Cerimonia Cambio Comando Capitaneria di Porto – Delegazione di Spiaggia – Ustica


Lunedì 10 Settembre sul Lungomare Filippo Vassallo di Ustica, si è svolta la cerimonia del passaggio di consegne tra il Maresciallo Armaleo   e il pari grado Aldo Spagnolo.

Nel suo intervento il  M/llo uscente Paolo Armaleo, a braccio e visibilmente emozionato, ha rivolto un ringraziamento particolare ai suoi uomini e a tutti gli intervenuti.

“Dopo tre anni vissuti  in questo meraviglioso angolo del Tirreno oggi è arrivato il momento del commiato .  Sono stati tre anni intensi e bellissimi…  Abbiamo vissuto  momenti impegnativi e qualche volta anche di sconforto ed  altro, per quanto abbiamo dovuto affrontare… Ora speriamo  in una diminuzione dei problemi  per permettere all’Isola di occupare il posto che merita.

Voglio dare il benvenuto al collega Spagnolo Aldo  che viene da Lampedusa e quindi conosce tutte le dinamiche isolane e ai nuovi arrivati che lo affiancheranno, provenienti  da Mazara del  Vallo e da Castellammare di Stabia.

Voglio ringraziare tutta la popolazione usticese indistintamente a cominciare dal Sindaco , dall’amministrazione comunale in genere, dal personale marittimo, dal capo ormeggiatori.

Al Mallo Spagnolo i migliori auguri per un Continua a leggere “Cerimonia Cambio Comando Capitaneria di Porto – Delegazione di Spiaggia – Ustica”

Ritardo partenza nave Sibilla


Dall’agenzia Naviservice riceviamo comunicazione che sulla nave Sibilla è in atto una “visita” della Capitaneria di Porto.  La nave dovrebbe partire al termine della “visita”. Verrà data tempestiva comunicazione!…

P.S. ore 10,13 – Dall’agenzia Naviservice riceviamo comunicazione che sulla nave Sibilla dovrebbe partire alle ore 10,30/11,00.

P.S. ore 10,36 – La nave Sibilla parte per Ustica

Cerimonia Cambio Comando Capitaneria di Porto – Delegazione di Spiaggia – Ustica


 

 

1° M.llo Palo Campodonico
1° M.llo Palo Campodonico

Discorso del 1° M.llo Paolo Campodonico – uscente

Il MAHATMA GANDHI diceva che “la felicità non viene dal possedere un gran numero di cose, ma dall’orgoglio del lavoro che si fa…”. Beh…, dal momento che il mio, anzi il nostro, lavoro consiste anche nel salvataggio e nella protezione di vite umane, credo di poter affermare, senza tema di smentita, che questa sia una buona ragione per dire che il nostro mestiere ci riempie di orgoglio.

Sono trascorsi tre anni dall’inizio di un compito che ho assunto con trepidazione e la consapevolezza che mi sarei trovato più spesso di fronte ad òneri che ad onòri.

JOSEPH CONRAD, infatti, sosteneva: “ Il lavoro non mi piace, non piace a nessuno, ma a me piace quello che c’è nel lavoro: la possibilità di trovare se stessi”… ed è proprio questo che deve riempirci di orgoglio, perché, quando riusciamo a metterci al servizio di chiunque abbia bisogno del nostro aiuto, la nostra umanità dovrà essere il nostro biglietto da visita, perché a chiunque possa essere evidente l’onore con il quale indossiamo questa divisa e queste stellette.

L’incarico di un Comando militare, per tali ragioni, rimane un abito scomodo e delicato che devi imparare ad indossare con attenzione ed equilibrio. Continua a leggere “Cerimonia Cambio Comando Capitaneria di Porto – Delegazione di Spiaggia – Ustica”

Doverosi e sentiti ringraziamenti alla Capitaneria di Porto di Palermo


 

disservizi, vedetta Capitaneria

La moglie Angelina e i figli Salvatore,Felice, Fina, Rosalia , Cinzia ringraziano la Capitaneria di Porto di Palermo ed in particolare il comandante e tutto l’equipaggio della motovedetta  CP 324 che, portando la bara ad Ustica, hanno permesso di far fare il funerale e di dare una degna sepoltura al loro Amato marito/padre. Un ringraziamento che viene dal profondo del cuore , grazie, grazie e ancore grazie.

Incontro I.C.S. di II grado ” S. Profeta ” con Guardia Costiera

 

Tutti al mare…
    ad Ustica

Il giorno 04/02/2015 gli allievi dell’  I.C.S. di II grado “S. Profeta” hanno preso parte ad una lezione di primo soccorso in mare e di elementi di base delle tecniche marinare tenuta dal Comandante Dott.  Paolo Campodonico.

L’incontro, volto a sensibilizzare i nostri studenti, ha dato vita a momenti di grande emozione in particolar modo durante la visione del filmato di apertura riguardante i soccorsi in mare nel corso dell’ operazione “Mare Nostrum”. Altro momento significativo è stato quando gli alunni della scuola secondaria di I grado e quelli del Liceo presenti in aula, sono stati soggetti attivi delle esercitazioni loro proposte dal personale di bordo motovedetta CP536 e dal personale di terra della Guardia Costiera di Ustica.

I  Prof.ri: N. Gualdasaio, L. Salamone, L. Tripoli, ringraziano  il Dott.  Paolo Campodonico che con alta professionalità e autorevolezza ha saputo infondere nei nostri discenti attenzione, curiosità e interesse.

I docenti
Prof.ssa N. Gualdasaio
Prof. re L. Tripoli
Prof.ssa L. Salamone

Lezione alla Capitaneria capitaneria 317 (2) capitaneria 320 (1)

Incontro AMP


Essendo domani impossibilitati a partecipare all’incontro in Capitaneria di Porto, sia il prof Marco Arculeo che il Presidente Leo Cannilla, l’appuntamento è spostato al 19 dicembre ore 9.00 sempre in Capitaneria di Porto di Palermo.

Distinti saluti
Aldo Messina

 

Operazione congiunta Carabinieri – Capitaneria Porto Ustica contro il bracconaggio


[ id=15311 w=320 h=240 float=left]Nella mattinata di ieri 14 novembre, al termine di un’operazione congiunta contro il bracconaggio condotta dalla Stazione Carabinieri e dalla Delegazione di Spiaggia di Ustica, tre palermitani sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Palermo per i reati di pesca subacquea mediante fucili in area marina protetta (zone A e B) e per aver pescato 3 esemplari di cernia bruna sottomisura.

L’operazione è scattata all’alba di ieri con l’intervento dei militari della Stazione Carabinieri di Ustica, coordinati dal Comandante Maresciallo Fabrizio Di Pofi, che nei pressi della Cala Sidoti stavano effettuando controlli antibracconaggio sia lungo la Riserva Naturale Orientata sia lungo le coste dell’Area Marina Protetta.

Nel corso del predetto servizio i militari avvistavano mediante l’ausilio di strumentazione ottica un gommone con tre persone a bordo che nelle zone A (Specchio acqueo antistante la Cala Sidoti) e B (Scoglio del Medico) effettuavano pesca in apnea con fucili subacquei, attività vietata dalla Legge nelle predette località. Pertanto veniva dato immediatamente l’allarme alla locale Delegazione di Spiaggia dotata di mezzi nautici per l’intervento in mare.

Scattati immediatamente i controlli da parte della Motovedetta CP536, sotto il comando del Capo 1^ Classe CAMPODONICO Paolo, coadiuvato nell’intervento in [ id=15312 w=320 h=240 float=right]mare dai militari dell’Arma nel frattempo saliti a bordo dell’imbarcazione, i tre venivano bloccati “con le mani nel sacco” mentre erano ancora intenti a pescare.

I bracconieri venivano trovati in possesso di 7 fucili subacquei, due acquascooter per il movimento in acqua e, cosa ancor più grave, di tre cernie brune sottomisura con ferite da arpione sul corpo.

Il materiale da pesca ed il relativo pescato veniva immediatamente sottoposto a sequestro, ed i tre segnalati alla competente Autorità Giudiziaria per violazione della L. 394/91 e del Dlgs 4/12.

I militari della Delegazione di Spiaggia e quelli dell’Arma dei Carabinieri di Ustica fanno sapere che i controlli antibracconaggio continueranno in maniera serrata per la salvaguardia delle bellezze naturali dell’Isola.

 

ORDINANZA n° 109/2012 della Capitaneria di Porto di Palermo


Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante di Porto di Palermo:

Omissis…

RENDE NOTO

Che il tratto di litorale dell’Isola di Ustica, identificato come Cala Giacone, è interessato da fenomeni di dissesto idrogeologico che individuano un livello di pericolosità e di rischio molto elevato (P4).

ORDINA

ARTICOLO 1

A decorrere dalla data odierna, e fino a nuova disposizione, lungo lo specchio acqueo antistante i punti di coordinate Lat 38°42,863’N Long, 013Q 11.773’E e Lat. 38° 42.866’N Long. 013°11,490’E, meglio evidenziati nello stralcio planimetrico allegato con B e B’,fino ad una distanza di 30 metri dalla linea di costa, è vietata a chiunque la balneazione, la pesca e qualunque altro tipo di attività, nonché la sosta ed il transito di persone e unità navali.

Omissis

Palermo 1° ottobre 2012

[ id=15021 w=320 h=240 float=center]

ORDINANZA n. 108/2012 della Capitaneria di Porto di Palermo


Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante di Porto di Palermo:

Omissis…

 

RENDE NOTO

Che il tratto di litorale dell’lsola di Ustica, identificalo come Punta Omo Morto, è interessato da fenomeni di dissesto idrogeologico che individuano un livello di pericolosità e di rischio molto elevato (P4).

ORDINA

ARTICOLO 1

A decorrere dalla data odierna, e fino a nuova disposizione, nello specchio acqueo antistante i punti di coordinate Lat, 38°42,654’N Long. 013°12,000’E c Lat. 38°42,791’N Long, 013°11.923’E, meglio evidenziati nello stralcio planimetrico allegato con A e A’, fino ad una distanza di 60 metri dalla linea di costa, è vietata a chiunque la balneazione, la pesca e qualunque altro tipo di attività, nonché la sosta ed il transito di persone e unità navali.

Omissis…

Palermo 1° Ottobre 2012

F.to C.A. (CP)Francesco Carpinteri

[ id=15020 w=320 h=240 float=center]

Ordinanza 53/2012 Capitaneria Porto Palermo – limiti di navigazione rispetto la costa


Clicca l’icona a fianco per leggere l’Ordinanza 53/2012 – limiti dalla costa   

ORDINANZA N° 33/12 del 06.04.2012 – Capitaneria Porto Palermo – attività balneari


Clicca icona a fianco per visionare l’ ORDINANZA N° 33/12 del 06.04.2012 della Capitaneria di Porto di Palermo che  disciplina  la sicurezza delle attività balneari    

Ordinanza 48/2012 Capitaneria Porto Palermo – Disciplinare esplicativo attività AMP Ustica


Clicca icona a fianco per leggere disciplinare applicativo Capitaneria di porti di Palermo attività AMP Ustica   

Richiesta deroga Ordinanza 32/2012 della Capitaneria di Porto di Palermo


Richiesta di deroga alla Capitaneria di Porto di Palermo ( competente per tutte le autorizzazioni relative alla sicurezza portuale)  alla ormai nota ordinanza 32.2012

” Ho chiesto questa deroga per potere consentire, pur nel rispetto delle norme di sicurezza portale, una maggiore usufruibilità dell’area portuale. I limite dei 10 metri tra natanti appare troppo riduttivo per il nostro specchio acqueo e poteva compromettere la stagione turistica. Desidero evidenziare che ancora una volta, come ho fatto per continuare a far funzionare il dissalatore che è di competenza della Regione, ho dovuto attestare che mi assumo la resaponsabilità , sollevando l’autorità marittima da qualsiasi danno a persone o cose.

Siamo già al lavoro per ” la fase due” per richiedere all’Assessiorato Regionale Territorio ed Ambiente (competente sulle concessioni sull’area demaniale) la concessione dell’area. Propedeutico a questo atto è la definizione della progettualità di destinazione dell’area e della gestione della stessa. A tal fine gli incontri proseguiranno nel pomeriggio. I diving viceversa hanno chiesto una loro deroga al posizionamento che mi risulta essere stata già concessa dalla capitaneria relativamente alla sicurezza e sarà poi vagliata dall’Assessorato Territorio ed Ambiente, per quanto riguarda la concessione”

Aldo Messina

Clicca icona per aprire richiesta deroga  

 

Ordinanza 31/12 – comunicazione importante


Veniamo informati da fonti attendibili che l’Ordinanza 31/12 della Capitaneria di Porto di Palermo entrerà in vigore a partire dal 7 Maggio 2012 ( non più da oggi come previsto) con piccole, ma sostanziali, modifiche.

Domani entra in vigore l’Ordinanza 31/12 della Capitaneria di Porto di Palermo


Da domani entrerà in vigore la nuova ordinanza n. 31/2012 della Capitaneria di Porto di Palermo da tutti i “commentatori” ritenuta, per usare un eufemismo, assurda.

Il commento lo lasciamo ad ognuno di voi trascrivendo alcuni punti dell’Ordinanza meritevoli di attenzione.

————

ARTICOLO 1 – La presente ordinanza disciplina la navigazione, gli ancoraggi e gli ormeggi delle unità navali da diporto/pesca nelle zone di sosta del porto di Ustica (approdo di Cala Santa Maria). … OMISSIS …

ARTICOLO 2 – In relazione alle caratteristiche delle unità navali da diporto/pesca e alle condizioni meteorologiche presenti, la sosta, l’ancoraggio e l’ormeggio a titolo gratuito nelle acque antistanti il porto di Ustica sono ammessi:
All’ancora: nelle acque esterne al porto ovvero nel tratto di mare racchiuso fra la congiungente la testata del molo Ex Sirena e la Punta Mezzaluna, lasciando libero il corridoio di ingresso/uscita di cala santa Maria
Ormeggio fianco banchina : nella banchina denominata Barresi a non più di tre unità;
Mediante corto morto: utilizzando esclusivamente quelli debitamente autorizzati che verranno eventualmente predisposti dall’Area Marina Protetta o dalla Civica Amministrazione;
L’utilizzo dei corpi morti non ha carattere di esclusiva ma lasciati alla libera disponibilità degli stessi da parte degli utenti.
Nelle acque interne dell’approdo di Cala Santa Maria è fatto divieto assolutori ormeggiarsi mediante l’utilizzo dell’ancora.
Tutte le unità navali ormeggiate/sosta devono:
– comunicare l’arrivo e la partenza nelle zone sopra indicate alla Delegazione di Spiaggia di Ustica via radio VHF/FM, canale 16/14, o al telefono al numero 091/8449652;
– attenersi alle norme per prevenire gli abbordi in mare, a quelle di sicurezza della navigazione e di tutela ambientale;
– prestare la massima attenzione alle unità navali in entrata e uscita dal porto;
– quando ancorate, continuare a garantire l’ascolto radio continuo VHF/FM, canale 16/14 per poter essere contattate in caso di necessità;
– evitare operazioni che possono ostacolare le attività delle unità commerciali e di quelle destinate alle attività turistiche – balneari.
ARTICOLO 3 – Le unità navali in entrata o uscita dal porto di Ustica devono navigare all’interno della zona di mare compreso tra il fanale binato rosso ubicato sul molo foraneo e la testata del molo Taormina mantenendo la dritta, senza incrocio di rotte e procedendo a velocità di sicurezza evitando di generare moto ondoso.
Nel canale di atterraggio sono vietati:
– la sosta;
– l’ancoraggio;
– La navigazione vela e a motore con velocità superiore a 3 nodi;
– La pesca;
– La balneazione;
– Le attività subacquee e ogni altra attività che intralci la navigazione
ARTICOLO 4 (obblico durante la sosta nel porto di Ustica) … OMISSI …
ARTICOLO 5 (rinvio a disposizioni particolari – deroghe e eventi di rilievo) … OMISSIS …
ARTICOLO 6 (Violazioni) … OMISSIS …
ARTICOLO 7 La presente ordinanza entra in vigore in data 5 Aprile 2012

Firmata: IL COMANDANTE
C.A. (CP) Francesco Carpinteri

——————–

Certamente chi ha avuto la costanza e la “forza” di arrivare sino in fondo si sarà posto almeno una domanda:
negli incontri del 23  e 26 Marzo presso la Capitaneria di Porto e successivamente presso l’Assessorato al Territorio ed Ambiente di Palermo erano presenti i nostri amministratori? Se la risposta è SI, come presumo, cosa facevano? hanno speso una parola a vantaggio della gente che dicono di amministrare?

Voglio trascrivere solo uno, ma emblematico, commento  da un caro amico e assiduo frequentatore di Ustica dopo aver letto l’ordinanza .

Ciao Pietro,

E’ “uscita” l’ordinanza 31/12 che ti allego. Ti invito a leggerla attentamente. VIETA in modo ASSOLUTO l’ancoraggio in porto. Certo, hanno tolto i corpi morti, NON hanno messo alcuna catenaria…. e ora vietano l’ancoraggio. Io getto la spugna, non me ne frega più nulla, come ti ho detto faccio parte di quelli che a ustica (con la u minuscola) non ci vogliono più andare…. Ma di questo passo cosa si raggiunge? Perchè non chiudono l’isola? Fanno prima. Invece di questo stillicidio, questo gioco al massacro…. sarebbe molto più facile dire: OK, da oggi l’isola è chiusa. Se io fossi usticese farei un sit-in e non farei attraccare più i mezzi, altro che occupare l’aula consiliare. Questa è follia, stanno esasperando gli animi. A breve c’è il LUNGO ponte del 25 aprile. Chi vuoi che venga con la barca se può solo ancorare FUORI dal porto? e magari gli fanno anche la multa perchè distrugge la poseidonia.
E’ uno schifo, Pietro. UNO SCHIFO!

 

Dall’incontro Capitaneria di Porto – Diving


Questa mattina, alle ore 10, ho preso parte con l’Assessore Mistretta alla riunione voluta dalla Capitaneria di porto di Palermo per illustrare l’ ordinanza in corso di stesura, sia agli Amministratori Comunali, sia ai titolari o responsabili dei DIVING.

Ha preso subito la parola l’Ammiraglio CARPINTERI per sollecitare ai DIVING il versamento delle quote di registrazione dovute per l’attività svolta e dei ticket riguardanti i subacquei trasportati per le immersioni. Evidentemente i DIVING avvertono il peso di tali carichi che sommati ai verbali che annualmente vengono loro notificati e pagati hanno pensato bene di farsi accompagnare da un avvocato che graziosamente ha caldeggiato le loro istanze per la mitigazione dei corrispettivi da versare per la loro attività. Al riguardo si è molto apprezzata la disponibilità dell’Ammiraglio che assicura di vagliare eventuali motivate richieste di mitigazione o riduzione dei balzelli che gravano su questa particolare attività. Venivano mosse anche critiche all’operato, quasi persecutorio, degli addetti alla sorveglianza del mare che l’Ammiraglio Pace faceva però rientrare spiegando, con quella competenza che gli è propria, la ragione di taluni interventi. La seduta veniva poi chiusa senza che si potessero approfondire i punti della nuova circolare.

Gaetano CASERTA – Consigliere

———-

P.S. Ore 11,50 – L’Assessore Mistretta sa sapere, tramite il V. Sindaco G. Caminita, che l’incontro di ieri con la Capitaneria di Porto, a causa del protrarsi degli argomenti posti in essere dai diving, non si è concluso ed è stato aggiornat0 a data da destinarsi.

 

Il Sindaco Informa


Stante la contemporanea organizzazione della riunione da parte della Capitaneria di Porto con i diving ed al fine di evitare un sovraffollamento di incontri per la data del 17 novembre 2011, si informa che::

– all’incontro con i diving organizzata ad Ustica dalla Capitaneria di Porto di Palermo saranno presenti il Sindaco, Vice sindaco ed assessori.

– La riunione di presentazione dell’ assessore Giuseppe Mistretta e di programmazione della stagione turistica avrà luogo in sala consiliare lo steso

17.11 alle ore 17.30. Non sarà presente il sindaco in quanto il giorno dopo sarà in partenza per Perugia. Saranno invitati i consiglieri comunali, gli organi di informazione, gli operatori turistici, il consorzio albergatori, la cooperativa Cyprea, le cooperative pesce spada, fratelli Mancuso, piccola cooperativa pesce spada ed il sig Felice Caminita detto il “Capacioto” .

– l’incontro con i diving , al quale il sindaco e l’assessore Giuseppe Mistretta desiderano essere presenti, avrà luogo la prossima settimana in una data che comunicheremo successivamente.

Si coglie l’occasione per informare che la prossima crisi di Governo Nazionale rende problematici sia il ritorno dell’AMP alla gestione comunale che il finanziamento dei nuovi progetti di illuminazione pubblica, vicende che comunque il sindaco seguirà ugualmente con particolare attenzione nel viaggio che effettuerà il 14 e 15 prossimi a Roma, approfittando che il costo del biglietto aereo e del pernottamento saranno a carico del comitato organizzatore di un congresso medico.

 

Convocazione Sindaco Capitaneria Porto per preventivo esame ordinanza 44/2011

Il Comandante della Capitaneria di Porto di Palermo, ammiraglio Francesco Carpinteri, ha convocato il Sindaco di Ustica, Aldo Messina, per il 07 settembre alle ore 10.00 per un ” preventivo esame dell’ordinanza 2011 ” Norme per lo svolgimento e per l’esercizio dell’attività di noleggio e locazione di natanti da diporto”.

” Siamo stati invitati unitamente al Sindaco di Isola delle Femmine, Bagheria, Capaci ed alla società Italo Belga e l’argomento è particolarmente ” caldo”. Oggi stesso sottoporrò la bozza ai locali noleggiatori per accogliere eventuali suggerimenti”

 

Solidarietà vile atto intimidatorio

 

COMUNE DI USTICA

Ustica 07.07.11 Prot 3609

Capitaneria di Porto di Palermo c.a. Amm Francesco Carpinteri

Delegazione Spiaggia Ustica

E p.c. Sig assessori – Sig Presidente del Consiglio

OGGETTO: Solidarietà per il vile atto intimidatorio alla Capitaneria di Porto di Palermo.

Esimio Ammiraglio, gentile Comandante,

desidero esprimere, a nome della cittadinanza, dell’amministrazione e mio personale, la nostra solidarietà alla Capitaneria di Porto di Palermo ed alla locale Delegazione, per il vile atto intimidatorio che riteniamo essere opera di singoli cittadini e non certamente della collettività.

Condanniamo fermamente questo attacco alle Istituzioni che consideriamo di notevole gravità in quanto rivolto contro lo Stato e vile per la sua modalità.

Siamo certi che un democratico confronto con la nostra cittadinanza, già programmato per il prossimo giorno 12, possa essere l’occasione migliore per manifestare il nostro rincrescimento e per studiare congiuntamente percorsi di legalità.

IL SINDACO

dr Aldo Messina

 

 

 

COMMENTO:

Da Ustica Luigi Palmisano

Chi semina vento raccoglie tempesta…

^^^^^^^^^^^^^

Da Ustica Giacomo Lo Schiavo

In merito alla nota del sindaco “solidarietà vile atto di intimidazione” mi sento cittadino offeso dalle parole del sindaco in quanto i fatti da lui riportati non risultano supportati da un’indagine di polizia ne risultano riscontri immediati che attestino la colpevolezza dei miei concittadini. pertanto pur condividendo la solidarietà alla locale delegazione di spiaggia, resto perplesso comunque sulla affermazione che questo possa essere immediatamente identificato quale atto vandalico o ancor peggio con valenza intimidatoria nei confronti dell’autorità locale.

Mi preme ricordare, a tale proposito, che alcuni mesi fa venne data la notizia di un furto con scasso presso la banca locale, per poi successivamente constatare che si trattava di un malfunzionamento della porta di accesso al servizio bancomat. Alla solerzia della pubblicazione della notizia di furto non fu mai pubblicata alcuna smentita a seguito dei fatti realmente accaduti.

P.S. (ore 20,11)
Forse il Sindaco sa qualcosa in più è il caso di dire :”Excusatio non petita, accusatio manifesta.

Spettacolo in Mare delle Forze Armate


L’apprezzabile collaborazione della Capitaneria di Porto locale e la bella giornata hanno contribuito a rendere piacevole ed interessante lo spettacolo in mare delle Forze Armate, in onore del 150° dell’Unità d’Italia.

[nggallery id=345]