Capaci ha il suo inno ufficiale, lo firma la compositrice Teresa Nicoletti


Presentazione e prima esecuzione mondiale
Mercoledì 27 dicembre | ore 19 | chiesa Madre di  Capaci

Ingresso libero

E sono cinque. Dopo Ustica, Monreale, Torretta e Isola delle Femmine, arriva anche l’inno ufficiale di Capaci. Ed oggi più che mai Teresa Nicoletti si può veramente fregiare del titolo di “compositrice di inni”.

Anche la cittadina poco lontana da Palermo – tristemente famosa per la strage in cui persero la vita il giudice Falcone, la moglie Francesca Morvillo e la scorta – ha infatti deciso di commissionare alla compositrice palermitana un inno da presentare nelle occasioni ufficiali. E Teresa Nicoletti ha preso spunto dalla storia di Capaci, dal suo essere una cittadina fattiva e piena di inventiva, colma di personalità e terra da cui in tanti sono partiti alla ricerca di lavoro: un paese che quest’anno celebra il 500° anniversario dalla sua fondazione, visto che nacque il 18 marzo 1517 (come si scopre da una Licentia Populandi conservata negli archivi).

L’inno “Terra di Capaci”, musica originale su testo della poetessa Giuseppa Angela Onorato, sarà presentato nella Chiesa Madre di Capaci, in piazza Matrice, domani (mercoledì 27 dicembre) alle 19 durante una cerimonia solenne in cui verrà conferita alla compositrice, la cittadinanza onoraria di Capaci, dalle mani del sindaco Sebastiano Napoli. Sarà la stessa Teresa Nicoletti ad eseguire l’inno, in prima mondiale, accompagnata dal pianista Vito Mandina e dal trombettista Roberto Crivello. Quindi, a fine cerimonia, sarà eseguito dalla banda musicale “Santa Cecilia” di Capaci, diretta da Giovanni Calderone, dopo l’inno nazionale. Presenta Maurizio Midulla.

Teresa Nicoletti è l’unica ad aver già composto quattro inni ufficiali istituzionali di Comuni e il primo inno di un’isola italiana – Ustica, Monreale, Torretta ed oggi Isola delle Femmine -, brani per orchestra, da camera, strumentali e vocali, arie sacre e romanze. Sue composizioni sono state trasmesse dalla RAI e da radio e televisioni di Stato estere. E’ medico specialista in Audiologia, ha pubblicato lavori su riviste scientifiche sulle patologie del cantante lirico, in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo. E’ stata invitata dalla direzione del Conservatorio “Cajkovskij” di Mosca a tenere una masterclass sull’apparato uditivo e sull’impostazione della voce cantata. E’ stata insignita nel 2011 dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica Italiana e nel 2016 in quella di Ufficiale. Le sono state conferite cinque cittadinanze onorarie, onorificenze internazionali, benemerenze civiche, e la Chiave della Città di LODAI, nel New Jersey. Ha vinto quest’anno la seconda edizione del “Premio Internazionale Alessandro Scarlatti” per la composizione musicale, al Conservatorio di Musica di Stato “Vincenzo Bellini” di Palermo.

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Milano Costantino Tranchina

A Teresa Nicoletti ” Ugola d’Oro ” , un usticese fiero di essere suo concittadino i complimenti vivissimi per l’ennesima composizione musicale e rappresentazione .
Con infinita stima e gratitudine
Costantino Tranchina

 

Presentato l’Inno Ufficiale di Isola delle Femmine composto da Teresa Nicoletti: il Sindaco Bologna le conferisce la Cittadinanza Onoraria.


Nella terrazza sul mare della Biblioteca Comunale “Pino Fortini” di Isola delle Femmine, sede del Consiglio Comunale, venerdì 1 settembre 2017, con inizio alle ore 21.00, si è svolta la cerimonia solenne di presentazione e della prima esecuzione mondiale dell’Inno Ufficiale del Comune di Isola delle Femmine.

L’Inno Comunale Istituzionale è un’opera musicale originale scritta dalla compositrice di fama mondiale Teresa Nicoletti (nella foto con il Sindaco Stefano Bologna), su testo della poetessa Giuseppa Angela Onorato.

L’Inno Ufficiale del Comune di Isola delle Femmine, il cui titolo è: “Isola delle Femmine, canto del mare”, è stato eseguito in prima mondiale dalla stessa compositrice, accompagnata dal pianista Vito Mandina e dal trombettista Roberto Crivello. Durante l’esecuzione dell’Inno Istituzionale il pubblico commosso è rimasto in piedi ed alla fine ha tributato un’autentica standing ovation alla compositrice Nicoletti.

Durante la cerimonia presentata da Maurizio Midulla sono giunti i saluti e le congratulazioni dell’Assessore on. Antonello Cracolici, a nome del Governo regionale, e dei sindaci di: Ustica, Monreale, Torretta e Belmonte Mezzagno. Tra le autorità presenti all’evento anche il Sindaco di Capaci Avv. Sebastiano Napoli.

Il presentatore, dopo aver intervistato il Continua a leggere “Presentato l’Inno Ufficiale di Isola delle Femmine composto da Teresa Nicoletti: il Sindaco Bologna le conferisce la Cittadinanza Onoraria.”

Inaugurata una lapide in onore dell’Inno Istituzionale del Comune di Torretta composto dal Maestro Teresa Nicoletti.


00-foto-principaleVenerdì 4 novembre 2016, alle ore 11,30, a Torretta, nella Piazza Vittorio Emanuele, la piazza del Palazzo Municipale, alla presenza del Sindaco dottore Salvatore Gambino, della Presidente del Consiglio Comunale dottoressa Rosaria Pipitone, della Giunta Comunale, dei Consiglieri Comunali, delle autorità civili, militari, religiose e della cittadinanza intervenuta per lo straordinario evento, è stato suonato in prima esecuzione assoluta per banda musicale l’Inno Ufficiale Istituzionale del Comune di Torretta. La musica dell’inno è stata composta dal Maestro Teresa Nicoletti sulle parole del poeta Giuseppe Vitale.

Per l’occasione le due bande, “Cittadina di Torretta” e “Erasmo Guastella – Giuseppe Verdi”, dirette dal Maestro Erasmo Guastella (nipote del musicista che ha dato il nome ad una delle due bande) hanno eseguito congiuntamente l’Inno Cittadino.

Alla presenza degli autori dell’inno, la Continua a leggere “Inaugurata una lapide in onore dell’Inno Istituzionale del Comune di Torretta composto dal Maestro Teresa Nicoletti.”

Si scrive Ustica si legge paradiso: l’inno d’amore della scrittrice Annabella Di Vita


punta_cavazzi_ustica-670x446 (1)PALERMO – L’estate si sa è la stagione dei flirt, la maggioranza dei quali si conclude a settembre. Quella di cui scriviamo oggi però è una storia diversa che promette di portar via il cuore per sempre a chi vi si accosta con lo spirito giusto. Se infatti mettiamo per un attimo da parte il cliché che vuole l’estate meta esclusivamente di paradisi tropicali tipo Maldive e simili e ci soffermiamo sulle bellezze che il nostro Paese ha da offrire, basta prendere il largo dalla costa di Palermo, percorrere circa 67 km in direzione nord-ovest e approdare all’isola di Ustica per restare folgorati dalle tante bellezze che questa terra solo apparentemente ostile, per via delle numerose grotte e le coste alte e scoscese, ha da offrire. Parola di Annabella Di Vita, scrittrice palermitana autrice del libro “Piccoli uomini non crescono mai” che ha deciso di dedicare all’isolotto il suo personalissimo “alfabeto” in cui ad ogni lettera corrisponde un tratto peculiare dell’isola, un po’ come fece Troisi nel celebre film “Il Postino”, quando decise di imprimere su cassetta i suoni più caratteristici della sua isola per mandarli all’amico Pablo Neruda perché ne serbasse il ricordo.

Sul perché della scelta caduta proprio su Ustica, Annabella Di Vita dichiara: “Annabella Di VitaIo mi innamoro di tutto quello che vedo ed ho scelto Ustica come isola da visitare quest’anno ma in effetti tutto quello che c’è in giro per il mondo è tutto da vedere e da scoprire. Io – continua – per esempio adoro certe isole greche ma queste mie parole non devono essere interpretate nel senso di una preferenza rispetto ad un’altra località. Io tendo – conclude – a vedere il meglio in tutto, anche dove magari a prima vista non c’è ma Ustica è bellissima, quindi a maggior ragione si deve apprezzarla”.

L’alfabeto, che potete leggere andando sul sito http://www.usticasape.it/ustica-lalfabeto-dellisola-dal-diario-di-annabella-di-vita/ si conclude con una vera e propria dichiarazione d’amore: “Ustica. Raggiungerla è facile, invaghirsene di più”. Al lettore l’arduo compito di giudicare se queste parole sono veritiere o meno, magari sfruttando le ferie.

Teresa Fabiola Calabria
Fonte: Newsicila.it

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Los Angeles Tom Robershaw

I palermitani in particolare e gli italiani in generale hanno la fortuna di vivere a breve distanza di Ustica. L’isola ha cambinato diverse vacanze in una. Ci sono spiagge, peace, immersioni subacquee, e grotte per una tipica vacanza sull’isola mediterranea. Ci sono strutture storiche dell’età bronzo, Romani, e Borboni. Può essere un posto tranquillo dove si puo’ fare una passeggiata e chiacchierare nella piazza. Come un Americano, deve viaggiare in tutto il mondo per visitare Ustica, ma vale la pena il viaggio.

^^^^^^^^^

Dalla California Marlene RobershawManfrè

Ustica è veramente un Paradiso, a me piace molto Ustica !! Marlene Robershaw

^^^^^^^^^^^^

Da Los Angeles Nancy Stone

Oh Ustica! Kiss that land!
Oh Ustica! Bacio quella Terra

Inno d’amore per la Sicilia


Inno d'amore per la Sicilia

 

Ciao Vittorio, sono Cettina la moglie di Paolo Micalizzi, oltre che rinnovare i complimenti ed i ringraziamenti per l’iniziativa che stai portando avanti ti scrivo la poesia che non ricordavo per intero , secondo me è un inno d’amore per la Sicilia tutta:

 

 

Ngiornu ca’ lu Diu Patri era cuntenti
E passijava ‘celu cu’ li santi
A lu munnu pinsau fari un prisenti
E di la cruna si scippau un damanti;
Ciaddutau tutti li setti alimenti
Lu pusau a mari ‘facci lu livanti,
Lu chiamaru Sicilia li genti
Ma di l’Eternu Patri è lu Damanti.

Ciao ciao.

 


 

Inno a San Bartolomeo Apostolo


[ id=18988 w=320 h=240 float=left]

Download (PDF, 169KB)