Ustica, scuola guida con la prima seicento


Ustica, scuola guida con la prima seicento
Ustica, scuola guida con la prima seicento

Ustica, scuola – primi passi


Ustica, scuola - primi passi
Ustica, scuola – primi passi

I ragazzi della media di Ustica alle prese con  “L’ORO NERO”.


Nella scuola media di Ustica è in pieno sviluppo un progetto didattico formativo dal titolo misterioso e affascinante nello stesso tempo: “L’oro nero che veniva dal mare“. Protagonisti sono i ragazzi della terza che, guidati dalla professoressa di scienze Alda Togo e dal direttore del Laboratorio-Museo di Scienze della Terra Franco Foresta Martin, si sono trasformati in apprendisti-ricercatori, raccogliendo decine di piccoli frammenti di vetro vulcanico nei terreni attorno a “Casa dei Francesi”, a Tramontana, e sottoponendoli poi all’analisi ottica con i microscopi del laboratorio scolastico.

A Franco Foresta Martin che, per conto del Continua a leggere “I ragazzi della media di Ustica alle prese con  “L’ORO NERO”.”

Ustica, cantiere scuola


Ustica, cantiere scuola
Ustica, cantiere scuola

Ustica, seconda classe scuola elementare


Ustica, Seconda Classe Scuola Elementare
Ustica, Seconda Classe Scuola Elementare

Ustica, quarta classe scuola elementare


Ustica, quarta classe scuola elementare
Ustica, quarta classe scuola elementare

Ustica, quinta classe scuola elementare


Quinta Classe Scuola Elementare
Ustica, Quinta Classe Scuola Elementare

Ustica, terza classe scuola elementare


Ustica, Terza Classe Scuola Elementare
Ustica, Terza Classe Scuola Elementare

Riceviamo e pubblichiamo – “Lettere alla scuola” – Palermo 23 Marzo, 16.00 – 19.00


Siamo immersi in una società in cui il successo personale viene misurato solo in base a criteri economicisti: vince chi è più funzionale, chi guadagna di più, chi primeggia rispetto agli altri.

E’ il momento che la scuola sostituisca la produttività con la fantasia,  la competitività con la cooperazione, la retorica meritocratica con l’incontro delle differenze.

Vi invitiamo a discuterne insieme nel corso della conferenza “Lettere alla scuola. Quale cittadinanza?”, che si terrà a Palermo, il 23 Marzo dalle 16:00 alle 19:00, presso il Centro Linguistico di Ateneo, in Piazza Sant’Antonino 1.

Parteciperanno all’incontro Valentina Chinnici (Insegnante e Presidente del CIDI Palermo), Mari D’Agostino (Direttore della Scuola di Lingua italiana per Stranieri), Franco Lorenzoni (maestro elementare) e Curzio Maltese (Eurodeputato GUE/NGL).

L’ingresso è gratuito. E’ gradita registrazione completando questo form.

Per maggiori informazioni consultare la pagina dell’evento, oppure contattare gloria.bagnariol@europarl.europa.eu o andreagiacomominichini@gmail.com

 

Ustica, scolaresca con insegnante Nunziatina Di Mento


Ustica, compagni di scuola con insegnante Nunziatina Di Mento
Ustica, compagni di scuola con insegnante Nunziatina Di Mento

^^^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Rosa Tranchina Campanile

La mia classe….i miei compagni….

 

Ustica, compagni di scuola


Ustica, primo giorno di scuola


Primo giorno di scuola
Ustica, Primo giorno di scuola

Ustica, compagni di scuola


Compagni di scuola
Compagni di scuola

Ustica, compagni di scuola


Ustica, compagni di scuola
Ustica, compagni di scuola

Prof lascia rifiuti per strada a Carini, il sindaco posta la foto su Facebook


GioviMulta, spazzatura, Monteleone Sinsaco Carini
Giovi Monteleone Sinsaco Carini

CARINI. I vigili urbani di Carini hanno multato una insegnante che aveva abbandonato della spazzatura per strada non rispettando l’ordinanza comunale sulla raccolta dei rifiuti porta a porta.

A dare la notizia è il sindaco di Carini, Giovì Monteleone, che ha postato sul suo profilo Facebook anche delle foto dei sacchi di spazzatura abbandonati vicino a una scuola.

“Anche oggi sacchi d’immondizia depositati in una pubblica via davanti alla scuola a Villagrazia, da un’insegnante che abita nei pressi in una zona servita da raccolta porta a porta – scrive il sindaco -. Ci si chiede come mai sia possibile che un’educatrice si comporti in questa maniera, una che dovrebbe dare l’esempio e invece sporca e imbratta un luogo dove si formano i ragazzi e si dettano e spiegano le regole della convivenza civile. E allora con amarezza e rammarico constatiamo che la strada da percorrere per il traguardo della legalità, che si incrocia con quella del decoro e della sana convivenza civile, è ancora lunga”.

23 Giugno 2017
Fonte: Giornale di Sicilia

Ustica, compagni, di scuola


compagni, di scuola
compagni, di scuola

Ustica, polemiche sui lavori alla scuola: “Troppi 4 milioni per ristrutturarla”


Il senatore Francesco Campanella ha presentato un esposto in procura definendo anomalo il finanziamento del Cipe per l’istituto con conta poche classi. L’appalto è stato aggiudicato a una ditta di Ganci con un ribasso del 36,69%

Alessia Rotolo
13 giugno 2017 12:15

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

La scuola in fase di ristrutturazione – foto UsticaSape

La scuola di Ustica è un istituto di dimensioni piccolissime, eppure ha ricevuto 4 milioni e 400 mila euro di finanziamento dal Cipe per il recupero e il risanamento di alcuni plessi. Una cifra quantomeno esagerata che non convince il senatore Francesco Campanella (nella foto a destra) che con un atto ispettivo ha sollecitato il ministro dell’istruzione, delle infrastrutture e dei trasporti nonché dello sviluppo economico, a fare chiarezza e, se fosse necessario, intervenire per accertare eventuali anomalie.

L’interrogazione è stata presentata a settembre del 2016 e visto che nessuna risposta è pervenuta il senatore ha deciso di rivolgersi alla magistraturaper fare chiarezza sulla vicenda, così ieri, lunedì 5 giugno ha presentato un esposto in procura a Palermo. I lavori per il recupero della scuola se li aggiudica una ditta di Ganci (Palermo), con un ribasso del 36,69%, per un importo complessivo di 2.676.949,39 euro. Nonostante per l’affidamento dei lavori fossero stati fatti tutti i controlli (come da dichiarazione dei funzionari incaricati e da parte dell’impresa) durante lo svolgimento dei lavori viene chiesta dalla ditta che vince l’appalto una cifra di 650 mila euro in più per alcuni lavori non previsti. Cifra che non è stata ancora concessa, i lavori però non sono andati avanti.

Così a fronte dei 17 mesi previsti per finire i lavori(con data di inizio luglio 2016), ad oggi risultano fermi. “E’ troppo anomalo che il Cipe abbia finanziato un’opera di ristrutturazione più costosa di un’integrale costruzione. Ulteriore criticità – dice Campanella – appare essere, in violazione delle indicazioni Anac, la mancata previsione nel progetto di stralci funzionali, al fine di favorire la partecipazione delle imprese locali, che sono state così estromesse di fatto dalla possibilità di partecipare”.

“Spero che il Governo svolga le opportune verifiche presso le amministrazioni competenti, – aggiunge il senatore – per accertare la congruità e la rispondenza dell’iter autorizzativo alle norme di legge e se sia il caso di revocare le somme stanziate; quali iniziative si intendono intraprendere in raccordo con le amministrazioni interessate, per verificare eventuali irregolarità e incongruenze relative ai lavori di recupero e risanamento conservativo dei plessi scolastici del comune di Ustica”.

Fonte PalermoToday

^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da usticasape

Anche il consiglio Comunale di Ustica ieri sera all’unanimità (con qualche “remora” di alcuni componenti  la maggioranza), ha deciso di inviare, per fare chiarezza,  “la relazione della commissione d’indagine sulla scuola” alla Procura di Palermo, alla Procura della Corte dei  Conti e altri

 

SCUOLA: CAMPANELLA “4MLN PER RISTRUTTURARE LA PICCOLA SCUOLA DI USTICA È UNA CIFRA ASSURDA”


La Scuola di Ustica è un istituto di dimensioni piccolissime, eppure ha ricevuto 4 milioni e 400mila euro di finanziamento dal CIPE per il recupero e il risanamento di alcuni plessi. Una cifra quantomeno esagerata che non convince il Senatore Francesco Campanella che con un atto ispettivo ha sollecitato il ministro dell’istruzione, delle infrastrutture e dei trasporti nonché dello sviluppo economico, a fare chiarezza e, se fosse necessario, intervenire per accertare eventuali anomalie. L’interrogazione è stata presentata a settembre del 2016 e visto che nessuna risposta è pervenuta il senatore ha deciso di rivolgersi alla magistratura per fare chiarezza sulla vicenda, così ieri, lunedì 5 giugno ha presentato un esposto in procura a Palermo. I lavori per il recupero della scuola se li aggiudica una ditta di Gangi (Palermo), con un ribasso del 36,6974 per cento, per un importo complessivo di 2.676.949,39 euro. Nonostante per l’affidamento dei lavori fossero stati fatti tutti i controlli (come da dichiarazione dei funzionari incaricati e da parte dell’impresa) durante lo svolgimento dei lavori viene chiesta dalla ditta che vince l’appalto una cifra di 650mila euro in più per alcuni lavori non previsti. Cifra che non è stata ancora concessa, i lavori però non sono andati avanti. Così a fronte dei 17 mesi previsti per finire i lavori (con data di inizio luglio 2016), ad oggi risultano fermi. “È troppo anomalo che il CIPE abbia finanziato un’opera di ristrutturazione più costosa di un’integrale costruzione; – dice il senatore Francesco Campanella – ulteriore criticità appare essere, in violazione delle indicazioni ANAC, la mancata previsione nel progetto di stralci funzionali, al fine di favorire la partecipazione delle imprese locali, che sono state così estromesse di fatto dalla possibilità di partecipare”. “Ho aspettato una risposta da parte del Governo per mesi e non è mai arrivata – conclude Campanella – a questo punto è il caso che sia la magistratura ad occuparsene”.

 

 

Cantiere scuola per sistemazione strada belvedere calvario


Cantiere scuola per sistemazione strada belvedere Calvario
Cantiere scuola per sistemazione strada belvedere Calvario

Relazione finale commissione d’indagine “scuola”


Download (PDF, 133KB)