Ustica, doveroso ringraziamento del Sindaco.


Nel pomeriggio di oggi, causa un improvviso guasto per avaria, l’aliscafo delle ore 14.00 da Palermo per Ustica è stato costretto a tornare indietro. Se questo inconveniente non ha poi alla fine causato gravi problemi logistici ai numerosi passeggeri lo si deve all’Assessore Falcone ed al Direttore generale Infrastrutture e Trasporti dott. Bellomo grazie al cui tempestivo interessamento, prontamente sollecitato dal Sindaco Salvatore Militello, è stato messo a disposizione in brevissimo tempo, quale mezzo alternativo, il catamarano ALE M che ha poi raggiunto regolarmente l’Isola con l’inevitabile ritardo di un’ora e mezzo circa.

Per la rapidità con cui hanno risolto l’imprevisto problema, all’Assessore Falcone, al dott. Bellomo nonché alla disponibilità del comandate Bertolini ed al suo equipaggio, i sentiti e pubblici ringraziamenti da parte del Sindaco, ai quali idealmente si aggiungono anche quelli dei 51 inizialmente sfortunati ma poi alla fine fortunati passeggeri a bordo. 

Redazione <Usticasape>

^^^^^^^^^^^^^

P.S. ore 19,12 – Dall’agenzia Militello riceviamo comunicazione che il Catamarano ALE M è in partenza da Palermo per Ustica.

^^^^^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo il confinato

Mi lascia perplesso il fatto che i soliti noti non abbiano pubblicato un post lamentando che il problema è stato risolto in troppo poco tempo. Saranno distratti da cose meno importanti. Saluti a tutti. Il Confinato.

Ustica 25 Aprile 2019, 74° anniversario della Liberazione d’Italia – il discorso del Sindaco

Concittadine e Concittadini,

Grazie a tutti voi di essere qui per celebrare insieme, oggi 25 Aprile 2019, il 74esimo anniversario della Liberazione, ringraziamento che rivolgo particolarmente alle Autorità civili, militari e religiose presenti.

Oggi, a 74 anni dalla data della Liberazione non posso non dare inizio a questa solenne manifestazione senza rivolgere un pensiero colmo di gratitudine a quelle forze militari e paramilitari, a semplici donne e uomini giovani e meno giovani, che in quel travagliato periodo lottarono strenuamente contro la dittatura fascista.

Quel futuro, grazie a quanti si sacrificarono, e non furono pochi, oggi è il nostro presente; è fatto di democrazia e di libertà, conquiste che vanno sempre difese e protette da ogni e qualsiasi forma che voglia limitarle o, peggio ancora, impedirle.

Nessuno ceda alla tentazione di considerare il ricordo del 25 Aprile come uno stanco rituale, un passaggio ripetuto retoricamente di anno in anno; verremmo meno al rispetto dovuto alla memoria di quanti hanno allora inseguito i propri ideali anche al costo del massimo sacrificio della propria vita.

Abbiamo tutti il dovere del ricordo, di fare nostro l’insegnamento che l’epopea della Resistenza ci ha consegnato e tramandato: amare e difendere le istituzioni, unirci, aiutarci, far prevalere sopra ogni posizione di parte sentimenti di unione e solidarietà, gli stessi che hanno prioritariamente animato la dura lotta partigiana; lavorare tutti insieme per migliorare in generale il nostro Paese, in particolare le piccole o grandi realtà territoriali nelle quali viviamo e operiamo.

Avvenimenti e protagonisti di quel periodo storico non sono patrimonio di una parte, ma della Nazione intera. A 74 anni dalla Liberazione, mentre gli ultimi testimoni dell’epoca stanno ormai via via lasciando questa terra, è giusto conservarne la memoria e raccontare ai giovani cos’è stata davvero la Resistenza e di quale forza morale sono stati capaci gli indimenticati protagonisti.

W la libertà, la pace e la solidarietà. Buon 25 Aprile a tutti!

 Il Sindaco
Salvatore Militello

 

Gli Auguri del Sindaco, Buona Pasqua a tutti, in serenità e pace.


Per me è un onore questa sera essere qui a rivolgere questo saluto augurale alla Comunità.

Non vi nascondo le emozioni che si sono susseguite in questi giorni durante le varie celebrazioni, compresi i ricordi quando da bambino, e qualche banco più indietro, si partecipava a questi riti sacri, forse non comprendendone profondamente il significato.

In questi giorni  abbiamo assistito a dei grandi momenti di spiritualità cristiana che ci hanno condotti, tramite le preghiere e le simbologie, alla Resurrezione di Gesù.

La resurrezione fonda la speranza del credente.

Paolo, nella prima lettera ai Corinzi, scrive:

«Togliete via il lievito vecchio, per essere pasta nuova, poiché siete azzimi. E infatti Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato! Celebriamo dunque la festa non con il lievito vecchio, ma con azzimi di sincerità e verità»

Quella sincerità e verità che purtroppo spesso manca in alcuni e che viene artatamente mistificata a seconda delle proprie paure e dei propri bisogni, e talvolta anche contro gli interessi generali della Comunità, per il sol fine di mantenere posizioni privilegiate e di potere.

Ecco, l’augurio che rivolgo a tutti noi è quello della Speranza, quale Resurrezione; quella speranza per la nostra piccola Comunità che, nella sincerità e nella verità, continui nella strada della coesione, della lealtà, del bene comune quale vero ed unico obiettivo da raggiungere.

Un doveroso pensiero va rivolto ai nostri Cari, alle persone anziane, agli ammalati.

Un augurio di serena Pasqua, a nome dell’intera Amministrazione e mio personale, va rivolto anche ai nostri ospiti, agli usticesi sparsi nel mondo, al nostro parroco –Don Lorenzo – che anche se in sofferenza fisica ha celebrato i riti sacri dandoci la possibilità della partecipazione.

Quindi, non mi resta che dirvi: BUONA PASQUA a tutti, in serenità e pace.

IL SINDACO
Salvatore Militello

^^^^^^^^^^^^^^

AUGURI

Dalle Dolomiti Carla Zampolli 

Dalle Dolomiti auguri.a tutti gli Usticesi. Carla e Giorgio.

 

 

 

 

Gli Auguri del Sindaco di Ustica per una Pasqua serena


In occasione delle imminenti festività pasquali desidero far giungere, a nome dell’intera Amministrazione Comunale e mio personale, ai miei concittadini, agli usticesi sparsi in ogni parte del mondo e ai visitatori che in questi giorni saranno in vacanza sull’isola, il più sentito augurio di una Pasqua serena.

Ustica si appresta a rendere particolarmente caratteristica questa Festività attraverso i suoi riti religiosi e civili in fedele continuità con antiche tradizioni e belle aggregazioni familiari. In questo segno rinnovo l’augurio che possiate trascorrere con spiritualità e godimento questi giorni di festa.                           

  BUONA PASQUA a tutti!                                                                                                                       

Sindaco di Ustica
Salvatore Militello

^^^^^^^^^^^^

AUGURI

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

Grazie Sindaco Militello per gli Auguri di Pasqua.
Saluti e Auguri,

 

 

 

Comune di Ustica, nomina Mario Oddo collaboratore volontario portavoce del Sindaco


Download (PDF, 140KB)

Lillo Maggiore eletto Sindaco di Ustica, festeggiamenti


Lillo Maggiore eletto Sindaco di Ustica, festeggiamenti

Ustica, incontro con il Vice Sindaco


Ustica, incontro con il Vice Sindaco

Ragazzini annegati a Ustica, l’ex sindaco condannato a due anni e otto mesi

DOVEROSA PRECISAZIONE – Il “pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva di euro 100.000”  è riferita a “ciascuna delle parti civili” che si è costituita in giudizio (la famiglia Licciardi marito e moglie)


Ustica, condannato, ex, sindacoLa tragedia di Ustica dove morirono due ragazzini che preso una macchina e finirono in mare. Il Tribunale ha condannato a due anni e otto mesi Aldo Messina, ex sindaco di Ustica.

I due ragazzini che scivolarono in mare dalla banchina del porto ex Sirena, annegando dentro l’auto che avevamo messo in moto per gioco.

Un gioco che costò loro la vita, ma se sul molo ci fossero state le barriere, che pure erano previste da un’ordinanza della Capitaneria di Porto del marzo 2012 – quattro mesi prima di quel tragico 9 agosto – la Panda non sarebbe finita in acqua e Bartolomeo Licciardi e Fedi Sta, di 14 e 13 anni, il secondo di origine tunisine, non sarebbero morti.

Omissione di atti d’ufficio e omicidio colposo come conseguenza di un altro reato, le contestazioni mosse a Messina: la quarta sezione del Tribunale lo ha assolto dalla violazione relativa a un’ordinanza del 2009 e condannato per il mancato rispetto del provvedimento di tre anni dopo.

Accolte solo in parte le richieste del pm Renza Cescon, che aveva chiesto cinque anni. I difensori dell’imputato, gli avvocati Donato e Elena Messina, come riporta il Giornale di Sicilia, faranno ricorso contro la sentenza del collegio presieduto da Bruno Fasciana, che ha anche assegnato provvisionali immediatamente esecutive, da 100 mila euro ciascuno, in favore dei familiari delle due vittime, costituiti parte civile, con l’assistenza dell’avvocato Francesco Menallo.

La Panda era stata lasciata dal proprietario – un pensionato, non imputato – incautamente, in divieto di sosta e con le chiavi inserite nel cruscotto, sulla banchina del porto.

Bartolomeo e Fedi, che proprio quell’anno avevano superato gli esami di terza media, erano con un gruppetto di amici, era sera tarda, intorno alle 22,30, e avevano deciso di fare quel gioco pericoloso, mettendo in moto e provando a spostarla. Bastò poco però per l’irreparabile, perché l’automobile, in mano a dei guidatori privi di qualsiasi esperienza, che l’avevano perdipiù fatta andare a retromarcia, aveva preso velocità ed era volata in mare.

I due amici, figli di un impiegato comunale (Bartolomeo) e di un falegname tunisino che si era stabilito a Ustica da anni, erano rimasti intrappolati nell’abitacolo e per loro non c’era stato niente da fare. Il processo era iniziato ad aprile del 2016, stava per concludersi in autunno, ma i giudici avevano deciso un’integrazione probatoria, acquisendo altri documenti e testimonianze. Ieri la sentenza, cui seguirà l’appello.

Fonte: BlogSicilia.it

 

Corresponsione indennità di funzione mensile al Vice Sindaco.


Download (PDF, 135KB)

Auguri del Sindaco e di tutta l’amministrazione comunale


Download (DOC, 753KB)

Ustica, gli Auguri del Sindaco Salvatore Militello alla comunità


Questo è il mio primo Natale da rappresentante di questa Comunità.
Non Vi nascondo la mia emozione ad essere qui, proprio io, io come uno di voi,  in questo momento speciale a rappresentare la Cittadinanza Usticese.
In questi giorni abbiamo avuto diverse occasioni di incontro: con i bambini che sono il nostro futuro e con i meno giovani che sono la nostra storia.
Ho voluto incontrare personalmente tutte quelle persone che purtroppo hanno dei problemi di salute e, casa dopo casa, sono andato a portare loro il nostro augurio di un Santo Natale, convinto com’ero, che fossi io a portare qualcosa in quella casa ed invece non è stato così:
sono stati loro a darmi molto di più di quello che io stavo dando loro.
Dai loro occhi lucidi, dai loro sguardi, dalla loro felicità per quel momento inaspettato usciva fuori, talvolta anche con un complice silenzio, una piccola grande storia da raccontarmi;  uscivano fuori apprezzamenti, ringraziamenti e sollecitazioni a continuare.
Mi sono reso conto che, senza tante parole, hanno dato più loro a me che io a loro.
Mi sono reso conto che c’è  la necessità,  seppur nella malattia, di farli stare insieme cercando di creare per loro (ma anche per noi ! ) una struttura solidale qui ad Ustica che li possa accogliere.
Rivolgo ancora, anche qui in Chiesa, un augurio di un Sereno Natale a tutte quelle persone che non possono, loro malgrado, partecipare a questo evento così importante per noi Cristiani.
Rivolgo anche un pensiero a tutti i nostri Cari che non sono più con noi ma che sicuramente godono di luce celeste e ci stanno guardando.
Non per ultimi, mi rivolgo a noi stessi pensando ai giovani:  dobbiamo cercare di creare per loro delle opportunità lavorative affinché rimangano nella nostra Comunità che se continua così sarà fatta solo di anziani e, quindi, senza futuro.
Noi siamo stati educati nel culto del Natale;  siamo stati educati a quella piccola creatura che nasce per portare Pace e Speranza.  Le esperienze di vita, tutto ciò che ruota e succede intorno a noi spesso ci portano lontano dal senso che quel Bambino dovrebbe portare dentro di noi. Spesso quel senso latita, tranne in periodi come adesso.  Invece quel senso di benevolenza, di Pace e di Speranza dovrebbe vivere sempre, tutti i giorni,  insieme a noi.
Credenti o non Credenti, con Fede o senza Fede, Praticanti o non Praticanti –  a mio avviso –  non basta la domenica andare alla Santa Messa o  il Santo Natale con tutte le sue luci ed auguri a farci diventare più buoni, altruisti e comprensivi.
Non basta : ed ecco che in nostro soccorso allora interviene la Speranza.
Quella Speranza che con la nascita del Bambino Gesù si possa veramente cambiare e portare anche la Pace e la Serenità nel cuore di tutti.
Ed è proprio questo il messaggio di augurio e di speranza che rivolgo ai presenti ed a tutta la Comunità Usticese.

BUON NATALE !!!

^^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Roberta Messina

Bravo Salvatore. Speranza sia la parola chiave per Ustica 2019. E per tutti noi!

^^^^^^^^^^^^

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

Salvatore, a beautiful Christmas message for all !!!! God bless you and continue to help you as you govern with decision and a big heart. Yes, agree with you about Christmas, It is about Jesus !!! God loves us so much he sent His Son, to save us and give us His Peace and love

Salvatore, un bellissimo messaggio di Natale per tutti !!!! Dio ti benedica e continua ad aiutarti mentre governi con decisione e cuore grande. Sì, sono d’accordo con te per Natale, Riguarda Gesù !!! Dio ci ama così tanto che ha mandato suo Figlio, per salvarci e darci la sua pace e amore

Ustica, Il sindaco legge buone notizie al medico e al parroco


Ustica, Il sindaco legge buone notizie al medico e al parroco
Ustica, Il sindaco legge buone notizie al medico e al parroco

Ustica, discorso del Sindaco in occasione della celebrazione del 4 Novembre


AILARA ANTONINO, BERTUCCI FRANCESCO, CIACCIO G. BATTISTA, FAMULARO FELICE, LA BARBERA SALVATORE, RUFFO CARLO A., TRANCHINA ALFREDO, VERDICHIZZI GIUSEPPE ed ancora CARAVELLA ANTONINO, LAURICELLA LITTERIO, RANDAZZO SALVATORE …

I nomi che avete appena ascoltati sono dei nostri Concittadini morti nella 2° guerra mondiale 1940 – 1945 e nella battaglia di Lissa del 1866 e per i quali i nostri predecessori posero nella Piazza della Vittoria un obelisco a nostra futura memoria: “Il monumento dei Caduti” .
Oggi ricorre il centenario del Primo conflitto mondiale che si concluse con la firma del 03 novembre dell’Armistizio entrato in vigore il 04 Novembre 1918.
La ricorrenza del 4 novembre celebra, di fatto, l’unità nazionale rendendo omaggio al valore e alla dedizione, nel nome della Patria, delle Forze Armate.
La data si riferisce ad un capitolo importante della Storia Italiana: la commemorazione della vittoria nella Grande Guerra del ‘15-’18, e che oggi abbraccia il ricordo di tutte le guerre.
E’ doveroso, quindi, ricordare il Continua a leggere “Ustica, discorso del Sindaco in occasione della celebrazione del 4 Novembre”

Giuste ed appropriate lamentele dei cittadini e turisti relativamente allo stato in cui versa il nostro Cimitero.


Giusto articolo per la mal curanza.

Non serve forse a nulla dire che tra le tante emergenze estive a cui in qualche modo si è dovuto dare corso, compreso il grosso problema dei rifiuti ancora adesso non completamente risolto con una pulizia straordinaria , grazie ad un finanziamento richiesto ed ottenuto da parte della Protezione Civile, della zona adiacente al Cimitero stesso, si è stati costretti mettere “indietro” lo stato di abbandono in cui versava e versa quel Luogo Sacro a tutti noi caro.

Abbiamo dovuto dare delle priorità ai tantissimi problemi trovati proprio all’inizio della nostro mandato concomitante all’inizio della stagione turistica.

Tra le priorità abbiamo preferito la Continua a leggere “Giuste ed appropriate lamentele dei cittadini e turisti relativamente allo stato in cui versa il nostro Cimitero.”

Il Sindaco, per non creare disagi alla cittadinanza, si improvvisa, per l’occasione, “selezionatore di rifiuti”


Il Sindaco, per non creare disagi alla cittadinanza, si improvvisa “selezionatore di rifiuti”

Ustica festività del Santo Patrono San Bartolomeo, Auguri del Sindaco alla comunità per costruire insieme in’Isola sempre migliore…


Oggi per me è un onore e motivo di orgoglio essere qui a rappresentare tutta la Comunità usticese, ed è bello vedervi così numerosi.

Ringrazio l’Arcivescovo, Monsignor Lorefice, per essere qui a partecipare a questo importante appuntamento molto sentito da tutta la Cittadinanza.

Non voglio nascondere la grande emozione che provo nel vedere l’intera Comunità, anche quest’anno,  tutta unita per festeggiare San Bartolo e rendere omaggio al Santo Patrono o per devozione, o per riconoscenza, o anche soltanto per senso di appartenenza alla nostra Isola ed a questo nostro piccolo paradiso usticese, affidandoci alla Sua protezione.

La realtà di ogni giorno è spesso carica di preoccupazioni, ma oggi è il giorno di San Bartolo, il giorno della speranza, il giorno in cui ricordiamo che la nostra Comunità è forte, che è possibile costruire tutti insieme un’isola sempre migliore nella convinzione, non solo mia, che tutti insieme sostenendoci l’un l’altro possiamo superare tutti gli ostacoli posti lungo il nostro cammino.

Ed è questa la preghiera che rivolgo a San Bartolo: quella di restare sempre uniti, come oggi, e di avere sempre una Comunità che sappia condividere le regole ed il buon senso nel rispetto reciproco e nell’amore cristiano verso il prossimo.

Rivolgo, rivolgiamo …,  un pensiero di affetto e vicinanza alle persone anziane, ai sofferenti ed alle Famiglie delle vittime della tragedia di Genova che in questi giorni ha scosso il nostro Paese.

Ringrazio tutti per l’incredibile lavoro profuso per l’organizzazione di questa Festività, in particolare Padre Lorenzo e quanti gli collaborano, tutti quelli che spontaneamente hanno contribuito economicamente a sostegno di quanto è stato già organizzato ed ancora sarà fatto.

Ringrazio i concittadini di Ustica che ogni giorno, a vario titolo e modo, si prodigano per preservare le bellezze di Ustica e mostrarle al mondo; e non ultimo, ringrazio, i numerosi Visitatori che sono venuti sull’isola per condividere con noi questo momento speciale: Benvenuti nella nostra famiglia !

Grazie a tutti per il Vostro supporto e amore per Ustica e non posso fare a meno di concludere col dire: VIVA USTICA …. E VIVA SAN BARTOLO.

Il Sindaco
(Salvatore Militello)

Intervento integrale del Sindaco S. Militello in occasione della visita ad Ustica del Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci


Gentile Governatore, gentili Assessori della Regione Sicilia,

a nome di tutta la Comunità Usticese, oltre che mio personale, Vi rivolgo il più vivo saluto di benvenuto ad Ustica.

Desidero ringraziare il Presidente della Regione Sicilia per avermi dato la possibilità di incontrarlo a Palazzo d’Orleans il 26/6 scorso ed in quella, per me unica e meravigliosa occasione,  di aver accettato l’invito rivoltogli a visitare Ustica fissando, sin d’allora, ad oggi la data;  ma ancor di più, Signor Presidente,  per essere Lei riuscito, in quell’enorme Palazzo, a farmi sentire come a “ casa mia ”  ed accogliermi come un “Padre”  accoglie  un  “Figlio”.

Grazie per tutto questo Signor Governatore! Sono emozioni che resteranno indelebili per tutta la vita !

Oggi per la Comunità Usticese è un momento storico che credo non si sia mai verificato:  è un onore ed un piacere avere il Governatore della Sicilia e la Sua Giunta, qui in questa aula che è il luogo della democrazia popolare.

Questo è, per me,  per noi, motivo di orgoglio e testimonianza unica di come Lei ed il Suo Governo abbiate preso a cuore questa Comunità e questa Isola per come avete già fatto e, sono certo, continuerete a fare.

Signor Presidente, come avrà modo di Continua a leggere “Intervento integrale del Sindaco S. Militello in occasione della visita ad Ustica del Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci”

Il Sindaco acquista il biglietto e fa un giro con l’autobus.


Questa mattina mi sono fatto 2 giri con il nostro autobus: ore 10,00 – Circolare Sinistra (CS) e successivamente alle 10,45 Circolare destra (CD). Praticamente stesso giro, con stesso autobus, con stesso percorso, a quell’orario, INUTILI ! Non è salito nessun passeggero e tanto meno nessuno è sceso. Anzi… la corsa delle ore 10,45 è partita già piena dal capolinea (piazza Umberto I°) quindi non so come avrebbe fatto ad accogliere altre persone. Tutti i passeggeri erano comunque diretti allo Spalmatore. Quindi mi chiedo: a che serve questo percorso a quelle ore ? A nulla. Ho pure visto che l’autobus è uno che ” magicamente” diventa da CS a CD. Occorre porre rimedio a questo errore di programmazione. Domani ne parlerò con l’Assessore del ramo e con l’ufficio preposto.

Salvatore Militello

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Los Angeles CA Tom Robershaw

Great job by the mayor. The Bible asks us to be good stewards of the assets and talents in our possession. It is commendable that the mayor is looking to improve each service provided by the government.

Ottimo lavoro da parte del sindaco. La Bibbia ci chiede di essere buoni amministratori dei beni e dei talenti in nostro possesso. È encomiabile che il sindaco stia cercando di migliorare ogni servizio fornito dall’Amministrazione.

dav

Il neo Sindaco di Ustica Salvatore Militello ha promesso: “mi recherò a casa di tutti gli ammalati”…


Il Sindaco di Ustica Salvatore Militello, coerentemente con quanto promesso in campagna elettorale, come primo segno della sua sindacatura, ieri mattina ha reso visita alla signora Ida Parascandolo, nella convinzione che i malati e le malattie non possono aspettare. Si è intrattenuto amichevolmente a parlare con lei facendole sentire l’affetto suo personale e quello di tutta la comunità.
Un momento di forte commozione si è avuto quando la signora Ida ha parlato della “disgrazia” che ha coinvolto il figlio Giuseppe…

Il sindaco, con modi sensibili,  ha trovato parole di conforto e sollievo tanto da strapparle un lieve sorriso che ha alleviato, anche solo per un momento, la sua sofferenza.
Ha preso una serie di appunti e ha promesso che ritornerà a farle visita dopo l’estate.
Ha ringraziato anche la badante signora  Anna per la professionalità e l’umanità che pone al servizio della signora Ida.

P.B.

 

cof

^^^^^^^^^^^^

Nota del Sindaco S. Militello

L’ho fatto con molto piacere e tanta tristezza dentro. Mi sono reso conto di come le “Pubbliche Amministrazioni” siano talvota distanti dai veri bisogni dei Cittadini e cosa più grave quando fanno passare un “diritto” come se fosse un “favore”. Scriverò ancora allo IACP di Palermo per la verifica, anche di salubrità, degli immobili.

 

Il Sindaco di Ustica S. Militello ha incontrato il Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci – (sarà ad Ustica in visita ufficiale a luglio).