Ringraziamenti a quanti si sono prodigati per rendere il mio soggiorno ad Ustica più confortevole


Caterina GambinoGentile signor Bertucci,

in riferimento alla mia lettera del 25 luglio, ho dimenticato di ringraziare quanti, nonostante le mie evidenti difficoltà, si sono prodigati per prestarmi aiuto e rendere il mio soggiorno più confortevole (per quanto era possibile). E quindi, in particolar modo: a Giovanni, il cameriere dell’Hotel Punta Spalmatore (che mi accoglieva sempre con un sorriso), al bagnino della piscina (persona dolcissima e sensibile che mi colmava di attenzioni), al direttore amministrativo (che ha avuto la pazienza di ascoltarmi, senza defilarsi), a Michele, il conducente della navetta (che si è adoperato per fare in modo di farmi salire con meno fatica), al direttore dell’Amp, che ha allestito apposta la mostra per me nella villetta antistante al Centro Accoglienza (visti gli scalini, senza neppure un corrimano, che me ne impedivano l’accesso), a Pietro Boz (il carabiniere che, incontrato, ahimè, solo all’ultimo, mi ha aiutato a trovare un altro alloggio), porgo un sincero e sentito “GRAZIE”, ma non per ciò che hanno fatto, ma per “come” lo hanno fatto, con il cuore, parte del corpo che non tutti fanno capire di avere.
Caterina Gambino.

6+

Leave a Reply

See also:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: