Tradizionale preparazione pasta e ceci per condividerla con i presenti


Ustica, tavola di San Giuseppe


Ustica San Giuseppe di Carlo Natale


Carlo NataleIl 19 Marzo si festeggia S. Giuseppe che, nella tradizione popolare, era il protettore dei poveri, dei falegnami e delle ragazze , e padre della Provvidenza. Questa festa che ha origini siciliane, si estese a tutta l’Italia e divenne festa nazionale. Purtroppo da qualche anno non lo è più, e quindi il giorno di S. Giuseppe è una normale giornata di lavoro.
I festeggiamenti non erano uguali in ogni paese e città, ma variavano a secondo della tradizione.
Ad Ustica la Festa di S. Giuseppe era preceduta dalla novena (intorno alle ore 18.00) con la S. Messa, accompagnata da preghiere e canti.
San GiuseppeIl giorno di S. Giuseppe si imbandiva una tavola a forma di “U”, sulla quale venivano adagiati i piatti che contenevano 19 pietanze tipiche usticesi, fra le quali: tartaruga con cipolla, capperi e olive, carciofi, pasta con ceci, e pasta con finocchietto selvatico, ope (boghe) fritte, frittata con asparagi, baccalà lesso e a frittelle, cardi in pastella,ecc…..Sulla tavola non mancavano i dolci tradizionali di Ustica: i gigi, le sfingi di S. Giuseppe ripiene di ricotta, le sfingi non ripiene, cassatelle, la mostarda di Ustica ecc… , il pane fatto in diverse forme, acqua e vino.
La prima persona che si occupò di organizzare la tavola di S. Giuseppe fu, per devozione, la Signora Dorina Maggiore, la quale imbandiva la tavola con un certo stile e a sue spese e successivamente, con il contributo di tutto il paese, la Signora Antonina Maglio.
San GiuseppeAlle 11 veniva celebrata la S. Messa e a seguire una breve processione con la tradizionale “bussata” e la richiesta di alloggio.
In testa alla processione vi era la Sacra famiglia composta da zio Onofrio Di Lorenzo (San Giuseppe), il quale per assomigliare di più al Santo, si faceva crescere la barba mesi prima, la Madonna ( una ragazza carina) ed il Bambinello (un bambino con capelli biondi e occhi chiari in modo a somigliare al Bambino Gesù).
La processione procedeva per il centro paese e si fermava davanti a delle case pre… – S. Giuseppe bussava alla porta con il bastone che portava con se e quando i proprietari aprivano chiedeva: “c’è posto per tre poveri pellegrini”? dalla casa rispondevano: “un c’è locu pi Vui” e richiudevano, scocciati, la porta. La processione proseguiva e dopo un po’ si fermava davanti ad un’altra casa, dove si ripeteva esattamente la stessa scena di prima. San GiuseppeDopo 2-3 rifiuti di alloggio, la Sacra Famiglia seguita, da numerosi fedeli e curiosi, si fermava davanti all’ingresso laterale della chiesa. S. Giuseppe bussava per due volte alla porta, ma nessuno apriva. Al terzo tentativo veniva aperta la porta e la persona che si affacciava chiedeva: “chi siete”?.. San Giuseppe rispondeva: “siamo Gesù, Giuseppe e Maria”; a questo punto chi aveva aperto diceva: “Benvenuti, entrate tutti a casa mia”!!!!
La Sacra Famiglia prendeva posto a tavola; Il Bambinello sedeva a centro e lateralmente San Giuseppe e Maria e, dopo la preghiera di ringraziamento, cominciavano a mangiare. Dal momento che era stato preparato cibo in abbondanza, alle persone, che avevano minore disponibilità o per tradizione, veniva data pasta e ceci in scodelle e pane e poi un assaggio di ciò che rimaneva da portare a casa.
La processione con la Sacra Famiglia, in giro per il paese, si faceva di pomeriggio e subito dopo, la Santa Messa, concludeva i festeggiamenti.
Per 10 anni la tavola di S. Giuseppe non fu più fatta. Ma dopo Padre Carmelo, con la collaborazione di Vito Zanca e Giovanni Favaloro , riprese questa tradizione.
San GiuseppeSuccessivamente ad occuparsi della preparazione dei piatti tipici erano la Signora Margherita Di Lorenzo e Maria Cristina Natale.
Da quando il 19 marzo non è più considerato festivo, le cose sono un po’ cambiate; se San Giuseppe cade in un giorno feriale, i festeggiamenti vengono rimandati alla domenica successiva.
Quest’anno la festa sarà il 21/03.

Ustica, via San Giuseppe


“ ‘A BUSSATA “, significato di un rito.


Pietro Bertucci attraverso una bella sequenza fotografica ce ne ha documentato alcune fasi e per completezza d’informazione, per saperne di più a beneficio di chi, fuori dall’Isola,Maria Cristina Natale non fosse tanto addentro alle tradizioni religiose usticesi ho “scomodato” Maria Cristina Natale, custode in memoria anche per titolo anagrafico delle fasi che tramandati dagli “antichi” puntualmente la comunità locale rinnova in questo particolare periodo dell’anno che si conclude con la celebrazione della Pasqua di Resurrezione. “il mio accostamento a questa usanza religiosa risale a trent’anni or sono e lo debbo a Padre Carmelo;“ esordisce Maria Cristina che ancora prosegue “ è preparatoria della imminente Festività di S.Giuseppe; tanti sono i giovani di Ustica che aspirano ad interpretare i tre personaggi principali in primo piano nelle foto tant’è che per non far torto a nessuno vengono prescelti per sorteggio” quindi la nostra “guida” racconta fasi e conclusione del ritoIMG_0070 “ il corteo di fedeli con in testa          S. Giuseppe, la Madonna ed il Bambino percorre le strade del paese per fermarsi come da tradizione alle porte di tre case precedentemente selezionate; IMG_0079e qui avviene “’a bussata”: bussano alla prima ma la risposta di chi apre è negativa ,<non c’è luogo per voi>; stessa sorte con la seconda ma la terza alla fine si apre e chi vi abita si inginocchia alla vista dei tre “visitatori” cheIMG_0106 benedicono la casa, i presenti e tutto il “ben di Dio” che la tavola apparecchiata presenta”. Questa bella e antica tradizione religiosa simboleggia del resto temi del diniego e dell’accoglienza antichi ma tremendamente d’attualità e fa onore a quanti, ognuno nel proprio ruolo, la rinnova con impegno e fede.IMG_0017 Ringrazio infinitamente Maria Cristina Natale per aver allargato le nostre conoscenze in materia attraverso questo bel contributo. Ha così dimostrato tra l’altro di essere in grado non solo di nutrire il nostro corpo attraverso le sue rinomate specialità ma anche il nostro spirito attraverso tramandati ricordi. Grazie ancora !

Mario Oddo

 

 

San Giuseppe a San Pedro in California

COMMENTO

Da Los Angeles CA Tom Robershaw

Thank you for sharing the pictures on your website. My daughters and I enjoyed the procession and mass. We were able to honor Jesus’ earthly father and celebrate our Sicilian heritage. Viva San Giuseppe!

^^^^^^^^^^^^

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

How happy to see all of these celebrations of San Guiseppe Tavola in Usticasape today !!! above you can see the 2 daughters of Tom Robershaw, marching with the band.
grandma Marlene Robershaw, Manfre

Come felice di vedere tutti questi festeggiamenti della tavola di San Giuseppe in Usticasape oggi !!! sopra potete vedere le 2 figlie di Tom Robershaw, che marciano  con la band.
nonna Marlene Robershaw, Manfre

IMG_20160313_114911IMG_20160313_131030IMG_20160313_133218IMG_20160313_114731

Ustica, San Giuseppe 2016 – “a bussata”


IMG_0070IMG_0072IMG_0073IMG_0074IMG_0079IMG_0080IMG_0082IMG_0090IMG_0092IMG_0093IMG_0100IMG_0104IMG_0106IMG_0110

Ustica, Tavola di San Giuseppe 2016

IMG_0018IMG_0022IMG_0025IMG_0026IMG_0030IMG_0043IMG_0052IMG_0113IMG_0119IMG_0122IMG_0123IMG_0125 IMG_0126IMG_0128IMG_0129IMG_0136IMG_0142IMG_0144

Il battagliero veliero San Giuseppe


Users who have LIKED this post:

  • avatar

 Il veliero San Giuseppe
Il veliero San Giuseppe

Ustica, San Giuseppe 2015


DSCN2057DSCN2061DSCN2104DSCN2066DSCN2076DSCN2083DSCN2087DSCN2093DSCN2102DSCN2104DSCN2105DSCN2107DSCN2111DSCN2112DSCN2113DSCN2119DSCN2122Foto giuseppe

Famiglia Robershaw e la tavola di San Giuseppe in San Pedro California – 2014


St Joseph's Day 007San Guiseppe Tavola in San Pedro California - 2014St Joseph's Day 005

La bussata di San Giuseppe

 La bussata di San Giuseppe

Processione San Giuseppe


[ id=21497 w=320 h=240 float=center]

Distribuzione ceci cotti per San Giuseppe


[ id=21434 w=320 h=240 float=center]

Ustica: La Sacra Famiglia in giro per il paese in cerca di ospitalità


[ id=21060 w=320 h=240 float=center]

San Giuseppe – Bambinello


[ id=17450 w=320 h=240 float=center]

Processione san Giuseppe – 2013


[nggallery id=655]
[nggallery id=656]

San Giuseppe – foto ricordo


 

[ id=16325 w=320 h=240 float=center]

Tavola di San Giuseppe in San Pedro in California – 2012


[ id=16279 w=320 h=240 float=center]

San Giuseppe 19 Marzo 1967


 

[ id=16272 w=320 h=240 float=center]