Rifiuti, la Regione accelera sul compostaggio domestico per ridurre costi e alleggerire le bollette


Rifiuti, la Regione accelera sul compostaggio domestico. Nota dell’assessore Pierobon ai sindaci: “Pratica da incentivare per ridurre costi e scontare le bollette, pronto un bando da 16 milioni per condomini, associazioni e aziende” 

Il governo Musumeci punta a rilanciare il compostaggio domestico, che consente di utilizzare l’umido prodotto in casa per creare compost per uso agricolo e ridurre la quantità di organico da portare negli impianti. Un atto di indirizzo dell’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon, inviato a tutti i sindaci siciliani, chiarisce le modalità gestionali e organizzative ricordando criteri e regole da seguire. È invece in pubblicazione un bando da 16 milioni che finanzierà i Comuni per l’acquisto di macchinari per realizzare il compost anche nell’ambito di organismi collettivi quali condomini, associazioni, consorzi, società non industriali o altre forme associative di diritto privato che intendono intraprendere un’attività di compostaggio di comunità.

Per partecipare al bando i Comuni devono aver approvato il regolamento per la pratica del compostaggio domestico che definisce le varie modalità e i benefici. La compostiera potrà essere acquistata dall’utente, che dovrà dichiararla al Comune, oppure potrà essere concessa in comodato d’uso gratuito dal Comune stesso. I cittadini dovranno avere la disponibilità di un’area verde di dimensioni definite nel regolamento, generalmente maggiore di 25 metri quadrati e avranno diritto alla riduzione della Tari.

I vantaggi  sono enormi dal punto di vista economico e ambientale. Si stima che una famiglia di quattro persone possa produrre oltre 300 kg di umido l’anno e un nucleo abitato di 100 famiglie sia in grado di far risparmiare anche fino a 10 mila euro l’anno di costi di conferimento. “Senza dimenticare – spiega l’assessore Pierobon – che l’autocompostaggio  prevede sgravi in bolletta e che per il Comune significa ridurre fino ad azzerare l’umido da ritirare durante la settimana, quindi meno costi di manodopera, meno costi di trasporto, meno inquinamento ambientale e ovviamente risparmio sul conferimento ed avere la possibilità di usufruire di compost per uso agricolo. Infine in questo modo, nel rispetto dei principi di economicità, autosufficienza, prossimità territoriale e minimizzazione degli impatti territoriali, viene dato seguito alle direttive comunitarie in materia di gestione del ciclo dei rifiuti”.

L’atto di indirizzo dell’assessore fa seguito a un chiarimento fornito dal ministero dell’Ambiente e viene incontro alle esigenze dei Comuni che avevano fatto notare un paradosso: aumentando il compostaggio domestico, viene meno una parte consistente di raccolta differenziata facendo calare le percentuali. A tal fine la nota assessoriale ricorda che per utenza domestica si considera una produzione di rifiuti organici di 80 kg annui per abitante, peso che ovviamente va ricalcolato nella percentuale di differenziata.  L’assessorato pubblicherà a breve un bando che consentirà di accedere a dei finanziamenti per l’acquisto di piccoli macchinari destinati al compost che potranno essere utilizzati anche da gruppi di attività commerciali, per incrementare una pratica virtuosa che porterà consistenti benefici al ciclo dei rifiuti in Sicilia.

Palermo, 15-05-2019

rv 3331552350

Avviso alla cottadinanza – conferimento rifiuti al Centro Comunale di Raccolta (CCR)


Download (PDF, 125KB)

Rifiuti. ARS ripristina contributo comuni virtuosi.”


Con un emendamento approvato stanotte in Commissione Bilancio all’ARS, è stato ripristinato il fondo destinato alle amministrazioni comunali “virtuose” nelle cui città la racolta differenziata supera il 65%.

Si tratta in particolare di 31 comuni (elenco in allegato) cui con la finanziaria dello scorso anno era stato destinato complessivamente un importo di 5 milioni di euro che però la Giunta aveva deciso di ridurre considerevolmente.
In questi comuni la differenziata tocca punte anche del 82%.

Fra i sostenitori dell’emendamento anche il deputato di Sicilia Vera Danilo Lo Giudice che sottolinea come “è stato evitato uno scippo a danno di quelle amministrazioni che si impegnano e raggiungono risultati di tutto rispetto.”

Il neo presidente del Gruppo Misto  sottolinea anche che “per molti di questi comuni, che hanno bilanci molto piccoli, un contributo di 150 o 200 mila euro può fare la differenza fra il garantire o non garantire servizi essenziali ai cittadini. LA

SCELTA DELLA COMMISSIONE CONFERMA CHE LA REGIONE non può considerare i Comuni come un bancomat cui attingere a suo piacimento.”

————

 

Pietro Galluccio

366.2385651

Il Sindaco, per non creare disagi alla cittadinanza, si improvvisa, per l’occasione, “selezionatore di rifiuti”


Il Sindaco, per non creare disagi alla cittadinanza, si improvvisa “selezionatore di rifiuti”

Comune di Ustica, conferimento rifiuti Contrada Arso


Prof lascia rifiuti per strada a Carini, il sindaco posta la foto su Facebook


GioviMulta, spazzatura, Monteleone Sinsaco Carini
Giovi Monteleone Sinsaco Carini

CARINI. I vigili urbani di Carini hanno multato una insegnante che aveva abbandonato della spazzatura per strada non rispettando l’ordinanza comunale sulla raccolta dei rifiuti porta a porta.

A dare la notizia è il sindaco di Carini, Giovì Monteleone, che ha postato sul suo profilo Facebook anche delle foto dei sacchi di spazzatura abbandonati vicino a una scuola.

“Anche oggi sacchi d’immondizia depositati in una pubblica via davanti alla scuola a Villagrazia, da un’insegnante che abita nei pressi in una zona servita da raccolta porta a porta – scrive il sindaco -. Ci si chiede come mai sia possibile che un’educatrice si comporti in questa maniera, una che dovrebbe dare l’esempio e invece sporca e imbratta un luogo dove si formano i ragazzi e si dettano e spiegano le regole della convivenza civile. E allora con amarezza e rammarico constatiamo che la strada da percorrere per il traguardo della legalità, che si incrocia con quella del decoro e della sana convivenza civile, è ancora lunga”.

23 Giugno 2017
Fonte: Giornale di Sicilia

Riceviamo e pubblichiamo – Raccolta differenziata dei rifiuti


Proroga, affitto, terreno
Proroga, affitto, terreno

Oggi la Giunta Comunale ha autorizzato la firma delle convenzioni con i consorzi che riciclano e riusano vetro, carta e cartone, e plastica. Già dalle prossime settimane partirà il nuovo servizio che sarà preceduto dall’adeguata informazione alla cittadinanza. Solo con la collaborazione di tutti potremo ottenere i risultati che tutti auspichiamo. Nei mesi scorsi ci siamo dedicati con grande impegno a ripulire l’isola dai rottami ferrosi, frigoriferi, pneumatici usati, televisori, lavatrici ecc. ecc. e abbiamo tentato di ripulire le troppe mini-discariche sul territorio e abbiamo incrementato la percentuale di raccolta differenziata. Adesso si parte con i rifiuti urbani e domestici e solo con l’impegno di tutti sarà possibile ottenere buoni risultati. L’ufficio tecnico è stato potenziato proprio per raggiungere questo risultato.

Attilio Licciardi

Meglio tardi che mai!… con la speranza che questi materiali verranno conferiti, finalmente, in appropriate discariche


Meglio tardi che mai!… con la speranza che questi materiali  verranno conferiti  in appropriate discariche

Meglio tardi che mai!… con la speranza che questi materiali  verranno conferiti  in appropriate discariche

conferimento in appropriate discariche

Improvvisi guasti meccanici fermano i mezzi comunali per la raccolta dei rifiuti


Download (PDF, 43KB)

Sospensione servizio raccolta rifiuti


COMUNE di USTICA

Ustica 29.06.13 – Prot. 2175

Alla Stazione Carabinieri Ustica

Regione Siciliana
Assessorato trasporti ed Infrastrutture

Assessorato Energia e Rifiuti

Nuova Compagnia delle Isole
Direzione Commerciale

E p.c. Sig assessori

UTC

OGGETTO: sospensione servizio raccolta rifiuti

Si rappresenta che a causa delle recenti, frequenti, interruzioni dei collegamenti marittimi navali e/o dei mancati attracchi in Cala Cimitero, da quindici giorni non è stato possibile trasferire gli RSU da Ustica a Palermo. Occorrerebbero almeno quattro corse straordinarie della motonave Isola di Vulcano per potere recuperare i tempi di smaltimento ma la qualcosa richiede risorse economiche non disponibili.

Non avendo più la disponibilità di mezzi (cassoni) dove stoccare i rifiuti, si è resa necessaria la sospensione della raccolta degli stessi nell’isola.

La scrivente si sta comunque adoperando per la risoluzione del problema.

Il Sindaco
Aldo Messina

 

Incontro sul tema rifiuti


Sig assessori
sig presidente consiglio
sig responsabile utc
Candidato sindaco Licciardi
candidato sindaco Menallo
Candidato sindaco Militello

Avviso ai sig cittadini

Oggetto: incontro sul tema dei rifiuti 15 -aprile Ore 19

La gestione del problema dei rifiuti è un tema che certamente coinvolge l’amministrazione ma che non può prescindere dai doveri dei cittadini.
La s.v. È invitata a partecipare all’incontro sul tema dei rifiuti solidi urbani ad Ustica che avrà luogo, come precedentemente comunicato, giorno 15 aprile alle ore 19 .00 al centro congressi.
Nel corso dell’incontro dibatteremo insieme l’intera problematica.

Il sindaco
Aldo Messina

 

 

Assemblea sul tema dei rifiuti


 

Terminati i numerosi incontri utili a definire le possibili soluzioni al tema dei rifiuti e che risultino soprattutto opportune per ottenere il dissequestro della stazione di trasferenza di contrada Arso, appare ora necessario ottenere la collaborazione dei cittadini di Ustica.

Per questo ho pensato di incontrali ad Ustica il 15 aprile alle ore 19 al centro Congressi di via Fazio. Sarà anche opportuno che partecipino i candidati sindaci.

Aldo Messina

 

 

Navi RoRo ed assemblea sul tema dei rifiuti


 

F.C.1036 Nave RoRo   (2)Nessuna distrazione nè  tanto meno scarsa incisività politica sul tema del ripristino dei collegamenti marittimi per il trasporto via mare di merci e merci pericolose.

Come è noto, dopo due gare andate deserte, la Regione ora potrà procedere all’affidamento diretto del servizio e sono già previste- come detto in precedenza- le tre corse che- se l’assemblea regionale approverà per tempo il bilancio inserendovi la specifica voce probabilmente attingendo dai fondi FAS- consentirà, seppur con qualche difficoltà, di garantire il servizio senza interruzione alcuna.In tutta onestà appare anche legittima la volontà del Governo regionale di ridurre al minimo il dovere attingere somme dai capitoli della Protezione Civile che potrebbero servire, speriamo mai, per le emergenze e le catastrofi.

Aldo Messina

 


 

La storia dell’acqua in bottiglia – The story of bottled water

IN   ITALIANO

—————————–

IN  INGLESE

Inviato da  Bertucci Floriana usa la tua testa

INTERROGAZIONE: Deposito Rifiuti Solidi Urbani zona mattatoio


INTERROGAZIONE URGENTE con risposta scritta al prossimo consiglio comunale

Al Sindaco di Ustica

Alla ASP Ustica – Palermo

OGGETTO: Deposito Rifiuti Solidi Urbani zona Mattatoio.

I sottoscritti consiglieri comunali Felice Badagliacco e Giovanni Palmisano

Visto che i rifiuti depositati all’interno del mattatoio producono scoli maleodoranti creando condizioni igienico – sanitarie preoccupanti la cui sospetta natura va accertata urgentemente a tutela della salute dei cittadini.

Considerato che la strada viene giornalmente percorsa da residenti e turisti e che tale incresciosa situazione rappresenta una vergogna e un danno all’immagine dell’Isola.

Considerato altresì che tale situazione crea l’habitat ideale per il moltiplicarsi di roditori , insetti nocivi e parassiti e rappresentano un pericolo di natura igienico – sanitario dando origine anche a focolai per lo sviluppo di epidemie

Si interroga il Sindaco per conoscere come intende provvedere per risolvere il problema nell’immediatezza in quanto un probabile acquazzone potrebbe convogliare una grande quantità di liquami in mare.

Ustica 29 agosto 2012

Felice Badagliacco

Giovanni Palmisano

PROTOCOLLO COMUNALE
N. 3319 DEL 29 Agosto 2012

 

Favignana da 4 giorni senza benzina. Trasporto rifiuti bloccato ad Ustica


22 agosto 2012 – Sono ormai passati quattro giorni da quando la perla delle Egadi, Favignana è rimasta a secco. La benzina, infatti, è impossibile da trovare e i trasporti sull’isola sono bloccati. Altro grave problema è il blocco dei collegamenti per il trasporto dei rifiuti speciali a Ustica. Le isole minori, e non solamente Favignana rischiano di essere sommerse dall’immondizia per non parlare poi del rifornimento, oltre che del carburante, delle scorte alimentari sempre più scarse.

Insomma, in piena stagione estiva, Favignana e le isole Egadi, si ritrovano in una situazione surreale. L’amministrazione comunale dichiara che l’unica nave attiva è quella della “Compagnia delle isole”, ma che non è in grado di gestire tutto il traffico delle isole.

Intanto il sindaco di Favignana Lucio Antinoro, ha inviato un telegramma alla Protezione civile e alla Prefettura di Trapani, perchè se la situazione non fosse risolta al più presto potrebbero sorgere problemi di carettere socio-sanitiari e di ordine pubblico, vista l’esigenza dei turisti non solamente di andare a Favignana ma di tornare a casa una volta finite le vacanze.

A Ustica, invece, il trasporto del rifiuti speciali con la motonave Helha della Ngi che era stato spostato a lunedì scorso, è stato interrotto a causa di un guasto alla nave. Secondo quanto riferito da sindaco Aldo Messina, i tecnici hanno cercato più volte di ripare il guasto, ma senza successo: “Ho chiesto – dichiara il sindaco di Ustica – un secondo viaggio della nave Isola di Vulcano della Compagnia delle isole ex Siremar che avrebbe dovuto firmare il contratto per il nuovo servizio, ma la nave in questione non aveva abbastanza carburante e l’aliscafo Mantegna è guasto”.

Insomma una situazione drammatica quella che stanno vivendo le isole minori siciliane. Il capo della protezione civile Pietro Lo Monaco, ha però assicurato che da oggi arriverà il primo rifornimento di acqua e anche la benzina.

L.A.

Fonte: BlogSicilia

 

 

Isole Minori Sicilia, all’ex Siremar trasporto merci e rifiuti


[ id=14141 w=320 h=240 float=left]

Istituzione task force per trasporto rifiuti e merci pericolose isole minori siciliane


COMUNE di USTICA

COMUNICATO STAMPA

[ id=13958 w=320 h=240 float=left]Nella foto da sx a ds ( autorizzati all’uso gratuito della foto) i partecipanti all’incontro di oggi, ore 11, al Ministero degli Interni

Drssa Caterina Amato Capo ufficio staff Diritti Civili Ministero interni
SE Umberto Postiglione, prefetto di Palermo
Drssa Francesca Adelaide Garufi, Vice Capo gabinetto, Ministero Interni
On Salvino Caputo, parlamentare ARS
SE Giuseppe Procaccino, Prefetto, Capo di Gabinetto On. Ministro Annamaria Cancellieri
SE Marilisa Magno, Prefetto di trapani
Ing Giuseppe Piazza, commissario Comune di Pantelleria
Dr Lucio Antinoro, sindaco di Favignana
Dr Giancarlo Di Vincenzo, capo ufficio staff Affari Generali Ministero Interni
Dr Aldo Messina, sindaco di Ustica

Istituzione immediata di una task force che, con sede presso la Prefettura di Palermo, possa coadiuvare la Protezione civile regionale a risolvere il problema del trasporto rifiuti merci e Continua a leggere “Istituzione task force per trasporto rifiuti e merci pericolose isole minori siciliane”

Trasporto Rifiuti


comune-ustica-5COMUNE di USTICA

Ustica 13.08.12
Prot n. 3129

– Regione siciliana – Sig segretario Generale
Dssa Patrizia Monterosso

– Regione Siciliana – Protezione Civile
c.a. Ing P. Lomonaco
Ing C: Foti

– Emergenza Rifiuti
c.a. ing G. Pirrone

– Compagnia delle isole ex SIREMAR
c.a. dr .P:. Prestigiacomo

E p.c .sig Prefetto di Palermo
Dr Umberto Postiglione

– Sig assessori

– UTC

OGGETTO: trasporto rifiuti

Si evidenzia il grave stato di crisi del trasporto rifiuti dall’isola di Ustica verso la terraferma.

L’inagibilità della discarica di Bellolampo ed il conseguente dirottamento dei rifiuti verso Castellana fa sì che ogni viaggio di trasferimento richieda almeno tre giorni di tempo. La qualcosa determina il rapido riempimento dei DUE nostri scarrabili, idonei al trasporto con nave di linea, stante che non sono ancora giunti quelli promessici dalla Emergenza Rifiuti.

Si chiede pertanto che due volte la settimana la nave Isola di Vulcano venga adibita al trasporto di rifiuti e merci ad essi compatibili e che i passeggeri(che per motivi di sicurezza non potrebbero essere con essa trasportati) vengano in quei giorni dirottati sull’aliscafo Mantegna che partirebbe da Palermo alle 9.30. Ai passeggeri, forzatamente trasferiti sull’aliscafo l’amministrazione regionale dovrebbe corrispondere la differenza di prezzo (circa 10 euro cadauno) con una spesa prevista non superiore ai 450 euro a viaggio.

IN OGNI CASO SI RAVVISA L’ASSOLUTA NECESSITA’ di un rifornimento di carburante giorno 16 agosto ed un altro lunedi 20 agosto.

Il Sindaco
Aldo Messina

 

I rifiuti di Ustica? Il Sindaco fa da sé


Il trasporto dei rifiuti e delle merci pericolose in alcune isole della Sicilia – per esempio a Ustica – sta diventando un’operetta oscena orchestrata dalla presidenza della Regione (che adesso si è arricchita della ‘scienza della nuova segretaria generale, Patrizia Monterosso) e dall’assessorato all’Economia.

Fino al 31 luglio il servizio era assicurato dalla NGI. Poi il Governo lombardo – grazie a un voto dell’Ars – ha deciso che i soldi erano finiti e che il servizio avrebbe dovuto essere interrotto. Poi hanno scoperto che un servizio pubblico non può essere interrotto. E Continua a leggere “I rifiuti di Ustica? Il Sindaco fa da sé”