Intervento integrale del Sindaco S. Militello in occasione della visita ad Ustica del Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci


Gentile Governatore, gentili Assessori della Regione Sicilia,

a nome di tutta la Comunità Usticese, oltre che mio personale, Vi rivolgo il più vivo saluto di benvenuto ad Ustica.

Desidero ringraziare il Presidente della Regione Sicilia per avermi dato la possibilità di incontrarlo a Palazzo d’Orleans il 26/6 scorso ed in quella, per me unica e meravigliosa occasione,  di aver accettato l’invito rivoltogli a visitare Ustica fissando, sin d’allora, ad oggi la data;  ma ancor di più, Signor Presidente,  per essere Lei riuscito, in quell’enorme Palazzo, a farmi sentire come a “ casa mia ”  ed accogliermi come un “Padre”  accoglie  un  “Figlio”.

Grazie per tutto questo Signor Governatore! Sono emozioni che resteranno indelebili per tutta la vita !

Oggi per la Comunità Usticese è un momento storico che credo non si sia mai verificato:  è un onore ed un piacere avere il Governatore della Sicilia e la Sua Giunta, qui in questa aula che è il luogo della democrazia popolare.

Questo è, per me,  per noi, motivo di orgoglio e testimonianza unica di come Lei ed il Suo Governo abbiate preso a cuore questa Comunità e questa Isola per come avete già fatto e, sono certo, continuerete a fare.

Signor Presidente, come avrà modo di verificare nel corso di questa Sua visita ad Ustica, si accorgerà quanto semplice e calorosa è la popolazione usticese che malgrado viva in una sorta di paradiso terrestre, combatte talvolta contro tutte quelle cose che per un cittadino “siciliano” sono talmente normali che, invece, diventano grossi problemi per un cittadino “isolano”.

Qualsiasi cosa per un  Cittadino di una Isola Minore diventa oltre che difficoltosa anche più onerosa.

Praticamente tutto, anche le cose più semplici ed elementari.

Come tutti sappiamo la vita dell’isolano è legata fondamentalmente ai collegamenti marittimi,  è da essi che dipendono sia lo sviluppo socio-culturale, sia l’economia isolana.

I collegamenti, al di là dei mezzi impiegati e dagli orari praticati, dipendono a loro volta non solo dalla impetuosità del mare ma anche dalle strutture portuali che da noi sono fatiscenti ed obsolete e ciò costringe, anche con mare poco mosso,  a non avere il collegamento marittimo.

Per tale ragione ho già dato un incarico ad un professionista per uno studio preliminare di fattibilità per verificare la possibilità di realizzare una struttura portuale che consenta da un lato un collegamento più frequente e sicuro, garantendo quindi la continuità territoriale,  e nel contempo possa dare l’opportunità di sviluppo pensando, ad esempio, ad un turismo da diporto, ad un turismo congressuale, e non sottacendo la messa sicurezza degli ormeggi per i nostri pescatori e barche dei diportisti.

Ecco, in tutto questo è fondamentale che la Pubblica Amministrazione, sia locale che regionale, attenta alle necessità dei Cittadini,  per determinate opere dichiarate indispensabili,  debba dare – oltre ad una priorità assoluta –  grandi deroghe legislative, siano esse per vincoli paesaggistici che per una miriade di pareri che allungano all’inverosimile la realizzazione dell’opera stessa.

Non La voglio tediare, Signor Governatore, ma i bisogni della Comunità usticese, che orgogliosamente oggi rappresento,  sono davvero tanti:

il porto, la galleria per smaltire il traffico veicolare,  collegamenti più sicuri ed efficienti.

Ed a proposito di collegamenti mi rivolgo a Voi affinché quelli integrativi finanziati dall’Assessorato Regionale tornino ad essere per tutto l’anno e non solo per i 7 mesi attuali  e pertanto inoltrerò formale richiesta di modifica degli attuali, proponendo una ridistribuzione delle corse già da Voi finanziate che riescano a coprire tutto l’anno e ciò senza alcun maggiore esborso dalle casse regionali.

I trasporti, come il porto, sono fondamentali per la Comunità e l’uno non può prescindere dall’altro.

Ma abbiamo anche la necessità di poter continuare i lavori al plesso scolastico, oggi bloccato dal MIUR per degli errori progettuali che rischiano di far perdere un finanziamento milionario.

Il nostro piccolo Comune non potrà certamente completare l’opera pubblica; abbiamo dato mandato ad un legale per l’assistenza dovuta e stiamo rivolgendo istanza al Ministero affinché non revochi il finanziamento scongiurando così non solo di avere un’opera incompiuta ma, e forse principalmente, di non avere più un edificio scolastico nel quale formare i nostri giovani che altrimenti saranno costretti lasciare Ustica ed i loro affetti per trasferirsi a Palermo a studiare, con gravi e pesanti costi, anche economici, per le famiglie.

Stiamo affrontando in questi giorni i problemi legati alla progettazione e finanziamento del depuratore delle acque reflue.

Anche qui, purtroppo, per una serie di errori tecnici-amministrativi stiamo rischiando di perdere il finanziamento e quindi la possibilità di ampliare e manutendere l’attuale impianto vecchio di 30 anni.

Signor Governatore, mi scuso per averle fatto un elenco di problemi come se fossero l’elenco della spesa; io mi sono insediato appena 40 giorni fa e questi sono i problemi più grossi che si trascinano da anni ma che vanno affrontati e risolti, se vogliamo uno sviluppo vero di Ustica.

Ed a chi posso rivolgermi, io Sindaco, se non al Governatore della Sicilia a darmi una mano in tutto ciò?

Così come farebbe un figlio che chiede aiuto al Padre.

Allo stesso modo, però, devo dirLe che abbiamo diverse cose per le quali siamo orgogliosi: siamo stati la 1° riserva marina italiana; abbiamo una zona archeologica tra le più importanti di tutto il mediterraneo; le meraviglie del creato si possono scorgere in ogni angolo della nostra Isola; e come tutti i siciliani abbiamo la voglia e tanta volontà di lottare per il raggiungimento del bene comune.

La Sua, la Vostra presenza qui oggi per me significa testimonianza vera che l’Istituzione ci è vicina e sono certo che ci darete un grosso aiuto.

Grazie, signor Governatore, Grazie gentili Assessori e scusate se mi sono dilungato ma non accade tutti i giorni di poter parlare a cuore aperto, liberamente ed addirittura in casa propria, con le massime Autorità siciliane.

Il Sindaco
(Salvatore Militello)

^^^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Roma Giacomo Caserta

Caro Salvatore postando questo ringraziamento c’e’ chi lo vorra’ tradurre politicamente ma da quello che tu hai comunicato da Usticese al Governatore Musumeci sono tutti i desideri strozzati in gola di noi Isolani.Salvatore normalmente la luna di miele di una amministrazione non dura molto ma conoscendo la tua praticita’,la tua voglia di dare una mano ad Ustica ,agli Usticesi ma in modo particolare ai nostri ragazzi per riuscire a prospettargli un pezzo di futuro.Ciao Salvatore hai tutto il mio sostegno pubblico non solo come Sindaco ma come USTICESE. Un abbraccione e buona vita

^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Giacomo Giardino

Grande Salvatore speriamo che il governatore ci tenga a dare risposte ai problemi veri dell’Isola

 

2 pensieri riguardo “Intervento integrale del Sindaco S. Militello in occasione della visita ad Ustica del Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci

  1. 0

    Grande Salvatore speriamo che il governatore ci tenga a dare risposte ai problemi veri dell’Isola

  2. 0

    Caro Salvatore postando questo ringraziamento c’e’ chi lo vorra’ tradurre politicamente ma da quello che tu hai comunicato da Usticese al Governatore Musumeci sono tutti i desideri strozzati in gola di noi Isolani.Salvatore normalmente la luna di miele di una amministrazione non dura molto ma conoscendo la tua pragmaticita’,la tua voglia di dare una mano ad Ustica ,agli Usticesi ma in modo particolare ai nostri ragazzi per riuscire a prospettargli un pezzo di futuro.Ciao Salvatore hai tutto il mio sostegno pubblico non solo come Sindaco ma come USTICESE.Un abbraccione e buona vita

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.