Una bella giornata di luna piena ad Ustica in Agosto


 Una giornata di luna piena ad Ustica in Agosto
Una bella giornata di luna piena ad Ustica in Agosto

Bella espressione di una coppia felice


 Bella espressione di una coppia felice
Bella espressione di una coppia felice

Ustica, aspettando la bella stagione


Ustica, aspettando la bella stagione
Ustica, aspettando la bella stagione

Il “colpaccio” di Daniele…

Il colpaccio di Daniele...
Il colpaccio di Daniele…

^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

Daniele !!! io penso che lei è l’amica di Ricardo ?? Si ??
forse Ricardo ha perso l’amica??? Scherzo!!!
Saluti a Daniele e a Riccardo.

Calcio, bella parata su tiro ravvicinato


Calcio, bella parata su tiro ravvicinato
Calcio, bella parata su tiro ravvicinato

Bella panoramica dello Spalmatore visto dall’alto


Ustica bella panoramica dello Spalmatore visto dall'alto
Ustica bella panoramica dello Spalmatore visto dall’alto

Bella foto ricordo


bella foto ricordo

Cartolina per il Sindaco “amministratore delle casa famiglia” – che fa anche i dispetti!!!


Webcam Comune di Ustica 1

Premiazione: – la più bella del “reame”


 Premiazione , foto ricordo

Da Ustica una bella vista di parte della costa nord della Sicilia


Da Ustica vista parte della costa nord della Sicilia

Bella politica fatta di partecipazione, confronto costruttivo e Amore verso le proprie radici


unione, trasparenza,  Caro Giorgio,

intervengo brevemente per ritornare su alcuni punti che, forse per colpa mia, sono stati poco chiari.

Ho trattato il progetto della “riqualificazione urbana” (leggi: sperpero di denaro pubblico…) delle tre piazzette, per far rilevare, ancora una volta, l’assenza di trasparenza e la preclusione alla visione degli atti dell’attuale (terza) amministrazione Licciardi. In quei momenti ho rivisto, ho sofferto, purtroppo, le stesse scene del passato!

Certamente, caro Giorgio, ciò che dico o scrivo è comprovabile e l’ho dimostro sempre quando sono stato o sarò chiamato in causa.

Per quanto attiene la composizione del consiglio comunale io spero, per l’Isola, che non sarà come l’amministrazione 1998-2003 quando da 12 consiglieri sono rimasti in pochi, certamente non sufficienti per amministrare, se non ci fossero stati “giochi di prestigio”.

Ricordo questo perché, la scorsa settimana, così scriveva il sindaco enumerando le molte cose da lui fatte in passato: “Da quella stagione (1998-2003) venne fuori una nuova generazione di amministratori (un pò come adesso..)”.

Per quanto attiene l’indennità che gli Continua a leggere “Bella politica fatta di partecipazione, confronto costruttivo e Amore verso le proprie radici”

Bella foto ricordo


[ id=20838 w=320 h=240 float=center]

Bella famiglia – Tranchina

[ id=19851 w=320 h=240 float=center]

 

 

Bella Coppia – Italia Maggiore e Giuseppe Tranchina


[ id=18392 w=320 h=240 float=center]

Maria Caminita


[ id=17100 w=320 h=240 float=center]

Un modo per festeggiare la domenica


[ id=16193 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Agostino Caserta

Ecco come appariva a fine anni ’40 il Viale Cristoforo Colombo, per gli usticesi ” La Rotonda “. Il ” bisolo” su cui sono seduti ed appoggiati e’ nello stesso posto di quelli attuali. La strada era tutta in terra battuta ed agli inizi degli anni ’50 ” La Rotonda ” divenne la prima strada asfaltata di Ustica, opera insieme alle odierne Scuole Elementari, costruite nello stesso anno, del Sindaco Anna Favaloro Notarbartolo ed entrambe eseguite dalla ditta Padovani con impegno tanto che a circa 70 anni di distanza sono ancora in ottimo stato. ” La Rotonda ” fu luogo di passeggio domenicale per molte generazioni di usticesi che facevano tappa alla ” Ruttazza ” per usare i comodi sedili e gustarsi il gelato. Ruttazza che, pero’, oggi e’ recintata e reclusa all’uso pubblico ( ? ! ). La Rotonda era anche la meta preferita, oltre al Palchetto, dei ragazzini per i loro giochi, alla Rotonda si andava per giocare con il ” Cerchio ” e con i “Pattini a rotelle” sulle cunette in cemento ai lati della strada. Oggi non so se le passegiate li, e i giochi dei ragazzini, sono ancora di moda o se sono addirittura possibili visto che da ambo i lati ci sono giorno e notte parcheggiate automobili…..( parcheggi cercasi…)

Da sinistra Giacomo Barraco, Vittorio Bonaccorsi, Totuccio Caserta, Camillo Padovani, Uccio Tranchina, Franco Bertucci.
Seduti da sinistra Matilde Martin, Gianna Longo, Lia Bertucci, una insegnante, Mario Caserta.

 

Ordinata scolaresca


[ id=16150 w=320 h=240 float=center]

Bella foto scattata in un giorno festivo da fotografo professionista


[ id=15959 w=320 h=240 float=center]

Bella foto che fa riflettere, porta indietro nel tempo…


[ id=15890 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Agostino Caserta

Non si pagava ne’ benzina, ne’ bollo, ne’ parcheggio, ne’ contravvenzioni ne’….Queste erano le Ferrari dei “vitelloni” locali di un tempo. L’asinello per molti era la continuazione di se stesso e il personale “cavallo di battaglia” che usavano per fare ” pumata ” anche per spettacoli di equilibrismo improvvisato con maestria sopraffina. Forse una giornata domenicale o Festiva ed e’ una foto che risale agli anni ’50, si vede dal cappello alla Borsalino di moda in quegli anni. Dietro si nota Peppino Pellerito ( ‘u zu Pe ‘u Comu ) che lavorava nella Macelleria sulla destra ( l’edificio e’ l’odierno Ustica Alimentari ), al cui esterno si notano i ganci con i quarti di vitello da appendere, che attiravano mosche e insetti vari, allora per battere le mosche si usava il DDT ( il rimedio e’ peggiore del male.. ), sulla destra si nota ” ‘a balata ” della Macelleria dove occasionalmente in estate si tagliava e serviva la carne, quindi serviva da bancone, e su di essa e’ seduta una persona a piedi scalzi che sicuramente era uno dei pescatore che a quei tempi andavano quasi tutti a piedi scalzi anche nei mesi non estivi e, avendo i corpi abituati e immunizzati, non si beccavano mai un raffreddore. Va fallu ora…..

I gagliardi e valenti Caballeros sono : 

Da sinistra : Giovanni Dilorenzo con dietro Giuseppe Tranchina ( u biunnu ) – sui due asinelli al centro forse Giocondo Tranchina ( Australia ), l’altro non lo riconosco forse emigrato – quelllo sul terzo asinello non lo riconosco neanche ma in groppa c’era Nino Dilorenzo ( padre di Piriche’ ) che era un campione per raccogliere ricci, ” abbuddava” ai Sidoti, in apnea e senza maschera, solo con una falce e riempiva una “cartedda” in tempi da record. Va fallu ora….( sei subito denunziato e non perche’ usi maschera e pinne….).

 

Da Teresa D’Angelo

Che bella!!!!!!!ricordo quando ero piccola, e trascorrevo l’ estate, con i miei nonni ad ustica. Che bei ricordi!!!

Terrazza con vista mare


[ id=15577 w=320 h=240 float=center]