore all’occhiello del gran finale della programmazione di Agosto 2015 il tributo che il Centro Studi dedica a Louis Prima, “the wildest”, musicicista, compositore, comico, intrattenitore, uomo-spettacolo; il “picciotto del jazz” così definito perchè orgogliosamente non perse occasione per ostentare le sue origini siciliane sfuggendo così a quel processo di “americanizzazione” totale presente in parecchi artisti di origine italiana. Straordinaria carriera quella del “selvaggio” pronto nell’assimilare, adattandoli repentinamente, i molti mutamenti che le cangianti mode musicali proponevano, dal jazz dei piccoli gruppi allo swing delle Big Band, dal Rhythm and blues al pop ; abilità che gli consentì di entrare in sintonia col pubblico che non tardò a decretargli uno straordinario successo. Dietro l’angolo però  ecco il ciclone “rock and roll” che iniziò ad influenzare la sua carriera. La madre, l’usticese Angelina Caravella, avrebbe voluto fare di lui un violinista iniziandolo agli studi ma New Orleans era anche la città di un mostro sacro da anni in trionfale ascesa, anche lui di nome Louis, Armstrong; inevitabile l’influenza nella scelta dello strumento, la tromba, nel modo di cantare e suonare; profonda fu l’amarezza di Prima quando la critica dell’epoca spietata lo definì solo un pedissequo imitatore del grande Satchmo. Tra tante altre, due le “medaglie”, in riconoscimento di una consolidata affermazione: il famosissimo clarinettista jazz Benny Goodman nello storico concerto alla Carnegie Hall del 1938 ne incluse nella “scaletta” il primo hit “Sing, sing, sing”; molti anni dopo Francis Coppola inserì nella colonna sonora del primo “Il Padrino” l’arcinota canzone popalare siciliana che faceva, ricordate ?, “c’è la luna ‘mmenzu ‘o mari, mamma mia mà maritari … Altri suoi aspetti della vita privata e professionale saranno raccontati dal prof. Gigi Razete docente di storia del Jazz e della Popular Music del Conservatorio Bellini di Palermo nel corso della sua prevista introduzione all’Auditorium comunale dove, fortemente voluto dal Centro Studi,  si svolgerà il “memorial” alle ore 21,30  ad ingresso libero. Il noto “Thrinax Quintet” nel corso del concerto proporrà al pubblico presente, che si stima accorerà numeroso, il meglio del vasto repertorio del “wildest”. A Carmela Leone e Giulio Calderaro il compito di curare  il coordinamento dello spettacolo. Il tributo è dedicato a tutti gli americani con radici siciliane in generale, “paisà” usticesi in particolare tutti uniti, ne siamo certi, con noi da Ustica nel ricordo di Louis Prima, indimenticato ed indimenticabile           “gigolò”.

a cura di Mario Oddo

 

 

 

 

0

Leave a Reply

See also:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: