Comune di Ustica, proposta di deliberazione su ruolo acqua anno 2017


Download (PDF, 974KB)

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Giovanni Martucci

A proposito della proposta di deliberazione sul ruolo acqua – anno 2017 – Desidererei fare qualche domanda. Perché non specificare sulle bollette di notifica, a caratteri chiari, se l’utente è residente o non residente? Perché il costo dell’acqua di una utenza non residente è maggiore di una utenza residente ? Forse perché l’acqua erogata all’abitazione non residente è di qualità migliore ? E allora a cosa serve il contatore ?

Ustica Trasporti: l’uovo di Colombo…


 

 

Ex Candidato Sindaco

 

COLLEGAMENTI MARITTIMI:  ancora dopo 1 anno ci ritroviamo a ri-discutere sugli orari dei collegamenti tra Ustica e Palermo.

La manifesta incapacità di chi ci amministra è palese allorquando si cerca con i “dieci minuti in più o in meno” sulla tabella oraria  di far quadrare il cerchio.

Oramai i danni sono fatti ed il problema diventa di difficile soluzione per quello che sia ha a disposizione: sicuramente non si potrà accontentare tutti, si possono solo lenire i disagi al minimo ma certamente non è con quello che l’amministrazione ha richiesto che ciò potrà avvenire.

“La coperta corta” è notorio che lascia sempre una parte scoperta !

La presa in giro di “garantire” alcuni servizi sociali facendo figurare sulla carta determinati orari piuttosto che, in maniera coscienziosa, affrontare il problema sapendo che ciò che viene previsto non sarà certamente mantenuto, è un modo scorretto di affrontare il problema.

Il problema c’è e purtroppo rimane.

La partenza dell’aliscafo da Palermo alle Continua a leggere “Ustica Trasporti: l’uovo di Colombo…”

Una proposta che al Sindaco di Ustica si chiede di valutare attentamente.


Innanzitutto rinnovo gli auguri di un sereno 2018 a tutti, particolarmente ai lettori di <Usticasape>, blog attraverso il quale seguo e commento ormai da tempo le vicende usticesi ed è appunto in queste veste di vecchio osservatore esterno delle varie vicende isolane che mi appresto ad esordire nel nuovo anno con l’intervento che segue strettamente legato ad un tema di strettissima attualità. In questa enorme piazza mediatica che è facebook, dove ormai prima o poi ci si vede tutti ,mi è capitato di “incontrare” Salvatore Tranchina il quale, a mio giudizio (sicuramente non unico), ha lanciato una proposta che ritengo meritevole quantomeno di essere presa in seria considerazione dagli Amministratori comunali di Ustica, in primis dal Sindaco Attilio Licciardi cui spetterebbe eventualmente il compito di creare le condizioni operative per la realizzazione. Nell’anno da poco entrato, come sappiamo, il popolo italiano sarà chiamato ad una consultazione elettorale nazionale che si svolgerà domenica 4 Marzo p.v.; sappiamo pure che a distanza di appena due mesi, a Maggio, ad un ritorno alle urne a Ustica saranno ancora chiamati gli aventi diritto al voto che dovranno scegliere gli Amministratori che subentreranno agli attuali in scadenza di mandato a quinquennio esaurito. A questo punto, propone il Tranchina, perchè non accorpare le elezioni locali a quelle nazionali del 4 Marzo?; sia pure in misura molto ma molto più ridotta si eviterebbe di rimettere in moto una “macchina” organizzativa elettorale a distanza di appena sessanta giorni con costi che si potrebbero benissimo risparmiare. Aggiungo io due considerazioni condivisibili o meno: – prima, l’Amministrazione comunale che uscirà dalle urne insediandosi ufficialmente non più a metà Giugno ma prima avrà più tempo ad organizzare, tra il notevole altro, il fondamentale programma di eventi estivi cosa che in passato all’esordio è avvenuta con una certa difficoltà per via dei tempi “azziccati” (strettissimi); – seconda, alla competizione elettorale calendarizzata a Maggio questa volta farebbe inevitabilmente perdere il fascino della “suspance”, dell’incertezza su vincitori e vinti; basterà infatti leggere attentamente come in fatto di preferenze ai partiti si sono orientati gli usticesi in occasione della consultazione nazionale di Marzo per avere infallibilmente in anteprima assoluta  il quadro di quale sarà il risultato che in linea di massima non potrà non risultare replicato a livello locale in quanto sono inimmaginabili variazioni sostanziali di voto a così breve distanza di tempo. Sbaglio?. Il tutto però è legato ad una unica condizione, quella che il Sindaco in carica, in considerazione della finalità chiaramente “benefica”, voglia “sua sponte” opportunamente anticipare mediante dimissioni  la fine del mandato poco prima della naturale scadenza ovviamente se nulla osta in materia strettamente procedurale. Raccolgo quindi da Salvatore Tranchina e giro per competenza la proposta al Sindaco di Ustica; ne invoco la sensibilità e non senza ringraziarlo per l’attenzione che vorrà cortesemente riservarmi gli chiedo di far pervenire, pubblicamente o anche privatamente se  preferisce, le sue valutazioni sulla percorribilità o meno della proposta, avanzata tra l’altro, penso siamo tutti d’accordo nel dargliene atto, da un usticese non “pro domo sua” ma nell’evidente interesse della collettività isolana.

Mario Oddo odmar@libero.it

Proposta Convenzione Ustica servizio mediazione civile gratuito per almeno un anno


Download (PDF, 102KB)

NOTA : – L’avvocato Francesco  Menallo è a disposizione  per ogni eventuale chiarimento. 

 

Ustica – proposta scambio culturale con l’Isola di Santa Catalina in California


Questa mattina  Marilene Robershaw Manfrè e il figlio Tom, provenienti da Los Angeles (California) hanno incontrato il Sindaco di Ustica Attilio Licciardi e l’assessore Valeria Ajovalasit. La Signora Manfrè  ha proposto uno “scambio Culturale” con l’Isola di Santa Catalina . La proposta è stata accettata con piacere. 
Maggiori dettagli verranno forniti in seguito.
proposca scambio culturale, Isola, Catalina

Proposta intestazione campo di calcio dr Riccardi La Porta e Tennis a Giuseppe Giunta


comune-ustica-5COMUNE di USTICA

Al Presidente del Consiglio

E p.c. Sig assessori
Sig Segretario Comunale
UTC

OGGETTO: Richiesta inserimento ODG Consiglio Comunale: intestazione Campo di Calcio a Riccardo La Porta e Campi Tennis a Giuseppe Giunta

Gentile Sig Presidente,

Vista la condivisibile proposta del Sig Mario Oddo, volta all’intitolazione del Campo di Calcio Comunale al compianto dr Riccardo La Porta ed essendo mio desiderio, già peraltro confortato da un primo riconoscimento con delibera consiliare di qualche anno fa, valorizzare la figura del compianto Ing. Giuseppe Giunta, già responsabile dell’ufficio Isole Minori della Regione siciliana, Le sarei grato volesse valutare l’opportunità di inserire gli argomenti in oggetto all’O.D.G. del Consiglio Comunale.

Come Le è noto, le intitolazioni sono di competenza della Giunta ma in questi dieci anni trascorsi insieme ho sempre ritenuto opportuno un “ passaggio” in Consiglio, riconoscendo a questo la rappresentanza dell’intera popolazione. Per questo motivo, trattandosi di un puro atto d’indirizzo che successivamente andrebbe comunque approvato in giunta provvisto dei previsti pareri, si ha motivo di ritenere che l’argomento possa, se Ella condividesse questa mia impostazione, essere trattato direttamente in aula senza alcun altro parere.

Il Sindaco
Dr Aldo Messina

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Gaetano Nava

Al Sig. Sindaco – Ustica

al Presidente del Consiglio – Ustica

alla Giunta Comunale

ai Consiglieri comunali

Niente in contrario e nulla di personale per le citazioni in merito alla intestazione dei campi sportivi a personalità rispettabili e conosciute. Ma, secondo il mio modesto avviso, non ci sarebbe migliore occasione e cosa molto bella se, dopo tanta apprensione, volessimo ricordare i nostri due giovanissimi compaesani così tragicamente ed immaturamente scomparsi quella maledetta sera….
Il campo di solito è calpestato da giovani ragazzi e ragazze che praticando lo sport, amano divertirsi e conseguentemente amano la VITA.
Quei due Ragazzi, Fedi e Bartolo, chi sa quante volte hanno e avrebbero continuato a calpestare quel campo rincorrendo un pallone…
Questa mia ha lo scopo di innescare una riflessione su chi ha la possibilità di decidere…

Gaetano Nava

 

 

 

Proposta intestazione campo di calcio


Alla cortese attenzione dell’/degli:

Ill/mo Sig. Sindaco di Ustica .
Ill/mo Sig. Vice-Sindaco di Ustica
Ill/mi Sigg.ri Assessori comunali di Ustica, allo Sport in particolare.
Ill/mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale
di Ustica e Sigg.ri Conisiglieri tutti.

e p.c. : Sig.ra Maria Concetta Spatafora, ved. La Porta
Sito Usticasape
Sito Buongiorno Ustica
Roberto Gueli, giornalista Rai
Adolfo Fantaccini, giornalista Ansa

In tempi che ormai appaiono ragionevolmente brevi il campo sportivo con servizi annessi sarà consegnato alla fruibilità della Comunità usticese calcisticamente rappresentata dalla Società ASD Ustica partecipante al girone “A” del campionato di 3a categoria 2012/2013 ospite, com’è noto, nelle partite casalinghe di strutture palermitane, alternativa necessaria stante la perdurante indisponibilità di quella locale causa lavori al momento ancora in corso. Una volta completata e consegnata la struttura sicuramente costituirà un vanto per l’intera popolazione isolana sportiva e non. Formulo la presente per sottoporre alla vostra cortese attenzione affinchè ne valutiate la fattibilità la proposta che il campo sportivo di Ustica, quando sarà, venga intestato al fortemente compianto giornalista sportivo Riccardo La Porta popolare voce e volto della Rai al quale ero legato da reciproca stima ed amicizia. Per le sue riconosciute doti umane e professionali e sopratutto per il suo grandissimo e profondo legame con l’Isola della quale era un puntuale “residente” Riccardo La Porta meriterebbe a mio giudizio questo mirato riconoscimento. Quanti particolarmente ad Ustica lo hanno stimato, apprezzato, benvoluto; quanti sono stati a suo tempo contagiati dalla sua enorme simpatia, i tanti amici da “bar dello sport” in piazza, sono certo che avrebbero molto piacere che campo sportivo di Ustica portasse un giorno il suo nome. Ma più di tutti sarebbe sicuramente felice Lui.

Ringrazio per la serena valutazione che vorrete fare di questa mia proposta che naturalmente mi auguro andrà in porto.

Mario Oddo

^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Aldo Messina  (Sindaco)

Gentile concittadino,
la Sua richiesta appare condivisibile
Pur essendo della Giunta la competenza relativa alle intitolazioni , “da sempre” questa amministrazione ha ritenuto dovere richiedere il parere del Consiglio in quanto questo (e non la giunta) rappresenta l’intera cittadinanza.
Pertanto, nel condividere la Sua proposta, mi impegno a chiedere che l’argomento venga posto all’ODG del Consiglio Comunale.

Cordialmente
Aldo Messina

 

Da Palermo Antonio Prestifilippo 

ANCHE SE NON USTICESE CREDO CHE LA PROPOSTA DEL SIG. ODDO SIA NON DA VALUTARE MA DA ACCETTARE

Proposta “semi seria”… da prendere in considerazione…

Stupisce che una cittadina, bene informata delle”cose” di Ustica”, possa…… stupirsi e chiedersi come mai il sindaco non partecipera’ all’incontro a Palermo sulla sanita’ preferendo partecipare a USTICA all’ennesimo incontro sui trasporti per altro organizzato dal sindaco stesso in concomitanza con quello anch’esso assai importante sulla salute. La cittadina pone un po’ ingenuamente ( o provocatoriamente!) una domanda: non sarebbe stato piu’ opportuno che a PALERMO partecipasse il Sindaco e l’assessore ai trasporti a quello di USTICA nel rispetto delle rispettive competenze?
Mi nasce un dubbio: possibile che l’attenta cittadina non abbia capito che gli ASSESSORI, per il sindaco valgono quanto i birilli per il giocatore di bowling! Su e giu’, dentro oggi,, domani fuori , in modo offensivo nei riguardi di Ustica e degli Usticesi e anche delle stesse persone coinvolte.Ma i giovani che fine hanno fatto?Possibile che non esista piu’ un pizzico di SANO orgoglio usticese. Ma che trame ci sono dietro tutto questo. Cosa intendeva dire quel TALE quando parlava della ” nube tossica” sui cieli di Ustica?
Io comunque un filo di speranza lo percepisco e lo PROPONGO:
l’unico giovane di Ustica chiamato alla RESPONSABILITA’ ed esperienza di ASSESSORE e’ stato il giovane F E L I C E G I A R D I N A.
E’ stato in carica certamente piu’ di un giorno!
E’ un giovane allegro e gioviale…
Il padre grande lavoratore….
Il nonno FELICE galantuomo e saggio consigliere comunale, esperto nel valutare se le angurie erano “afatte”  (mature) e le segnava tracciando una o due striscioline con le unghia secondo la maturazione…
P E R T A N T O propongo ai miei concittadini di C A N D I D A R E  A  S I N D A C O   D I   U S T I C A   F E L I C E  G I A R D I N A
per ridare cosi’ dignita’ a Ustica e ai suoi cittadini.

Angelo Longo

 

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Mario Oddo

Cosa non si farebbe per avere in cambio un gelato gratis … !?!?!

 

 

 

 

Interessante proposta: Comuni e province, colpo di forbice agli stipendi


Costi della politica. Un disegno di legge dell´assessore Scoma prevede forti tagli agli stipendi, al numero degli assessori e alle indennità aggiuntive negli enti locali

Stipendi tagliati, meno assessori, un risparmio annuo di “qualche milione di euro”. Una vera rivoluzione per la RegioneSicilia. Approvato dalla giunta la settimana scorsa, ma reso pubblico soltanto pochi giorni fa, il disegno di legge dell’assessore agli enti locali Francesco Scoma verrà votato dall’Assemblea Regionale entro la fine dell’anno, prima del bilancio, con procedura d’urgenza. L’assessore, davanti a tanto stravolgimento, sembra quasi scusarsi: “Non si può andare avanti così, la politica non è uno stipendificio. I tagli ce li impone la finanziaria, se non ci adeguiamo rischiamo di perdere milioni di trasferimenti”. Queste le principali innovazioni contenute nel disegno di legge.

Assessori. Meno assessori per Comuni e Province. Il numero massimo, infatti, sarà di 12 assessori per i comuni con più di 500.000 abitanti. Nei comuni fino a 100.000 abitanti, invece, il numero degli assessori scende da 10 a 7, mentre neicomuni con meno di 30mila abitanti si scende da 7 a 5. Nelle amministrazioni con meno di 10.000 abitanti da 6 a 4, e in quelle con meno di 3000 abitanti, da 4 a 3.

Stipendi. Rivoluzione negli stipendi dei consiglieri comunali e provinciali. Non si potrà più optare tra gettone di presenza e indennità mensile (soluzione che preferivano quasi tutti) e si tornerà al gettone. Per evitare il proliferare di riunioni convocate al solo scopo di guadagnare il più possibile è inoltre previsto che il cumulo di gettoni non possa mai superare un quarto della remunerazione del sindaco.

Circoscrizioni. Per i consiglieri delle circoscrizioni dei comuni non capoluogo scomparirà qualsiasi retribuzione. Per quelli dei comuni capoluogo il gettone di presenza sarà pari al 40% di quello dei consiglieri comunali.

Indennità aggiuntive. Attualmente i vice presidenti dei consigli comunali e provinciali ricevono un bonus di retribuzione, la cosiddetta “indennità di funzione”. Col nuovo disegno di legge, i vice presidenti delle assemblee locali saranno pagati come tutti gli altri consiglieri.

Fonte: 90011.it
08/10/2008

 

Trasporti Isole Minori: Lombardo, proposta proroga contrattuale…


Un momento di cauta soddisfazione attraversa i sindaci di Ustica, Aldo Messina, Favignana, Lucio Antinoro , Salina e Presidente regionale ANCIM (Associazione Nazionale Comuni Isole Minori), Massimo Lo Schiavo ed il Commissario di Pantelleria Giuseppe Piazza che sono stati ricevuti, dopo giorni di lotta in difesa delle linee navali di collegamento, dal Presidente della Regione Siciliana, On. Raffaele Lombardo.

La proposta presentata dall’On Lombardo, alla presenza dell’ufficio di presidenza della Commissione Attività Produttive della Regione, Onorevoli Salvino Caputo, Pino Apprendi e Tony Scilla, prevede l’impegno a presentare immediatamente un emendamento con una proposta di proroga contrattuale. La copertura finanziaria sarà garantita in commissione bilancio prima ed in assemblea regionale poi tagliando capitoli di bilancio sovrastimati.

Per garantire la continuità dei servizi, nelle more dell’approvazione definitiva dell’emendamento, l’assessore regionale, Andrea Vecchio, chiederà alle compagnie di garantire ugualmente i servizi..

Il Presidente Lombardo ha informato i sindaci che, dopo questa fase emergenziale, saranno invitati a presentare, entro il 30 settembre, nuove proposte di organizzazione dei servizi navali che consentano anche una riduzione delle spese.

Il Presidente regionale ANCIM, Massimo lo Schiavo, afferma che “è sconcertante avere capito stamane che il presidente della regione sino a ieri sera e solo grazie alla nostra protesta, è stato informato su questa situazione disastrosa”

“ Se da un lato- afferma il sindaco di Ustica, Aldo Messina, ci conforta l’avere sentito l’autorevole opinione del capo del Governo regionale, restano le perplessità legate sia ai capitoli di provenienza delle somme necessarie che all’adesione delle compagnie alla proposta del governo. Un eventuale loro diniego determinerebbe oggi stesso il blocco dei collegamenti e le isole di Ustica, Favignana e Pantelleria resterebbero senza gas, carburante, luce e con l’immondizia accumulata”.

“ La nostra insoddisfazione- afferma Giuseppe Piazza- fa si che il nostro stato di agitazione persista in attesa di conoscere le decisioni delle compagnie di navigazione”

“ Pur riconoscendo, dice Lucio Antinoro, che questa soluzione è l’unica percorribile, va evidenziato che essendo stata presa all’ultimo istante , servirà per assume provvedimenti tampone”

 

 

 

Proposta nuovi collegamenti marittimi con Ustica


COMUNE di USTICA

Ustica 14.05.12  – Prot n 1705

Regione siciliana

On Sig Presidente Regione siciliana On Raffaele Lombardo

Regione siciliana Dipartimento trasporti
Ca On assessore dr Piercarmelo Russo

Regione siciliana

Dipartimento trasporti
Ca Sig Direttore dr Vincenzo Falgares

Regione siciliana Dipartimento trasporti
Ca Sig Responsabile dr Salvina Severino

Se la cosa non riguardasse la vita dei 20.000 cittadini che abitano le 14 isole dell’arcipelago siciliano, potremmo affermare che la recente legge finanziaria regionale è proprio comica. Da un lato consente ai sindaci delle isole minori di istituire un ticket d’ingresso per ogni “sbarco” sull’isola, dall’altro cancella gran parte dei collegamenti che avrebbero consentito ai turisti di arrivare e di pagare il ticket.

Potrebbero non essere più collegate tra loro, ad esempio, Ustica, Favignana e Napoli. Poco importa se tanti privati cittadini hanno investito i loro soldi su queste isole e vedranno crollare le presenze, se gli ormeggiatori che già operano a pieno regime pochi mesi l’anno avranno un conseguente calo occupazionale, se si ridurrà il personale degli aliscafi e che questi siano spesso isolani e se gli albergatori dovranno licenziare .

Hanno ragione quei politici (tra i quali un ex assessore al turismo) che affermano, in perfetta dialettica demagogica “per carità non chiamiamole più isole minori” . Infatti, vorrei dire, che definirle “isole minime” sarebbe già tanto.

Ciò premesso, volendo comunque partecipare al processo di economia regionale

Si propone

– Mantenimento, analogamente alla linea Eolie- Palermo che non è stata sospesa, della sola linea di continuità territoriale Ustica- Favignana- Trapani. Ci impegniamo a mantenere, senza alcun contributo regionale, il prolungamento della stessa con corsa sino a Napoli. La linea potrebbe essere effettuata nel periodo 29 giugno- 9 settembre ed avere frequenza tri settimanale

– Spostamento della data inizio della seconda corsa giornaliera con mezzo veloce “Palermo Ustica” al periodo 29 giugno- 9 settembre

– Mantenimento del servizio con nave RoRo (che scade il prossimo luglio) adibita al trasporto passeggeri e merci pericolose (nonché rifiuti) che ha attualmente una frequenza di tre volte la settimana in inverno e quattro in estate e che potrebbe essere ridotta a frequenza due volte la settimana in inverno e tre in estate.

Confidando vs riscontro, distinti saluti.

Il sindaco
Dr Aldo Messina

 

Proposta rinnovo convenzione AMP Isola Ustica – Comune Ustica



Il Magnifico Rettore dell’Università di Palermo, prof Roberto Lagalla, ha trasmesso al Sindaco di Ustica ed all’Ammiraglio Francesco Carpinteri, la proposta di rinnovo della convenzione Università- AMP Isola di Ustica- Comune di Ustica per la gestione del Laboratorio Marino. Trattandosi di convenzione tra pubbliche amministrazioni, si ha motivo di ritenere che la bozza potrà essere sottoscritta dal Sindaco, previa autorizzazione del Consiglio Comunale.

Un altro passo avanti verso la normalizzazione dei rapporti AMP- Università che di fatto si erano interrotti e successivamente ripresi su specifica richiesta del Comune di Ustica.

Il responsabile del laboratorio sarà nominato dal Magnifico rettore e sarà supportato dal Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare (DISTeM). Grazie a questa convenzione verrà rimessa in uso la biblioteca scientifica e saranno promosse iniziative di collaborazione scientifica anche a carattere internazionale nonchè corsi di formazione professionale nei campi della biologia, dell’ecologia e della geologia marina.

Aldo Messina

 

Proposta ATO Sperimentale Isole di Sicilia


Tutti i Comuni delle isole Minori siciliane hanno deliberato di presentare alla Regione Siciliana un’unica proposta di ATO Sperimentale Isole di Sicilia.

La decisione è parsa subito piuttosto complessa, tanto da indurre i sindaci a lasciare il tavolo che era riunito per i GAC in Via Magliocco e spostarsi, seduta stante, all’Ufficio Regionale Emergenza Rifiuti di Via Catania ove si era reso subito disponibile l’ing Domenico Michelon.

Come è noto la legge regionale prevede già l’istituzione di un ATO Isole di Sicilia ( in questo senso giunta e consiglio di Ustica si sono già espressi positivamente nel luglio di due anni fa) che però è apparso piuttosto complesso nella gestione, stante anche la notevole distanza tra le isole. D’altra parte non aderire all’ATO Isole minori significherebbe dovere aderire agli ATO- provinciali ( nel nostro caso quello con gli 81 Comuni della provincia di Palermo…) con le conseguenze che si leggono sui giornali. Si ricorda che è obbligatoria per legge nazionale ( Legge Galli) l’adesione ad un ATO ( Ambito territoriale Ottimale)

Potere presentare un ‘ipotesi di ATO sperimentale (il decreto era stato da me trasmessovi e pubblicato sui siti) fa sì che ogni Comune isolano possa mantenere la propria identità organizzativa ( se ricordate era stata la nostra proposta), lasciando all’ATO la sola facoltà di controllo del servizio ma non la gestione. L’ipotesi progettuale del Comune di Ustica (che si allega nelle linee generali) prevede anche (finalmente!) la possibilità di organizzazione di un servizio raccolta differenziata, resa sinora difficile proprio dalla incertezza legislativa in materia. Ovvio che trattasi di ipotesi progettuale perfezionabile in ogni sua parte.

Va anche detto che i costi della realizzazione del progetto sperimentale sono a carico dei Comuni ( ma anche la gestione degli ATO è a carico dei Comuni!)

Per aderire all’ATO sperimentale Isole di Sicilia ( termini di scadenza 13 febbraio) non è necessario alcun atto nè di Giunta nè di consiglio, in quanto si tratta solo di presentare un’ipotesi progettuale che, se approvata dalla Regione, andrà poi ratificata dalle varie Giunte e Consigli. Già domani i sindaci formuleranno una adesione formale all’ATO sperimentale,delegando il Comune di Lipari ( l’unico ad avere già un ATO – Isole Eolie funzionante che era stato previsto già nel 2003)a presentare il piano globale.

Aldo Messina

^^^^^^^^^^

RELAZIONE

Premessa

L’isola di Ustica si estende per circa 8,5 Kmq. Con una popolazione di 1.320 residenti che arriva in estate a oltre 5.000 presenze. È caratterizzata da tre ampi pianori divisi da un sistema collinare centrale che rappresenta il relitto delle antiche bocche vulcaniche. Il centro abitato è concentrato nella parte sud orientale dell’isola ed è composto dal Continua a leggere “Proposta ATO Sperimentale Isole di Sicilia”

Proposta Gestione Area Marina Protetta – Ustica


comune-ustica-5COMUNE DI USTICA

Ustica 23.01.12
Prot n 258

Ministero dell’Ambiente – Ill:mo Sig Ministro Onorevole Corrado Clini

Ministero dell’ambiente – IllMo Sig direttore Generale dr Renato Grimaldi

E p.c. Sig Assessori
Sig Presidente Consiglio
Responsabili Area

OGGETTO:Proposta gestionale AMP Ustica

Desidero confermare la volontà dell’ amministrazione comunale e dell’intera cittadinanza, confortata da una sottoscrizione popolare a suo tempo presentata alla Vs attenzione, di potere gestire in modo autonomo l’Area marina protetta Isola di Ustica che continuiamo a considerare elemento fondamentale della nostra identità. Né si ha motivo di ritenere che tale nostra volontà possa essere mortificato da un diverso indirizzo ministeriale. D’altronde la fallita esperienza del destino delle AMP nelle Eolie ed a Pantelleria dovrebbero indurre a rispettare le identità delle isole minori.

Da amministratori consapevoli e da cittadini partecipi ci rendiamo conto delle difficoltà economiche che il nostro paese sta attraversando, anche se non comprendiamo le motivazioni che possano avere indotto il Parlamento a destinare 70 milioni di euro per 21 parchi nazionali e solo 3,8 milioni per 27 + 3 aree marine protette. Per restare in tema, in tutta sincerità, non si comprende neanche perché nella vs nota a noi indirizzata si affermi testualmente” …che dalla manovra finanziaria in atto potrebbe scaturire un più che dimezzamento e fino all’annullamento degli stanziamenti … per l’area protetta in argomento”. Riteniamo si volesse affermare “ per le aree protette “ in genere e non certo solo per quella in argomento, la nostra.

Ciononostante desideriamo ancora una volta confermare che siamo pronti ad affermare che la cittadinanza usticese farà comunque la sua parte.

Pertanto, seppur nei caratteri generali, siamo pronti a redigere un piano di gestione che tenga conto delle esigenze e degli obiettivi che il Ministero intenderà affidarci, collaborando con le nostre forze lavoro ed economie affinchè l’obiettivo fissatoci possa essere raggiunto. Ci proponiamo infatti come “Ente Gestore” nel senso etimologico latino del termine, cioè come “colui che fa, opera” nelle veci di qualcun altro, in questo caso il Ministero e ne rispetta pertanto le indicazioni.

Appare apprezzabile il fatto che il Ministero, prima di affidare un bene così prezioso quale è certamente la prima Area Marina Protetta d’Italia, desideri avere contezza del suo destino ed è pertanto con la presente e con l’atto deliberativo consiliare che ne conseguirà, riconquistare la fiducia del dicastero.

Ciò premesso, desideriamo ricordare che questa amministrazione dispone già nel suo organico di quelle qualificate professionalità che avevano reso grande il nome dell’AMP Isola di Ustica, tolte da una per tutti imbarazzante (anche per i Ministero) condizione di precariato ed assunte da questa amministrazione nei ruoli del Comune senza chiedere alcun sostegno economico ad altre amministrazioni. Il loro contratto d’assunzione prevede l’impiego per funzioni relative al funzionamento dell’AMP ed è questo un costo che questa amministrazione già sostiene.

Segnaliamo che questa nostra nota appare “ orfana” dell’indicazioni derivate dal Progetto ISEA del Ministero dell’Ambiente e del WWF , che non ci sono ancora pervenute. Viceversa, come evidenzieremo appresso, sono state, pur in assenza di una certezza sul ritorno gestionale dell’AMP, intraprese una serie di relazioni istituzionali che consentiranno un adeguato e proficuo margine di operatività ed apporto economico.

Viceversa occorrerà recuperare il tempo perduto , non certo per colpa di questa amministrazione, perché l’AMP Ustica venisse dotata di quelle certificazioni tipo EMAS e di quelle interrelazioni che necessariamente un’AMP deve istituzionalizzare con le limitrofe zone di Riserva Terrestre e delle zone SIC e ZPS già esistenti nel territorio.

La “ voce costi”, che è quella sulla quale ci sembra il Ministero desideri essere notiziato, verrebbe così scomposta:

– Costi Fissi

— Spese Istituzionali (Commissione di Riserva, Collegio revisori, rappresentanza). Come Già affermato questa amministrazione è già nelle condizioni di potere assolvere questi costi utilizzando il proprio personale ed il Revisore del Conto del Comune.

— Direzione. La Giunta ed Il Consiglio Comunale di Ustica sottoporranno al Ministero la proposta di accettare la nomina quale direttore dell’AMP Isola di Ustica del Prof Marco Arcoleo, docente d Biologia Marina presso l’Università degli studi di Palermo e direttore del CIRITA. Questi due prestigiosi incarichi ne attestano sia la competenza scientifica che quella tecnico-organizzativo gestionale . Lo stesso si è dichiarato disponibile ad assumere, quantomeno nelle prime fasi , gratuitamente l’incarico.

— Costi di amministrazione (utenze, materiali di consumo, assicurazioni). I Dirigenti Ministeriali potranno confermare che questa voce incide in minima parte.

— Sorveglianza. Premesso che rimane il ruolo istituzionale della Capitaneria di Porto nella sorveglianza dell’Area e che questa ha recentemente rinforzato il proprio contingente sull’isola, grazie all’affidamento di alcuni locali che sempre quest’amministrazione ha messo a loro disposizione, e che si ha fiducia nel ruolo di sorveglianza operato dalla locale marineria, si vorrà valutare l’ipotesi progettuale di un sistema di videosorveglianza dell’area.

— Manutenzione( immobili, mezzi nautici e terrestri, boe, cartellonistica e segnaletica, ormeggi e gavitelli). Relativamente alla voce immobili questa Amministrazione intende mettere a disposizione i propri locali (Centro accoglienza, Uffici Comunali), oggi potenziati rispetto al passato da un Centro congressi appena realizzato che sarà utile a rilanciare l’immagine dell’isola.

Certamente il competente Ministero desidera anche conoscere la nostra capacità di “reperire ” risorse oltre quelle ministeriali.

E’ opportuno in questo contesto evidenziare che questa amministrazione in carica dal 2003 ha dimostrato una buona capacità di utilizzo dei fondi europei.

Cinque interventi strutturali( tra i quali un museo ed un centro congressi) sono stati realizzati su fondi PIT, due sui fondi APQ. Sono state completate le opere portuali di cui ai “Patti Territoriali”, attivati dalla precedente amministrazione. Analogamente completate le opere per Parco Suburbano ed il recupero dei Gorghi su fondi APQ. In corso di definizione e già finanziata la nuova senti eristica naturalistica ed i lavori di una piazza di cui al DUPIM 2008-2009. Presentata una richiesta di finanziamento per il recupero di un Albergo acquisito al patrimonio comunale in quanto realizzato abusivamente e da adibire a Campus universitario con fondi PIST. Con gli stessi fondi si intende ristrutturare la scuola materna.

In prospettiva del ritorno gestionale al comune dell’AMP abbiamo già aderito alle seguenti progettualità:

– Distretto Turistico Geografico “Golfo di Castellammare

– Distretto Turistico tematico “Cultura della Pesca”

I Distretti turistici (distinti in tematici e geografici) sono stati espressamente realizzati e saranno finanziati dalla Regione Siciliana . Nel contesto del Distretto turistico Geografico è stato da noi richiesto il finanziamento di una piattaforma per apneisti.

– GAC (Gruppo azione Costiera) Isole Minori

– Protocollo d’intesa italia Malta.

Sarà possibile inoltre reperire somme per la stampa e la divulgazione dei materiali, utilizzando le somme dei numerosi progetti POR – Sicilia dell’Assessorato regionale Commercio, artigianato e pesca.

Un’ultima nota va fatta sull’acquario di Ustica. Realizzato su fondi Ministeriali l’opera è stata completata nel 2005 e regolarmente collaudata ed affidata all’Ente gestore pro-tempore, Capitaneria di Porto di Palermo. Non essendo mai stato mai messo in funzione si ha motivo di ritenere, per non dire che si ha la certezza, che saranno presenti danni strutturali soprattutto alle pompe di sollevamento dell’acqua marina. Di questa criticità gestionale non si è occupato alcun organo di controllo nonostante le nostre note.

Oggi riteniamo l’attivazione dell’acquario fondamentale per il rilancio dell’AMP non solo per il suo compito educativo e di coinvolgimento di flussi turistici specie scolastici ma anche quale elemento di ricerca e studio. Ed in questo la ripresa collaborazione con l’Università può essere di fondamentale importanza. Al di là dei costi di gestione annui della struttura, ci si dia la possibilità di utilizzare, per il recupero e l’arricchimento strutturale dell’immobile, le somme ministeriali residue ancora a nostra disposizione.

Si allega alla presente la proposta di Piano Gestione 2011 già approvata con delibera consiliare n. 20 del 09.05.11

IL SINDACO
Aldo Messina

^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO:

Da Palermo Vincenzo Pizzurro

A sentire le parole Del Sindaco Dott.re Aldo Messina è ancora più concreta l’immagine di una persona la cui volontà non lascia dubbi sull’importanza di una continuità e presenza indispensabile di coloro i quali con spirito e amore per Ustica hanno fino ad oggi manifestato l’intenzione di uscire da un letargo durato quasi dieci anni a causa di coloro i quali in parte fisiologicamente estromessi dalla naturale volontà di crescita, cultura e sviluppo a cui Ustica deve gli anni peggiori della sua nascita Ringrazio il Sindaco Dottore Aldo Messina per l’amore con cui porta avanti l’unico volano di sviluppo di una cosi bella Isola, fragile e allo stesso tempo UNICA.

Ringrazio anche il Presidente del Consiglio Leonardo Cannilla che ha guidato un opposizione costruttiva, propositiva e che insieme al Dott.re Messina sindaco di Ustica condividono idee e progetti con i quali si sta tentando di dare un futuro migliore all’isola.

Mi auguro che si trovi un anello di congiunzione che possa legare l’amministrazione futura e portare avanti i tanti progetti necessari alla rinascita di un Isola al momento al collasso.

Spero anche che il Dott.re Messina Sindaco di Ustica abbia anch’esso il desiderio di vedere realizzato quanto con sacrificio portato avanti fino ad oggi, anche dopo il suo fine naturale da Sindaco ad Ustica.

Alla luce di quanto sta accadendo in Sicilia e in Italia, mi piacerebbe vedere una nuova politica che non interrompa il percorso che a fatica si è capito essere l’unico possibile per la ripresa dell’isola, ma al contrario approfitti delle risorse umane anche dopo la loro naturale scadenza di mandato, per non vedere svanire i sacrifici fatti dagli Usticesi, vecchie e nuove generazioni, che sostengono gli attuali artefici di un cosi voluto cambiamento culturale ed epocale.

Spero di vedere realizzato in armonia con il territorio quello che credo sia l’unica e ultima possibilità per un Isola davvero unica.

Saluti

Vincenzo Pizzurro

 

Da Ustica Salvatore Militello

Non voglio entrare nel merito della lettera. Desidero soffermarmi quanto diventa difficile, talvolta, seguire e capire (per mia ignoranza) tutto quello che c’è scritto. In una sola comunicazione ci sono ben 12 “sigle” così come spesso negli sms moderni:

AMP; ISEA; WWF;EMAS; SIC; ZPS; PIT; APQ; DUPIM; PIST; GAC; POR; Taluni conosciuti ma il resto cos’è?…

Buona lettura!

 

 

 

 

Proposta variazione orari motonave per Natale e Capodanno

comune-ustica-5


COMUNE DI USTICA

Spett Direzione Regionale SiReMar c.a. Com Martino Casagrande

e p.c. Sig assessori

Responsabile Trasporti

Agenzia Militello

OGGETTO: proposta orario motonave Palermo Ustica per 25.12 e 01.01

Al fine di garantire una maggiore mobilità dei cittadini nei giorni del 25.12.11 e del 01.01.12 si chiede che per i suddetti giorni la motonave Isola di Vulcano effettui il collegamento Ustica Palermo con il seguente orario:

Partenza da Palermo ore 8.00 arrivo ad Ustica ore 10.00

Partenza da Ustica ore 11.30 arrivo a Palermo 13.30

IL SINDACO

Dr Aldo Messina

 

 

Proposta Ministeriale Convenzione per la gestione AMP Isola di Ustica


Come avevo preannunziato dopo il mio ultimo viaggio a Roma è arrivata al Comune di Ustica la proposta ministeriale di convenzione per la gestione dell’Area Marina Protetta Isola di Ustica.

La nota, a firma del Neo Ministro, Corrado Clini, è corredata da tutti i pareri di legge e dallo schema di decreto per l’affidamento.

Si legge nella nota ” avendo valutato positivamente la proposta di gestione e funzionamento ordinario dell’AMP presentata dal Comune di ustica si trasmette lo schema di provvedimento per l’affidamento della gestione definitiva al detto Comune”.

E prosegue però ” è doveroso evidenziare che il procedimento viene promesso in assenza adoggi di risorse fiunanziarie….fino al dfimnezzamento o all’annullamento degli stanziamenti…sul punto peraltro si richiede unh esporesso segno di poiena consapevolezza con la chiaraindicazione delle misure che verrenbbero conseguentemente assunte dal soggetto” .

Ritengo assolto il mandato che mi era stato dato dal Consiglio Comunale e quindi dai cittadini. Ora, stante l’impegno economico e trattandosi di convenzione tra Enti pubblici, ritengo- ma anche di questo se ne era parlato- obbligatorio un passaggio in consiglio comunale . Sarà successivamente compito della Giunta attribuire ai responsabili d’area, come previsto dalla legge Brunetta, anche questo obiettivo per la valutazione delle indennità di risultato.

Aldo Messina

 

Incontro ANCIM, proposta di modifica Statuto Associazione

comune-ustica-5COMUNE di USTICA

Ai Sig assessori
Al Sig Presidente Consiglio
Al responsabile Affari Generali

OGGETTO: incontro ANCIM , proposta di modifica statuto Associazione.

Si informa che lo scrivente, nella qualità di componente presso il consiglio regionale ANCIM, ha partecipato alla seduta del 30.08.11, con all’ ordine del giorno “ proposte di modifica dello statuto ANCI Sicilia”.

Nel premettere che le modifiche statutarie approvate ieri in consiglio andranno poi ratificate in assemblea, si informa che sarà possibile visionare le stesse presso l’ufficio Affari Generali.

Si precisa che lo scrivente, unitamente al sindaco di Salina, dr Massimo Lo Schiavo, ha chiesto ed ottenuto un’ulteriore modifica dell’art.18 “ Consiglio direttivo”, prevedendo che il rappresentante ANCIM ( Isole Minori) ne faccia parte di diritto.

Il Sindaco
Dr Aldo Messina

 

Proposta spostamento corsa nave Palermo – Ustica


[ id=7855 w=320 h=240 float=center]

Siremar, Matteoli: “Abbiamo qualche proposta”


[ id=4633 w=320 h=240 float=left]Il ministro dei Trasporti tranquillizza i dipendenti: “Per loro non ci sono problemi, abbiamo già chiesto la proroga della concessione”. Polemiche sulla Salerno-Reggio Calabria

PALEMO. “So che qualche proposta per l’acquisto di Siremar è arrivata. Il 20 ottobre apriremo le buste e capiremo meglio”. Lo ha detto il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, alla sessione autunnale dell’assemblea parlamentare dell’Osce che si sta svolgendo a Palermo. “Per i dipendenti della Siremar non ci sono problemi – ha ribadito – abbiamo chiesto la proroga della concessione, quindi ora il commissario sta lavorando”. Matteoli ha poi parlato della Salerno- Reggio Calabria: “Quell’autostrada è lunga circa 440 chilomteri, 210 sono già fatti e operativa, 174 sono stati già appaltati e i lavori sono partiti, ne rimangono 64 per cui mancano progetti definitivi e risorse. Alla fine del 2013 sarà completata per l’85-90%, esclusi questi 60 chilometri. Questo è lo stato dell’arte della Salerno-Reggio Calabria. Questa è la realtà, non capisco le continue polemiche”.

Da gds.it 08-10-2010