Incontro con Alessandra De Caro post presentazione programma UVL 2017.


 

Proseguo il mio viaggio lungo le strade del Villaggio Letterario di Ustica all’interno dell’HUPS post presentazione del programma già avvenuta al Teatro Agricantus di Palermo e, dopo Anna Russolillo, Lucia Vincenti e Alberto Chines incontro  Alessandra De Caro, responsabile del Museo del Mare-Arsenale della Marina Regia di Palermo, Soprintendenza del Mare, tra gli ideatori, “new entry” non presente nella passata stagione.

Inizio questa “chiacchierata”  facendole subito notare che da una attenta lettura del programma UVL non  è difficile rilevare che sull’argomento-mare tanto sarà raccontato nel corso di questo viaggio itinerante; pronta la sua conferma: si, ampio spazio infatti sarà dedicato al Mare in tutte le sue accezioni, il Mare come un grande “museo diffuso” che riunisce valenze naturalistiche, paesaggistiche, antropologiche e storico-archeologiche utili alla comprensione della storia del rapporto tra uomo e mare e ad un corretto sviluppo turistico-culturale. Parla a seguire di un tema particolarmente a cuore, quello dell’archeologia subacquea:da qualche anno a questa parte, sta suscitando sempre più un vasto giro di interessi scientifici, economici e turistico culturali. Il turismo archeologico subacqueo è in forte crescita proprio grazie alla realizzazione di attività finalizzate alla conoscenza della grande ricchezza del patrimonio culturale sommerso. In tal senso la Soprintendenza del Mare, nella convinzione che la tutela del mare non può prescindere dalla conoscenza e dalla sensibilizzazione non solo degli addetti ai lavori, ma anche di un pubblico più vasto, ha progettato numerosi percorsi/itinerari o parchi archeologici subacquei visitabili tra cui Punta Falconiera e Punta Gavazzi (lato Spalmatore)  nell’isola di Ustica. Un mare, le chiedo, che non solo viene esplorato ma anche narrato in varie forme: questo prezioso <scrigno> che continua a restituirci brani della nostra storia, sarà raccontato anche grazie alla presentazione di numerose pubblicazioni che descrivono importanti recuperi (reperti, relitti nuovi e moderni) fatti in questi anni. Per l’occasione saranno presentate anche le pubblicazioni <Different Visions> Island of Ustica e <Different Visions> through children’s eyes (progetto europeo NewCimed) curate da me in qualità di Project Manager e dal Soprintendente del Mare. La prima descrive a più voci, tra la terra e il mare, la magica isola di Ustica, nella seconda l’Isola è raccontata attraverso i disegni dei piccoli, che molto più forti di ogni parola porta con se una storia o meglio la storia di ognuno di loro. Ci tengo a precisare che Pippo Cappellano (tridente d’Oro e frequentatore del Punta Spalmatore da sempre)  e Marina Cappabianca hanno progettato con l’event manger Anna Russolillo la Rassegna <L’avventura del cinema sott’acqua>, la rassegna che racconta i 100 anni di Cinema subacqueo nella prima settimana di Luglio

Sottraggo ancora dei secondi alla mia gentile interlocutrice per chiederle di chiudere ricordando quel tradizionale appuntamento, “dulcis in fundo” di una stagione ricchissima di appuntamenti; intuisce a cosa mi riferisco e non si fa pregare: all’interno del Villaggio Letterario sempre in collaborazione con la Soprintendenza del Mare, con il Comune di Ustica e con l’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee, si svolgeranno alcune delle attività previste per la 58a edizione della Rassegna Internazionale delle Attività Subacquee – Tridente d’Oro e Academy Awards che si svolgerà dal 27 Agosto al 1° Settembre.  Evento prestigioso, considerato il “Nobel delle attività subacquee” al quale aderiscono tanti protagonisti del mondo della subacquea, uomini e donne per i quali il Pianeta Liquido è il centro della propria vita. Premio d’eccellenza a livello mondiale per attività particolarmente meritorie svolte nelle attività subacquee, scientifiche, tecniche, tecnologiche ed iperbariche, divulgative ed artistiche, sportive ed esplorative“.  Conclude quindi con una certezza questa terza edizione UVL, dedicata ad Aldina Cutroni Tusa, profonda conoscitrice delle monete antiche (al cui studio ha dedicato oltre sessant’anni di vita), non farà altro che consolidare ancora di più la fattiva collaborazione instaurata in questi anni con la Soprintendenza del Mare dell’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana“.  Ringrazio Alessandra De Caro per la cortese disponibilità e chiudo non senza una annotazione che ritengo doverosa nei confronti di una Direzione che certo non si risparmia in fatto di sforzo organizzativo: questa intera kermesse dedicata al mare, come del resto tutte le altre manifestazioni calendarizzate all’interno del programma UVL 2017, è sponsorizzata dall‘Hotel Ustica Punta Spalmatore.

a cura di Mario Oddo

Rispondi