Ustica, consiglio comunale di qualche anno fa


Ustica, consiglio comunale di qualche anno fa
Ustica, consiglio comunale di qualche anno fa

Consiglio comunale per discutere il futuro dei giovani


Consiglio comunale per discutere il futuro dei giovani
Consiglio comunale per discutere il futuro dei giovani

Ustica, consiglio comunale


Ustica, consiglio comunale
Ustica, consiglio comunale

Ustica consiglio comunale, presentazione libro “Punta Galera”


Ustica, presentazione, libro,

Ustica, Consiglio Comunale partecipato


Consiglio Comunale partecipato
Ustica, Consiglio Comunale partecipato

Riceviamo e pubblichiamo – Ringraziamento per l’elezione di Lorenzo Romano al Consiglio dell’ VIII Circoscrizione


Domani 27 luglio, alle ore 10, il presidente Pasqualino Monti presenterà la nuova Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale                Porti di Palermo, Termini Imerese, Trapani, Porto Empedocle

Interverranno il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il sindaco di Termini Imerese Francesco Giunta, il sindaco di Porto Empedocle Ida Carmina, e il C.A. (CP), comandante della Capitaneria di porto di Palermo – Direttore marittimo della Sicilia occidentale, Gaetano Martinez

AdSP del Mare di Sicilia occidentale
Sala riunioni – p. I
Via Piano dell’Ucciardone, 4 Palermo

Grazie della collaborazione
L’ufficio stampa
Antonella Filippi
339.4242177

 

Intervento del sindaco di Ustica in un consiglio comunale molto partecipato


Intervento del sindaco in consiglio comunale molto partecipato
Intervento del sindaco di Ustica in un consiglio comunale molto partecipato

Comune di Ustica, un consiglio comunale senza controllo e senza legalità…


 

 

Ex candidato Sindaco

 

Ciò a cui si è assistito e sentito in consiglio comunale è oramai  senza controllo, senza legalità, fuori di ogni logica ed ancora peggio con tanta arroganza, presunzione e, perché no?, con una insana follia.

Ma andiamo per gradi.

Il gruppo di minoranza chiede, nei termini di legge ( ma ormai al Comune di Ustica questi sono facoltativi !) , al presidente del consiglio ed al segretario comunale la convocazione del Consiglio comunale con alcuni punti all’ordine del giorno.

Trascorsi infruttuosamente i giorni previsti, viene inviata una seconda richiesta di convocazione – tramite pec –  al vice presidente affinché, in sostituzione del Presidente inadempiente,venga soddisfatta la richiesta dei consiglieri.

Non solo anche il vice presidente non fa nulla, ma riceviamo una convocazione di consiglio comunale su “determinazione del presidente”  con l’esclusione, dall’O. d.g. ,  di quanto da noi richiesto.

Successivamente l’ordine del giorno viene addirittura integrato con altri punti, ma sempre mancante di quanto chiesto dal gruppo di minoranza.

Sino qui ci sono le violazione delle norme statutarie del Comune di Ustica, e già solo questo è un fatto grave.

Ma ciò che avviene dopo, in Continua a leggere “Comune di Ustica, un consiglio comunale senza controllo e senza legalità…”

Richiesta convocazione Consiglio Comunale


 

 

Il capo gruppo consiliare di minoranza ” L’Isola ”

 

 

Al signor Vice Presidente del Consiglio Comunale
al Consigliere anziano,

in data 27/5 u.s., da come si evince dall’email inviata via pec ed in calce riportata,  si è trasmessa al presidente del Consiglio e per conoscenza al segretario comunale formale istanza, a firma di 4  Consiglieri Comunali ( più di un quinto !),  di richiesta di convocazione di consiglio comunale, così come prevede espressamente l’art 25 dello Statuto Comunale.
Poichè ad oggi tale convocazione non è stata effettuata dal presidente in violazione delle norme previste dallo Statuto Comunale e per il quale ci riserviamo di chiedere, per la seconda volta, agli organi di competenza l’applicazione dell’art. 15 presentando una ulteriore mozione di revoca per reiterata ” violazione dei propri doveri istituzionali “, con la presente – sempre in ossequio all’art. 25 dello Statuto Comunale – si invita la S.V. o il Consigliere Anziano a provvedere a dare riscontro ed esecuzione alla richiesta di convocazione del Consiglio Comunale formulata in data 27/5/2017 nei termini di legge.
Si informa che in mancanza del rispetto dello Statuto Comunale e delle prerogative dei Consiglieri si avvieranno tutte quelle procedure a garanzia della democrazia partecipata.
Il capo gruppo consiliare di minoranza ” L’Isola ”
Felice Caminita.
—————-

Dal Gruppo Consiliare di Minoranza

Al  Presidente del Consiglio del Comune di Ustica
Al Segretario Generale del Comune di Ustica

 Oggetto: Richiesta convocazione Consiglio Comunale.

I sottoscritti Consiglieri Comunali, Caserta Carmela, Felice Caminita, Mario Bellavista e D’Arca Francesco,  ai sensi dell’art. 18 comma 9, art. 25 comma 2 punto 1) dello Statuto Comunale ( art. 14  p. 5 e 6 del Regolamento Consiliare),

C H I E D O N O

Che venga convocato un Consiglio Comunale con il seguente ordine del giorno:

  1. a) Relazione finale della Commissione d’indagine “Scuola”.

Ustica, lì  27.05.2017

Il Consiglieri Comunali del Gruppo di minoranza “ L’Isola “

Firmato F.sco D’Arca
Firmato Caminita Felice
Firmato Caserta Carmela
Firmato Mario Bellavista

 

Richiesta convocazione Consiglio Comunale


 

Gruppo Consiliare di Minoranza

Al  Presidente del Consiglio del Comune di Ustica
Al Segretario Generale del Comune di Ustica

 

 Oggetto: Richiesta convocazione Consiglio Comunale.

I sottoscritti Consiglieri Comunali, Caserta Carmela, Felice Caminita, Mario Bellavista e D’Arca Francesco,  ai sensi dell’art. 18 comma 9, art. 25 comma 2 punto 1) dello Statuto Comunale ( art. 14  p. 5 e 6 del Regolamento Consiliare),

C H I E D O N O

Che venga convocato un Consiglio Comunale con il seguente ordine del giorno:

  1. a) Relazione finale della Commissione d’indagine “Scuola”.

Ustica, lì  27.05.2017

Il Consiglieri Comunali del Gruppo di minoranza “ L’Isola “

Firmato F.sco D’Arca
Firmato Caminita Felice
Firmato Caserta Carmela
Firmato Mario Bellavista

 

Disapprovazione all’uso del Consiglio Comunale per interessi personali e di parte.


 Al           Presidente del Consiglio del
Comune di Ustica

 

Oggetto: Convocazione Consiglio Comunale “straordinario ed urgente” giorno 24.05.2017

                I sottoscritti consiglieri comunali del gruppo di minoranza “L’Isola” unitamente alla Consigliera indipendente Patrizia Lupo con la presente nota rappresentano il loro disappunto relativamente alla convocazione  della odierna seduta consiliare ritenendo non pertinente il punto posto all’O.d.G.  sia sotto il profillo della urgenza e straordinarietà sia perché non ci sembra straordinario che chi è chiamato ad assolvere funzioni di pubblico ufficiale le svolga con onestà e diligenza.

Pertanto, nel ribadire che comunque siamo e saremo sempre accanto a chi svolge il proprio dovere con correttezza ed onestà allo stesso modo ci dissociamo da iniziative strumentali finalizzate a eludere i veri problemi che assillano la quotidianità dei cittadini usticesi.

 Riteniamo inoltre inopportuno dare priorità a questo consiglio nel momento in cui la cittadinanza è impegnata nelle ricerche di un nostro concittadino misteriosamente scomparso.

Per  quanto sopra esposto rinunciamo a partecipare alla convocazione odierna del consiglio  ribadendo la nostra disapprovazione all’uso del Consiglio per interessi personali e di parte.

I sottoscritti chiedono inoltre che la presente nota venga letta in consiglio e allegata al verbale della seduta.

Ustica 24/05/2017

f.to Felice Caminita
f.to Carmela Caserta
f.to Francesco Darca
f.to Mario Bellavista
f.to Patrizia Lupo

Ustica, affrettata convocazione del consiglio comunale


Mentre Ustica è attanagliata da un incredibile immobilismo amministrativo e con un procurato dissesto finanziario in atto, si convoca un affrettato consiglio comunale di “moralizzazione”, con un solo argomento inserito all’ordine del giorno, studiato, forse, per “referenziare” l’operato di qualche “amico/a” e/o politico tralasciando argomenti (molto scomodi) che da lungo tempo sono in attesa di risposte e che meriterebbero più attenzione.
Mi riferisco, in particolare, alla  costosissima ristrutturazione delle scuole, alle problematiche cimiteriali, al depuratore che continua a scarica a mare reflui non a norma con l’estate alle porte, al sistema viario esterno che rappresenta un vero pericolo per l’incolumità pubblica e della circolazione veicolare e pedonale, al trasporto urbano ecc.

Oggi, 24 maggio, è stato convocato il consiglio comunale con la “mozione di solidarietà alla Dott.ssa Dorotea Piazza dirigente della Regione Sicilia del settore trasporti” perché, scrive il sindaco di Ustica su facebook, “il suo coraggio e la sua determinazione sta contribuendo a moralizzare il settore del trasporto pubblico marittimo, a difendere l’interesse della Pubblica Amministrazione, a determinare un risparmio per le casse pubbliche  e a dimostrare che ci sono tanti pubblici dipendenti fedeli all’istituzione nella quale lavorano. La politica tutta prenda esempio da questi concreti atti di legalità e trasparenza”.

Sindaco a questo punto una domanda sorge spontanea:-
Quando hai visto e sottoscritto l’importo dell “ intervento di recupero e risanamento conservativo del plesso scolastico di Ustica, finanziato dal CIPE per un importo di Euro 4.330.000 (ottomiliardi e cinquecento milioni di vecchie lire),  ti è sembrato un importo congruo fatto o avallato da dipendenti pubblici fedeli…?

A noi tutti, sin dal primo momento, e successivamente anche ai senatori Campanella e Bocchino che hanno presentato una interrogazione parlamentare, della quale si sono perse le tracce, è sembrato “anomalo che il CIPE abbia  finanziato un’opera di ristrutturazione più costosa di una integrale ricostruzione”.

Sindaco questa non è stata la via migliore per rinsaldare le fila… da qualche tempo ridotte ai minimi termini (se si fa riferimento alle primarie del PD dove ad Ustica il tuo candidato di riferimento ha preso appena 44 preferenze).

PB

Richiesta convocazione Consiglio Comunale in seduta aperta straordinaria ed urgente


 

Gruppo Consiliare di Minoranza

Al  Presidente del Consiglio del Comune di Ustica
Al Segretario Generale del Comune di Ustica

 

Oggetto: Richiesta convocazione Consiglio Comunale in seduta aperta straordinaria ed urgente

I sottoscritti Consiglieri Comunali, Caserta Carmela, Felice Caminita, Bellavista Mario e D’Arca Francesco,  ai sensi dell’art. 18 comma 9 dello Statuto Comunale ( art. 14  p. 6 del Regolamento Consiliare),

  • vista la deliberazione n. 16 del 03/03/2017 della G.M.

C H I E D O N O

Che venga convocato un Consiglio Comunale, straordinario ed urgente, in seduta aperta (art. 27 p. 3 dello Statuto) con il seguente ordine del giorno:

  1. a) Atti consequenziali richiesta procedura di “riequilibrio finanziario pluriennale”;

Ustica, lì  13/03/2017

Firmato:
Caminita Felice, Caserta Carmela, Mario Bellavista, F.sco D’Arca
Prot. N: 1201 13/3/2017

Angeli con le figlie al pre-consiglio


 Angelita con le figlie al pre-consiglio
Angelita con le figlie al pre-consiglio

Richiesta integrazione all’o.d.g. del Consiglio Comunale di Ustica del 09/01/2017


Download (PDF, 101KB)

Ustica, Consiglio Comunale del 2 Settembre 2016 – intervento del Sindaco


F.C.7904 Scuola mediaSindaco Prima di tutto vorrei ringraziare il gruppo di maggioranza per aver richiesto di inserire questo punto all’O.d.G,. e il Capo dell’Uff. Tecnico f.f. per aver fatto sulle scuole una relazione perfetta, ineccepibile… Le scuole sono un problema gravissimo per tutti gli usticesi. E’ il più grave problema di questa legislatura, e le soluzioni sono complicatissime, direi che è un problema di difficilissima, se non impossibile, soluzione.
Mi  sarei aspettato la stessa attenzione da parte dei consiglieri di minoranza che, attenti a tutto, mi chiedono dalla A alla Z,  e stranamente, rispetto a questi lavori che si sono fermati, non hanno ritenuto opportuno chiedere delucidazioni al sindaco e informare la cittadinanza.
Nemmeno la stampa, che spacca il capello in quattro, ha detto niente…
Che la scuola sia stata costruita nel 1981 – 1982, con i piedi, perché nessuno ha vigilato, lo dice l’occhio dell’esperto.
Io voglio sapere perché la direzione dei lavori non ha fatto il suo compito.  Perché nessuno ha vigilato? Perché l’Ufficio Tecnico ha consentito in questa scuola i lavori in quel modo, sapendo che questa scuola doveva essere frequentata da tutti i ragazzi usticesi? Perché è stato consentito all’impresa di fare quello che ha fatto? Io lo dico chiaramente, vista la relazione, che ci troviamo di fronte ad un grosso scandalo.
Quattro ingegneri dicono – …  “Assenza totale di fondazione e assenza totale di armatura con la scala di emergenza appoggiata direttamente ai pilastri dell’edificio scolastico”. Tutte cose raccapriccianti e da rabbrividire.
Sindaco, giunta, consiglieri dobbiamo andare a spese nostre a Roma…
Per una scuola costruita con i piedi, perché nessuno ha vigilato, difficilmente ci verranno dati altri 650.000 euro in aggiunta ai 4,330.000 Euro già assegnati.
Per 35 anni abbiamo avuto una scuola che non doveva esserci e chi doveva vigilare, per tanti anni, non ha vigilato … è uno scandalo…

Questa legislatura si deve fare carico dello scandalo che è stato realizzato nell’81-82. Noi stiamo piangendo questa vicenda per il modo scandaloso in cui è stata costruita la scuola media di Ustica, che porta un nome oggi di…. Ironia della sorte … ironia della sorte….!

Dobbiamo studiare quale strategia mettere in campo per provare a fare qualcosa che ha del miracolo…

Il geometra responsabile della Ditta appaltatrice chiede la parola, che viene concessa dopo alcune precisazioni del Presidente inerenti alla conduzione dei lavori in aula, afferma che non è a conoscenza della relazione e di molte cose che sono state dette.

A questo punto il Capo Uff. Tecnico si allontana perché, dice, ha “purtroppo delle emergenze”. Contemporaneamente abbandona l’aula anche il sindaco.
Responsabile ditta appaltatrice – io mai avevo visto cose del genere… un sindaco che si rifiuta di parlare con noi…

Al sindaco noi vorremmo fare una domanda, dare un suggerimenti e ricordare un aforisma

  • A chi ti riferivi e che messaggio lanciavi quando hai scritto su Facebook la locuzione latina: – “SCUOLA MEDIA: Excusatio non petita, accusatio manifesta”?

 

  • Mai cercare di nascondere le proprie colpe o i propri errori strumentalizzando le situazioni per addossare ad altri le proprie responsabilità.

 

  • Coloro che vivono in case di vetro non dovrebbero gettare pietre…
    George Herbert

 

Mozione di revoca del Presidente del Consiglio Comunale di Ustica

Logo L'isola

 

Gruppo Consiliare di Minoranza  

 

Al Sig.  Segretario Comunale  Ustica

 

OGGETTO:    Convocazione Consiglio comunale per discutere la proposta di deliberazione avente per oggetto “Mozione di revoca del Presidente del Consiglio Comunale ai sensi dell’art.25 comma 3 dello Statuto Comunale”

In riferimento all’oggetto si rappresenta, alle SS.LL. in indirizzo via pec , la mancata convocazione del Consiglio Comunale così come da richiesta formulata nei modi e nei tempi previsti dallo Statuto del Comune di Ustica da 2/5 dei componenti il Consiglio Comunale ( Consigliere Patrizia Lupo, Consigliere Caserta Carmela, Consigliere Caminita Felice, Consigliere D’Arca Francesco e Consigliere Mario Bellavista)  assunta al protocollo generale via PEC in data 27/4/2016 ed inoltrata a tutti i soggetti in indirizzo.

La convocazione disposta dal Presidente del Consiglio per giorno 05/5/2016 in violazione dell’art. 15 comma 2 dello statuto Comunale ha reso impossibile la discussione dell’argomento posto all’O.d.G.

A tale colpevole inosservanza dello Statuto non ha fatto seguito una nuova convocazione limitando di fatto le prerogative dei consiglieri richiedenti e rendendo ipso facto inevasa la proposta di deliberazione.

Al fine di evitare interpretazioni di stampo bizantino corre l’obbligo, nella qualità di richiedenti, precisare che la dicitura “Mozione di revoca” è pienamente legittima e non ci sono elementi che possano inficiarne la validità così come suggerito dal Segretario Generale a supporto di una paventa illegittimità dell’atto depositato.

La definizione dell’atto o “nomen juris”  non comporta l’irricevibilità dello stesso, similmente a quanto accade dinanzi al giudice nel caso in cui venga presentato un atto, definito in maniera errata, rispetto al quale il giudice stesso verifica quale sia la volontà effettiva del proponente.

La piena legittimità della mozione di revoca e la validità della conseguente proposta di deliberazione trova la sua origine negli art. 15 e 23 dello Statuto citato nella mozione stessa che compone la proposta di deliberazione.

Ogni interpretazione che possa in qualche modo tendere, per vizio, alla invalidità dell’atto consolida l’ipotesi che si incorra in eccesso di potere per sviamento nel momento in cui non si persegue l’interesse pubblico ma un interesse diverso.

Sicuri di un attento esame degli atti depositati e delle conseguenti determinazioni si invita il Presidente del Consiglio Comunale a predisporre quanto necessario allo svolgimento del Consiglio Comunale secondo le volontà contenute nella richiesta in oggetto invitando il Segretario a vigilare sul corretto svolgimento dell’iter procedurale e l’Assessorato agli Enti locali e la Prefettura affinché, per quanto di competenza, pongano attenzione che possa svolgersi secondo legge, regolamento e statuto quanto promosso dai richiedenti componenti il Consiglio Comunale di Ustica.

Ustica, lì 09/07/2016

Felice Caminita Capogruppo consiliare “ L’Isola”

Ustica, mozione di revoca del Presidente del Consiglio Comunale


Download (PDF, 233KB)

Mozione di revoca del Presidente del Consiglio Comunale di Ustica


COMUNE DI USTICA
Consiglio Comunale

OGGETTO DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE del Consiglio Comunale

MOZIONE DI REVOCA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE AI SENSI DELL’ART. 25 comma 3 DELLO STATUTO COMUNALE

I sottoscritti Consiglieri Comunali ai sensi dell’art. 25 comma 3 dello Statuto Comunale depositano proposta di deliberazione avente per oggetto “Mozione di revoca del Presidente del Consiglio Comunale ” chiedendo che la stessa venga corredata del relativo parere di regolarità tecnica, ai sensi dell’art. 49 del D.Lgs. 267/2000, e posta all’O.d.g. della seduta del Consiglio Comunale da convocarsi nei modi e nei tempi previsti dal vigente Statuto Comunale.

Firmato:

Mario Bellavista   D’Arca Francesco     Caserta Carmela    Caminita Felice   Patrizia Lupo

—————–

Download (PDF, 154KB)

Richiesta di convocazione Consiglio Comunale – Trasporto integrativo ed elipista.


COMMENTO

Il gruppo di minoranza ha richiesto  in seduta straordinaria ed urgente, presentata in data odierna  prot. n° 1721 inerente il trasporto marittimo – servizio integrativo – ed elipista.

Il gruppo di minoranza chiede che il servizio integrativo venga svolto tutto l’anno e non soli 7 mesi come da bando regionale e vuole modificare gli orari stabiliti dallo stesso bando perchè riteniamo che nel periodo estivo sia più utile una partenza da Ustica alle 19,00 piuttosto che alle ore 15,00 come attualmente previsto.

In questo periodo di bassa stagione è sbagliato avere ben 4 corse di mezzi veloci – le statistiche parlano fin troppo chiaro, purtroppo – ( 2  dell’aliscafo della CDI e 2 catamarano  Usticalines ) per poi per ben 5 mesi interrompere il servizio integrativo che con la sua partenza alle ore 07,00 nei mesi invernali garantirebbe ( come è stato dimostrato negli anni passati) i servizi essenziali quali la sanità, la scuola ed il pendolarismo in genere, assicurando quindi continuità territoriale.

In tale periodo ( Novembre/Marzo),  infatti, in assenza del servizio integrativo, avremo solo al mattino la partenza da Palermo della nave alle 09,00 e dell’aliscafo alle ore 15,00 senza che questo consenta il normale svolgimento del vivere sociale alla Comunità usticese.

Vorrebbe, quindi, diminuire  – in questo periodo – le attuali 2 corse giornaliere del catamarano ad 1 corsa giornaliera ( ore 07,00 da Palermo e ore 15,00 da Ustica) ed allargare il periodo di effettuazione del servizio nei mesi non previsti.

—————-

Download (PDF, 114KB)