Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Colui che segue la folla non andrà mai più lontano della folla. Colui che va da solo sarà più probabile che si troverà in luoghi dove nessuno è mai arrivato
(Albert Einstein)

Ustica, tre bambini in posa dal fotografo, chi sono? Aprile 1968


Tre bambini in posa dal fotografo, chi sono? Aprile 1968

^^^^^^^^^^^^

Da Ustica,Giovanni Martucci

Riconoscimento bambini in foto. Non vorrei sbagliarmi ma ritengo che siano i tre fratelli La valle. Da sinistra : Claudio, Maria Teresa e Luigi.

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

Chi pensa di guidare gli altri e non ha nessuno che lo segue sta solo facendo una passeggiata.
(John Maxwell)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

Chi vo ‘o male ‘e ll’ate ‘o sujo sta areta ‘a porta

Chi desidera il male degli altri il suo sta dietro alla porta

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


SindacoChi di spada ferisce di spada perisce / Chi la fa l’aspetti

Chi fa qualcosa di negativo deve aspettarsi una reazione uguale o peggiore

 

Riceviamo e pubblichiamo


Egregio Dott. Rizzuto, ho l’impressione e credo non sia semplicemente impressione che vuole aggiungere l’ultimo condimento ad ogni pietanza.. Si occupi a tempo pieno di notizie giornalistiche vere e proprie, se vuole dare un servizio a chi sta lontano ed essere aggiornato sulle vicende dell’Isola. Lasci all’intelligenza e alla scelta del prossimo Sindaco agli usticesi al momento opportuno, cioè nel momento che ci si trova nella cabina elettorale. Questi sondaggi, come altri proposti dalla testata lasciano il tempo che trovano e la invito a non proseguire sugli stessi,ribadisco lasci decidere agli usticesi in tranquillità. Ritengo, non essendo all’interno di nessuna coalizione di poter esprimere questo giudizio al di sopra delle parti. La invito anch’io a togliere quanto da lei postato, in quanto mi sembra essere un gioco di scuola di prima infanzia.

P.S Stesso testo è stato inviato a Usticasape.

Angelo Tranchina

 

“Chi è a mare naviga chi è a terra giudica”


 

Foto di repertorio  (8)Gentile Sig. Longo,

mi consenta di esprimere il mio pensiero in merito al post da Lei pubblicato e che con profondo stupore mi chiama in causa.

Spesso nel trattare l’argomento dei trasporti marittimi da e per l’isola di Ustica, si é con molta facilità “generalizzato” facendo di tutta l’erba un fascio…..tutto ciò, come più volte manifestato, mortifica l’operato di chi ogni giorno cerca tra enormi difficoltà di servire diligentemente la popolazione Usticese.

Non posso certamente valutare la qualità mio operato, quello possono farlo solamente i miei passeggeri, ma senza dubbio alcuno posso giustificare le mie decisioni nell’omettere, anticipare o posticipare le partenze.

Per sua informazione, quando per SICUREZZA valuto d’omettere un viaggio, sono tenuto a motivare in modo tutt’altro che insufficiente la mia decisione, per tale ragione viene inviata una mail all’Amministrazione Marittima, alle biglietterie sociali, alla Compagnia di Navigazione e per intimo gaudio anche a USTICA SAPE, nella quale vengono fornite motivazioni complete di bollettini Meteomar e dati ondametrici.

Lei crede forse che con un controllo così capillare, se scrivessi delle castronerie piuttosto che dei dati inconfutabili, mi trovarei ancora al mio posto?

In merito al rispetto per gli isolani, credo che da parte mia sia assoluto e sia stato dimostrato in innumerevoli occasioni, ma giusto per rinfrescarLe la memoria evidenzio il caso della scorsa settimana, quando per consentire alle due rappresentanze calcistiche isolane di poter serenamente disputare gli incontri previsti con le compagini provenienti dalla provincia, siamo rimasti NON in sicurezza all’interno di Cala Santa Maria fino alle ore 14.30 ( sfondando due parabordi del valore di 500 € cadauno ) mentre “altri battevano la ritirata già alle ore 12.00″.

Oppure quando quest’inverno per tutelare 6 passeggeri che avevano previsto di lasciare l’isola con la nave (che poi ha omesso la partenza), sia dovuti tornare indietro per imbarcarli, operando nuovamente in condizioni al limite della sicurezza.

Per quanto sopra esposto credo dunque che poco ho da prendere d’esempio da altri colleghi del passato ai quali va peraltro tutta la mia stima e considerazione.

Infine, sempre nel rispetto che “CHI E’ A MARE NAVIGA CHI E’ A TERRA GIUDICA” , mi permetta di pretendere che a giudicarmi sulle questioni tecniche-operative o sulle mie doti marinaresche sia almeno un mio parigrado o quantomeno qualcuno che sia in possesso degli elementi e dei titoli per poterlo fare.

Scrisse Seneca: “È ingrato chi nega il beneficio ricevuto, è ingrato chi lo dissimula, è ancora più ingrato chi non lo rende, ma il più ingrato di tutti è colui che lo dimentica”

Con sincera stima
C.L.C. Giuseppe Bertolini

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Ing. Marco Daricello

Il comandante Bertolini ha i muscoli! Massima stima e massimo rispetto per lui, per le sue inconfutabili doti marinaresche e umane!

Da me una sola parola: GRAZIE!

^^^^^^^^^^

Da Ustica Angela D’Angelo 

Gentile Comandante,

non credo che il Signor Longo si riferisse a lei.
Di lei ho sempre sentito parlare bene e penso anche che chi opera il bene lo sappia.
Il popolo Usticese lo ritiene “uno di noi”, vada avanti sempre così, con tanti cari Auguri, Angel@

^^^^^^^^^^^

Da Ustica Tizziana Pitruzella

Non so se il post pubblicato si riferisse alla Usticalines o alla Siremar (Compagnia delle isole) ma una cosa vorrei puntualizzarla! Generalizzare è sbagliato, è vero, dare a Cesare quel che è di Cesare…..Ognuno sa, in coscienza e professionalità, se il suo operato è corretto. Il Catamarano Usticalines ha, fino ad oggi, navigato con condizioni meteo marine pessime, anche quando “altri” stavano fermi o anticipavano le partenze! Non sta a noi sapere se è un problema di Compagnie di navigazione, di tipologia di mezzi e/o comandanti ma di certo se c’è da muovere una severa critica non è nei confronti della Usticalines! Sta di fatto però che gli usticesi sono stanchi di combattere come Don Chischiotte contro i mulini a vento………

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Luigi Carollo

Caro Comandante purtroppo le “buone azioni” si dimenticano troppo presto un po’ da tutti !!! comunque  vai avanti per la tua strada che sei e resti un serio professionista….

Dott. Luigi Carollo Odontoiatra


 

Sotto a chi (non) tocca – Massimo Gallo


[ id=15380 w=320 h=240 float=left] Sotto a chi (non) tocca. Sono costretto per questa volta a modificare leggermente ma sostanzialmente il titolo di questa rubrica dI fine settimana dal momento che la squadra di calcio a 5 di Ustica se ne resterà a casa per persistenti problemi di collegamento con la terra ferma; niente para pertita ASDUC vs l’Atletico. Da circa un’ora sono di ritorno proprio da una “perlustrazione” presso la struttura dove si sarebbe dovuto svolgere l’incontro. Bella, popolata da una miriade di bambini di tutte le età impegnati ad emulare le gesta dei più grandi; identica a quella di Ustica per recinzione, proporzioni, fondo campo e, curiosa analogia, per un bel panorama che consente di ammirare il mare e la “patella” come da lì appare allo sguardo l’isolotto di Isola delle Femmine. Incontro il Presidente; promuovo un collegamento telefonico col nostro Salvatore Militello; entrambi manifestano il rammarico per il rinvio. Gentilissino,ad una mia ben precisa domanda a proposito della sua squadra risponde telegraficamente con con poche parole che non lasciano dubbi sulle intenzioni: “miriamo a vincere il campionato” E che queste intenzioni siano reali lo dimostra il ruolino di marcia finora ottenuto: due vittorie su due. Avversari avvisati.

Avevo precedentemente preprato una intervista col mister Massimo Gallo; la “mando” lo stesso.

“La Società nasce nel 2005 su iniziativa di Giacomo Margarini; vengo chiamato ad allenare l’Atletico Capaci e lo faccio col doppio incario cioè anche come giocatore; la squadra è formata da ragazzini di 15- 17 anni; abbiamo fatto un bel terzo posto poi negli anni sucesivi un secondo dietro la Mabbhonat ad un punto; poi perso un primo posto con lo spareggio con l’Altofonte per andare in C2. Abbiamo vinto anche una Coppa Trinacria; obbiettivo attuale come del resto tutti gli anni andare in C2;. da questa stagione ho deciso di non fare più il doppio ruolo ma di curare la squadra in toto, anche perche ho in organico tutti i ragazzi che alleno da ben sette anni. Abbiamo un nuovo Presidente il sig Francesco Cataldo, dirigente Sig. Salvatore Cerniglia e mister il Sottoscritto Massimo Gallo. I nostri colori sociali sono rosso-blu.(modello Barcellona) il nostro campo sportivo si chiama (naturalmente ! aggiungo io) “NOU CAMP” è all’aperto in erba di ultima generazione. Il campionato quest’anno è modesto, in altri anni era formato da squadre con giocatori di categoria superiore che lo rendevano molto equilibrato.” Aggiunge un ricordo turistico-calcistico: “nella vostra bella isola sono venuto spesso in vacanza e nel ’94 o ’95 a giocare col Cinisi in seconda categoria e quell’anno vincemmo il campionato; spero mi siate di porta fortuna. Per finire una annotazione familiar-pubblicitaria: ” ho scoperto che a Ustica abitano parenti di mia moglie del ristorante “Schiticchio”; ottima occasione per venire piu volentieri. Spero di fare domani la vostra conoscenza, tempo permettendo con gli auguri a voi di un buon campionato”. Presidente Cataldo, Mister Gallo, il tempo non ha permesso; conoscenza …rinviata a data da destinarsi come la partita. E’ stato comunque un piacere.

Mario Oddo

 

Campionato di 3^ categoria – “SOTTO A CHI TOCCA”


Tocca alla squadra Resuttana San Lorenzo esordiente in questa stagione calcistica nel campionato di 3a categoria incontrare fuori casa (si fa per dire) alla quarta giornata l’ASD Ustica rinvigorita dalla prima vittoria stagionale ottenuta domenica scorsa a spese del Cinisi dopo una iniziale sconfitta interna con Villagrazia di Carni e senza avere potuto disputare la seconda a Villabate rinviata causa forte vento. Si presenterà al campo Fincantieri con tre punti in classifica in due partite, tre goal fatti, quattro subiti. Presidente della neo-nata Società è Marcello Barbaro, Dottore commercialista tra i più apprezzati e stimati in Città e fuori che ha così cortesemente rivisitato per noi la nascita della sua creatura calcistica: “la nostra Società è nata realizzando un piccolo sogno durante una riunione tra amici una sera dello scorso maggio, è costituita, sia nella dirigenza che tra i giocatori, da ragazzi che non solo vogliono riportare all’interno del calcio giocato la gloriosa storia del Resuttana, scomparso dai campi di gioco piu di trent’anni fa, ma provare a lanciare un messaggio di sport a livello agonistico e, nel suo aspetto di aggregazione e rispetto delle regole, anche a livello sociale. La società è nata con i contributi volontari dei soci fondatori e dei ragazzi facenti parte la squadra. Ci siamo totalmente autofinanziati e, anche grazie all’aiuto di alcune donazioni e sponsorizzazioni, siamo riusciti a dare una struttura solida per questo primo anno di attività. Ma, al di la degli aspetti economici, indispensabili per poter sopravvivere a livello di realtà sportiva dilettantistica, la struttura societaria è improntata al rispetto delle regole presenti nelle manifestazioni sportive e non. Abbiamo un codice etico che abbiamo letto ai ragazzi in sede di tesseramento. Gli allenamenti si tengono non solo per migliorare le caratteristiche fisiche e tecniche di ognuno dei componenti la squadra, ma anche, e soprattutto, per trasmettere un segnale di aggregazione, fratellanza, rispetto e correttezza. Se, alla fine della stagione, a prescindere dal risultato sportivo, riusciremo a lanciare questo messaggio, avremo vinto la partita più importante.” Nel ringraziare per la disponibilità il Presidente Barbaro concludo rimarcando che nel corso di queste “interviste” settimanali stiamo registiando con piacere che nei programmi dei Dirigenti le finalità sociali vanno di pari passo, quando non sono addirittura prevalenti, con quelle calcistiche. I segnali che di volta in volta passano da questo Sito inducono alla ottimistica conclusione che questo calcio dilettantistico spesso impropriamente e/o frettolosamente definito “minore” è in buone mani e naturalmente ma sarà il campo a dirlo … in buoni piedi. Si attende ulteriore conferma a continuare da domenica ore 11, campo Don Orione  a Palermo: Ustica vs Resuttana San Lorenzo. Vinca il migliore !

Mario Oddo

 

 

Campionato di Calcio a 5 – “SOTTO A CHI TOCCA”


Tocca al Centro Sociale e Ricreativo Piano Dei Geli San Martino tra l’altro “passare alla storia” per essere la prima squadra ad incontrare sul proprio campo la neo-nata Asduc Ustica. Conosciamolo meglio per bocca del suo Presidente: “Costituito il 24/10/1977 per volere di un oggi vecchio veterano, Pietro Armetta, ex calciatore, serie C. Juve Alfa di Pomigliano D’Arco, ex arbitro, interregionale, promotore del calcio femminile in Sicilia, Presidente appunto del succitato Centro senza alcuno scopo di lucro, dirigo una scuola di calcio in San Martino Delle Scale, presso l’ex Istituto Padre Giovanni Seterie a scopo di beneficenza, togliendo così molti bambini dalla strada. Il Centro è autore dell’iniziativa della costruzione d’una chiesetta nella frazione di Piano Dei Geli. San Martino Comune di Monreale. Affiliatosi alla FIGC . il 01/09/1998, partecipa a tre campionati di terza categoria, vincendo un premio disciplina; da quì la spinta a far nascere una scuola calcio peraltro in un incantevole contesto di verde.” E sul verde dei campi di calcio a 5 si esibisce dal 10 Novembre la squadra del Presidente Armetta che affronta la terza giornata di campionato in veste di avversaria dell’Asduc reduce da due sconfitte, “forte” dell’unico goal realizzato e “debole” per i diciotto subiti. Chiaro che i ragazzi del Piano dei Geli S.Martino attraverseranno il mare con l’intento di abbandonare la scomoda posizione di fanalino di coda. Leo Cannilla & boys naturalmente confidano in un esordio col botto. Ma a prescindere dal risultato un applauso iniziale e finale sicuramente la Società isolana col Presidente Salvatore Militello in testa indirizzerà al Presidente Armetta, oltre al tradizionale e ospitale “benvenuti”, in segno di apprezzamento per tutte quelle finalità sociali oltre a quelle sportive che porta avanti con lodevole impegno, ammirevole altruismo e con grande sacrificio.

Mario Oddo

 

SOTTO A CHI TOCCA – Presidente dell’ ASD Tridente Belmonte


A cadenza settimanale in coincidenza con l’inizio del campionato di calcio a 11 di 3° categoria (ma analogamnte quando inizia quello di calcio a 5) curerò attraverso questo apposito spazio riservatomi sul nostro Sito una rubrica sportiva dal titolo ” SOTTO A CHI TOCCA ! ” E’ una intervista alla vigilia dell’incontro al Presidente della squadra che il calendario riserva come avversario di turno all’ASD Ustica (e ADUC). Tocca per prima di incontrare la squadra isolana, che come ho scritto in un precedente intervento ritorna a respirare aria di calcio giocato dopo l’assenza dal campionato durata una stagione calcistica, all’ ASD Tridente Belmonte. Contattato telefonicamente il Sig. Rosario Fabio Chinnici risponde con estrema cortesia alle mie domande. Presidente, per la squadra isolana è un ritorno in 3° categoria, per la sua è una prima volta ? “No, in effetti sotto la denominazione di Tridente Belmonte si nasconde una rifondazione; la Società rinasce ex-novo dalle “ceneri” della vecchia Polisportiva Belmonte che ha disputato in passato campionati di Promozione ed ultimamente di 1° categoria ma che per insuperabili difficoltà di gestione abbiamo deciso ripartisse da “zero” vale a dire dalla 3° categoria sott’altro nome”. Sig. Chinnici, da “nobile decaduta” il vostro obiettivo è risalire subito la china cioè vincere il campionato ? “Il programma è quello ma per comprendere quanto sia possbile realizzarlo dovremo confrontarci con gli avversari della cui potenzialià ci renderemo conto a mano a mano che li incontreremo non conoscendoli prima “. Presidente, ci parli della squadra. “E’ una rosa formata esclusivamente da elementi locali; in maggioranza sono studenti universitari la cui età media è di 20 anni; i nostri ragazzi in giallo-rosso, questi i colori della squadra, ospitano gli avversari al “Comunale” dal fondo campo in terra battuta”. Sig. Chinnici, il calendario ha voluto che la sua squadra esordisca in casa contro quella di Ustica; c’è un messaggio che Lei vuol far arrivare al primo avversario con cui vi confronterete sul campo nel campionato di imminente inizio ? “Conosco benissimo l’Isola dove spessissimo mi capita di soggiornare d’estate e dove conto alcuni amici ma tralasciando per un attimo la veste peraltro piacevolissima di visitatore e tornando all’imminente clima agonistico delle partite, dico all’ASD Ustica ed ovviamente a tutte le componenti in lizza “divertiamoci !” si vince, si perde ma sia sempre prevalente il rapporto amichevole fra Società. E per noi lo sarà “. Speriamo per tutti. Complimenti, miglior messaggio alla vigilia dell’inizio del campionato non poteva inviare, Presidente, è’ stato veramente un piacere; grazie per la sua cortese disponibilità e buon campionato … a tutti naturalmente !

Mario Oddo

 

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Chi vive veramente non può non essere cittadino, e parteggiare. 
Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita.

Antonio Gramsci

Bambino


[ id=14895 w=320 h=240 float=left] Chi si riconosce o conosce qualcuno in questo bel bambino?

Commedia Farsesca – “I Palli du Magu Tin Chi The”


Sabato sera (25-02-2012) e domenica (replica), al teatro dialettale “Vito Zanca” – Ustica – è andata in scena: “I Palli du Magu Tin Chi Thè” , commedia farsesca in tre atti scritta da Mariano Scalisi che ha curato, in modo impeccabile, anche la regia..

La storia racconta di un uomo che dopo 18 anni torna al suo paese per vendicarsi di un torto subito ingiustamente da un prepotente, nello stesso periodo il giovane cresciuto da lui come un figlio ritroverà sua madre anch’essa vittima dello stesso prepotente.

Di grande pregio l’interpretazione brillante, spontanea e divertente degli “Attori”, carica di espressività e gestualità che ha coinvolto nel modo ideale il pubblico.

Tanti gli applausi che di scena in scena hanno accompagnato i momenti salienti

Anche la scenografia ed i costumi erano curati nei dettagli.

Bravi! Bravi! Bravi! Veramente bravi… direi meglio di alcuni che si spacciano per professionisti.

L’unico consiglio che mi permetto di dare è di fare attenzione a non programmare le serate quando vi sono in TV incontri di calcio di cartello…

INTERPRETI

Giacomo Lo Schiavo, Vincenzo Tranchina, Elisa Iorio, India Verdichizzi, Tonino Basile, Manuela Salerno, Giusy Caminita, Ninuzzo Lo Schiavo, Marco Caminita, Francesco Tranchina, Angela Caminita, Bartola Martello

Fonico e Luci: Felice Caserta
Costumi: Lilla Licciardi
Riprese: Mark Scully

[nggallery id=448]

[nggallery id=449]

^^^^^^^^^

COMMENTO:

Dalla Germania Felice Caserta

Bravissimi ragazzi, grande dutturi che con tanta pazienza e dedizione dopo tutti questi anni continui ancora a tenere viva una parte importantissima della nostra isola,peccato per coloro che stupidamente preferiscono urlare davanti a uno schermo finto per gente che guadagna milioni piuttosto che ridere ed applaudire questi meravigliosi attori che ancora VIVONO con e per Ustica. Grazie Mariano grazie ragazzi.

P.S. mi dispiace tanto non avere potuto assistere alla commedia, la avrei di gran lungo preferita ad una stupida partita di calcio, anche se come dicono di cartello.

 

Il Sindaco Informa

Sarà di circa 40.000 euro la manovra correttiva necessaria per potere sopperire ai minori trasferimenti di risorse che la Regione Siciliana ha destinato al Comune di Ustica. E’quanto è emerso stamane dalla conferenza di servizio indetta dal Sindaco ed alla quale sono stati invitati il Presidente del Consiglio comunale ed i capi area.

” Volenti o nolenti occorrerà ulteriormente ridurre da qui a settembre le spese generali e di economato al fine di evitare di trovarci con una scopertura di bilancio. A settembre si dovrà provvedere con la manovra di riequilibrio. Non sappiamo ancora se i minori trasferimenti statali incideranno negativamente sin da quest’anno. quello che è certo è che anche in futuro la situazione non sarà rosea”

 

Chi semina vento raccoglie tempesta


[ id=8647 w=320 h=240 float=left] Un vecchio adagio recita: chi semina vento raccoglie…tempesta!

Prima di tutto sento il dovere di condannare l’inqualificabile gesto e, in questa occasione, manifestiamo tutta la nostra solidarietà alla Capitaneria di Porto locale. Quanto accaduto, certamente è un campanello d’allarme che sarebbe irresponsabile minimizzare.

Purtroppo questo succede oggi ad Ustica. I meravigliosi rapporti tenuti dall’Amministrazione Comunale con la Capitaneria di Porto non esistono più rispetto ai tempi in cui lo scrivente era responsabile dell’AMP (allora Riserva Marina) e si lavorava in sinergia. Mi piace ricordare personaggi come l’Ammiraglio CERVONE, il Comandante LAVAGGI,L’Amm. PETRALIA, autentico supporto per il Comune nella GESTIONE dell’AMP. Mi scuso se dimentico qualcuno ma e’ solo problema di memoria. Oggi si legge che addirittura l’Amministrazione Comunale si e’ rifiutata di partecipare all’incontro ove si doveva discutere di una importante ordinanza per la disciplina delle attività marine. Se ad oggi l’AMP NON E’ ANCORA TORNATA AL COMUNE la responsabilità e’ ascrivibile a “qualcuno”… Nel lontano 2006, quando sollecitati dal Ministero Ambiente, si incontrarono a Palermo il giorno 6 Marzo 2006 il Sindaco di Ustica Aldo Messina e il rappresentante la CP di Palemo Vincenzo Pace per sottoscrivere un inutile quanto sterile verbale PRODROMICO, DI UNA FUTURA CONSEGNA che MAI SAREBBE AVVENUTA.

Bisognava fare un verbale di consegna di un patrimonio di beni ormai inesistenti (!), chi glielo “faceva fare” ai Nostri? Quando poi si legge, in una dichiarazione del sindaco, che un tipo di pesce protetto e non commerciabile, veniva trasportato da taluni per essere destinato ai bisognosi è conseguente il sentimento di ostilità nei confronti della Capitaneria di porto che aveva effettuato il sequestro. Be’… allora non ci si può stupire se avvengono episodi malavitosi e condannabili come il danneggiamento dell’auto della Capitaneria.

Io penso che, forse, e’ più importante “ANCORARE” l’isola che mi pare , ognor più “nave senza nocchier in gran tempesta.”……..!

Non v’e’ dubbio tuttavia che anche i “problemini” posti dagli ospiti abituali dell’isola, dei turisti e di chiunque approdi ad Ustica siano altrettanto importanti. Proviamo a dimostrare per una volta che a USTICA di legale non c’e’ solo l’ora.

Al momento lasciamo da parte i DIVERSIVI, QUALI DECIBEL O POLVERI VULCANICHE!

Piuttosto preoccupiamoci di sapere quali disturbi dette “polveri” causano agli OSPITI, visto che i nativi dovrebbero essere immunizzati.

Angelo Longo

 

 

Lettera Aperta al Sindaco di Ustica


Lettera aperta al Sindaco di Ustica

Epc www.usticasape.it

Sig Sindaco,

visionando il sito usticasape mi ha colpito una Sua nota che “enfatizzava” un intervento dell’Assessore Porretto, presso l’Assessorato Regionale del Turismo e dello Sport, in merito alla liquidazione di circa 19.000 Euro, riferita alla presentazione del rendiconto del 50° anniversario rassegna attività sub 2009, la mancanza dei quali avrebbe potuto “causare uno sbilancio di cassa”.

Come COMMENTO avevo scritto:

“Signor Sindaco vorrei capire se i Funzionari dell’Assessorato Regionale al Turismo hanno fatto una cortesia al Comune di Ustica o il provvedimento di liquidazione delle somme era un atto dovuto. E’ stato, forse, l’intervento dell’ illustre sconosciuto Assessore Porretto a sbloccare le somme dovute?

Sindaco, voglio evidenziarLe che dentro il Comune ci sono alcuni funzionari capaci di svolgere il proprio lavoro.”

Sindaco, visto che Lei continua ad evidenziare questo consorzio turistico alberghiero isola di Ustica le ripropongo la stessa domanda fatta giorno 17 giugno in occasione della costituzione dell’A.T.S per gestire l’evento della 51°rassegna delle attività subacquee : quali strutture rappresenta questo consorzio?

Non avendo ricevuto alcun chiarimento in merito, forse perché non ha visto la mia nota, mi sento in dovere, come cittadino usticese e come operatore turistico, di farLe notare alcune anomalie,anche, in merito alla composizione dalla Sua giunta.

Abbiamo detto dell’Assessore esterno/esterno Porretto che viene pagato, ed incassa senza vergogna, da noi contribuenti e che risulta nell’elenco di “chi l’ha visto”. Ho controllato il sito on line del Comune ed ho contato le sedute di giunta tenutesi dal 4/5/2011 al 2/7/2011, in venti di queste sedute l’ Assessore Porretto è stato presente nella sola seduta del 30/06/2011 solo ed esclusivamente, perché presente sull’Isola spesato, e per il fatto che non si sarebbe potuta tenere la seduta di giunta se non avesse partecipato(presenti tre assessori – Caminita-Pignatone-Porretto).

Le sembra che un Assessore con le deleghe alla PORTUALITA’ – TRASPORTI – SPORT – TURISMO – RETE ECOLOGICA – PROTEZIONE CIVILE possa restare, illustre sconosciuto, sistematicamente lontano da Ustica senza vivere i problemi della nostra gente?

Enfatizzare normali e sporadici interventi da parte dell’ assessore esterno/esterno equivale a voler supportare una Sua scelta sbagliata.

L’anomalia delle anomalie è il “valzer” degli incarichi assegnati all’Arch. Pignatone. Sotto la Sua sindacatura ha fatto di tutto o quasi. Ma il colmo dei colmi è quando è stato nominato responsabile dell’Ufficio Tecnico, part time con il titolare, Arch: Rubbio, vincitore di un concorso per quel posto. Entrambi percepivano il 50% dello stipendio; – come a dire prendi due e paghi uno.

Non si capisce come mai il vincitore di concorso Arch. Rubbio Vincenzo non reclami la Dirigenza che gli spetta di diritto percependo degli emolumenti senza dubbio superiori?

Le autorizzazioni rilasciate in questo ultimo periodo non sono altro che scandalose a voler utilizzare un termine di tutto rispetto, ecco perché l’Arch. Pignatone sostiene che non devono essere pubblicate nell’albo del Comune on line, anche se trattasi di atti amministrativi prodotti nell’ambito del Comune. La pubblicazione di dette autorizzazioni avrebbe portato a conoscenza di molti cittadini, e forse di autorità preposte al controllo, quanto da me evidenziato, che ribadisco essere scandalose e …

Ma non è finita qui, l’Arch. Pignatone viene anche nominato Assessore, in base alla l.r. 22/2008, con deleghe: ai BENI CULTURALI ED ARCHEOLOGICI – LAVORI PUBBLICI – URBANISTICA – PIT – PIR – ATO IDRICO – ATO RIFIUTI – POR – FEFR – GAL., tutte deleghe di pertinenza dell’Ufficio Tecnico.

I cittadini non sanno più chi è il referente in questo ufficio tecnico.

A questo punto Sig. Sindaco sorge spontanea una domanda: “chi controlla il controllore”?

Angelo Tranchina

 

 

 

COMMENTO:

Da Palermo Mario Oddo

Angelo, il tuo accorato “sfogo” istintivamente mi suggerisce una “ultimora” accompagnata da una notizia “gossip”; te le giro volentieri per la serie: ” ridiamo pr non piangere”:

== Ustica. Un abitante usticese S.M. ha riferito alle locali autorità militari, religiose e comunali di avere visto recentemente in un solo giorno nell’Isola un Ufo, la Madonna di Fatima e l’Assessore Porretto. Ritenuto credibile per le prime due, a seguito della terza affermazione è stato sottoposto a immediata perizia psichiatrica.

== Ustica. L’Arch. Pignatone circola da tempo liberamente in Comune con la sua nuova “metà”, l’Arch. Rubbio: … che tempi !!!

 

Scherzi della natura -a chi rassomiglia?


[ id=8429 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^^^

Da Ustica Vincenzo Caserta

A prima vista e antichi ricordi,somiglia a “u zu Franciscu papà di Giannuzzo marito da za Sasà”con in testa la berretta,che mi ricordo portava quando andava a pesca.

^^^^^^^^^^^^^

Da Montecosaro Mariangela Militello

Un bel cagnolone spaparanzato sugli scogli..

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


Il vero amico non è colui che ti asciuga le lacrime,
ma colui che ti impedisce di versarle.
(anonimo)