Ustica dal porticciolo, marineria


 Ustica dal porticciolo, marineria
Ustica dal porticciolo, marineria

Ustica come eravamo, marineria e case dei pescatori


Ustica come eravamo, marineria e casa dei pescatori
Ustica come eravamo, marineria e case dei pescatori

Ustica, marineria e faraglione


Marineria e Faraglione
Ustica, Marineria e Faraglione

Ustica, marineria


Ustica, marineria
Ustica, marineria

Ustica, villaggio pescatori e zona portuale


villaggio pescatori e zona portuale
Ustica, villaggio pescatori e zona portuale

Ustica, porticciolo, marineria


Ustica, marineria


Ustica, Marineria
Ustica, Marineria

Ustica porticciolo, marineria, catamarano


Ustica porticciolo, marineria, catamarano
Ustica porticciolo, marineria, catamarano

Ustica, marineria


Ustica, marineria
Ustica, marineria

Ustica porticciolo, marineria


Ustica porticciono, marineria
Ustica porticciono, marineria

Ustica, marineria e case dei pescatori

Ustica, marineria e case dei pescatori
Ustica, marineria e case dei pescatori

Ustica porto, marineria


Porto marineria

Ustica marineria, turisti laziali in cerca di pesce appena pescato


Marineria, tutisti in cerca di pesce

Ustica, Cala Santa Maria – marineria


Cala Santa Maria

Pescherecci della marineria di Ustica


[ id=21040 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^^^^

Da Prega Pavla Fuccillo

E’ veramente bellissima questa foto!

Ustica: Vecchia foto della marineria e delle case dei pescatori


[ id=21009 w=320 h=240 float=center]

Pescatori


[ id=17704 w=320 h=240 float=]

Rischi per la marineria siciliana


PARLAMENTO EUROPEO

Interrogazione scritta prioritaria alla Commissione Parlamentare Europea

AUTORI: Crescenzio Rivellini, Antonello Antinoro, Giovanni La Via, Salvatore Iacolino

OGGETTO: Rischi per la marineria siciliana

 

L’intera marineria dell’isola di Ustica in Sicilia sta occupando in segno di protesta la sala consiliare del Comune, esasperata per il fallimento delle trattative che avrebbero dovuto mitigare il contenuto del decreto ministeriale 21.09.2011 (GURI n. 233 del 24.09.11) che è la conseguenza di normative europee e che ha ridotto sia la misura delle maglie delle reti (da 18 a 10 centimetri) sia che le specie pescabili.

 

Queste reti costano circa 20 mila euro, interamente a carico dei pescatori, e non consentono la pesca nè di pesce spada nè di tonni nè di alalunghe ma solo di ope, sgombri e bisi, specie poco remunerative se si considerano anche i costi di carburante oggi alle stelle e della manutenzione dell’imbarcazione.

 

Da metà marzo 2012, quando si è aperta la stagione della pesca, nessun peschereccio è uscito in mare. Il provvedimento ha paralizzato l’attività non solo dei pescatori di Ustica, ma anche di Isola delle Femmine, Termini imerese, Santa Flavia- Porticello, delle Eolie, ecc, e rischia di mandare sul lastrico anche gli operatori dell’indotto (produttori di pesce in scatola, commercianti, ristoratori).

 

Ustica non fa parte di cooperativa pesca CoGePa e i suoi pescatori non possono accedere ai contributi del bando inserito nella misura 1.4 (piccola pesca costiera) nè a quelli sull’acquacultura (sconsigliata in area protetta) nè sulla pesca del bianchetto.

 


Pertanto chiedo alla Commissaria europea per la pesca e gli affari marittimi, Maria Damanaki:

– di trovare presto delle misure compensative per far si che i pescatori dell’isola di Ustica e delle altre marinerie siciliane siano rimborsati dei costi sostenuti per l’acquisto delle loro imbarcazioni ed attrezzature;

– di autorizzare il Comune di Ustica, Ente Gestore dell’Area Marina Protetta, nei limiti delle proprie competenze territoriali (12 miglia) e conformemente al regolamento di esecuzione (UE) n. 404/2011 (“Autorizzazioni di pesca”), di effettuare una ricerca scientifica su specie da pescare e tipologia di attrezzo da utilizzare che abbia il fine di garantire la sostenibilità ambientale di quello specifico territorio, autorizzando, di converso, i pescatori locali di vendere il prodotto pescato a fini di ricerca per compersarli del lavoro svolto.

18 Aprile 2012

 

il DM 21.09.11 ed il progetto “Pesca”


comune-ustica-5COMUNE DI USTICA

Prefettura di Palermo  Sig. Prefetto di Palermo Dr Umberto Postiglione
Capitaneria di Porto di Palermo Amm. Francesco Carpinteri
Al Presidente Regione Siciliana On. Raffaele Lombardo
All’Assessore Regionale Risorse Agricole ed Alimentari e Pesca On Elio D’Antrassi
Sig Presidente Commissione Attività produttive ARS On. Salvino Caputo
All’Illmo Sig Presidente della Provincia Regionale di Palermo Dr Giovanni Avanti
Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste Sig Dirigente Regionale Dssa Rosaria Barresi

E p.c. Sig Assessori
Sig Presidente del Consiglio
Attività produttive
Stazione Carabinieri

OGGETTO: il DM 21.09.11 ed il progetto “Pesca”.

Due preconcetti mai dimostrati rischiano di distruggere la marineria siciliana e per questo motivo i pescatori di Ustica occupano, in segno di protesta, già da due settimane, la Sala Consiliare Comunale. Sono preoccupati per il fallimento di tutte le trattative volte a mitigare le conseguenze del DM 21.09.2011(GURI n. 233 del 24.09.11) che ha ridotto le maglie delle reti da 18 a 10 cm. Ha imposto l’utilizzo delle nuove reti a tre miglia dalla costa e proibito la cattura di alcune specie pescabili. Il decreto ha paralizzato l’attività non solo dei pescatori di Ustica, ma anche di Isola delle Femmine, Termini Imerese, Santa Flavia- Porticello, delle Eolie ecc..

In realtà il DM è la conseguenza di normative europee che sembrano basarsi su due preconcetti: molte specie ittiche sono in via di estinzione ed i pescatori sono lavoratori il Continua a leggere “il DM 21.09.11 ed il progetto “Pesca””

Ustica: mare molto mosso interno cala Santa Maria – marineria in apprensione


[ id=12010 w=320 h=240 float=left] Mare agitato con vento molto forte proveniente da SE da questa notte sta mantenendo in apprensione la nostra marineria . Sindaco quando si potrà parlare, seriamente, di messa in sicurezza o quasi della Cala Santa Maria? I nostri pescatori (si può vedere dalla foto) sono disposti ad affrontare qualsiasi pericolo pur di salvaguardare il loro mezzo, sola fonte di sopravvivenza. Si aspetta la tragedia per individuare, successivamente, i responsabili?

PB