Camillo e la padellata in occasione della pesca subacquea


Camillo prepara una grossa padellata
Camillo prepara una grossa padellata

Aforismi, Citazioni, Proverbi… del giorno


???????

La politica è forse l’unica professione per la quale non si ritiene necessaria alcuna preparazione.

ROBERT L. STEVENSON

Tradizionale preparazione pasta e ceci per condividerla con i presenti


Ustica, premiazione per la preparazione di piatti nel rispetto della cucina locale.


premiazione per la preparazione di piatti nel rispetto della cucina locale.
Ustica, premiazione per la preparazione di piatti nel rispetto della cucina locale.

^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Franca (hotel Diana)

Qualcuno ricorda in che anno si è svolta questa manifestazione? Grazie

Ustica, come si prepara un’aia


Come si prepara un'aia
Come si prepara un’aia

Preparazione di una gustosissima porchettta


Preparazione di una gustosissima porchettta
Preparazione di una gustosissima porchettta

Preparazione e assaggio sfinci


 -friggere sfinci
-friggere sfinci
sfinci pronti per l'assaggio
sfinci pronti per l’assaggio

Preparazione e selezione origano per la conservazione


Preparazione e selezione origano
Preparazione e selezione origano

Scuola di dolci usticesi a New Orleans – oggi tiramisù e domani cassatelle

COMMENTO

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

MARIA, i would love the terrimisu !!! I have your recipe and love it. God Bless, Marlene

 Scuola di dolci usticesi a New Orleans
Scuola di dolci usticesi a New Orleans

Preparazione mostra – vini e legumi di Ustica


 Preparazione mostra

Primo primio preparazione piatto tipico usticese


Primo primio preparazione piatto tipico usticese

Preparazione marmellata di more


All'Art.5 del Decreto Legislativo, si parla inoltre di Accesso Civico. Cos'è? Come spiega la Circolare n.2-2013-d.lgs. n.33 del 2013 della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Ministro Gianpiero D'alia per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione), "Con l'Accesso Civico chiunque ha il "potere" di controllare democraticamente la conformità dell'attività dell'amministrazione determinando anche una maggiore responsabilizzazione di coloro che ricoprono ruoli strategici all'interno dell'amministrazione, soprattutto nelle aree più sensibili al rischio corruzione […]". Ognuno di noi, in caso di mancata pubblicazione da parte di una Pubblica Amministrazione di queste informazioni ha il diritto di richiederle e questa richiesta non è sottoposta ad alcuna limitazione - ovvero non deve essere motivata e non può quindi essere respinta! - è gratuita e va presentata al Responsabile della Trasparenza dell'amministrazione che si pronuncia sulla stessa. Per il Comune di Arese, il Responsabile della Trasparenza è il Dott. Paolo Pepe (http://www.comune.arese.mi.it/pubblicazioni/Procedimenti/Procedimenti_dettaglio.asp?ID=50&ID_M=135) ed è quindi a lui che occorre indirizzare questa richiesta. L'amministrazione deve quindi rispondere entro 30 giorni, procedere alla pubblicazione sul sito del Comune dei documenti richiesti e trasmettere contestualmente il link a chi ne ha fatto richiesta. Queste informazioni devono essere inserite - nel caso dei Comuni - nel sito apposito in una sezione chiamata "Amministrazione Trasparente" e devono essere archiviate pubblicamente una volta che siano diventate obsolete così che qualsiasi cittadino possa andare a verificare - ad esempio - se sia cambiato il reddito o la situazione patrimoniale di un amministratore prima, durante e dopo il mandato.   Nell'Art. 14 si fa riferimento ai dati che vengono richiesti a titolari di incarichi politici di carattere elettivo o comunque di esercizio di poteri di indirizzo politico (per i Comuni si tratta già di Sindaco, Assessori e Consiglieri). Al comma f) si fa riferimento alle dichiarazioni all'Art. 2 della Legge n.441 del 5 Luglio 1982 che cita esplicitamente copia dell'ultima dichiarazione dei redditi soggetti all'imposta sui redditi delle persone fisiche. Le Pubbliche Amministrazioni pubblicano questi dati entro tre mesi dal conferimento dell'incarico e per i tre anni successivi alla cessazione dell'incarico. L'ANAC - Autorità Nazionale AntiCorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche - è l'organo a cui arrivano le domande di chiarimento e che ha, di recente, deliberato a proposito di quali informazioni occorra presentare (strano: sembravano chiare!) e quali siano le sanzioni per la violazione degli specifici obblighi di trasparenza (Art. 47 del D.Lgs 33/2013). La CIVIT (Commissione per la valutazione, l'integrità e la trasparenza delle Pubbliche Amministrazioni http://www.civit.it/) è la Commissione che, anche in qualità di Autorità nazionale anti-corruzione, controlla l'esatto adempimento degli obblighi di pubblicazione e l'operato dei responsabili per la trasparenza. Citiamo parte della Delibera 66/2013 che dice: "L’art. 14, comma 1 del d.lgs. n. 33/2013 dispone la pubblicazione di dati e informazioni concernenti i componenti degli organi di indirizzo politico. In particolare la lett. f) prevede la pubblicazione dei dati relativi alla situazione patrimoniale complessiva dei titolari di incarichi politici al momento dell’assunzione in carica, la titolarità di imprese, le partecipazioni azionarie proprie, del coniuge e dei parenti entro il secondo grado, e la lettera c) primo periodo, tutti i compensi cui dà diritto l’assunzione della carica. Ne consegue che i titolari di incarichi politici, di carattere elettivo o comunque di poteri di indirizzo politico sono tenuti a comunicare i suddetti dati al Responsabile della trasparenza, o ad altro soggetto individuato dal Programma triennale per la trasparenza e l’integrità o da altra disposizione anche regolamentare interna a ciascuna amministrazione. Essi sono tenuti, altresì, a comunicare i dati e le informazioni riguardanti la situazione patrimoniale e reddituale del coniuge non separato e dei parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano e a dichiarare i casi di mancato consenso del coniuge e dei parenti entro il secondo grado di cui l’amministrazione deve dare evidenza sul proprio sito web." Le sanzioni previste? "L’articolo 47 del d.lgs. n. 33/2013 prevede l’irrogazione di sanzioni specifiche per la violazione degli obblighi di comunicazione e pubblicazione sopra illustrati. Le sanzioni previste dal legislatore presentano diversa natura. Sono infatti disposte: - sanzioni amministrative pecuniarie sia nei confronti dei soggetti tenuti a comunicare i dati previsti dall’art. 14 e dall’art. 47, c. 2, secondo periodo, che nei confronti dei soggetti tenuti a pubblicare i dati di cui all’art. 22, c. 2; - sanzioni per la violazioni degli obblighi di trasparenza (trasmissione e/o pubblicazione dei dati) del d.lgs. n. 33/2013, previste dagli artt. 45 e 46 del medesimo decreto, che attengono i profili disciplinari e della valutazione della responsabilità dirigenziale, con eventuale causa di responsabilità per danno all’immagine dell’amministrazione e valutazione dell’inadempimento anche ai fini della corresponsione della retribuzione di risultato e del trattamento accessorio collegato alla performance individuale dei responsabili. A queste sanzioni si aggiungono le seguenti misure ulteriori: - con riferimento alla violazione degli obblighi di cui all’art. 14, la pubblicazione, da parte di CIVIT, dei nominativi dei soggetti interessati per i quali non si è proceduto alla pubblicazione dei dati previsti dal medesimo articolo e, da parte dell’amministrazione o dell’organismo interessato, la pubblicazione del provvedimento sanzionatorio irrogato a carico del responsabile della mancata comunicazione dei dati di cui all’art. 14; - per la mancata o incompleta pubblicazione degli obblighi previsti dall’art. 22, c. 2, il divieto di erogare somme a qualsiasi titolo in favore degli enti pubblici vigilati, degli enti di diritto privato in controllo pubblico, delle società partecipate. Nello specifico, per le informazioni e i dati concernenti la situazione patrimoniale complessiva del titolare dell’incarico al momento dell’assunzione in carica, la titolarità di imprese, le partecipazioni azionarie proprie, del coniuge e dei parenti entro il secondo grado (art. 14, c. 1, lett. f), nonché per tutti i compensi cui dà diritto l’assunzione della carica (art. 14, c. 1, lett. c), primo periodo, il legislatore dispone, in caso di mancata o incompleta comunicazione, l’irrogazione, a carico del responsabile della mancata comunicazione, di una sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 10.000 euro e la pubblicazione del provvedimento sanzionatorio sul sito internet dell’amministrazione o dell’organismo interessato." **** Il giorno 3 Novembre abbiamo chiesto, uno con email normale all'indirizzo email del protocollo di Arese (protocollo@comune.arese.mi.it) e l'altro con PEC all'indirizzo PEC dello stesso protocollo (p.e.c. protocollo@cert.comune.arese.mi.it) l'accesso civico a tutti i dati relativi a Sindaco, Assessori e Consiglieri Comunali poiché il sito del Comune di Arese non ha ancora presentato pubblicamente la sezione apposita con codesti dati. D'altronde, il Verbale di Deliberazione Commissariale numero 63 del 04.04.2013 prevedeva proprio all'Art. 2 comma 1 di presentare - da parte di Sindaco, Assessori e Consiglieri Comunali - dichiarazione con reddito annuale come dall'ultima dichiarazione dei redditi, beni immobili e mobili posseduti, partecipazioni in società quotate e non quotate, investimenti in titoli e fondi. Gli amministratori - comma 2 - sono tenuti a presentare questi dati entro 30 giorni dalla convalida degli eletti o dall'accettazione della nomina. All'Art. 3 comma 4 si legge che il prospetto riepilogativo deve essere pubblicato sul Sito del Comune all'interno della sezione "Trasparenza, Valore e Merito" ed è direttamente accessibile da chiunque. Visto che possiamo cercare la sezione "Trasparenza, Valore e Merito" quanto vogliamo sul sito del Comune di Arese senza trovarla, né trovare questi dati, ci chiediamo dove sia la Trasparenza tanto lodata e ricercata prima delle elezioni e chiediamo che siano soddisfatte le nostre richieste e osservati i nostri diritti.

Preparazione uncino di acciaio per grossi pesci


[ id=22220 w=320 h=240 float=center]

Preparazione festeggiamenti occasione arrivo italo americani


[ id=21844 w=320 h=240 float=center]

Preparazione elezioni amministrative – Dicembre 1984


[ id=19651 w=320 h=240 float=center]

La signora Maria Favaloro in Taranto prepara il formaggio fresco fatto in casa


[ id=19196 w=320 h=240 float=center]

Preparazione saporitissima salsa di pomodoro di zio Giovanni Basile


[ id=19008 w=320 h=240 float=center]

L’Associazione VusitUstica Ringrazia


[ id=18631 w=320 h=240 float=left]L’Associazione degli operatori turistici di Ustica VisitUstica.it ha ideato e realizzato a proprie spese per ospiti dell’isola un spettacolo di pregio e di grande effetto scenico oltre che di valenza culturale, Illumina un Desiderio.

In una notte di luna calante con un cielo pieno di stelle il centro storico delle Case Vecchie è stato teatro di un evento unico per Ustica: lungo le stradine medievali illuminate da 4000 candele, creando un’atmosfera romantica ed emozionante, artisti di strada incantavano bambini e genitori mentre il complesso In Taberna, in costumi d’epoca, diffondevano musiche medioevali; artigiani lavorano panieri e ferro battuto, volontari offrivano i dolci tradizionali locali, giggi e sfince, granite di frutta di stagione e passito usticese; banchetti ricchi di prodotti locali attraevano clienti interessati mentre gruppi di adulti e ragazzi del Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica raccontano episodi di storia locale, favole del Boccaccio, episodi della guerra di corsa, attacchi di corsari e battaglie navali, offrendo, nel contempo, una mostra documentaria nella vecchia chiesa settecentesca eretta sulle vestigia del Convento benedettino del XIII secolo, ed aperta al pubblico dopo 250° anni. Il Castello della Falconiera, anch’esso illuminato con torce e candele, arricchiva il panorama suggerendo suggestioni ed emozioni.

700 persone, turisti e residenti, incantati e sorpresi si sono immerse da protagonisti in un mondo lontano nel tempo, tutto gustando e partecipando ai canti ed alle attività didattiche.

Una serata da non dimenticare, ideata da VisitUstica.it e resa possibile grazie all’apporto generoso di Fosca, Papero, Linda, Cinzia, Gaetano per la logistica, della zia Lia, nonna Elena, Rosetta, Carmela, Benedetta, Teresa e Pino che hanno curato le degustazioni, dalle più piccole volontarie dell’associazione Giulia, Sara, Giuliana, Adriana, Laura, Lavinia: oltre un centinaio di volontari che si sono prodigati con entusiasmo, a cui va aggiunta la collaborazione dell’Amministrazione Comunale, il personale del corpo di polizia municipale e, per il supporto logistico, dell’Ustica Lines come sempre vicina.

Il presidente
Elisabetta Iorio

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Ottimo lavoro, davvero complimenti. Il Castello della Falconiera e’ un altro gioiello, come la Torre S. Maria che sono uno spettacolo e andrebbero sempre ” Illuminati”. Dopo avere letto le lamentele di Gabriella Bertacci e altri per il traffico infernale di Via Randaccio ( e non solo ), le avventure del cane Ernesto e viste foto con macchine parcheggiate dappertutto in Piazza e nelle strade al punto che non si puo’ uscire da casa propria cosa che succedeva ogni mattina a casa mia in Via S. Francesco e dopo avere visto ( nelle foto di Usticasape ) lo spettacolo del Borgo Medioevale ” Case Vecchie ” il desiderio di tanti usticesi che spero sia illuminato e’ quello di vedere realizzati SVINCOLO, PARCHEGGIO, ABOLIZIONE MACCHINE A BENZINA SOSTITUITE DA MACCHINE ELETTRICHE ( Lo fanno in tutte le isole della California, isole con 5 mila abitanti…..la California e’ la punta della spada USA in fatto di innovazioni e progresso potrebbe esserlo anche ustica …). Se almeno uno di questi 3 desideri potra’ essere davvero ” illuminato ” sara’ davvero tutto diverso a vantaggio di tutti e anche del Turismo……. P.S. Una piccola nota : Oltre al Borgo “Case Vecchie” ad Ustica abbiamo un’altro “Borgo” con stradelle piccole spettacolari stile Mediovale che magari e’ piu’ piccolino delle “Case Vecchie” ma merita attenzione e’ vicino la Piazza, con vista Mare e Porto, e’ tutto da ” illuminare “, e diventa un tutt’uno attraverso la scalinata, con la Piazza Carpe Diem. Mi riferisco al Borgo S. Francesco, anticamente detto : ” ‘U buigu ”

 

Bambine – preparazione colonia estiva


 

[ id=18491 w=320 h=240 float=center]

 

 

Preparazione sfilata


[ id=18280 w=320 h=240 float=center]