Ustica come eravamo, marineria e case dei pescatori


Ustica come eravamo, marineria e casa dei pescatori
Ustica come eravamo, marineria e case dei pescatori

Ustica, come eravamo (chiesa – Piazza, negozio Patricolo)


Ustica, come eravamo
Ustica, come eravamo

Ustica, come eravamo


 Ustica, come eravamo
Ustica, come eravamo

Ustica vista dal porticciolo – Come siamo e come eravamo


Vista dal porticciolo Vista dal porticciolo

Ustica, come eravamo


 Come eravamo
Ustica, Come eravamo

Eravamo soli – il mare ed io…

Eravamo soli - il mare ed io...

Come eravamo prima dello “smantellamento”


come eravamo prima dello smantellamento

Ustica, come eravamo – bella foto

 Ustica - come eravamo

COMMENTO

Da Cosenza Salvio Foglia

…come di corpo senza velo, elegante nella sua immobile plasticità

 

Lavori di riqualificazione urbana (sic!) = Sperpero di denaro pubblico…

COMMENTO

Da Arnaldo Surolli

effettivamente i soldi si potevano impiegare in altro modo, ma sopratutto la mia domanda è: “ma come ti è venuto in mente?????…………” Un pessimo senso estetico, diciamo pure “un pugno in un occhio”…

^^^^^^^^^

Da Los Angeles Tom Robershaw

Sperpero di denaro è la descrizione perfetta, soprattutto nell’economia di oggi.

^^^^^^^^^^^

Da Ustica Angelo Tranchina
Guardando le due foto, è semplicemente vergognoso l’aver progettato nel nostro piccolo centro una schifezza del genere!!!!!!!!!!!!!

Piazzetta prima della curapiazzetta dopo la "cura"

Come siamo e come eravamo…


[ id=13336 w=320 h=240 float=left][ id=13337 w=320 h=240 float=left]

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Torino Mariangela Militello

La 2° foto in basso offre un’importante testimonianza di come gli addetti “del tempo avessero già una chiara e netta percezione su come soddisfare le “prime” esigenze del turista all’arrivo sull’isola: un Centro Accoglienza-Informazioni che si affacciava praticamente sul porto di Ustica, locale visivamente e logisticamente “azzeccato”!

 

Torre dello Spalmatore: Come eravamo e come siamo…


Oggi pomeriggio alle 18,3o provero’, nel limite delle mie modeste capacita’ fisiche, a ripulire il piazzale antistante la TORRE DELLO SPALMATORE. E’ uno dei monumenti piu’ preziosi che abbiamo in stato di DEGRADO TOTALE.
Immagine reale degli sperperi che hanno distrutto il nostro PAESE.

Accludo n. 3 foto del 1992 che prego volere pubblicare. Furono fatte dal ” Grande” NINO BERTUCCI per conto dell’AMP.

Interessante ripeterle OGGI. Ma, forse, non riuscirai nemmeno a entrare. Sara’ difficile trovare la chiave della vecchia serratura ormai arrugginita.
Angelo Longo

———–

COME ERAVAMO

[nggallery id=522]

 

COME SIAMO

[nggallery id=523]

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Eliana Dominici

però da molto da pensare…non ci sarebbe voluto molto a tenere la struttura come era inizialmente solo un pò di manutenzione anche una volta a settimana….direi no comment e grazie a chi si sta dando da fare per ripurirla…..

^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Patrizia Lupo

Anche quest’anno l’associazione Pole Pole Onlus in collaborazione con il gruppo scout di Marineo ha proposto all’AMP e al comune di Ustica un progetto di cooperazione denominato “Riserva l’isola”. Questo progetto prevede, tra l’altro,la pulizia della Torre dello Spalmatore. Un gruppo di 8 scout saranno presenti sull’isola dal 20 al 22 luglio. Collaboreranno alla realizzazione del suddetto progetto anche il gruppo delle partite IVA. Di seguito terremo aggiornati sulle attività svolte

Ustica: come eravamo e cosa facevamo di Claudio La Valle


Ustica: Come eravamo


[ id=11209 w=320 h=240 float=center]

Eravamo soli – il mare ed io…


[ id=11099 w=320 h=240 float=center]

Bellissima foto di come eravamo


[ id=10011 w=320 h=240 float=center]

Vapore – Come eravamo


[ id=9964 w=320 h=240 float=center]

Come eravamo…


[ id=8948 w=320 h=240 float=center]

Come eravamo


[ id=7925 w=320 h=240 float=center]

Piano Cardoni – Come eravamo…


[ id=7350 w=320 h=240 float=center]

Come eravamo


[ id=6750 w=320 h=240 float=center]

COMMENTO:

Dalla California Agostino Caserta

oggi e’ weekend ho piu’ tempo mi sento scatenato e voglio ” smorfiare” anche questa foto. Il bambino sono io, mio padre e’ quello con le mani in tasca e lavorava al vecchio municipio ( quando non era impegnato a fare qualche briscola al bar ), l’altra persona e’ Germano Tranchina, compare di mio padre, accanito cacciatore e possidente. La foto e’ del 1950. La piazza comunque appariva molto piu’ grande e per salire in Chiesa si dovevano fare sei scalini in meno…..

Nuccio