La Regata dei Cinque fari a Palermo

regata“Seconda  edizione  della  Regata  dei Cinque fari, una delle regate che tocca alcuni dei posti più belli del Mediterraneo. La manifestazione organizzata dalla società Canottieri Palermo, inizia a riscuotere il gradimento dei partecipanti, infatti sono 25 le imbarcazioni al via, provenienti da tutta Italia, alcune motivate anche dalla possibilità di sfruttare una delle ultime occasioni per impinguare la classifica del Campionato Italiano offshore”. E’ quanto si legge sul sito internet della Fiv.

Partenza dalla borgata dell’Acquasanta. “Si inizia con delle leggere brezze che portano la flotta verso Ustica, tattici e tailer hanno il loro gran da fare per sfruttare questo vento quasi inesistente, in questo eccellono gli equipaggi di Acchiappasogni il Gs 40 di Giuseppe Polizzotti, ed il quasi gemello Alvarosky diFrancesco Siculiana”, fanno sapere dalla Fiv, aggiungendo: “Sono loro i primi a doppiare Ustica, mentre una parte della flotta, convinta di non arrivare in tempo a vedere Germania Italia, lascia la regata e si ferma sull’isola”.

Da Ustica in poi si assiste ad un match race “fatto di strambate e virate e controlli, mentre il resto della flotta resta bloccato nel doppiare l’isola. La parte più emozionante della regata resta il tratto Capo Gallo-Arrivo in quanto ai due battistrada si sono aggiunti il J122 Joy di Giuseppe Cascino e il first 47 Alchor di Gennaro Aversano, autori questi di un portentoso recupero sui battistrada che li vedeva distanziati al faro Porcelli di 40 minuti. In quelle ultime due miglia si è assistito ad una regata nella regata, con Alchor che strappa la line honour ad Acchiapasogni per 19 secondi e con Joy che brucia Alvarosky”, si legge sullo stesso sito della Federazione italiana vela.

“Ma il calcolo dei compensi dà ragione ad Alvarosky-Luxwing che porta punti alla sua già ottima classifica dell’italiano Offshore, seguito da Acchiapasogni autore di una splendida regata e da Alchor protagonista insieme Joy di un recupero impressionante. Al quarto posto si piazza il siracusano Ottovolante altro GS 40 di Fabio Santoro che così completa una classifica che si presenta come uno spot per i Gransoleil 40, che in classifica piazzano tre barche nelle prime quattro piazze. Splendida anche la prova di Duffy Dufour 34 di Enrico Calvi che vince la classifica dei terza classe oltretutto piazzandosi sesto assoluto, seguito da Mago Blu Elan 333 di Flavio Palumbo Cardella sempre protagonista ed autore di splendide prove”, si conclude così la nota della Fiv.

Dallo stesso sito della federazione si apprende: “Dal 10 al 17 luglio prossimo torna, al Circolo Surf Torbole, il Windsurf grande slam, edizione 2016, in cui si assegnano i titoli dei Campionati nazionali assoluti, in tappa unica, delle discipline Slalom, Formula, Raceboard, ai quali si aggiungono speciali Speed Contest”, per il premio per il più veloce della sei giorni. Sarà una settimana intensa: i migliori riders italiani si sfideranno in un evento spettacolare. “Tra i sicuri protagonisti, Matteo Iachino, terzo nel ranking mondiale del circuito professionistico Pwa slalom 2015 e secondo italiano di sempre a vincerne almeno una tappa, Malte Reuscher, 13° nello stesso ranking mondiale, il giovanissimo Francesco Scagliola, campione del mondo Junior slalom Ifca 2016, Andrea Rosati fresco vincitore del campionato europeo slalom Ifca davanti a Marco Begalli, primo grandmaster, e altri ancora”, fa sapere la Fiv sulle proprie pagine telematiche.

Fonte: SuperNews
Nicola Digiugno

 

0

Leave a Reply

See also:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: