PALERMO. Piazza Bellini e piazza Pretoria si trasformano in un unico mare di luce. 8 gennaio: il ritorno del Teatro Potlach


Piazza Pretoria e piazza Bellini si trasformano in un mare di luce
L’arca di Noè: il nuovo evento del Teatro Potlach
Domenica 8 gennaio, alle 21

Un unico, straordinario, entusiasmante e coinvolgente, mare di luce: piazza Pretoria e piazza Bellini, il cuore antico di Palermo, si trasformeranno in un’unica distesa liquida in cui “galleggeranno” le statue della fontana Pretoria, i monumenti, i palazzi nobiliari. “L’ARCA DI NOE’” è il nuovo evento del Teatro Potlach che chiude il festival “I ART 4 Christmas”, ideato da Lucio Tambuzzo per I WORLD, inserito nel cartellone degli eventi natalizi del Comune di Palermo. Il festival ha già visto tre momenti di spettacolo – tutti molto seguiti dal pubblico che ha invaso piazza Pretoria popolata da installazioni, danza, artisti e videomapping – a cura di Bobez, Sinergie Group, Tavola Tonda. Questa sarà l’euforica conclusione che non si fermerà alla piazza, ma si allargherà ai palazzi circostanti, alla chiesa di Santa Caterina e alla Martorana. Domenica (8 gennaio) dalle 21 alle 23, sarà creato questo unico, grande mare in cui monumenti e statue emergeranno visivamente; come isole sospese che, simbolo di memoria e vita, si salvassero dopo un diluvio immaginario dello smarrimento.

L’evento, curato dal Teatro Potlach con la regia di Pino Di Buduo, coinvolgerà Palazzo delle Aquile, Palazzo Bonocore, la fontana Pretoria, la chiesa di Santa Caterina e piazza Bellini, la Martorana e San Cataldo, di recente inseriti nel sito seriale UNESCO.

Lo spettacolo avrà inizio dalla fontana Pretoria: le statue, come dei semidei, prenderanno vita e inviteranno virtualmente il pubblico ad entrare a Palazzo delle Aquile, trasformato da illuminazioni artistiche e suggestive scenografie, attori e performance. Il percorso si srotolerà lungo piazza Bellini con proiezioni e performance, nelle chiese di San Cataldo e della Martorana, seguendo il corso sinuoso del mare di luce, per poi entrare nella magica chiesa di Santa Caterina, anch’essa trasformata da allestimenti, interventi scenografici e performance attoriali; e uscire di nuovo su piazza Pretoria. Uno spettacolo coinvolgente, affascinante e suggestivo, in cui lo spettatore avrà il ruolo fondamentale di viaggiatore-esploratore della propria memoria e della città. Ingresso libero.

Sarà possibile visitare Palazzo Bonocore (aperto dalle 18 alle 23, ingresso 5 euro) e la mostra “Divino Amore”, artisti che rileggono l’amore sacro e profano; a cura di Alba Romano Pace.

Ufficio stampa: Simonetta Trovato | 333.5289457 | simonettatrovato@libero.it
Carmela Grasso | 349.2684564 |melagrasso@gmail.com

Rispondi