Ustica, invito a pranzo a casa di Rosina e Pietro, 1985


Ustica, invito a pranzo a casa di Rosina 1985

Bellissima foto, Mimma con nonna Rosina Picone


Mimma con nonna Rosina Picone
Mimma con nonna Rosina Picone

Nonna Rosina (101 anni) in attesa passaggio Processione Pasqua


Nonna Rosina aspetta passaggio Processione
Nonna Rosina in attesa passaggio Processione

Nonna Rosina Picone (101 anni) tocca il piede di Gesù


Nonnina Rosina Picone 101 anni
Nonnina Rosina Picone 101 anni

Rosina e Pietro Petrossi a lavoro in America


Rosina e Pietro Petrossi
Rosina e Pietro Petrossi

Foto ricordo – Mimma con nonna Rosina Picone Famularo


 Mimma con nonna Risina

Pietro Petrossi e Rosina Natale


Pietro e Rosina

Auguri a Nonna Rosina


Questo pomeriggio, ed è la seconda volta che mi succede con la stessa persona, sono stato chiamato per una “assistenza telefonica”.

Rosina Picone Famularo donna tra le più anziane dell’Isola, mia vicina d’ufficio, aveva il telefono che non Le funzionava: premuratomi e dopo piccole e comuni accortezze del caso sono riuscito a far squillare il mio cellulare dal telefono della nonna “Rosina”!

Il telefono aveva ripreso a funzionare…! : ….”Che il Signore te lo paghi.. figghiu miu….” contenta esclamò nonna Rosina.

Con gioia e molta commozione reciproca la signora Rosina non sapeva come ringraziarmi considerata l’importanza del telefono per un’anziana di 96 anni, compiuti il 23/12 u.s. Mi dice: “sai sono 36 anni che dormo in questo lettino ed il telefono di notte è la mia sola compagnia, di giorno, invece, sono tranquilla in quanto mi assiste una brava ragazza usticese”.

E così, approfittando della mia compagnia, cominciò a raccontarmi un po’ della Sua storia… Mi mostrò un televisore nuovo regalatoLe da un Suo nipote ed emozionata mi ha ricordato che mio Padre ogni volta che passava per quella via bussava ai vetri della Sua porta per dirLe: ” allora andiamo a mangiare?”. Atti che venivano ripetuti all’ora di pranzo e a cena, ogni giorno o quasi, a seconda dei vari acciacchi di ognuno.

E via via che nonna Rosina si addentrava in significativi particolare della Sua lunga storia i miei occhi cominciavano ad arrossire e non vi nascondo che è scesa anche qualche lacrima.

La nota positiva della vicenda è che la Signora Rosina, malgrado la Sua veneranda età, è di una lucidità impressionante.

Però una promessa gliel’ho strappata:” tra qualche anno cercherò di avere compagnia anche di notte”.

Che dire?… Auguri nonna Rosa, al prossimo anno.

Salvatore Militello