Interrogazione – “Nomina vincitore Avviso Pubblico per n.1 posto di Istruttore Tecnico Direttivo – Cat.D1

                                                    Gruppo Consiliare di Minoranza      

Logo L'isolaAl Sig.  Sindaco del Comune Ustica
Al Sig. Presidente del Consiglio Ustica                        

e, p.c. Al Sig. Segretario Comunale Ustica

 

OGGETTO:    Interrogazione  ai sensi dell’art.18 comma 3 dello Statuto del Comune di Ustica riguardante “Nomina vincitore Avviso Pubblico per n.1 posto di Istruttore Tecnico Direttivo – Cat.D1

PREMESSO

Che, con determinazione Sindacale n.19 del 25.5.2016 si è proceduto mediante Avviso Pubblico di Selezione, a dare incarico a tempo determinato per n° 1 posti di “Istruttore Tecnico Direttivo” Cat.D1 presso questo Ente fino al 30.9.2016

Che, con determinazione Sindacale n° 21 del 1/7/2016 si è provveduto alla nomina del vincitore dell’Avviso Pubblico nella persona dell’Ing. Massimo Pugliese nato a Palermo il 07/04/1973

Che, da notizie assunte a mezzo stampa risulta che benché nell’avviso pubblico fosse prevista la laurea in architettura od in Ingegneria civile, il vincitore risulterebbe in possesso di titolo di studio in Ingegneria aereonautica (ramo industriale) e quindi non conforme a quando previsto dal bando stesso

Che, per quanto attiene il conferimento di incarichi dirigenziali ex art.110 comma 1 D.Lgs, 267/2000 del TUEL è esclusa la possibilità di conferirli sulla base di criteri esclusivamente fiduciari di tipo personale, c.d. “intuitu personae”

CONSIDERATO

Che, il corretto conseguimento degli interessi pubblici in gioco, nel rispetto del principio costituzionale di buon andamento, impone criteri rigidi di selezione tali da delimitare la discrezionalità tecnica in sede di valutazione;

Che, una selezione pubblica ex art.110 comma 1 del TUEL  “volta ad accertare , in capo ai soggetti interessati, il possesso di comprovata esperienza pluriennale e specifica professionalità nelle materie oggetto dell’incarico” pur non avendo natura concorsuale è ugualmente “sottoposta ai principi di imparzialità, trasparenza e par condicio, ritenuti inderogabili anche nella fattispecie, in quanto derivanti da norme costituzionali (art97,commi 2 e 4) e da principi generali dell’ordinamento (art.1 legge 241 del 1990)”

Che, in materia esiste già un chiaro orientamento giurisprudenziale che ha affermato che il conferimento di un incarico dirigenziale non è incompatibile con la preventiva attivazione di una

 

procedura selettiva, tra gli aspiranti, che assuma le caratteristiche del pubblico concorso (Corte di Cassazione  Sezioni Unite, 23 marzo 2005 n°6217);

Che, laddove l’Amministrazione non abbia fornito nessun elemento circa i criteri e le motivazioni seguiti nella scelta del dirigente ritenuto maggiormente idoneo all’incarico da conferire, è configurabile inadempimento contrattuale suscettibile di produrre danno risarcibile (Corte di Cassazione, 14 aprile 2008 n°9814; Corte di Cassazione, 26 novembre 2008 n°28274; Corte di Cassazione Sezione Lavoro , 14 aprile 2015 n°7495);

Che, ai sensi dell’art. 40, comma 1 Lett. b) del D.Lgs. 27 ottobre 2009 n°150 c.d. “decreto Brunetta”, che ha introdotto il comma 1-bis all’art.19 del D.lgs. n°165/2001, è imposto all’Amministrazione  un preciso onere motivazionale circa le ragioni ed i criteri di scelta seguiti per il conferimento dell’incarico dirigenziale.

Per quanto sopra esposto gli interroganti, consiglieri comunali Caminita Felice,  Caserta Carmela Francesco D’Arca  e  Mario Bellavista, ,  intendono sapere:

  • Quali sono stati i criteri di scelta adottati per potere pervenire alla individuazione dell’Ing. Massimo Pugliese quale candidato maggiormente idoneo;
  • Quali sono state le motivazioni e le ragioni che hanno condotto alla selezione dell’Ing. Massimo Pugliese come candidato maggiormente idoneo rispetto agli altri aspiranti;
  • Da chi era composta la commissione che ha esaminato i curriculum dei candidati;
  • Quale modalità e quale criterio è stato adottato per giungere alla formulazione della graduatoria di merito;
  • Perché l’Ing. Massimo Pugliese non è stato escluso dalla selezione non essendo in possesso il requisito di Ingegnere civile così come previsto dall’Avviso Pubblico di Selezione;
  • Perché non procede, immediatamente, alla revoca in autotutela della Determinazione Sindacale n°21 del 01/7/2016 con la quale viene nominato vincitore del posto di “Istruttore Tecnico Direttivo” l’Ing. Massimo Pugliese.

Si chiede risposta scritta ed orale urgente.

Lettera firmata

^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO
Dalla California Agostino Caserta

Personalmente sono d’accordissimo. Si e’ esagerato, in maniera grave, a danno di tutta la Comunita’ ma soprattutto dei concorrenti. E’ arrivata l’ora di mettere uno stop ad irregolarita’, abusi e soprusi di poltrona al Comune di Ustica.

4+

Rispondi