Consiglio Territoriale ANMIL ad Ustica


Consiglio Territoriale ANMIL ad Ustica

Ustica dall’album dei ricordi, Consiglio Comunale del 12 gennaio 1969 – dichiarazione del Consigliere Rando


Ustica, consiglio Comunale

^^^^^^^^^^^^^

Grazie Nuccio per la “visibilità” che dai a molte foto antiche trascrivendo i nomi di molti nostri paesani che sono e che furono. E’ un ricordo molto apprezzato dai visitatori del sito.
Pietro

COMMENTO

Da Ustica Giovanni Martucci

OK Nuccio, nulla da dire sul tuo riconoscimento dei personaggi della bella foto. Bravo, l’unica cosa da constatare, purtroppo, che alcuni di loro non sono più con noi e sono andati a vivere, forse con i tempi che corrono, una vita migliore. A loro vada un saluto ed un omaggio alla memoria.

^^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Altra bella foto d’archivio durante un Consiglio Comunale con un pubblico attentissimo alle sorti Amm.ve dell’isola – si riconoscono da sinistra : Gaetano Ailara, Paolo Pecora, Giovanno Zanca ( Giannuzzo ) Armando Caserta, Nino Gambino, Il Consigliere Rando, Franco Percora, Adolfo Partricolo, Domenico Caserta.

 

 

Ustica dall’album dei ricordi – Consiglio comunale del 12-01-1969


Consiglio comunale 12-01-1969

Nostra intervista al Presidente del Consiglio comunale di Ustica – dott. Francesco D’Arca.


All’indomani del Consiglio comunale che si è svolto  venerdì 12 Aprile u.s. attraverso poche e mirate domande abbiamo voluto conoscere le impressioni del dott. Francesco D’Arca che nella qualità di Presidente ne ha presieduto la seduta serale.

Dott. D’Arca, Il clima sereno, costruttivo, è stato il primo dato confortante emerso al termine del Consiglio Comunale.

“E’ quello che nella qualità di Presidente del Consiglio auspico possa sempre guidare i lavori dell’aula perchè soltanto attraverso un confronto sereno, pur nella diversità di opinioni, si può addivenire a soluzioni ragionate per problemi spesso complessi. Purtroppo devo registrare, da parte di pochi, per fortuna, la perseveranza nel tentare di creare un clima di ostilità sperando di potere continuare, nel caos, a mantenere lo status quo. E’ sotto gli occhi di tutti che questa Amministrazione sta operando nell’interesse generale ponendo soluzioni chiare alla disastrosa situazione sia amministrativa che finanziaria lasciata della gestione Licciardi”.                                                                                                                                                    

Presidente, dovendo riferire a chi non c’era i punti salienti di cui si è discusso, come li sintetizzerebbe?

“L’altra sera è stato compiuto un ulteriore passo verso la regolarizzazione dello strumento finanziario con l’approvazione del bilancio di previsione 2018/2020. Occorre ricordare che quando nel luglio 2018 ci siamo insediati la precedente amministrazione ci ha lasciato in eredità soltanto il bilancio di previsione 2016 corredato, peraltro, di parere negativo da parte del revisore dei conti. Grazie al lavoro incessante della giunta e degli uffici in pochi mesi abbiamo approvato il bilancio consuntivo 2016, preventivo e consuntivo 2017 e oggi il bilancio di previsione 2018/2020. Possiamo affermare di essere in linea con gli altri comuni anche se l’obiettivo é quello di arrivare a predisporre entro breve tempo il bilancio di previsione 2019. Anche in questo caso, non senza amarezza, devo registrare, da parte dei consiglieri di minoranza, una scarsa attenzione alla sostanza vera delle cose a fronte di una ricerca continua di elementi insignificanti per alimentare polemiche inutili. Mi riferisco al fatto che nel parere di accompagnamento al bilancio il Revisore dei conti ha voluto sottolineare due grosse criticità che incombono sull’equilibrio dei conti ed in particolare sul dato che le somme trasferite dal Ministero dell’Ambiente, circa 900mila euro, destinate ai lavori per l’adeguamento del depuratore sono state, dalla precedente amministrazione, spese in altro modo creando un ammanco di cassa di pari entità. Altro punto di criticità evidenziato riguarda la revoca del finanziamento della scuola media (4,5milioni di euro) e la richiesta di restituzione di circa 700mila euro già accreditati per l’inizio dei lavori e manco a dirlo spesi. Ecco su questi rilievi i consiglieri di minoranza non hanno ritenuto opportuno approfondire l’argomento. Sapendo di essere causa del problema farei di tutto per contribuire a risolverlo, se veramente ho a cuore l’interesse della comunità, e invece i consiglieri di minoranza trascorrono il tempo a cercare di sterilizzare l’azione amministrativa perseguendo l’obiettivo del “mal comune mezzo gaudio”. Anche riguardo all’approvazione del regolamento di funzionamento della “Democrazia partecipativa” si evidenzia lo sdoppiamento di personalità della minoranza considerato che disponevano di questo importante strumento partecipativo dal 2014 e non hanno mai sentito la necessità di renderlo disponibile. Solo quando questa Amministrazione ha concretamente aperto alla partecipazione dei cittadini, hanno compreso l’errore compiuto, almeno spero, ma, anche in questa circostanza, più che fornire un contributo al miglioramento del percorso partecipativo si sono spesi in critiche poco comprensibili”     

Dott. D’Arca, altre priorità, oltre a quelle oggetto di dibattito in Consiglio, sono alla particolare attenzione dell’Amministrazione?

“L’Amministrazione è impegnata su diversi fronti primo fra tutti l’adeguamento del depuratore i cui lavori inizieranno la prima settimana di maggio; la raccolta differenziata dei rifiuti ed il loro conferimento in discarica; un piano generale di interventi sulla edilizia scolastica e abbiamo tutti sotto gli occhi la situazione disastrosa lasciataci dalla precedente amministrazione, oggi minoranza in consiglio; la riorganizzazione dell’ AMP attraverso l’apporto di alcune modifiche al disciplinare”.

Ringraziamo il Presidente del Consiglio comunale di Ustica, Dott. Francesco D’Arca, per la sua cortese disponibilità.

a cura della Redazione di Usticasape.

Dal Gruppo Consiliare di Minoranza riceviamo e pubblichiamo – Resoconto Consiglio Comunale


Ieri sera si è svolto il consiglio comunale. Il primo argomento all’ordine del giorno è stato l’approvazione del bilancio di previsione 2018/2020 con il documento unico di programmazione (DUP) e i relativi allegati. Purtroppo noi consiglieri ci siamo ritrovati a non poter esprimere in modo consapevole il nostro voto in quanto in aula risultavano assenti: l’assessore al bilancio, il revisore del conto (tecnico per conto dei consiglieri delle materie finanziarie) e il capo area dell’ufficio finanziario o un suo delegato. Il bilancio 2018, ma in particolare il previsionale 2019 e 2020 non è stato assolutamente illustrato e non abbiamo potuto avere contezza di alcune parti/numeri e di alcune mancanze e imprecisioni presenti nel parere del revisore, parere che è sembrato che solo noi consiglieri di minoranza avessimo avuto il “tempo” di leggere visto che nessun altro (presidente del consiglio compreso) hanno notato le mancanze se non in aula, abbiamo deciso di astenerci piuttosto che votare contro o, peggio, chiedere un rinvio per poter avere maggiori dettagli, rinvio che non avrebbe giovato al bene dell’ente. Il secondo punto all’ordine del giorno era l’approvazione definitiva del regolamento della democrazia partecipata. Grazie all’aver ottemperato all’articolo 3 comma 3 del nostro statuto è stato possibile raccogliere le proposte dei cittadini rendendo il regolamento effettivamente condiviso. L’unico passaggio non approvato all’unanimità è stato la scelta del voto palese o segreto. Noi consiglieri di minoranza, avendo assistito alle operazioni di voto, e avendo raccolto opinioni di tanti cittadini in tal senso avremmo preferito un voto segreto. Anche qualche consigliere di maggioranza, presente durante le operazioni di voto, ha palesato qualche perplessità, ma alla fine, con il solo voto della maggioranza, è passato il principio del voto palese. Il terzo punto all’ordine del giorno riguardava comunicazioni del sindaco sui lavori del depuratore. Abbiamo fatto notare che, essendo un punto all’ordine del giorno, avrebbe dovuto essere corredato da documenti, lettere e/o relazioni depositate durante i giorni precedenti la seduta consiliare così che possa essere approfondito dai consiglieri consentendo agli stessi un maggior grado di conoscenza così come previsto nel regolamento del funzionamento del consiglio comunale, il quale, inoltre prevede che in assenza di ciò, il punto non debba essere trattato, ma vista l’importanza dell’argomento non abbiamo chiesto l’applicazione del regolamento consentendo al sindaco di dare le comunicazione che i documenti che consentiranno l’effettivo inizio dei lavori, data presunta fine aprile, verranno approvati in giunta dando così l’approvazione definitiva in linea amministrativa, l’approvazione in linea tecnica è già stata esitata con una determina del capo settore qualche settimana fa. Per completezza di informazioni i lavori prevedono il riuso delle acque per scopo irriguo secondo la prescrizione n.11 prevista dall’Assessorato. La proposta di ottemperare a tale prescrizione è stata votata all’unanimità (alcuni consiglieri di maggioranza oggi allora erano in minoranza e viceversa) nella passata consiliatura.

L’ultimo punto ha previsto un mero obbligo di legge, così lo ha definito il sindaco, ovvero la comunicazione che la GIUNTA ha SCELTO di spendere i QUARANTAMILA EURO, stanziati dal ministero degli interni per LA MESSA IN SICUREZZA DI SCUOLE, STRADE, EDIFICI PUBBLICI E PATRIMONIO COMUNALE, nel rifacimento della facciata e degli infissi dell’ex municipio. Avremmo voluto chiedere, soprattutto per rendere consapevoli i cittadini, quali altre opportunità, viste le innumerevoli emergenze di SICUREZZA che investono il nostro territorio, PAVIMENTAZIONE PALESTRA SCUOLA, STRADE DISSESTATE, CHIUSURA ROCCA DELLA FALCONIERA PROPRIO PERCHÉ NON GARANTISCE LA SICUREZZA E L’INCOLUMITÀ DEI VISITATORI, E TANTO ALTRO, fossero state valutate dalla GIUNTA. Ma, come ha ribadito il sindaco, LUI HA OTTEMPERATO SOLTANTO AD UNA COMUNICAZIONE PREVISTA NEL DECRETO DI FINANZIAMENTO. Probabilmente non sono state valutate altre alternative del resto nella delibera di giunta non se ne fa menzione e si ribadisce, anzi, che QUESTA È UNA SCELTA POLITICA. Peccato. QUARANTAMILA EURO SPESI PER CREARE STANZE DI RAPPRESENTANZA.

Gruppo Consiliare di Minoranza – “Ustica Domani”

 

Ustica, si è insediato il nuoco consiglio comunale: F D’Arca Presidente e C. Caserta V. Presidente


In un’aula consiliare gremita, consiglio comunale d’insediamento dei nuovi amministratori, giorno 30  pomeriggio, alle ore 18, ad Ustica.
È stato nominato nuovo Presidente del consiglio comunale Francesco D’arca e il suo vice Carmelina Caserta.
Nel corso della seduta ha giurato il Sindaco Salvatore Militello ed i consiglieri comunali.

Dopo i ringraziamenti del Presidente neo eletto è stata data la parola al Sindaco che ha elencato il sorprendente lavoro fatto in pochi giorni per rispondere in tempi brevi alle esigenze dei cittadini  e a quelle problematiche non più derogabili. Ha garantito senso di responsabilità e lavoro costante sino al raggiungimento degli obiettivi ampiamente trattati in campagna elettorale per ripagare la comunità usticese della fiducia  accordata

Da parte nostra auguriamo alla nuova Amministrazione un buon lavoro e, per quanto possibile, auspichiamo una proficua collaborazione di tutti  per fare in modo che Ustica da bella ritornerà bellissima.

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw

I also wish the new City Counsel a great working relationship with the new Mayor !!! It sure looks like you all are really working hard in just a few days to get things solved, that have lingered so long. NOw you know how we feel in America, with our new President !! Mayor Militello is doing a great job !!!!

Auguro inoltre al nuovo Consiglio Comunale un ottimo rapporto di lavoro con il nuovo sindaco !!! Sembra che tutti stiano davvero lavorando duramente in pochi giorni per risolvere le cose, che sono rimaste ferme così a lungo. Ora sai come ci sentiamo in America, con il nostro nuovo Presidente !! Il sindaco Militello sta facendo un ottimo lavoro !!!!

^^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Mario Oddo

Auguri di buon lavoro ai neo Amministratori tutti nel segno di un confronto, maggioranza e minoranza, reciprocamente, pur nella diversita’ di posizioni, sempre sereno, rispettoso e costruttivo nel prioritario interesse di Ustica e degli usticesi !

 

Ustica, consiglio comunale con intervento di Salvatore Tranchina


Ustica, consiglio comunale con intervento di Salvatore Tranchina
Ustica, consiglio comunale con intervento di Salvatore Tranchina

Ustica, Consiglio Comunale


Ustica, Consiglio Comunale
Ustica, Consiglio Comunale

Ustica, consiglio comunale di qualche anno fa


Ustica, consiglio comunale di qualche anno fa
Ustica, consiglio comunale di qualche anno fa

Consiglio comunale per discutere il futuro dei giovani


Consiglio comunale per discutere il futuro dei giovani
Consiglio comunale per discutere il futuro dei giovani

Ustica, consiglio comunale


Ustica, consiglio comunale
Ustica, consiglio comunale

Ustica consiglio comunale, presentazione libro “Punta Galera”


Ustica, presentazione, libro,

Ustica, Consiglio Comunale partecipato


Consiglio Comunale partecipato
Ustica, Consiglio Comunale partecipato

Riceviamo e pubblichiamo – Ringraziamento per l’elezione di Lorenzo Romano al Consiglio dell’ VIII Circoscrizione


Domani 27 luglio, alle ore 10, il presidente Pasqualino Monti presenterà la nuova Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale                Porti di Palermo, Termini Imerese, Trapani, Porto Empedocle

Interverranno il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il sindaco di Termini Imerese Francesco Giunta, il sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina, e il C.A. (CP), comandante della Capitaneria di porto di Palermo – Direttore marittimo della Sicilia occidentale, Gaetano Martinez

AdSP del Mare di Sicilia occidentale
Sala riunioni – p. I
Via Piano dell’Ucciardone, 4 Palermo

Grazie della collaborazione
L’ufficio stampa
Antonella Filippi
339.4242177

 

Intervento del sindaco di Ustica in un consiglio comunale molto partecipato


Intervento del sindaco in consiglio comunale molto partecipato
Intervento del sindaco di Ustica in un consiglio comunale molto partecipato

Comune di Ustica, un consiglio comunale senza controllo e senza legalità…


 

 

Ex candidato Sindaco

 

Ciò a cui si è assistito e sentito in consiglio comunale è oramai  senza controllo, senza legalità, fuori di ogni logica ed ancora peggio con tanta arroganza, presunzione e, perché no?, con una insana follia.

Ma andiamo per gradi.

Il gruppo di minoranza chiede, nei termini di legge ( ma ormai al Comune di Ustica questi sono facoltativi !) , al presidente del consiglio ed al segretario comunale la convocazione del Consiglio comunale con alcuni punti all’ordine del giorno.

Trascorsi infruttuosamente i giorni previsti, viene inviata una seconda richiesta di convocazione – tramite pec –  al vice presidente affinché, in sostituzione del Presidente inadempiente,venga soddisfatta la richiesta dei consiglieri.

Non solo anche il vice presidente non fa nulla, ma riceviamo una convocazione di consiglio comunale su “determinazione del presidente”  con l’esclusione, dall’O. d.g. ,  di quanto da noi richiesto.

Successivamente l’ordine del giorno viene addirittura integrato con altri punti, ma sempre mancante di quanto chiesto dal gruppo di minoranza.

Sino qui ci sono le violazione delle norme statutarie del Comune di Ustica, e già solo questo è un fatto grave.

Ma ciò che avviene dopo, in Continue reading “Comune di Ustica, un consiglio comunale senza controllo e senza legalità…”

Richiesta convocazione Consiglio Comunale


 

 

Il capo gruppo consiliare di minoranza ” L’Isola ”

 

 

Al signor Vice Presidente del Consiglio Comunale
al Consigliere anziano,

in data 27/5 u.s., da come si evince dall’email inviata via pec ed in calce riportata,  si è trasmessa al presidente del Consiglio e per conoscenza al segretario comunale formale istanza, a firma di 4  Consiglieri Comunali ( più di un quinto !),  di richiesta di convocazione di consiglio comunale, così come prevede espressamente l’art 25 dello Statuto Comunale.
Poichè ad oggi tale convocazione non è stata effettuata dal presidente in violazione delle norme previste dallo Statuto Comunale e per il quale ci riserviamo di chiedere, per la seconda volta, agli organi di competenza l’applicazione dell’art. 15 presentando una ulteriore mozione di revoca per reiterata ” violazione dei propri doveri istituzionali “, con la presente – sempre in ossequio all’art. 25 dello Statuto Comunale – si invita la S.V. o il Consigliere Anziano a provvedere a dare riscontro ed esecuzione alla richiesta di convocazione del Consiglio Comunale formulata in data 27/5/2017 nei termini di legge.
Si informa che in mancanza del rispetto dello Statuto Comunale e delle prerogative dei Consiglieri si avvieranno tutte quelle procedure a garanzia della democrazia partecipata.
Il capo gruppo consiliare di minoranza ” L’Isola ”
Felice Caminita.
—————-

Dal Gruppo Consiliare di Minoranza

Al  Presidente del Consiglio del Comune di Ustica
Al Segretario Generale del Comune di Ustica

 Oggetto: Richiesta convocazione Consiglio Comunale.

I sottoscritti Consiglieri Comunali, Caserta Carmela, Felice Caminita, Mario Bellavista e D’Arca Francesco,  ai sensi dell’art. 18 comma 9, art. 25 comma 2 punto 1) dello Statuto Comunale ( art. 14  p. 5 e 6 del Regolamento Consiliare),

C H I E D O N O

Che venga convocato un Consiglio Comunale con il seguente ordine del giorno:

  1. a) Relazione finale della Commissione d’indagine “Scuola”.

Ustica, lì  27.05.2017

Il Consiglieri Comunali del Gruppo di minoranza “ L’Isola “

Firmato F.sco D’Arca
Firmato Caminita Felice
Firmato Caserta Carmela
Firmato Mario Bellavista

 

Richiesta convocazione Consiglio Comunale


 

Gruppo Consiliare di Minoranza

Al  Presidente del Consiglio del Comune di Ustica
Al Segretario Generale del Comune di Ustica

 

 Oggetto: Richiesta convocazione Consiglio Comunale.

I sottoscritti Consiglieri Comunali, Caserta Carmela, Felice Caminita, Mario Bellavista e D’Arca Francesco,  ai sensi dell’art. 18 comma 9, art. 25 comma 2 punto 1) dello Statuto Comunale ( art. 14  p. 5 e 6 del Regolamento Consiliare),

C H I E D O N O

Che venga convocato un Consiglio Comunale con il seguente ordine del giorno:

  1. a) Relazione finale della Commissione d’indagine “Scuola”.

Ustica, lì  27.05.2017

Il Consiglieri Comunali del Gruppo di minoranza “ L’Isola “

Firmato F.sco D’Arca
Firmato Caminita Felice
Firmato Caserta Carmela
Firmato Mario Bellavista

 

Disapprovazione all’uso del Consiglio Comunale per interessi personali e di parte.


 Al           Presidente del Consiglio del
Comune di Ustica

 

Oggetto: Convocazione Consiglio Comunale “straordinario ed urgente” giorno 24.05.2017

                I sottoscritti consiglieri comunali del gruppo di minoranza “L’Isola” unitamente alla Consigliera indipendente Patrizia Lupo con la presente nota rappresentano il loro disappunto relativamente alla convocazione  della odierna seduta consiliare ritenendo non pertinente il punto posto all’O.d.G.  sia sotto il profillo della urgenza e straordinarietà sia perché non ci sembra straordinario che chi è chiamato ad assolvere funzioni di pubblico ufficiale le svolga con onestà e diligenza.

Pertanto, nel ribadire che comunque siamo e saremo sempre accanto a chi svolge il proprio dovere con correttezza ed onestà allo stesso modo ci dissociamo da iniziative strumentali finalizzate a eludere i veri problemi che assillano la quotidianità dei cittadini usticesi.

 Riteniamo inoltre inopportuno dare priorità a questo consiglio nel momento in cui la cittadinanza è impegnata nelle ricerche di un nostro concittadino misteriosamente scomparso.

Per  quanto sopra esposto rinunciamo a partecipare alla convocazione odierna del consiglio  ribadendo la nostra disapprovazione all’uso del Consiglio per interessi personali e di parte.

I sottoscritti chiedono inoltre che la presente nota venga letta in consiglio e allegata al verbale della seduta.

Ustica 24/05/2017

f.to Felice Caminita
f.to Carmela Caserta
f.to Francesco Darca
f.to Mario Bellavista
f.to Patrizia Lupo

Ustica, affrettata convocazione del consiglio comunale


Mentre Ustica è attanagliata da un incredibile immobilismo amministrativo e con un procurato dissesto finanziario in atto, si convoca un affrettato consiglio comunale di “moralizzazione”, con un solo argomento inserito all’ordine del giorno, studiato, forse, per “referenziare” l’operato di qualche “amico/a” e/o politico tralasciando argomenti (molto scomodi) che da lungo tempo sono in attesa di risposte e che meriterebbero più attenzione.
Mi riferisco, in particolare, alla  costosissima ristrutturazione delle scuole, alle problematiche cimiteriali, al depuratore che continua a scarica a mare reflui non a norma con l’estate alle porte, al sistema viario esterno che rappresenta un vero pericolo per l’incolumità pubblica e della circolazione veicolare e pedonale, al trasporto urbano ecc.

Oggi, 24 maggio, è stato convocato il consiglio comunale con la “mozione di solidarietà alla Dott.ssa Dorotea Piazza dirigente della Regione Sicilia del settore trasporti” perché, scrive il sindaco di Ustica su facebook, “il suo coraggio e la sua determinazione sta contribuendo a moralizzare il settore del trasporto pubblico marittimo, a difendere l’interesse della Pubblica Amministrazione, a determinare un risparmio per le casse pubbliche  e a dimostrare che ci sono tanti pubblici dipendenti fedeli all’istituzione nella quale lavorano. La politica tutta prenda esempio da questi concreti atti di legalità e trasparenza”.

Sindaco a questo punto una domanda sorge spontanea:-
Quando hai visto e sottoscritto l’importo dell “ intervento di recupero e risanamento conservativo del plesso scolastico di Ustica, finanziato dal CIPE per un importo di Euro 4.330.000 (ottomiliardi e cinquecento milioni di vecchie lire),  ti è sembrato un importo congruo fatto o avallato da dipendenti pubblici fedeli…?

A noi tutti, sin dal primo momento, e successivamente anche ai senatori Campanella e Bocchino che hanno presentato una interrogazione parlamentare, della quale si sono perse le tracce, è sembrato “anomalo che il CIPE abbia  finanziato un’opera di ristrutturazione più costosa di una integrale ricostruzione”.

Sindaco questa non è stata la via migliore per rinsaldare le fila… da qualche tempo ridotte ai minimi termini (se si fa riferimento alle primarie del PD dove ad Ustica il tuo candidato di riferimento ha preso appena 44 preferenze).

PB