Riceviamo e pubblichiamo – ex Hotel San Bartolomeo Ustica


IL GIUDICE ORDINA A BONURA BALDASSARE E RUSSO SALVATORE L’IMMEDIATA REINTEGRAZIONE DEL COMUNE DI USTICA NEL POSSESSO DELL’IMMOBILE DENOMINATO HOTEL SAN BARTOLOMEO COMPRENDENTE DUE EDIFICI DISTINTI – LOTTO A e B – INTERCOMUNICANTI TRA DI LORO.

CONDANNA BONURA BALDASSARE E RUSSO SALVATORE AL RIMBORSO DELLE SPECIE PROCESSUALI IN FAVORE DEL COMUNE DI USTICA LIQUIDATE IN COMPLESSIVI 2.551,50 euro.

Il Giudice Designato della Seconda Sezione Civile del Tribunale di Palermo Dott.ssa Paola Condorelli con Sentenza del 20 Dicembre 2016 ha dato ragione al Comune di Ustica che aveva chiesto la reintegrazione del possesso dell’Hotel San Bartolomeo, ritenendo la richiesta del Comune fondata e meritevole di accoglimento.

Si trascrivono gli elementi essenziali dell’Ordinanza del Giudice.

Il Comune di Ustica ha dimostrato di essere proprietario dell’immobile Hotel San Bartolomeo per averlo acquisito al patrimonio Comunale ai sensi dell’art. 7 della Legge 47/1985     (Interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali) giusto provvedimento trascritto in data 24.4.2002, a seguito di accertamento dell’inottemperanza all’obbligo di demolizione. Il Comune di Ustica è stato immesso nel possesso dell’ex Hotel san Bartolomeo con verbale del 24.4.2002 e tale possesso è proseguito fino al 9 Febbraio 2016, giorno in cui Bonura e Russo hanno manomesso i tre cancelli di ingresso, sostituito le catene e i lucchetti apposti ai cancelli, affiggendo tre cartelli con su scritto “Proprietà Bonura” ponendo così in essere un illegittimo atto di spoglio del Comune di Ustica dal possesso dell’immobile in questione.

Nel corso degli anni tra il Comune di Ustica e il Sig. Bonura Baldassare ha avuto luogo un lungo contenzioso,  svoltosi sia in sede amministrativa sia davanti al Giudice ordinario, avente ad oggetto:

1) L’impugnazione dell’ordinanza di demolizione (ricorso rigettato);
2) L’impugnazione del verbale di inottemperanza all’ordine di demolizione (ricorso rigettato);
3) L’accertamento della falsità della relazione tecnica;
4) Il sequestro giudiziario dell’immobile richiesto dal Bonura;
5) L’usucapione dell’immobile da parte del Bonura.

TUTTI I PRECEDENTI GIUDIZI ED ANCHE L’ATTUALE  HANNO VISTO SOCCOMBENTE BONURA BALDASSARE E VINCITORE IL COMUNE DI USTICA, CONFERMANDO IL DIRITTO DI PROPRIETA’  PIENA ED ESCLUSIVA DELL’HOTEL SAN BARTOLOMEO IN CAPO AL COMUNE DI USTICA.

Attilio Licciardi

^^^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Aldo Bonura 

Ancora una volta il nipote del Sig. Ailara cavalca sentenze che sono state opposte, anche questa ordinanza è stata opposta dal sottoscritto. Sarà notificata al Comune di Ustica nei termini che sono stati stabiliti già dal giudice adito e appena sarà notificato l’atto ne farò altrettanta pubblicazione on line, così come ha deciso di agire il sindaco Licciardi.

Buona Giornata

Aldo Bonura

Un pensiero riguardo “Riceviamo e pubblichiamo – ex Hotel San Bartolomeo Ustica

  1. 1+

    Ancora una volta il nipote del Sig. Ailara cavalca sentenze che sono state opposte, anche questa ordinanza è stata opposta dal sottoscritto. Sarà notificata al Comune di Ustica nei termini che sono stati stabiliti già dal giudice adito e appena sarà notificato l’atto ne farò altrettanta pubblicazione on line, così come ha deciso di agire il sindaco Licciardi.
    Buona Giornata
    Aldo Bonura

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.