Collegamento marittimi regolare questa mattina da e per Ustica


Collegamento marittimo regolare questa mattina da Ustica

P.S. ore 14,45 – Dall’Agenzia Militello riceviamo comunicazione che questo pomeriggio l’aliscafo alle ore 17,15 non effettuerà la corsa per Palermo a causa di condizioni meteo marine avverse.

Collegamenti Palermo/Ustica e v.v. – nuovo prospetto degli orari in vigore.


Download (PDF, 298KB)

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Giada Capotummino

La Partenza h.08.40 da Palermo non avviene mai puntuale perché ogni mattina il fiammetta deve andare a fare rifornimento prima di ripartire per Ustica. Ergo chi come me deve venire ad Ustica per lavorare non arriva prima delle 11 passate con grandissimi disagi anche per gli usticesi che devono ricevere un servizio. Forse è il caso di protestare anche per questo! Affinché gli orari vengano rispettati

Modifica dell’assetto convenzionale del servizio di collegamento tramite aliscafo – Linea ALD /1 – con l’Isola di ustica


Download (PDF, 518KB)

Collegamento marittimo regolare oggi da e per Ustica


collegamenti-marittimi-2016-09-24-06-35-36
collegamenti-marittimi-2016-09-24-06-35-36

Ustica Lines corre in aiuto della squadra di Stromboli


 

Rientro squadra, Calcio Domenica, un altro collegamento straordinario per consentire ai calciatori isolani di rientrare a casa

Comunicato stampa

L’Amministrazione comunale intende ringraziare la Compagnia USTICA LINES S.p.A. per avere accolto nuovamente la richiesta avanzata circa la possibilità di effettuare in via del tutto eccezionale una corsa integrativa. La stessa è riferita alla corsa dell’aliscafo in partenza da Milazzo alle 18,15 giorno 24 gennaio p.v. che dopo aver fatto gli scali programmati di Vulcano, Lipari e Salina continuerà per effettuare scalo a Stromboli in modo da consentire alla squadra di calcio dello Stromboli di svolgere il programmato impegno agonistico così come già fatto per la giornata del 10 gennaio u.s. e contestualmente potrà offrire opportunità a tutti coloro che ne usufruiranno.

Quanto sopra nelle more che l’Amministrazione comunale riceva assicurazione dalla Regione Siciliana a seguito della richiesta avanzata al competente Assessorato regionale circa la possibilità di ripristinare la corsa pomeridiana per le isole di Panarea e Stromboli.

L’Amministrazione comunale

Fonte: Il Giornale di Lipari

 

 

Collegamento con aliscafo Eraclide – Riceviamo dall’Agenzia Militello e comunichiamo

Aliscafo Eraclide

From: Francesco Agnello

Sent: Tuesday, July 14, 2015 2:47 PM

Facendo seguito alla email precedente si comunica che in data odierna l’aliscafo ERACLIDE, già partito in viaggio di rilascio PERMIT TO OPERATE per Ustica (ETA h. 16), a buon esito della prova, assume servizio di linea con la partenza da Ustica schedulata alle ore 17.15 odierne, rimanendo sul collegamento fino a nuova disposizione.

 

Cordiali saluti.

 

Ieri il primo collegamento dell’Alijumbo della Ustica Lines – Napoli/Ustica/Favignana/Trapani


Alijumbo eolieOrari e costo

Aggiudicati i servizi di collegamento con Egadi, Eolie, Pantelleria e Ustica


siciliaI servizi di collegamento via mare, mediante traghetti, con le isole Egadi, Eolie, Pantelleria e Ustica, sono stati aggiudicati per i prossimi due anni. L’assessorato regionale alle Infrastrutture e Mobilità ha espletato le gare d’appalto, articolate in quattro lotti, con il relativo impegno di spesa.

Le società che si sono aggiudicate gli appalti hanno partecipato “in solitudine” a ciascuno dei quattro lotti, come uniche concorrenti e sono le due uscenti che attualmente gestiscono il servizio.

Per le isole Egadi, la “Traghetti delle isole” Spa di Trapani si è aggiudicata l’appalto. Alle isole Eolie, l’appalto è stato vinto dalla società “Navigazione generale italiana” del gruppo Caronte &Tourist di Messina mentre per l’isola di Pantelleria, è stato aggiudicato alla “Traghetti delle isole”. Infine, il quarto lotto per il collegamento con l’ isola di Ustica, è stato vinto dalla società “Navigazione generale italiana”.

Fonte: BlogSicilia.it

Marinai


[ id=19958 w=320 h=240 float=center]

 

Ustica Lines: Collegamento veloce Napoli – Ustica – Favignana -Trapani e viceversa


[ id=18146 w=320 h=240 float=center]

ARS: Ruggirello e Savona firmano OdG emendamento a garanzia collegamento isole


In seguito all’incontro tenutosi questo pomeriggio con la dott.ssa Cettina Spataro, assessore al Turismo della provincia di Trapani, e il Dott. Ignazio Galoppo, Pres. del Consiglio di Trapani, l’On. Paolo Ruggirello, Capogruppo Mps all’Ars, e l’On. Riccardo Savona, presidente della commissione Bilancio all’Ars, firmano un odg in cui chiedono l’impegno del Governo affinchè siano prorogati i termini per garantire i collegamenti effettuati dalle navi RO.RO. per le isole di Pantelleria, Ustica ed Egadi .

A tal fine sarà altresì presentato un apposito emendamento al ddl omnibus (n.900) depositato in Commissione Bilancio, con il quale sono reperiti 3 milioni di euro.

> Domani stesso l’Assessore regionale alle Infrastrutture, Andrea Vecchio, incontrerà gli armatori che effettuano il collegamento nelle cinque Isole, per il trasporto rifiuti e merci pericolose, affinchè si possa scongiurare la sospensione del servizio nelle more di definire le procedure necessarie per l’espletamento dello stesso.

> “Mi auguro che sia l’Ordine del giorno che l’emendamento siano approvati in tempi brevi” – chiarisce l’On. Ruggurello – “affinchè siano garantiti i collegamenti con le Isole, che stanno vivendo uno stato di agitazione non indifferente. Ed inoltre richiamo al buon senso stesso gli armatori, la cui disponibilità sarà determinante per garantire la continuità del servizio”

============

Insoddisfatti Sindaci 

I sindaci delle isole minori siciliane si ritengono assolutamente insoddisfatti dalla nota degli onorevoli Savona e Ruggirello in quanto i tre milioni annunciati sono neanche la metà dei sette necessari per il proseguimento delle tratte. Inoltre non è dato sapere se da dove , come e quando saranno disponibili le somme ed infine, fatto ben più grave, i sindaci delle isole minori sono riuniti in III commissione unitamente all’ufficio di Presidenza della stessa commissione, dopo che l’On Savona ha riferito non poiterli ricevere ed ora invia un comunicato stampa senza ritenere utile un confronto con gli stessi.”Eppure siamo ad un piano di distanza da lui”:

>

 

 

Collegamento Ustica – Napoli la “mission” della Ustica Lines


Il collegamento Napoli Ustica è vitale per la nostra Isola.

La Usticalines, dovrebbe fare onore al suo nome, invece di fare un doppione al collegamento con Palermo della Siremar, farebbe bene a far funzionare la linea Napoli Ustica Favignana che in fin dei conti è la “mission”, fin dall’inizio, della compagnia.

Non so se è possibile, ma riducendo o abolendo le corse nei mesi di Giugno e Settembre ed ottimizzando quelle di Luglio e soprattutto Agosto, penso potrebbe farcela senza aiuti regionali, un aliscafo con l’80% dei posti occupati dovrebbe coprire le spese e guadagnarci.

Quell’anno in cui furono sospese le corse per Ustica, lo stesso aliscafo era impegnato nella linea Napoli Eolie e non penso che percepisse contributi.

Quanto esposto da me potrebbe essere sbagliato, ma suggerisco di approfondire il tema.

Claudio Iovane

 

^^^^^^^^^^

COMMENTI

Da Montecosaro Mariangela Militello

Buon pomeriggio Sig. Jovane e mi scusi se mi intrometto, ma mi perdoni: dovrebbe essere la Usticalines a pensare alle sorti economiche dell’isola o chi è preposto a farlo?

La Usticalines è un’Azienda, e come tutte le aziende deve pensare alle propria economia, pur realizzando il danno che verrà creato all’isola. Vero è che la “mission” era riferita a tale tratta, ma in tempi di ristrettezze ognuno è costretto a guardare il “proprio”…Se poi davanti a tale decisione nessuno muove un dito, (almeno così mi risulta) come fatto a Pantelleria in cui il governo pantesco si è seduto a tavolino trattando col Comandante Morace della Usticalines e studiando tutti i collegamenti esistenti via mare e via strada con le città limitrofe, al fine di dare un buon servizio agli utenti in termini di coincidenze, non aspettiamoci che sia la Compagnia marittima a farlo per l’isola di Ustica in cui, negli ultimi tempi, si è assistito ad uno scandaloso sperpero di denaro pubblico in collegamenti inutili.

Sperando di leggere ancora i suoi necessari ed interessanti interventi La saluto cordialmente.

Mariangela Militello

^^^^^^^^^^

Da Palermo Marco Daricelo

Gentile sig. Iovane, converrà che però alle Eolie (tutte insieme) ci sono molte più presenze che ad Ustica. Poi un riempimento all’ 80% di un aliscafo sulla tratta Napoli-Ustica mi pare leggermente utopico… Per carità, me lo auguro per il bene dell’isola, ma togliere un mezzo che GARANTISCE di fatto i collegamenti con la vicina terraferma per metterne uno che è ad esclusivo uso turistico non mi pare una cosa corretta. La cosa più giusta, forse, sarebbe fare uno studio del coefficiente di riempimento dell’aliscafo Siremar (che a causa dell’eccessivo “lavoro” e complice la mancanza di un giorno “libero per la manutenzione si guasta frequentemente) sulla tratta Palermo-Ustica ed abolire una corsa per 5 giorni la settimana nel periodo di alta stagione, in cambio di 2 corse settimanali sulla tratta Napoli-Ustica. Ma tanto è utopia anche questa, si sa bene come vanno certe cose….

^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Caro Claudio, il tuo suggerimento e’ legittimo fa senso ed e’ veritiero ma e’ necessario l’interessamento e l’intervento delle Autorita’ preposte elette dai cittadini e che rappresentano. Noi cittadini possiamo dare suggerimenti, e sui blog ne abbiamo dati anche su questo soggetto in buona quantita’, ma ci dovrebbe essere un seguito da parte di queste Autorita’, che, purtroppo, non c’e’. Ci sono notizie fresche da Pantelleria dove il vicesindaco e’ riuscito, a seguito di “riunioni” e colloqui con il Comandante Morace della Usticalines di cancellare corse di mezzi navali inutili ( proprio come il caso di Ustica ) e riprogrammare la corsa della Usticalines. Ed ad Ustica ? Fino ad ora niente…….Ho amici dagli usa che a causa della soppressione della corsa Napoli-Ustica hanno dovuto cambiare programmi e non andranno ad Ustica…..

In merito alla soppressione del collegamento Ustica – Napoli


Stamane aprendo il sito ero contento ( e lo sono anche ora) perché ho visto 2 commenti:

mi sono detto : finalmente un confronto di idee! Invece no, uno riguarda il mancato collegamento da Napoli/Ustica – esempio tangibile del danno personale prodotto del mancato collegamento – ed il secondo una sorta di “giustificazione” dell’Amministrazione.

Desidero rispondere a Salvo Tranchina:

Mi sarei aspettato proprio da te, da imprenditore locale e da ex assessore al Turismo, Trasporti, Sport e Spettacoli un commento, anche negativo, ed un suggerimento alternativo su quanto da me proposto: la rimodulazione dei collegamenti e quindi degli orari. Invece niente di tutto ciò, probabilmente pensi che andrebbero bene così come da me scritto o andrebbero bene così come sono. Non so cosa ne pensi.

Ma ciò che mi colpisce è il fatto che di tutto il mio intervento ti interessa: “conoscere quali sarebbero state le colpe dell’amministrazione se hanno soppresso ad Ustica come in tanti altri posti le corse dell’Usticalines………? Non è che per caso siamo già in campagna elettorale ???”

Non mi sembra che il mio intervento è solo diretto alla locale Giunta Comunale ma alle Amministrazioni Pubbliche in generale principalmente ed ovviamente anche a quella locale che ha la grande colpa di consentire “lo spreco” ( vedi doppie corse di Aprile dell’aliscafo in concomitanza con altro mezzo) e non essere capace ad evitare ciò; non è stata, altresì, capace e lungimirante a capire che 2 traghetti e 2 mezzi veloci, negli stessi giorni, in inverno ad Ustica con 4 Passeggeri e 1 auto risultano servizi inutili e che tale sistema avrebbe portato dove siamo oggi: dopo lo spreco i tagli. Quello che una Pubblica Amministrazione attenta avrebbe dovuto evitare è proprio questo: lo spreco. Non è con le tasse che si risolvono i problemi, ma con l’eliminazione delle spese inutili!

In merito alla campagna elettorale non mi sembra che ci siano, a breve, elezioni ad Ustica ( ed a tal proposito in passato ho anche scritto come la penso: Commissario… perché non ho nulla da temere…) e non ho costituito nessun comitato elettorale, anche se diverse persone ultimamente mi hanno sollecitato ad occuparmi dei problemi attualmente esistenti e tanto meno ho fatto parte negli ultimi 18 anni dell’amministrazione attiva dell’ Isola; vedo, invece, e vi partecipo, per quanto posso, un Gruppo di imprenditori locali che si riunisce, parla, si confronta, propone, fa, si autotassa ecc. ecc. e questo – se mi consenti, ed anche questo ho scritto, – sempre per l’inefficacia della Pubblica Amministrazione: è campagna elettorale anche questo?

Oggi è il 5 maggio, mi viene in mente l’Ode di A. Manzoni.

Salvatore Militello

 

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Agostino Caserta

Non ci siamo. Il fatto che il Sindaco ( con tutto il rispetto per il Dr. Messina ) abbia fatto certe dichiarazioni non dimostra gran che, sembra piu’ retorica di prammatica che altro….e non e’ abbastanza. Il suggerimento di Gaetano Calderaro di ottenere almeno una-due corse settimanali Napoli-Ustica-Favignana e’ legittimo e realizzabile.

Ai miei tempi la Baronessa Anna Notarbartolo, Sindaco, per risolvere certi problemi andava in persona a “parlare”, anche sbattendo i pugni sul tavolo, con le Autorita’ e vinceva sempre. Lei avrebbe messo sulla bilancia lo sciupio delle corse inutili che tutti conosciamo e avrebbe convinto i responsabili, con fatti e linguaggio molto ma molto pratico, a fare cambiamenti e usare i risparmi per mantenere, anche se ridotta, la tratta Napoli-Favignana. Lo ha fatto questo il Sindaco ? non credo.

Sui blog pressiamo da tempo. La ProLoco che avrebbe avuto il compito di fare “pressione” sulle Autorita’ locali non esiste. Oggi c’e’ Scopri Ustica ( la cui iniziativa e’ lodevole ) ma che forse non e’ legalizzata ancora, non ha Organi Direttivi e non ha neanche un po’ di forza politica anche perche’ alcuni insistono a non volere Scopri Ustica strumentalizzata o politicizzata con la conseguenza pero’ che il movimento o Gruppo non ha nessuna Autorita’ ed e’ impossibilitato ad essere “ascoltato”. Ma allora perche’ e’ stata realizzata ? scusate, per creare uno specchietto per le allodole ?

Conclusione : Il tempo ancora c’e’. Visto che non esiste ProLoco, nessun altro Ente capace di difendere i diritti dei cittadini e non esiste opposizione attenta e attiva, il mio modesto suggerimento e’ che un gruppo di cittadini vada al Comune, accompagnati da richiesta scritta, e invitino il Sindaco a muoversi per incontrare, in loro compagnia, le Autorita’ responsabili a Palermo al piu’ presto e sono sicuro al 100% che a seguito della Riunione otterranno quello che vogliono.

^^^^^^^^^^^^

Da Ustica Salvo Tranchina 

A ulteriore dimostrazione che il problema è stato trattato la seguente :

LA PROTESTA DEI SINDACI – Il primo cittadino, Lucio Antinoro, è sceso in campo chiedendo alla Commissione di garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali che Marettimo, già vittima nel periodo invernale di numerose cancellazioni di corse di aliscafi e traghetti per Trapani a causa del maltempo, possa in qualche modo venire “risparmiata” dalle serrate indette dalle compagnie di navigazione. Alza la voce anche il sindaco di Ustica, Aldo Messina: «Ho sollevato questo problema a novembre, ma soltanto adesso mi stanno dando ascolto. Non accettiamo questi tagli indiscriminati – spiega -. Noi sindaci delle isole minori stiamo provando a sensibilizzare l’assessore regionale ai Trasporti, Pier Carmelo Russo, e il Parlamento regionale per trovare i fondi necessari. Se questo non dovesse avvenire dovremo certamente studiare un piano di tagli insieme alla Regione in base alle nostre necessità».

Fonte Italpress
21 marzo 2012

^^^^^^^^^^

Da Torino Michele Manzitti

Salve a Tutti.

E’ sconcertante la notizia dell’azzeramento della tratta nautica Ustica Palermo e vicevera.
Per noi che sia lontani moltissimi chilometri dall’isola, giungere a Napoli e fare la traversata tagliando fuori tempi lunghissimi di viaggio attese ed un notevole spreco di danaro. L’eccellente trattamento della Ustica Lines che ci considera alla stregua dei residenti non come la SIREMAR di cui conosciamo solo la pessima e fallimentare gestione.
La perdita di questa tratta, in tempi cosi poco felici sarà causa di una grande recessione per l’isola .
Ma le autorità locali mi sembrano completamente assenti? Non fanno nulla?
Ma anche la gente locale,le maestranze, le attività economiche, spero di sbagliarmi sembrano come accondiscendenti.
Se questi signori che vi governano non rispondono in modo deciso ed immediato, come per questa problematica, con effetto immediato mandateli a casa.
Concludendo, il taglio effettuato, in un momento in cui necessita la crescita, cogionerà sicuramente gravissime future condizioni economiche per Ustica.
Sono veramente sbalordito, deluso e non aggiungo parole. Spero solo che nei prossimi giorni, ci sia una inversione di rotta come, ho letto è occorso per alcuni aeroporti di isole minori.

Michele Manzitti

^^^^^^^^^^^

Da Ustica Salvo Tranchina 

Ci casco sempre…..!!! Devo fare come la maggior parte degli utenti …..leggere e basta, perché alla fine di costruttivo nei blog c’è poco ed anche …poche persone che scrivono ……se non per gli auguri nei compleanni !!! Sai….. quando si accusa qualcuno (l’amministrazione attiva) senza cognizione di fatto….solo per il piacere di farlo, un po di amarezza non si riesce a contenere……
Pensi (@ Salvatore Militello) che l’amministrazione non sia intervenuta a tal proposito? Pensi che abbiano avuto il piacere di far coincidere gli orari? Pensi che non si sia fatto niente per cambiarli?
Ma effettivamente cosa pensi?
Pensi che un blog sia il luogo giusto dove andare a discutere degli orari…..oppure andare a sindacare e giudicare quelli che ognuno propone….; Io no !!!
Anni addietro ci si lamentò che non c’erano abbastanza collegamenti……e anche questo grazie ai sindaci delle isole minori (in testa il nostro) si è risolto, ci si lamentò dell’immondizia che viaggiava con i turisti e anche questo fu fatto …….ma pensi che queste cose siano cadute dal cielo da sole?
Non sono più nell’amministrazione attiva dell’isola ma ti posso garantire che il Sindaco “forestiero” (per Voi, però…non per me) ha operato con dedizione indiscussa su ogni problema che si è andato prospettando di volta in volta…., spesso ricevendo i commenti di chi ….come te non ci mette niente a criticare senza avere cognizione che ogni mezzo va a bando per i fatti suoi, che ogni tratta ha una propria peculiarità ( tratta turistica; tratta di continuità territoriale; tratta dedicata) e che i fondi a disposizione sono erogati a seconda della tratta; tant’è vero che quelli della tratta con Napoli sono saltati perché non rientravano in quelli minimi della continuità territoriale ma questo ai più non è dato sapere e siccome già sei il secondo operatore che inveisce a occhi chiusi contro il nulla …..penso sia più idoneo informarsi prima di scrivere in pubblico……

P.S. Mi vanto del fatto che il movimento degli operatori turistici sia nato proprio da me con un altro paio di colleghi e non certo per le colpe o le inerzie dell’amministrazione ma per una problematica legata alla crisi globale che prende anche la nostra isola, e per questo, la prima cosa che abbiamo escluso è la parola “politica” da questo gruppo …..per evitare che nessuno possa strumentalizzare questo movimento al quale anche tu hai aderito.

Cordiali Saluti

^^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Mario Oddo

Nuccio, sono d’accordissimo con te; anzi, permettimi una sottolineature, sei tu ad essere in perfetta sintonia con me. Estrapolo infatti un passaggio di un mio intervento pubblicato sul nostro Sito. Esattamente il 14 Settembre del 2009 scrivevo tra l’altro testualmente: “sono, quando sarà, per la creazione una lista UNICA, in cui convergano Candidati disposti ad impegnarsi esclusivamente per il progresso dell’Isola. La logica della contrapposizione, della rivalsa ideologica ed in alcuni casi personale non porterà mai da nessuna parte; chi professa ancora questa cultura e soprattutto chi non fa nulla per estirparla non vuol bene alla propria Isola.” Sono passati quasi tre anni e resto sempre di quest’idea, cioè che chi dovrà guidare amministrativamente le futura vita isolana dovrà essere “il meglio di …” una sorta di “nazionale”, tanto per usare una metafora calcistica, autarchica, selezionata cioè esclusivamente dal popolo usticese e non da soggetti seduti ai tavoli delle segrete stanze della politica palermitana. Nuccio, strada facendo spero di poter constatare che non siamo i soli a essere di questa convinzione.

^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Caro Andrea, grazie per l’invito ma l’ho gia’ detto molte volte non ho nessuna intenzione di diventare un amm.re della nostra isola, al massimo posso dare qualche consiglio ed idea, quello si. Ricordo a tutti che e’ solo una questione mentale, l’attegiamento positivo e’ la chiave di tutto, niente e’ impossibile neanche risolvere tutti i problemi di cui si parla tanto, infatti e’ piu’ facile di come si pensa. Dipende solo da noi e dalla nostra attitudine, se l’attitudine e’ positiva diventa tutto semplice invece quando e’ negativa e autodistruttiva ” forget about it !! ” dicono negli usa ” tu po’ scurdari !! “.

^^^^^^^^^^^

Da Bologna Andrea Tranchina

Invito Agostino Caserta con affetto di mettere in pratica tutte le proposte e suggerimenti che invia dalla california, tornando almeno per un mandato elettorale di cinque anni ad ustica avrà sicuramente tutto l’appoggio degli usticesi rimasti sullo scoglio a combattere giorno per giorno tutte le avversità sia naturali che “umane” torna agostino torna…

^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

A corroborare quanto dice Salvatore Militello ho il piacere di notare che comunicando quasi giornalmente attraverso FaceBook con i moltissimi ( 129 ) amici di Ustica quando il discorso cade sulla migliore maniera di amministrare la nostra isola viene fuori con insistenza il concetto che il prossimo sindaco dovrebbe essere usticese o usticese “non residente” e non piu’ assolutamente un forestiero.

E’ incredibile, non so se sia coincidenza, la gente non parla troppo ma sa quello che vuole. Infatti in tantissimi sperano fortemente e si impegneranno affinche’, quando verra’ il momento, si formi ( a meno che non venga prima un Commissario, cosa che anche in tanti vorrebbero ) una LISTA UNICA e che, eccetto per uno o due casi, tutti quelli coinvolti nelle ultime Amm.ni saranno molto ma molto “gentilmente” pregati di stare fuori. Parole pesanti. Ci vuole gente nuova dicono tutti !! Quindi se tutto andra’ per come moltissimi sperano non ci sara’ neanche campagna elettorale ma solo riunioni con gente intelligente e dedicata per scegliere le migliori persone che possono guidare l’isola verso la rinascita. Siamo completamente d’accordo, tutto questo fa senso che si faccia per il bene della nostra graziosa isoletta.

 

Collegamento impossibile

[ id=11295 w=320 h=240 float=center]

Ustica: Reitero Richiesta Collegamento NGI Trasporti


COMUNE DI USTICA

All’Ill.mo Sig Assessore Regionale Trasporti Regione Siciliana On. Piercarmelo Russo

Regione Siciliana Dipartimento Trasporti e comunicazioni dr S. Severino

E p.c. Sig assessori – Sig Presidente del Consiglio – Responsabile Area trasporti

OGGETTO: Reitero richiesta collegamento NGI Trasporti

Si reitera richiesta di potenziare il servizio traghetto NGI con l’aggiunta di una quarta corsa settimanale preferibilmente il sabato.

Il sindaco

Dr Aldo Messina

 

Collegamento motonave Ustica: diffida sostituzione mezzo


Riceviamo dal sindaco e pubblichiamo una lettera prot. n. 6489 del 26-11-2010, avente per oggetto: collegamento motonave Ustica: diffida sostituzione mezzo  indirizzata a:

– Ministero dei Trasporti

– Spett SiReMar c.a. com M. Casagrande

–  Direzione Regionale trasporti
Dr Vincenzo Falgares

–  Assessorato Regionale trasporti
Settore Trasporti Marittimi
Ca. dr Saverino

– Prefettura Palermo – S.E. Sig prefetto
Dr Giuseppe Caruso

E p.c.
– Sig. assessori

– Sig. Presidente Consiglio

– Stazione Carabinieri Ustica

– Responsabile trasporti

– avv G: Pellegrino

OGGETTO: collegamento motonave Ustica: diffida sostituzione mezzo.

Rimasta inevasa la ns richiesta ( vedi nota a ns prot 5851 del 15.10.10) relativa sia alla sostituzione della motonave “Isola di Vulcano”, palesemente ritenuta inadatta, nella stagione invernale, alla linea Ustica- Palermo che al potenziamento con motonave coperta classe B della linea regionale NGI, si evidenzia che, Ustica non riceve da quattro giorni approvvigionamento alimentare e combustibile.

Essendo viceversa ripresi oggi i collegamenti aliscafo ( il mezzo veloce Ustica Lines è partito regolarmente) si hanno fondati motivi per ritenere che il mantenimento nella rotta Ustica Palermo della motonave Antonello da Messina, più idonea alla linea, avrebbe evitato ogni disagio.

In realtà più che di semplice disagio si deve parlare di danno economico in quanto il mancato approvvigionamento crea un blocco delle attività economiche dell’isola.

Si deve evidenziare che solo grazie all’intervento di sua Eccellenza il Prefetto di Palermo, dr Giuseppe Caruso, ieri, su nostra richiesta, un elicottero della Polizia di Stato, ha consentito l’arrivo dei beni di prima necessità ( farmaci e latte per i bambini).

Si comunica che della vicenda è stata informata la locale autorità giudiziaria in quanto si vuol comprendere il motivo per il quale il mezzo Antonello da Messina, che ha da sempre collegato Ustica con Palermo, è al momento dirottato sulla linea delle Eolie.

La presente è inviata per conoscenza all’avv. Giancarlo Pellegrino il quale ha già ricevuto incarico dalla Giunta comunale, oltre che del recupero crediti per le somme( 37.000 euro) che la Siremar deve alla scrivente amministrazione, anche del risarcimento danni materiali ai nostri cittadini.

Voglia l’ill. mo sig Prefetto di Palermo valutare l’opportunità di un Suo autorevole intervento sulla vicenda.

IL SINDACO
Dr Aldo Messina
Cellulare 3286242712

Maltempo: Interrotti collegamenti con Ustica


[ id=1559 w=320 h=240 float=left] Il mare mosso ed il forte vento ha lasciato, ancora una volta, in porto la   nave e gli aliscafi  che collegano Ustica con Palermo