Impegno di €. 9.000,00 per campi di Volontariato – A.M.P. “Isola di Ustica” per l’anno 2017


Il Direttore dell’A.M.P. con determinazione NR. 25 DEL 07-09-2017

DETERMINA

Di affidare alla LEGAMBIENTE ONLUS, C.F. 80458470582 – Via Salaria 403, 00199 Roma, la gestione e conduzione dei Campi di Volontariato a supporto delle attività Gestionale della A.M.P. per l’anno 2016;

Di impegnare la complessiva somma di € 9.000,00 inclusa IVA, in quanto ritenuta congrua per la tipologia di prestazioni da svolgere;

Di imputare la complessiva somma di €. 9.000,00 così suddivisa:

€ 4.500,00, spesa che trova copertura, ai sensi delle normative vigenti, nel capitolo 1315.05, denominato ”manifestazione promozione, partecipazione ferie pubblicità AMP”, codice Piano Conti Integrato “1.03.02.02.005 – Organizzazione manifestazioni e convegni”

€ 4.500,00, spesa che trova copertura, ai sensi delle normative vigenti, nel capitolo 1315.11, denominato “Gestione fondi AMP – prestazione servizi di beni”, codice Piano Conti Integrato “1.03.02.15.007 – Contratti di servizio per la formazione dei cittadini”;

entrambe nel corrente anno finanziario 2017;

Dare atto che si procederà successivamente a liquidare la complessiva somma di €. 9.000,00 inclusa IVA, a compimento dei lavori, dietro presentazione di regolare fattura di spesa ed accertata la regolarità della documentazione DURC;

Il Direttore dell’A.M.P “Isola di Ustica”
F.to Dott. Salvatore Livreri Console

—————————-

Download (PDF, 188KB)

Riceviamo e pubblichiamo – 5 vele,  “utopia Ustica”…


L’isola che può vantare la prima area marina protetta istituita nel nostro Paese. Nel corso dell’ultimo anno l’amministrazione ha saputo dare una violenta accelerazione alle politiche di tutela ambientale chiudendo il ciclo virtuoso delle acque con la realizzazione di un desalinizzatore ad osmosi inversa che consente il risparmio del 75% di energia elettrica e prevedendo il riutilizzo a scopo irriguo delle acque chiare. Il dissequestro dell’area di trasferimento dei rifiuti, bloccata da 8 anni, ha permesso di partire con la raccolta differenziata. Infine l’impiego delle canoe a fondo trasparente per apprezzare al meglio la zona A della riserva.

Fonte: Legambiente

Mare premiato a Ustica, San Vito e Salina: 5 vele da Legambiente, Sicilia seconda dopo la Sardegna


PALERMO. «Dopo la Sardegna, la Sicilia è la seconda regione ad avere più località rivierasche che hanno avuto assegnate il prestigioso riconoscimento delle 5 vele: ben tre, con il magnifico ritorno dell’isola di Ustica, che ha riconquistato il posto che meritava, e la conferma di San Vito lo Capo e dell’isola di Salina. È un grande successo per il mare siciliano e per i territori coinvolti, visto che da quest’anno il riconoscimento viene assegnato ai comprensori: mare pulito, gestione dei rifiuti, accoglienza turistica, queste le chiavi del successo. Un turismo alternativo e sostenibile è la vera sfida per il futuro della Sicilia». Lo afferma Gianfranco Zanna, presidente regionale di Legambiente Sicilia a “Il mare più bello 2017”, la Guida di Legambiente e Touring Club Italiano.

Ecco le segnalate: isola di Ustica: l’isola che può vantare la prima area marina protetta istituita nel nostro Paese. Isola di Salina, grazie alla realizzazione di un progetto per la difesa della costa e il ripascimento della spiaggia a Santa Marina Salina, nel tratto interessato dall’opera oggi è aumentata l’area destinata a spiaggia che ormai era quasi scomparsa a causa delle mareggiate invernali.

Litorale nord trapanese. È un tratto di costa tra i più suggestivi e ricchi dell’intera isola. Incastonata fra il promontorio di Monte Cofano e la riserva dello Zingaro quest’area, guidata sapientemente dalle iniziative del comune di San Vito lo Capo, alterna coste frastagliate, spiagge imponenti e altrettanto maestose falesie a picco sul mare.

Fonte: Giornale di Sicilia
16 Giugno 2017

Barca Legambiente ad Ustica – 21-07-2012


Barca Legambiente ad Ustica - 21-07-2012
Barca Legambiente ad Ustica – 21-07-2012

 

Ustica, Incontro con la Lega Ambiente (2012)


Incontro con la Lega Ambiente 2012
Incontro con la Lega Ambiente 2012

Contributo di €. 7.500,00 alla Legambiente per campi volontari anno 2016


f-c-8108a-comune-senza-bandiereCon Determinazione NR. 44 DEL 28-11-2016 Il Direttore dell’A.M.P “Isola di Ustica” Dott. Salvatore Livreri Console ha determinato di  liquidare e pagare alla LEGAMBIENTE ONLUS, C.F. 80458470582 – Via Salaria 403, 00199 Roma, la complessiva somma di €. 7.500,00, come importo relativo alla gestione e conduzione dei Campi di Volontariato a supporto delle attività Gestionale della A.M.P. per l’anno 2016, giusta fattura elettronica nr. 2016 – 10 ID-SDI 50437977 ;

Di imputare in competenza la somma complessiva di €. 7.500,00 così suddivisa:

 € 3.500,00, spesa che trova copertura, ai sensi delle normative vigenti, nel capitolo 1315.05, denominato ”manifestazione promozione, partecipazione ferie pubblicità AMP”, codice Piano Conti Integrato “1.03.02.02.005 – Organizzazione manifestazioni e convegni”, del corrente anno finanziario 2016;

 € 4.000,00, spesa che trova copertura, ai sensi delle normative vigenti, nel capitolo 1315.11, denominato “Gestione fondi AMP – prestazione servizi di beni”, codice Piano Conti Integrato “1.03.02.99.999 – Altri servizi diversi n.a.c.”, del corrente anno finanziario 2016;

Impegno di spesa per la “concessione” delle 5 vele per il prossimo anno


Download (PDF, 188KB)

Legambiente con la Goletta verde ad Ustica


Con il ritorno della Legambiente, considerata la nostra “ospitalità”, e con la supervisione della Goletta Verde per un paio di giorni, il prossimo anno ritorneranno, con o senza meriti,  le 5 vele? Questa è la domanda che mi è stata richiesta di porre ad alcuni operatori ed attenti osservatori dell’Isola.

Legambiente con la Goletta verde ad Ustica
Legambiente con la Goletta verde ad Ustica

L’ultima “diavoleria” del sindaco – ragazzi di Legambiente al Centro Accoglienza. Ritorneranno le 5 vele?…


Ragazzi di Lega Ambiente al cemtro accoglienza
Ragazzi di Lega Ambiente al cemtro accoglienza

Riceviamo e pubblichiamo- Convegno a Palermo, Arsenale della Marina Regia

Per opportuna notizia si allega il pieghevole di un convegno in corso a Palermo, ARSENALE DELLA MARINA REGIA. In particolare il giorno 2 dicembre Giuseppe Riccio di Legambiente parlerà del depuratore di Ustica.
Pietro Pomilia

Download (PDF, 180KB)

Goletta Verde di Legambiente ad Ustica – Futuro Isole minori siciliane


Relativamente alla tutela e rispetto dell’ambiente si è tenuto ad Ustica in Piazza della Vittoria, un incontro/dibattito sulla realtà e sul futuro delle Isole minori siciliane dal titolo: “Le Isole minori vogliono crescere” alla presenza di Gianfranco Zanna, Direttore di Legambiente Sicilia, di Aldo Messina Sindaco di Ustica, di Massimo Lo Schiavo Sindaco di Salina e di Serena Carpentieri responsabile di Goletta verde . Al centro della discussione la sicurezza delle rotte delle grandi navi, la salvaguardia del mare e dei litorali siciliani, l’ampliamento della stagione turistica, i rifiuti, le politiche energetiche, energia rinnovabile i collegamenti, la penalizzazione dei nostri pescatori ecc.

Dopo una articolata analisi fatta dai relatori sui citati temi abbiamo fatto al direttore Gianfranco Zanna la seguente domanda: “che percorso sbagliato abbiamo fatto, da 15 anni a venire, per aver subito una penalizzazione di due/ tre vele; in quel periodo avevamo le 5 vele e la bandiera Blu, eravamo riferimento per la tutela dell’ambiente con risonanza internazionale e ora abbiamo “appena” tre vele”.

Il direttore G. Zanna così ha risposto: “I passaggi non li conosco tutti, probabilmente i parametri previsti, che portano al punteggio per l’assegnazione delle vele, saranno diminuiti… Non conosco il dettaglio della valutazione fatta dai tecnici. Un parametro sicuramente è legato all’AMP che non è quello di dieci anni fa. Il mio augurio è quello che si recuperi il tempo perduto e si ritorni a quello che Ustica era un tempo…”
Risposta certamente non convincente…

Trascriviamo i requisiti presi in considerazione: il mare limpido, le spiagge pulite, la vicinanza di aree marine protette, ma anche la presenza di strutture ricettive, di servizi per i bagnanti, di infrastrutture turistiche ecocompatibili. Tra i parametri: la depurazione, il traffico, il rumore, gli itinerari naturalistici, la qualità acque, l’abusivismo edilizio, la gestione rifiuti, l’ accessibilità per i disabili.

Pietro Bertucci

[nggallery id=531]