Lutto


Questo pomeriggio a Palermo, in ospedale, all’età di 88 anni, e morto dopo una lunga malattia,  Agostino (Nuccio) Caserta.
Ai familiari le più sentite condoglianze

^^^^^^^^^^^

CONDOGLIANZE

Dalla California Rosanna Giorgi

Addio mio bel amico. Hai avuto un cuore d’oro e ha condiviso con me la bellezza della tua isola. Ricorderò sempre la tua gentilezza e generosità e il tuo entusiasmo per la vita. Hai avuto un grande senso dell’umorismo e mi ha fatto ridere così tanto! La tua casa era situata in cui passavano molti turisti e sei sempre felice di aiutare chi ha bisogno di informazioni. Quelle persone hanno avuto la fortuna di averti incontrato e sono state formate amicizie durature. Sono stato uno di quelli fortunati e sarò sempre grato per quella amicizia e per rendere la mia esperienza sulla tua isola tanto più ricca. Non ti dimenticherò mai. Riposo in pace, amico mio

^^^^^^^^^^^

Da New Orleans Maria Bertucci Compagno

Tanti ricordi mi legano a Nuccio. Un buon Amico e uomo molto generoso. Se ero ad Ustica nel periodo di giugno ni conservava i primi “ficazzani”. Nuccio Riposa in Pace

^^^^^^^^^^

Dalla Germania Giovanni Picone

Grande UOMO e AMICONE con tutti , le nostre condoglianze a Familiari.Giovanni e Gaetano Picone

^^^^^^^^^^^

Dalla California Nuccio Caserta

Un caro saluto e buon viaggio a mio cugino ed omonimo Nuccio. Se tutti fossimo come te non ci sarebbero mai guerre. Ottimo lavoratore prima alla Grotta Azzurra e dopo alla Centrale Elettrica. Io e Carlo Natale lo chiamavamo ” scarpe bianche “. Di una schiettezza e semplicita’ impareggiabile, sempre sorridente, interessato e presente a tutte le attivita’ Locali. Un altro grosso  personaggio di Ustica che se ne va, beniamino dei turisti, specie stranieri, e benvoluto da tutti.

^^^^^^^^^^

Da Palermo Adolfo Patricolo

apprendo da voi la morte del carissimo NUCCIO un altro personaggio di Ustica va via, Io Giovanni Mercadante e Valeria Mammana lo ricordiamo sempre come un uomo buono e simpaticamente disponibile con tutti. Tante condoglianze da parte nostra ai familiari.

Dalla California Agostino Caserta


asd_usticaDopo due vittorie a tavolino ( la seconda in effetti e’ stata vittoria in campo con “abbandono” ) finalmente al “Mulino a Vento” e’ arrivata la prima vittoria stagionale sul campo ed e’ arrivata col botto perche’, anche se era nell’aria, era un po’ inattesa ed e’ stata conseguita con una squadra di rango. Non e’ stata una vittoria facile ma lottata fino all’ultimo dove alla fine la preparazione atletica ha fatto la differenza, ha prevalso chi era allenato meglio fisicamente e ha avuto di conseguenza piu’ lucidita’ fisica e mentale, a notarlo ed ammetterlo e’ stato anche l’allenatore della squadra ospite. Il famoso pressing, quindi, sui portatori di palla avversari, di cui si era accennato gia’ in molte occasioni, ha evidentemente a poco a poco stroncato gli avversari ed ha messo le redini del gioco in mano alla squadra usticese che ha tramutato la superiorita’ territoriale in gol confortata da un attacco preciso, cinico e concentrato.

Ci sono stati dei commenti e il soggetto, anche se non riveste carattere di urgenza e’ interessante e di attualita’: Il presente Complesso Sportivo fu ideato e “progettato” nel 1972 al Piano dei Cardoni sottovia nella zona casa Militello – terra Gambino ma in seguito i piani cambiarono e fu costruito dove e’ attualmente. La localita’ cambio’ ma non l’appellativo. L’attuale Complesso in effetti e’ all’inizio di Contrada S.Paolo e precisamente in Zona Mulino a Vento e i toponimi fin qui usati rappresentano solamente l’indirizzo o la localita’. La domanda e’ : continuare ad usare il nome della localita’ o cominciare a pensare di dare al Complesso un nome ? Non “vedo” nessun usticese, dedicarlo a non usticesi sarebbe fuori luogo. Rimangono i nomi astratti : Mediterraneo, Osteodes, Ustum, Faraglione ( villaggio preistorico ), Tartaruga ( dalla forma dell’isola ) Stella Maris, Veterani ( che onorerebbe tutti quelli che ad Ustica hanno e continueranno a giocare al calcio ) ecc..ecc..Pero’ alcuni Stadi, come ad esempio, quello di Milano e di Palermo, per un intero secolo furono identificati con il nome della localita’ : “San Siro” e “Favorita”, quindi praticamente fino a quando non sara’ dato un nome a questo Complesso Sportivo continueremo a chiamarlo ” Mulino a Vento “.

La partita con il Godrano non sara’ facile e dovrebbe essere considerata come una partita come tutte le altre che si gioca per fare risultato ma deve essere affrontata con massima concentrazione in tutti i settori; sicuramente lo fara’ il Godrano che in lotta per la promozione vuole recuperare terreno dopo la strana partita di domenica scorsa con il Makella caratterizzata da “getto della spugna”, per protesta contro l’arbitro, protesta rumorosa, ma… senza punti. Alcuni ancora non hanno capito che in terza categoria gli arbitri sono giovani e con poca esperienza, questo e’ “quello che passa il Governo ” prendere o lasciare….o andare a trovarsi un’altro passatempo. E il lato positivo esiste anche qui : gli errori arbitrali alla fine si livellano.

L’ Asd Ustica dal canto suo ha una partita da recuperare, c’e qualcuno che pensa alla possibilita’ di acciuffare in classifica o addirittura superare l’Atletico Giardinello ?

Nella partita di andata ad Ustica arrivo’ un foltissimo gruppo di sostenitori del Godrano incluso il Sindaco, ora siamo in primavera e c’e’ la possibilita’ per gli usticesi, prima che cominci il furibondo lavoro estivo, di uscire dal guscio per una giornata, restituire con una bella gita a Godrano la visita e cogliere l’occasione per incoraggiare la loro squadra che ultimamente sta viaggiando come un treno, o meglio.. a velocita’ di crociera e con il vento in poppa.

 

Dalla California Agostino Caserta


asd_usticaDopo due vittorie a tavolino ( la seconda in effetti e’ stata vittoria in campo con “abbandono” ) finalmente al “Mulino a Vento” e’ arrivata la prima vittoria stagionale sul campo ed e’ arrivata col botto perche’, anche se era nell’aria, era un po’ inattesa ed e’ stata conseguita con una squadra di rango. Non e’ stata una vittoria facile ma lottata fino all’ultimo dove alla fine la preparazione atletica ha fatto la differenza, ha prevalso chi era allenato meglio fisicamente e ha avuto di conseguenza piu’ lucidita’ fisica e mentale, a notarlo ed ammetterlo e’ stato anche l’allenatore della squadra ospite. Il famoso pressing, quindi, sui portatori di palla avversari, di cui si era accennato gia’ in molte occasioni, ha evidentemente a poco a poco stroncato gli avversari ed ha messo le redini del gioco in mano alla squadra usticese che ha tramutato la superiorita’ territoriale in gol confortata da un attacco preciso, cinico e concentrato.

Ci sono stati dei commenti e il soggetto, anche se non riveste carattere di urgenza e’ interessante e di attualita’: Il presente Complesso Sportivo fu ideato e “progettato” nel 1972 al Piano dei Cardoni sottovia nella zona casa Militello – terra Gambino ma in seguito i piani cambiarono e fu costruito dove e’ attualmente. La localita’ cambio’ ma non l’appellativo. L’attuale Complesso in effetti e’ all’inizio di Contrada S.Paolo e precisamente in Zona Mulino a Vento e i toponimi fin qui usati rappresentano solamente l’indirizzo o la localita’. La domanda e’ : continuare ad usare il nome della localita’ o cominciare a pensare di dare al Complesso un nome ? Non “vedo” nessun usticese, dedicarlo a non usticesi sarebbe fuori luogo. Rimangono i nomi astratti : Mediterraneo, Osteodes, Ustum, Faraglione ( villaggio preistorico ), Tartaruga ( dalla forma dell’isola ) Stella Maris, Veterani ( che onorerebbe tutti quelli che ad Ustica hanno e continueranno a giocare al calcio ) ecc..ecc..Pero’ alcuni Stadi, come ad esempio, quello di Milano e di Palermo, per un intero secolo furono identificati con il nome della localita’ : “San Siro” e “Favorita”, quindi praticamente fino a quando non sara’ dato un nome a questo Complesso Sportivo continueremo a chiamarlo ” Mulino a Vento “.

La partita con il Godrano non sara’ facile e dovrebbe essere considerata come una partita come tutte le altre che si gioca per fare risultato ma deve essere affrontata con massima concentrazione in tutti i settori; sicuramente lo fara’ il Godrano che in lotta per la promozione vuole recuperare terreno dopo la strana partita di domenica scorsa con il Makella caratterizzata da “getto della spugna”, per protesta contro l’arbitro, protesta rumorosa, ma… senza punti. Alcuni ancora non hanno capito che in terza categoria gli arbitri sono giovani e con poca esperienza, questo e’ “quello che passa il Governo ” prendere o lasciare….o andare a trovarsi un’altro passatempo. E il lato positivo esiste anche qui : gli errori arbitrali alla fine si livellano.

L’ Asd Ustica dal canto suo ha una partita da recuperare, c’e qualcuno che pensa alla possibilita’ di acciuffare in classifica o addirittura superare l’Atletico Giardinello ?

Nella partita di andata ad Ustica arrivo’ un foltissimo gruppo di sostenitori del Godrano incluso il Sindaco, ora siamo in primavera e c’e’ la possibilita’ per gli usticesi, prima che cominci il furibondo lavoro estivo, di uscire dal guscio per una giornata, restituire con una bella gita a Godrano la visita e cogliere l’occasione per incoraggiare la loro squadra che ultimamente sta viaggiando come un treno, o meglio.. a velocita’ di crociera e con il vento in poppa.

 

 

Dalla California Agostino Caserta


asd_usticaLe cinque partite rimanenti verso la conclusione del torneo, a cominciare dalla prossima con la simpatica squadra ‘Europa Montelepre che all’andata rimase un po’ scioccata dalla cordiale accoglienza ricevuta, per l’Asd Ustica saranno disputate tutte con squadre coinvolte nel giro promozione o/e play-off per cui la squadra isolana si trovera’ a fare un po’ da catalizzatore. Il potenziale, i presupposti e la voglia per qualche ” sorpresa ” positiva nei risultati esiste ma anche se non si dovesse materializzare non cambiera’ i programmi della squadra che sono di continuare a migliorarsi a tutti i livelli e soprattutto a consolidare la prima grossa vittoria ottenuta quest’anno e cioe’ essere fra le squadre piu’ corrette e benvolute del torneo il che ha gia’ fruttato un invito da parte della Federazione a prendere parte ad un “quadrangolare” nel mese di giugno con altre squadre di rango.

Molto spesso leggiamo su questo sito di lamentele da parte di usticesi sulla quantita’ di turisti che a poco a poco negli ultimi decenni e’ diminuita in maniera quasi allarmante. Qualcuno parla di crisi, di attrezzature portuali, qualche altro di attitudine, altri di piccole imperfezioni o disservizi qua’ e la, ma il fatto sorprendente, pare di avere capito, e’ che non si riesce ad individuare la ragione che io penso sia responsabile almeno dell’80% di questo calo turistico. Abbiamo mai pensato seriamente al “danno all’immagine della nostra isola” causato dai media in seguito alla caduta dell’aereo dell’Itavia il 20/6/1980 e cioe’ 31 anni fa ?

Il nome Ustica, purtroppo, a tutt’oggi, viene associato non solo con la tragedia ma con alcune conseguenze e cioe’ : inadempienza, mistero, intrighi, irregolarita’, mancanza di trasparenza ecc..ecc….

Quell’aereo e quell’incidente non hanno niente a che fare con Ustica, per come diceva il Sindaco Messina in una occasione che non ricordo, il quale ha “visto” l’incidente dal “nostro punto di vista” e non quello dei giornalisti, non e’ caduto ne’ ad Ustica ne’ nelle sue vicinanze, l’ultima volta di cui si ebbe notizia dell’aereo era nei pressi delle coste Campane, il giorno dell’incidente era in corso ad Ustica la Rassegna delle Attivita’ Subacquee e l’isola ospitava mezzi e uomini della Marina Militare nonche’ giornalisti i quali prendendo una scorciatoia anzicche’ menzionare paralleli e meridiani del luogo dell’incidente cominciarono a “battezzare” l’incidente come la “strage di Ustica” che, purtroppo, e’ diventata anche la “tragedia” ( del turismo e immagine ) per gli usticesi.

Qui non si parla di colpevoli ma di responsabili. I media tutti sono responsabili per avere con troppa leggerezza, e all’inizio per la premura di ” dare la notizia ” contribuito a “danneggiare l’immagine ( turistica e non ) della nostra isola” per un periodo ormai troppo lungo e cioe’ per ben 31 anni . Non so se e’ fattibile ma so che fa senso ed esistono precedenti : I rotocalchi, quotidiani, riviste,TV ecc… vengono denunziati per diffamazioni, calunnie, insinuazioni,danno all’immagine ecc…. La Citta’ di Ustica potrebbe benissimo, visti i danni d’immagine subiti, denunziare tutti i media e chiedere risarcimento monetario per i danni per 31 anni di pubblicita’ negativa.

Per la squadra usticese tre risultati utili consecutivi che hanno fruttato i primi ( cinque ) punti del girone di ritorno per quest’anno, sono un record, segno questo che si stanno facendo considerevoli passi avanti e i risultati cominciano a venire; con il Piana la difesa era riuscita a difendere il risultato fuori casa perche’ la concentrazione era rimasta fino alla fine, ma nella partita con lo Sparta sul punteggio a favore di 4-1 ci siamo rammolliti a causa di distrazioni mentali : magari qualcuno pensava di avere gia’ vinto o addirittura qualche altro immaginava di accarezzare l’idea di potere restituire allo Sparta il 9-1 dell’andata, con questi errori di approccio dal reale si sconfina nel surreale e la conseguenza naturale e’ che si paga il prezzo. Comunque l’attacco si e’ risvegliato e la partita, abbastanza entusiasmante, abbinata a quella d’andata ha sancito un’altro record stagionale : la bellezza di 18 gol ! E per completare la sfilza di fatti positivi si nota che dalla classifica dell’Asd Ustica rimanevano da cancellare due zeri, uno per la prima vittoria al ” Mulino a Vento ” e l’altro per il primo pareggio in trasferta e sono stati entrambi cancellati ! E’ chiaro che e’ normale nel futuro aspettarsi qualche cambiamento, ma fino ad ora : ” Missione Compiuta ” .

 

 

 

 

Dalla California Agostino “Kaserta”


Vediamo con piacere che fra i recenti provvedimenti Amministrativi elencati su Usticasape il Comune annovera :

” Partecipazione al bando di cui al bando del Ministero Interni 2007.2008, obiettivo operativo 2.8, “diffondere cultura legalità” con il quale si è chiesta la realizzazione di una palestra coperta da realizzarsi nella zona Mulino a Vento “.

Fantastica notizia per gli sportivi e non, gli usticesi hanno proprio bisogno di una palestra coperta come ne hanno bisogno gli anziani o qualsiasi cittadino per scopi ricreativi, di riabilitazione o terapeutici. A questo punto, Sindaco, rimane da includere solo la ( auspicata insieme alla palestra ) piscina coperta, se la fate ci trasferiamo tutti ad Ustica…Questo provvedimento, in ogni modo, e’ motivo di grande soddisfazione personale per me e Pietro Bertucci ( su Usticasape ne avevamo accennato molte volte ). Al giorno d’oggi ,infatti, essere coinvolti in competizioni sportive, anche se solo a livello dilettantistico e non avere la possibilita’ di andare in Palestra per allenamenti specifici e’ un po’ come andare a “legna senza corda” .

Non c’e’ dubbio, inoltre, che I Campi di Calcio attrezzati bene possono essere usati o affittati, per manifestazioni, spettacoli, concerti ecc.. e non bisogna escludere la possibilita’ che con un Complesso Sportivo attrezzaro di tutto punto possano venire a svernare o in ritiro anche squadre di professionisti che attirebbero turismo : un buon investimento.

Nella nostra isola questa e’ una settimana da ” calcio d’inizio ” del turismo stagione 2011, piena di preparativi alla ” sabato del villaggio “, di attivita’ sportive terrestri, aeree e subacquee, di seminari, dimostrazioni, di visitatori da ogni parte, di tutte le eta’, di tutti i sessi e di single che cercano altri single.:

Natale con i tuoi..”, “Ustica Dreams (al Carpe Diem) con chi puoi… ”

Dalle foto scattate durante le partite di calcio, purtroppo, si deve dire, fra il pubblico, non si sono mai visti bambini e ragazzini. Ai nostri tempi quando si giocavano le partite al “mulino a Vento” o durante gli allenamenti il campo era sempre pieno di bambini che si organizzavano negli spazi liberi con le loro partite, e che partite !! duravano pomeriggi interi….Ora ci sono i Campi Sportivi che saranno ampliati e migliorati e fra qualche anno ci sara’ anche la palestra, e speriamo la piscina, ma, purtroppo, non si sa di preciso cosa bisogna fare per fare riscoprire ai giovanissimi locali di oggi l’interesse per lo sport attivo e il calcio giocato contro quello virtuale guardato in TV o nei video station. Proviamo di svegliarli dal torpore usando il loro linguaggio giovanile, potrebbe funzionare.:

Attencion pliss ( inglese sputtanated del Basso Tirreno-bacino alta Sicilia ), tutti i bambini e ragazzini, di ambe2 i sexi, abbandonate telecomando e playstation x un’ora e 1/2, e andate a vedere le partite al “Moulin ‘a Vent” dove cmnq riceverete trattamenti speciali xke’ giocando al kalcio in persona si diventa – deboli e kuindi + forti – 🙂 , ( ^ – ^ ), XXX.

Agostino Kaserta Kalifornia

 

 

 

Dalla California – Commento Agostino Caserta


[ id=5759 w=320 h=240 float=left]Come si vede lo spumante era pronto ed e’ stato stappato, a suon di gol !! Bella partita, entusiasmante e piena di emozioni con un primo tempo magistrale, dominio territoriale, intesa fra i reparti e buone individualità, il divertimento comincia ora; ma montarsi la testa o cullarsi sarebbe un errore. Bisogna provare a fare bene quest’ anno e trarre il massimo vantaggio dalle esperienze acquisite durante il percorso di questo campionato in modo che l’anno venturo si potrà mirare a posizioni medio-alte di classifica

Ogni domenica in formazione c’e’ un’ avvicendamento di giovani, significa che sono tutti meritevoli e vengono usati a seconda delle necessità che la partita richiede; nella rosa, non c’e’ dubbio, c’e’ un ottimo potenziale e l’inserimento dei veterani, secondo me, e’ sempre importante ed essenziale fino a quando la squadra non potrà volare con le proprie ali. Finalmente si e’ visto un gruppo che in campo e’ stato aggressivo concentrato e determinato. Queste condizioni sono importanti, basilari ed essenziali per il successo, infatti guardando le sequenze dei gol si nota che sullo 0-3 la squadra si e’ un po’ rilassata e distratta e allora, buum !! in due minuti sono venuti fuori due gol del Parrocchia San G. Battista che hanno riportato il risultato in bilico sul 2-3, ma fortunatamente al momento opportuno Mignano non ha fallito il rigore e il punteggio di 2-4 ha virtualmente messo il risultato in frigorifero.

La prossima partita che sarà disputata al ” Mulino a Vento ” vedrà di fronte un avversario molto competitivo, sarà una sfida importante, per misurarsi e provare di prevalere contro antagonisti con velleità di classifica e il folto gruppo di spettatori che accorrerà in massa sugli spalti sarà ancora una volta il dodicesimo uomo in campo . Buone Feste per tutti .

Da Palermo Mario Oddo


[ id=1854 w=320 h=240 float=left]Nuccio, bella quella ricostruzione che hai fatto della “band” che allietava la piazza nelle sere d’estate; per completezza mi piace ricordare che in quei gradini del salone Favaloro, “quartier generale” come fedelmente lo definisci tu, di un trio faceva parte Giovanni Favaloro alla chitarra, Giovanni Martucci alla fisarmonica ed il sottoscritto “al tamburello” messo a disposizione dai Favaloro. Bei ricordi … Con l’occasione Buona Pasqua per te e Famiglia e speriamo di poter ritornare a parlare insieme di “come eravamo” al più presto ma di presenza…

Un abbraccio, Mario Oddo

Dalla California Nuccio Caserta

Caro Pietro,

grazie ancora per le belle foto . Wow !!!! Per chi vive fuori  le mura guardando le foto degli avvenimenti usticesi é un pò come venire ad Ustica senza viaggiare  .

Propongo lo stesso dall’altro lato così gli usticesi possono vedere i nativi che vivono altrove .

Includo qualche mia recente foto  con mia moglie che per la prima volta ha visitato  Las Vegas ,Disneyland e SeaWorld a San Diego .

Ciao Nuccio

[nggallery id=42]