Quell’altra Ustica, lassù …


 

Quell'altra Ustica, lassù ...

“pianetino” Ustica

L’incontro nel quadro dei “mercoledì del Centro” non poteva non essere programmato con la presenza di Franco Foresta Martin, artefice, come noto negli ambiti locali, nazionali ed internazionali, di avere portato “Ustica fra le stelle” dal momento che grazie al suo impegno, alla sua perseveranza, alla sua riconosciuta professionalità un piccolo pianeta porta il nome dell’Isola. E’ stato  un pomeriggio in cui la comunità locale ha ringraziato lo studioso della materia ma anche l’usticese dal momento che alla valenza scientifica si somma l’eccezionale ritorno d’immagine di cui beneficierà perennemente l’Isola di Ustica. Franco ha ripercorso le fasi non facili che hanno portato a questo prestigioso riconoscimento. Ha illustrato la lunga storia dell’esplorazione del cosmo ricordando come il prof. Giuseppe Piazzi, direttore dell’Osservatorio di Palermo che lui stesso aveva impiantato nel 1791 dalla specola borbonica di Torre di Santa Ninfa del Palazzo Reale, avesse scoperto il primo pianetino che battezzò Cerere Ferdinandea. Indi ha illustrato l’origine dei pianetini che sciamano tra Marte e Giove e, con l’ausilio di immagini, ha definito la posizione del pianetino Ustica nel cosmo, il periodo di rotazione intorno al sole e la sua probabile composizione chimica. Infine si è impegnato a reperirne una foto da scattare il 3 Aprile del 2016, data in cui il pianetino sarà più vicino alla Terra, con l’ausilio degli stessi scopritori dell’Osservatorio di Campo Catino. A conclusione, numerose sono state le domande poste dai tantissimi Usticesi presenti e puntuali le risposte di Franco. Si è fatta giustamente gran festa a suggello che questa “conquista celeste” è stata orgogliosamente accolta dagli isolani tutti e da un isolano V.I.P. in particolare, Franco Foresta Martin        il “papà” del neonato pianetino Ustica.

a cura di Mario Oddo

0

Leave a Reply

See also:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: