Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno

???????

La dignità per me è fondamentale. Ogni decisione che prendiamo, ogni scelta deve essere fatta con dignità e io lotto per questo valore essenziale nella vita di ognuno di noi.

HILARY DUFF

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

Quanto più siamo capaci di dire di no a noi stessi, tanto più aumenta il nostro senso della dignità.
(Abraham Joshua Heschel)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

La dignità non consiste nel possedere onori, ma nella coscienza di meritarli.
(Aristotele)

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


 

???????
???????

Dell’ipocrisia,  della falsità, di ciò che appare ma non è, non so cosa farmene, anzi mi disgustano e m’intristiscono.
Preferisco la dignità ed il decoro delle cose semplici e sobrie che sono espressione  profonda della persone più umili ma proprio per questo adorabili e meravigliose

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

L’uomo deve camminare col viso rivolto al sole in modo che questo, bruciandolo, lo segni della sua dignità. Se l’uomo abbassa la testa, perde questa dignità.
(Che Guevara)

Aforisma, Citazione, Preverbio… del giorno


Sapere quando andar via è saggezza.
Essere in grado di farlo è coraggio.
Andare via, a testa alta, è dignità
(Anonimo)

 

Allora, uniti, si lottava in difesa dei diritti e della “dignità” e non del partito…


Didesa dignita' non il partito
Didesa dignita’ non il partito

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


 

???????
???????

Dell’ipocrisia,  della falsità, di ciò che appare ma non è, non so cosa farmene, anzi mi disgustano e m’intristiscono.
Preferisco la dignità ed il decoro delle cose semplici e sobrie che sono espressione  profonda della persone più umili ma proprio per questo adorabili e meravigliose

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


 

sindacoL’uomo deve camminare col viso rivolto al sole in modo che questo, bruciandolo, lo segni della sua dignità. Se l’uomo abbassa la testa, perde questa dignità.
CHE GUEVARA

Mi “vergogno” di non aver fatto prima quanto la mia “dignità” suggeriva…


Salve Cari Lettori…
ho soltanto chiesto delle spiegazioni, mi sono ritrovata a “QUEL PAESE”.
Di questi” “BEI PAESI” ne ho visti tanti.
Dicevo a me stessa : “ ma come stai diventando ? Anche tu, non ti accorgi più di nulla? “
Ma con il carattere che mi ritrovo non posso più far finta di niente.
Mi vergogno di non averlo fatto prima.
Mi vergogno per aver tollerato atti di prepotenza.
Mi vergogno per aver lasciato ad altri quello che è di mia figlia.
Mi vergogno anche solo averlo pensato che ad Ustica siamo tutti amici e per questo non è giusto agire.
Poi mi dicono : ad Ustica siete fortunati, non pagate il pizzo.
Ad Ustica non paghiamo il pizzo ma paghiamo il “merletto “. Ma cosa dobbiamo pagare più di quello che paghiamo?
Con la scusa del trasporto paghiamo la spesa quasi più del doppio.
Sarei curiosa di sapere quanto costa questo trasporto.
Io non voglio più far finta di niente.
Ho acquistato un prodotto, dove, soltanto il giorno dopo mi accorsi di un tagliando che diceva : prodotto non vendibile singolarmente.
Ho chiesto spiegazioni e mi è stato risposto: “ non so niente, non voglio sapere niente, vai da chi “sconfeziona” i prodotti”.

– Chi sono, – chiesi.
– Non so niente e non voglio sapere niente.
– Pago a te , dovresti saperlo…

Rimasi molto male per questa ennesima risposta scortese, pertanto mi recai negli Uffici Competenti, dichiarando l’accaduto.
Sto cercando la testa del serpente, visto che la coda la conosco.
Non vi meravigliate , ho scritto anche un’altra lettera, dopo una risposta poco soddisfacente, anche se , devo dirlo, sempre cortesi e gentili nei miei confronti.
Voglio soltanto sapere, capire, è un mio diritto, non sto chiedendo nulla di che. Se non avete nulla da temere, di cosa vi preoccupate? Domandare è lecito, rispondere è cortesia.
Spero non si presenti più nessuno a casa mia puntandomi il dito contro, cercando di rimproverarmi o di intimidirmi, non lo permetto.
Liberi di fare qualsiasi critica scritta e pubblica nei miei confronti.
Voglio vivere con dignità.
Se nessuno mi ascolta , cammino da sola.

– Una Voce Libera
Gabriella Bertacci

 

Rispetto, Dignità e Silenzio – grandi protagonisti


Non può passare inosservato ciò che si è svolto ieri ed oggi…
Le premesse c’erano tutte sin dal Suo arrivo in aliscafo ieri pomeriggio: per la quantità di persone presenti in banchina sembrava un giorno d’estate in piena attività turistica.
Invece era un normale ( o quasi ) pomeriggio invernale usticese, dopo l’arrivo dell’ aliscafo che riportava a casa Angela Natale e ad accoglierLa eravamo in tanti.
Che fosse un evento straordinario ( anche se triste ) lo si è visto dagli applausi spontanei dei partecipanti non appena la bara percorreva la passerella per essere successivamente posta nel carro funebre.
I fischi di sirena dell’aliscafo rompevano con il loro saluto ad Angela quel silenzio quasi surreale.
La camera ardente è stata allestita nell’aula Consiliare; è lì che ha trascorso la notte in quel luogo a Lei tanto caro per avervi lavorato tantissimi anni.
Non ho mai assistito a dei “funerali di Stato” ma per come si sono susseguiti gli avvenimenti, per la dignitosa partecipazione al dolore, della Famiglia e di tutta la Comunità, l’ultimo saluto ad Angela non ha nulla da togliere ad un funerale delle massime Autorità di Stato.
La Chiesa pur essendo abbastanza grande, questa mattina, sembrava piccola e non riusciva ad accogliere tutte le persone intervenute.
Anche il terrazzo antistante era gremito. Sembrava un 24 agosto tutto Usticese… solo che in questo caso non c’era San Bartolomeo, ma solo la bara al centro.
Di fatto TUTTA l’Isola era presente, e malgrado non ci fosse spazio neanche per entrare od uscire sembrava che in Chiesa ci fossero solo due persone: – Padre Andrea Martinez ed Angela, tanto era il silenzio che c’era !
Credo che anche l’ ” al di là ” abbia concorso affinché l’ultimo saluto fosse dato nei migliori dei modi: una splendida giornata di sole – dopo tanto cattivo tempo – ha voluto salutare ed accompagnare Angela.
Il rispettoso e dignitoso silenzio ci ha condotti sino al Cimitero dove – anche lì – tanta gente era presente a tal punto che il saluto fatto dal Presidente del Consiglio Leo Cannilla, ad Angela non è stato possibile ascoltarlo da tutti perchè troppo lontani.
In questi casi è impossibile non piangere e vi assicuro eravamo in tanti a farlo.
Rispetto, dignità e silenzio sono stati i grandi protagonisti di un evento tragico, di un dolore incolmabile con una partecipazione tanto grande quanto sentita.
Nella tristezza del momento è con gioia che scrivo ciò – a futura memoria!
Una mia ultima riflessione: – E’ strano come la VITA ci divida e come la MORTE ci unisca.
E non c’è peggiore cosa di quando neanche la morte ti unisce…
Ciao Angela, credo che tutto questo ti sia dovuto e scusami se con le mie parole non sto facendo passare il ” nostro ” saluto a Te, in silenzio.

S.re Militello

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Antonella Barraco

Partecipiamo al vostro grande dolore

Famiglia Patti Barraco

^^^^^^^^^^

Da Palermo Patrizia Lupo

Non ho mai avuto altro che semplici scambi di parole con Angela, ma ho apprezzato la sua onestà nel far bene il suo lavoro e per questo che nutrivo grande stima nei suoi riguardi. Per tutti quelli che l’hanno amata e vissuta solo poche parole del poeta Charles Peguy

La morte non è niente,
io sono solo andato nella stanza accanto.
Io sono io.
Voi siete voi.
Ciò che ero per voi lo sono sempre.
Parlatemi come mi avete sempre parlato.
Non usate un tono diverso.
Non abbiate l’aria solenne o triste.
Continuate a ridere di ciò che ci faceva ridere insieme.
Sorridete, pensate a me, pregate per me.
Che il mio nome sia pronunciato in casa come lo è sempre stato.
Senza alcuna enfasi, senza alcuna ombra di tristezza.
La vita ha il significato di sempre.
Il filo non è spezzato.
Perchè dovrei essere fuori dai vostri pensieri ?
Semplicemente perchè sono fuori dalla vostra vita ?
Io non sono lontano, sono solo dall’altro lato del cammino.

^^^^^^^^^^^^

Da Mary Diaeli

È vero!!!!!! Angela aiutava tutti. Per lei italiani, stranieri erano tutti uguali. A lei non importa mai che non eri italiana. Lei era una donna che sapeva ascoltarti e ti aiutava con il cuore. Grazie Angela. Spero che non ti dimenticherà nessuno che hai saputo ascoltare e aiutare. Nel mio cuore rimarrai sempre.

^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Sarebbe veramente bello, per ricordare ed onorare Angela, se ognuno di noi per una giornata, magari una volta a settimana o al mese, pensasse, vedesse il mondo e si comportasse come faceva Angela con tutti, specie con chi ha bisogno o ha problemi.

 

 

 

 

Data “dignità” al belvedere del Castello Saraceno


Oggi, finalmente, alcuni operai della Forestale hanno provveduto a “riqualificare” e dare “dignità” al Belvedere del Castello Saraceno, vero gioiello naturale di Ustica, liberandolo dalla sporcizia e dall’incuria.

Speriamo ora che l’attenzione venga rivolta anche all’Avamposto del Castello Saraceno, da troppo tempo abbandonato e conseguentemente esposto a ripetuti atti vandalici che purtroppo nessuno rileva.

Premesso che mantenere “presentabile” la nostra Isola è un dovere precipuo degli Amministratore (il cosiddetto indirizzo Politico),con la messa in opera di strategie idonee atte a sviluppare una politica ambientale di alto profili, ma essa, almeno in parte, dipende anche dai cittadini (residenti e non), che hanno il dovere di non sporcare e deturpare l’ambiente.

… Cominciamo da domani …

Pietro Bertucci

^^^^^^^^^^^^^^

[nggallery id=353]

Da Ustica Brenda Picone

il mio papi ha contribuito che cose belle 🙂

Cartolina per il Sindaco


[ id=8645 w=320 h=240 float=left] Dalla serie: Spesso tacere è controproducente.

L’avamposto del Castello Saraceno, Il BELVEDERE (Sic!) immerso nel degrado e nella sporcizia, e non è il solo!.

Rifiuti, infissi rotti con vetri spaccati, escrementi ed erbacce accompagnano le visite dei turisti, inficiando la vista di panorami mozzafiato. Sindaco “disponi” tu, se i tuoi funzionari e/o politici non sono capaci o sono distratti…

Il compito degli amministratori comunale è quello di restituire a questi stupendi posti dignità e decoro.

COMMENTO:

Da Ustica Mino De Girolamo

Concludendo il discorso c’e’ da aggiungere che purtroppo la maleducazione da parte di molte persone e’ imperante per cio’ che riguardano i comportamenti nei confronti dell’ambiente che ci circonda . Anche se non ci sono abbastanza contenitori in giro per il paese e per l’isola ,questo non autorizza nessuno a sporcare un bene che e’ di tutti. Pietro vai avanti cosi’,perche’ le problematiche ambientali sono e saranno vitali per Ustica . Mino De Girolamo