Mimmo Drago si racconta davanti al Mare di Ustica!


UN GIORNO

Un giorno scrissi una canzone!

Non so perché! Nessuno mi chiese di farlo!

Ma la scrissi ugualmente e la chiamai “Ode a Isla Negra”, ispirandomi ad un Canto di Pablo Neruda!

Era un componimento lirico, realizzato con trasparenze, sonorità e versi, che non aveva un contenuto né civile, né religioso, né patriottico, né morale, né tantomeno politico!

Aveva soltanto una proposizione spontanea amorosa, nata da sentimenti e da intensi turbamenti!

Cogliendone il messaggio intimo e aggregante, voci poetiche che l’avevano apprezzata, la elogiarono come un puro Inno alla Poesia, alla Bellezza, ai Sentimenti, al Mare!

 “Una toccante dichiarazione d’Amore”, così la definirono!

E’ vero, quella fu l’unica ragione per la quale l’Ode era stata scritta!                            Ringrazio ancora quelle voci che ne compresero il senso e manifestarono condivisione!

Partorii quel canto in un momento della mia vita interiore, pertinente al mondo degli affetti e delle emozioni!

Vestii poi il mio Canto, con la Luce delle Trasparenze ed i Suoni dell’Infinito e lo mostrai a chi voleva farne un “Concerto”!

Lo guardarono, non lo lessero e se lo lessero, forse per loro, risultò incomprensibile; fecero però delle promesse, ma lo lasciarono nel fondo di un cassetto!

Passarono anni ed altri fecero nuovi giuramenti, illudendolo ancora, poi lo ritrovai in un cestino, coperto definitivamente dall’oblio!  

Mi convinsi  allora che la mia “Ode” non valeva nulla, almeno per loro!

 Chiesi scusa a tutti e la seppellii, per sempre,  sotto i sassi, in riva al mare, con rabbia e lacrime!

Poi,  per caso, un Passante Silenzioso e Scalzo che sussurrava alle Pietre e parlava alla Luna, tirò fuori dall’acqua quel foglio, protetto dalle attinie, lo asciugò al sole e lo lesse ad alta voce!

Lo ascoltarono altri occhi, lo cantarono altre labbra, lo lodarono altre donne ed altri uomini, lo cullarono altre mani e mi obbligarono a custodirlo come un     Bene Prezioso!

Adesso so soltanto che se voglio trovare una Luce, una Speranza o una Dolce Parola, devo cercarle in fondo all’Anima di chi sa parlare ai  miei Silenzi!

(d.d.)

 

Ustica, il giorno della Cresima


Ustica, il giorno della Cresima
Ustica, il giorno della Cresima

Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica – chi è questo bel tenente?


Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica – chi è questo bel tenente?
Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica – chi è questo bel tenente?

Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica – chi è questo bel sottotenente?


Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica – chi è?
Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica – chi è?

Da Ustica Giovanni Martucci

Si tratta forse di Giovanni Lo Schiavo ?

Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica – chi sono?


Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica - chi sono
Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica – chi sono

^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Firenze Massimo Maggiore

Sono Aurora e Silvana Maggiore (da sx a dx)

Giorno delle prima comunione di tanti anni fa ad Ustica – chi sono?


giorno delle prima comunione
Ustica, giorno delle prima comunione

Ustica, un giorno in campagna


Ustica, n giorno in campagna
Ustica, un giorno in campagna

Ustica, primo giorno di scuola


UN GIORNO D’AUTUNNO


Quel giorno d’autunno ad Ustica ero in cerca di azzurro per ubriacarmi gli occhi e l’anima, ma quel giorno d’autunno ad Ustica, l’azzurro era andato momentaneamente via! Dove? Non so!

Il cielo ed il mare erano di colore bianco e tutto intorno il colore marrone e le sue gradazioni cromatiche erano predominanti!

Scriveva Goethe: “ In mescolanza con il nero, il rosso forma il marrone, colore ottuso, duro, poco incline al movimento, in cui il rosso suona come un borbotto appena percettibile.”

Mi abbracciò quella sconosciuta atmosfera presente sull’isola, tanto da incuriosirmi e allora la assecondai per capire meglio!

Il marrone, anche se è tecnicamente un misto di arancione e nero, è ritenuto un colore a tutti gli effetti. Si associa alla terra e alla natura, ma alla natura nel suo stato letargico: autunno e inverno più che primavera ed estate. E’ il colore delle terra dissodata, dei campi in inverno, del bosco dopo una tempesta, delle scogliere che toccano l’acqua e suggerisce stabilità, sicurezza, forza.

Il marroncino chiaro che è rappresentato dal beige, è il più neutro di tutti i colori, il meno comunicativo e con il suo lato più scuro manifesta un suono ottuso, poco dinamico, duro, eppure anche questo colore può produrre una bellezza interiore, sorvegliata, controllata!

In ultima analisi il marrone a volte ha lo sgarbo di certe mani grossolane che sporcano tutto, altre volte ha la serenità paziente e esatta di una linea di terra che nutre e dà vita.

Con questi pensieri mi rimisi in macchina mentre un pallido sole morente alle mie spalle affogava dietro il faro!

Domenico Drago

 

 

Ustica, un giorno a mare con amici


Ustica, un giorno a mare con amici
Ustica, un giorno a mare con amici

Ustica, foto ricordo


Ustica,foto ricordo in un giorno di festa
Ustica,foto ricordo in un giorno di festa

Ustica, giorno di festa al Bar


Giorno di festa al Bar
Ustica, giorno di festa al Bar

^^^^^^^^^^^

Da Milano Costantino Tranchina

Che bellissima fotografia !!! avete notato quanti Amici del gruppo non sono più dei nostri ??? Io li ricordo tutti.
Grazie per questo bellissimo ricordo

 

Giorno del battesimo, foto ricordo


Giorno del battesimo
Giorno del battesimo

Ustica, tre coppie, legati da rapporti di vera amicizia, si uniscono in matrimonio nello stesso giorno, 1934


Tre coppie, veri amici, si uniscono in matrimonio nello stesso giorno, 1934
Ustica, tre coppie, veri amici, si uniscono in matrimonio nello stesso giorno, 1934

Ustica, primo giorno di scuola


Primo giorno di scuola
Ustica, Primo giorno di scuola

Ustica, festeggiamenti di tre matrimoni nello stesso giorno 1934


Festeggiamenti di tre matrimoni stesso giorno 1934
Festeggiamenti di tre matrimoni nello stesso giorno 1934

Ustica, Santa Messa del giorno nella Pasqua di Risurrezione 2017


Consueta foto fatta nella piazza di Ustica in un giorno festivo


Consueta foto fatta nella piazza di Ustica in un giorno festivo
Consueta foto fatta nella piazza di Ustica in un giorno festivo

Un giorno importante per Pietro e Giovanna


Un giorno importante per Pietro e Giovanna
Un giorno importante per Pietro e Giovanna

Uno sguardo alla liturgia del giorno


Uno sguardo alla liturgia del giorno
Uno sguardo alla liturgia del giorno