Trovati reperti vulcanologici notevoli in contrada Tramontana, a Ustica


 

TROVATI REPERTI VULCANOLOGICI NOTEVOLI  IN CONTRADA TRAMONTANA, A USTICAPiù di centomila anni fa un imponente “flusso piroclastico” investì il versante orientale di Contrada Tramontana, a Ustica. Era una specie di valanga, costituita da ceneri, lapilli, vapor d’acqua e altri gas vulcanici a temperature elevate che, partendo da una vicina bocca vulcanica, si riversava, a ondate successive, sui terreni oggi situati tra la strada di Tramontana e Cala del Camposanto.
Il flusso investì in pieno una vegetazione che, a quei tempi, doveva essere lussureggiante. In particolare, nella zona oggi occupata dal Frantoio, proliferavano abbondanti cespugli di palme nane, note ai botanici col nome di Chamaerops humilis: una specie tuttora diffusa, soprattutto nelle regioni della cosiddetta macchia mediterranea. Le piante furono in gran parte bruciate e sepolte dai minuti prodotti vulcanici che si accumularono, strato dopo strato, trasformando vaste aree della campagna verde in un deserto cinereo.
Ma alcune delle caratteristiche foglie a ventaglio delle palmette nane, prima di disgregarsi del tutto, lasciarono le loro impronte fra i depositi piroclastici che, nel corso di decine di migliaia di anni, si sarebbero trasformati in lastroni di tufo. reperti geovulcanologici
Dobbiamo alla sensibilità di Giovanni Palmisano, agricoltore usticese e proprietario del terreno in cui sorge il Frantoio di Contrada Tramontana, il ritrovamento di alcuni di questi blocchi di tufo che recano le impronte delle piante distrutte da quel catastrofico evento. Da attento e appassionato raccoglitore di reperti, Giovanni non solo ci ha segnalato il ritrovamento dei frammenti di tufo emersi durante lavori di sistemazione del terreno, ma li ha resi disponibili al Centro Studi per una duplice utilizzazione: di ricerca e di esposizione didattica.
La ricerca, in corso di sviluppo per iniziativa mia e del dottor Sandro de Vita, vulcanologo dell’Osservatorio Vesuviano-INGV di Napoli, ha portato, come primo risultato, alla determinazione della specie della pianta cui appartengono alcune impronte, la Chamaerops humilis, appunto; mentre come secondo obiettivo si propone di stabilire, attraverso analisi chimiche, una correlazione sicura tra il flusso piroclastico e la bocca eruttiva da cui è stato generato (Probabilmente si trattò di una delle manifestazioni eruttive del cratere della Falconiera, attorno a 130.000 anni fa; ma finché non saranno completate le analisi, non si possono escludere altre ipotesi).
L’uso didattico dei campioni consiste invece nella loro esposizione nell’ambito della mostra “Ustica prima dell’uomo. Origine ed evoluzione di un’isola vulcanica”, attualmente allestita presso il Centro Studi di Ustica, e destinata a diventare permanente quando si realizzerà il progetto di un Laboratorio Museo di Geovulcanalogia a Ustica.
Proprio in questi giorni Giovanni Palmisano ha portato presso la sede della mostra al Centro Studi il più spettacolare blocco di tufo con l’impronta fossile, che è stato sistemato nella bacheca espositiva, e ha reso disponibile per le analisi chimiche un altro blocco che è stato già spedito ai laboratori del Vesuviano di Napoli.
FRANCO FORESTA MARTIN
Ustica, 23 ottobre 2014Nella foto: Giovanni Palmisano fra Vito Ailara e Franco Foresta Martin, consegna al Centro Studi il blocco di tufo con l’impronta fossile.

0+

Ustica: Mare molto mosso – molo dello Spalmatore


 mare molto moso - molo dello Spalmatore

0+

Ustica: estratto dell’assemblea cittadina del 17 Ottobre 2014


 

Ho ricevuto da più persone la cortese richiesta di pubblicare un resoconto dell’assemblea cittadina indetta dall’amministrazione comunale lo scorso venerdì 17, tenuta al centro accoglienza.

Accolgo volentieri la richiesta  dando, in più giorni, un ampio resoconto degli interventi e degli argomenti più rilevanti trattati, riservandomi, alla fine, di esprimere il mio pensiero, per evitare che, come diceva Joseph Goebbels, qualche “bugia ripetuta più volte nel tempo alla fine diventerà verità”!
Comincio con il trascrivere di seguito un estratto di quanto ha detto il sindaco, cercando di fare un bilancio dei primi 16 mesi di amministrazione.
—————-
Abbiamo avuto un’estate con maggiore affluenza di turisti e con permanenza più lunga ad Ustica, probabilmente perché era stata data loro la possibilità di usufruire della tariffa weekend di andata e ritorno scontato del 50%, con partenza il venerdì.

Saremo presenti al salone internazionale del gusto di Torino nello Stand  della Regione Siciliana, Isole minori che prevede uno spazio  dove saranno presenti i nostri operatori turistici.

Per la messa in sicurezza della scuola qualche cosa di concreto si muove. La cosa più rilevante è la messa in sicurezza della scuola media perché il finanziamento è tale che presuppone degli interventi radicali (4.330.000 €)

Il depuratore è una delle cose che in Continue reading →

0+

Ustica: Mare molto mosso a torre dello Spalmatore


 Mare molto mosso a torre dello spalmatore

0+

Ustica: Mare molto mosso – zona faro ponta spalmatore


Zona faro punta spalmatore

0+

Ustica: Tramonto tra la scogliera visto da Guido Melas


 Tramonto tra la scogliera visto da Guido Melas

0+

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


 

sindacoRipetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità.

Joseph Goebbels

 

0+

Buon Compleanno


AuguriA Stefania Palermo i Migliori
Auguri di Buon Compleanno

0+

foto ricordo – visita parenti


foto ricordo - visita parenti

0+

ORDINANZA – Accesso Vietato a Cala Sidoti


Accesso vietato Cala SidotiAccesso vietato Cala Sidoti 1

0+

Ricetta: Come si cucina la cernia bianca ad Ustica


 

Cernia biancaQuesta ricetta proviene dall’Isola di Ustica sicuramente una tra le isole più belle del sud Italia.

 

 

 

Ingredienti

-1 cernia bianca da 1 kg
-100 gr di olive verdi
-2 limoni
-1 cipolla
-1 carota
-1 gambo di sedano
-1 foglia di alloro
-un po’ di prezzemolo
-1 rametto di rosmarino
-un po’ di origano
-1 bicchiere di olio extravergine d’oliva
-pepe nero in grani

Iniziate lessando la cernia in acqua calda con la carota, cipolla, sedano, rosmarino, alloro, e alcuni rametti di prezzemolo, qualche grano di pepe e un po’ di sale. Appena cotta, scolatela e lasciatela raffreddare.

Pulite la cernia adesso. Togliete la testa, le lische e la pelle e tagliatela a filetti da mettere in un piatto da portata. A parte in una ciotola lavorate con la frusta l’olio, il succo di 1 limone, l’origano, aggiustando di sale e pepe. Cospargete la cernia con il rimanente prezzemolo tritato e conditela con il succo preparato. Decorate il piatto con le olive e fettine di limone e servite.

Fonte: Stretto Web

0+

Videoproiezione dedicata a Salvador De Bahia e alla cultura Afrobrasiliana

GIOVEDì 23 OTTOBRE ore 21.15 (videoproiezione) DEDICATO A SALVADOR DE BAHIA E ALLA CULTURA AFROBRASILIANA | di Marcella Croce  | Hotel Conchiglia D’Oro Via Cloe 9 Mondello

Bahia Locandina


0+

Bravi ragazzi e ragazze

Bravi ragazzi e ragazze

COMMENTO

Da Palermo Mario Oddo

Scontato l’effetto-nostalgia alla vista di tanta “valle verde” mi soffermerei un attimo per fare i complimenti a chi a suo tempo ha scattato questa foto; esteticamente bella a vedersi (ma per i soggetti che vi figurano non poteva essere diversamente …)

^^^^^^^^^^^

Da Ustica Giovanni Martucci

Bellissima foto che suscita tanti bei ricordi, soprattutto per la giovane età di allora, scattata nel  terrazzo di villa Longo che raffigura due coppie di cugini Martucci/Longo. Infatti da sinistra: mio fratello Ignazio, il sottoscritto e le cugine Giovanna e Rosalba.

 

0+

Dalla Delegazione di Spiaggia di Ustica riceviamo e pubblichiamo – Avviso di condizioni meteorologiche avverse


Avviso di meteo avverse

Dalla mattinata di oggi, mercoledì 22 Ottobre 2014, e per le successive 24 – 36 ore, si prevedono precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Basilicata, Calabria, Abruzzo, Molise, Puglia e in successiva estensione alla Sicilia.
I fenomeni daranno luogo a rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0+

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


sindaco“Non v’è nulla di più spregevole d’un oratore di professione che usa le sue parole come un ciarlatano usa i suoi rimedi.”
FRANÇOIS FENELON

 

0+

Buon Compleanno


AuguriA Domenico Tranchina i Migliori
Auguri di Buon Compleanno

^^^^^^^^^^^^^

Oggi si festeggia S. Donato.
Auguri a tutti coloro che festeggiano
il loro Onomastico sotto questo Nome

 

 

 

0+

Al bar – Dissetarsi con la coca cola


 Dissetarsi con la coca cola

0+

Ustica Spalmatore: fine ottobre


 Ustica fine ottobre

0+

Scorcio di Ustica visto da un forestiero


  scorsio di Ustica visto da un forestiero

0+

Fiocco azzurro in Casa Tommaso Licciardi


 

fiocco azzurro a casa Tommaso LicciardiQuesta mattina alle ore 4,54 a Mondovì (Cuneo) è nato Dario Egidio Licciardi del peso di Kg. 3,370. Il “giovanotto” e la mamma godono di ottima salute.
A mamma Beatrice Sarti, a papà Tommaso e ai nonni gli  Auguri più belli da parte di tutti gli Amici visitatori di usticasape, affinché il piccolo Dario Egidio porti nella famiglia Amore, Gioia e felicità

 

RINGRAZIAMENTI

Da Mondovì Tommaso Licciardi

Grazie di vero cuore a tutti coloro che hanno condiviso la nostra gioia per la nascita del piccolo Dario e sicuramente sguazzerà parecchio nel limpido mare della splendida isola di Ustica.

Beatrice e Tommaso

^^^^^^^^^^^

AUGURI

 

Dalla Svizzera Francesco Ferraro

Tanti auguri per l’arrivo di Dario Egidio, che abbiamo visto nella pancia della mamma sugli “scogli piatti” l’estate scorsa. Speriamo di rivederlo sguazzare presto nel limpido mare della nostra isola. Un grande abbraccio. Francesco e Tessa.

 

0+