Corresponsione indennità di funzione mensile al Vice Sindaco.


Download (PDF, 135KB)

Comune di Ustica, nomina del Vice Segretario


Download (PDF, 722KB)

Ustica, nomina V. Sindaco


 

COMUNE DI USTICA
DETERMINAZIONE DEL SINDACO
N. 46 del 01/12/2014

IL S I N D A C O

VISTA la propria determina n.ro 41 del 09 Ottobre 2014 con la quale si è proceduto alla nomina dell’Assessore Comunale Signor Campolo Salvatore;

Vice SindacoRILEVATO che è intenzione dello scrivente procedere a nominare quale Vice Sindaco di questo Comune il suddetto Signor Campolo Salvatore nato a Palermo il 27/03/1963 e residente in Ustica;

RILEVATO, altresì, che lo Stesso manterrà le deleghe attribuite con la Determinazione n. 42 del 09/10/2014;

VISTO il vigente O.R.EE.LL.:

D E T E R M I N A

Di nominare il Signor Campolo Salvatore, nato a Palermo il 27/03/1963, Vice Sindaco di questo Comune con decorrenza immediata, mantenendo le deleghe attribuite in precedenza con la succitata Determina n. 42/2014;

Demandare all’Ufficio Affari Generali gli adempimenti consequenziali, nonché la notifica del presente atto all’interessato.

IL S I N D A C O
f.to Dott. Attilio Licciardi

^^^^^^^^^^^^

CONGRATULAZIONI

Da Milano Mino De Girolamo

Auguri e buon lavoro Salvatore !! (leggendo la tua biografia incredibilmente abbiamo qualcosa che ci accomuna : la data di nascita .Naturalmente tu sei “molto”piu’ giovane di me.)Ancora sinceri Auguri Mino – Emilia .

^^^^^^^^^^^

Da Ustica Toni Martello

Congratulazioni Salvatore, sono sicuro che il tuo  nuovo impegno istituzionale, sara’ singolare, e sopratutto dara’ un contributo in piu’ a questa amministrazione , per il bene del paese e degli Usticesi. Auguri e buon lavoro.

^^^^^^^^^^^^^^

Da Milano Costantino Tranchina 

Complimenti vivissimi a Salvatore Campolo, per il nuovo incarico di vice Sindaco conferitogli dal Sindaco Dott. Attilio Licciardi con l’augurio di avanti tutta e di vento in poppa.
Costantino Tranchina.

Ustica dall’incontro con i cittadini – Depuratore – Analisi “politica” dal Vice Sindaco (ampia sintesi)


 

depuratore scarica a mare 1Come ricordava  il sindaco la mia carica non è elettiva però del mio operato, come amministratore,  rispondo ai cittadini, non c’è dubbio. Per tutta questa vicenda vi chiedo personalmente scusa,  perché sono titolare  della delega in argomento  e,  per incompatibilità con l’ufficio tecnico, non ho fatto nulla e quindi  ho questa responsabilità… non ho seguito più nulla… Da cittadino mi sono sempre impegnato, voi lo sapete,  non c’è bisogno che ve lo dico. Ho questo peso sullo stomaco e me ne devo liberare…  io non ho fatto più nulla. È stato un mio errore… dovevo essere più combattente, ma adesso sono un combattente stanco. Voi sapete, io non mi tiro mai indietro… però per un mio problema, per i rapporti con l’ufficio tecnico non ho potuto esercitare, bene o male, la delega che mi è stata affidata. Quindi è stato un errore mio. Ho detto al sindaco tempo fa… “io non riesco… non riesco… Ogni volta che si discute e vi sono idee diverse le cose sono andate sempre come diceva il tecnico e non come diceva il Vice Sindaco e questo va bene, anche in questa circostanza… Ma il problema non è questo…  è un problema di “relazione”.

Io ho chiesto soltanto al Continua a leggere “Ustica dall’incontro con i cittadini – Depuratore – Analisi “politica” dal Vice Sindaco (ampia sintesi)”

Ustica: Eletti il Presidente ed il Vice Presidente del Consiglio Comunale


Ieri sera il consiglio comunale di Ustica ha eletto il nuovo presidente ed il vice presidente del consiglio comunale di Ustica rispettivamente Giuseppe Mancuso e Vittoria Salerno con 8 voi, precedentemente dichiarati, di tutta la maggioranza. La minoranza ha votato Caserta Carmela riportando quatto voti.

Ci sarebbe piaciuto vedere, in prospettiva di un lavoro in sinergia visto il difficile momento che sta attraversando l’Isola, una elezione all’unanimità, sia per quanto concerne il presidente del consiglio che per il vice presidente del consiglio. Purtroppo…

Pubblichiamo di seguito gli interventi integrale di insediamento del presidente e del vice presidente del consiglio.

Le dichiarazioni fatte dal sindaco, assessori e consiglieri durante la seduta verranno pubblicate in seguito

Giuseppe MancusoIntervento del nuovo presidente del consiglio Giuseppe Mancuso

Il primo ringraziamento va rivolto a Vito Zanca perché è stato grande ed impeccabile. Ringrazio tutti coloro che mi hanno votato ma anche chi non mi ha votato dicendo subito che mi impegnerò ad essere il presidente di tutto il consiglio comunale, come ovvio che sia, partendo dal contributo che dà ogni componente del consiglio. Noi siamo 12 e siamo stati eletti dai cittadini e quindi rappresentano tutti il volere dei cittadini. È ovvio che chiederò a tutti i consiglieri di contribuire nella discussione in modo attivo, senza cadere nella polemica che non porta a nulla se non ad alimentare il dissenso, le fratture tra di noi in consiglio e per riflesso anche nella cittadinanza. Per me è la seconda volta che ricopro la carica di consigliere comunale. Io sono stato cinque anni all’opposizione ed ero ritenuto come consigliere di opposizione. Io non l’ho utilizzato questo nome con quei quattro consiglieri perché li consideravo consiglieri del gruppo di minoranza. Signori miei c’è poco da opporsi forse non c’è nulla da opporsi. Opponendosi significa bloccare eventuali finanziamenti, bloccare le linee programmatiche, ma anche se con la nuova legge elettorale (otto a quattro) si potrebbe andare avanti sarebbe un po’ diminutivo ed anche non corretto

nei confronti del volere dei cittadini. Si è in dodici e dodici devono condividere le linee programmatiche devono condividere i lavori e le proposte che verranno affrontate in questo consiglio comunale. Perché comunque vada si parlerà sempre di Ustica. Io sfido chiunque di noi qua dentro, consiglieri, assessori, sindaco a non volere il bene dell’isola. Io prendo spunto dei cinque anni che ho fatto da consigliere comunale e non c’era questo clima sereno. Eravamo continuamente presidiati dai carabinieri, dai vigili urbani e il clima non era assolutamente sereno, la segretaria ne può parlare, sono stati anni di tempeste, ma c’era anche il motivo di farlo, che non hanno portato a nulla, hanno fratturato il paese, ci siamo bloccati, anzi siamo andati un po’ in dietro. In questo consiglio Comunale io mi auguro, e ci sono tutti i presupposti per farlo, che si vada avanti con serenità, con armonia e collaborazione. I programmi li conosciamo e parte del programma l’avete anche condiviso, se ne è parlato. I cittadini conoscono le linee programmatiche e quello che io mi auguro è di poter amministrare questo consiglio comunale con tutti i consiglieri con l’aiuto dei cittadini che dovranno venire in questo consiglio comunale non per partecipare a qualche show, perché questo si è fatto, ma dovranno venire in questo consiglio comunale per ascoltare e per vivere i lavori del consiglio comunale. Dovrà essere questo il motivo che deve portare i cittadini dentro l’aula consiliare. Un consiglio comunale, amministrazione senza i cittadini va a sbattere. La cosa più semplice è di non fare nulla e stare fermo, così non si sbaglia. Il tempo passa e passa per tutti. Chi lavora e chi vive tra la gento lo sa che non si può stare fermi. Dobbiamo andare avanti… I discorsi e le proposte che si faranno in questa aula dovranno essere all’altezza dell’attenzione dei cittadini che dovranno essere sempre più numerosi, che dovranno essere di stimolo ai consiglieri, perché noi qui dentro non siamo i padroni dell’isola. Dott. D’Arca noi qua non dobbiamo regnare, noi siamo i portavoce del volere dei cittadini, siamo stati eletti dai cittadini. Nessuno regna qui dentro, non regnerà nessuno. Qui dentro noi semplicemente valuteremo le proposte che abbiamo nei programmi ed eventuali altre proposte che verranno dai cittadini nella massima serenità e con lo spirito di collaborazione. Io mi auguro veramente di non essere una persona burbera o che divide anzi… Ho il piacere di circondarmi di un consiglio comunale al femminile ed una giunta al femminile, una amministrazione determinata dalla presenza delle donne e forse è la prima volta che un consiglio comunale venga amministrato da così tante donne e non può che essere proficuo. Il padrone di casa è la donna non è l’uomo e penso che questo non possa che dare ottimi risultati all’amministrazione.

Vi ringrazio della collaborazione e auguro buon lavoro a tutti.

———————

Vittoria SalernoIntervento del nuovo vice presidente del consiglio Vittoria Salerno

Sarò brevissima perché già è stato detto prima quanto avevo in mente di dire.

Il mio ruolo è di collaborazione principalmente con il presidente, ma fondamentalmente con tutto il consiglio comunale. Il consiglio comunale è fatto dalla minoranza e dalla maggioranza. Il mio ruolo è quello di riuscire a mettere insieme e aiutare nel lavoro il presidente per rendere più agevole il suo compito e di dare la possibilità a tutti (consiglieri di minoranza e di maggioranza) di potersi esprimere a monte nella lavorazione iniziale alla preparazione dei consigli comunali dove è fondamentale fare tutti i preparati. Quindi l’obiettivo fondamentale è quello di avere sempre i documenti necessari per discutere quanto in argomento, le decisioni che dobbiamo prendere e dobbiamo essere tutti consapevoli che non si può arrivare qui senza sapere di che cosa si parla. Quindi l’obiettivo fondamentale dell’ufficio di presidenza è quello di rendere più agevole, di snellire i lavori per poter discutere nel migliore dei modi gli argomenti in consiglio comunale.

 

Incontro istituzionale a Roma


Il Sindaco, Aldo Messina, il Vice Sindaco Giuseppe Caminita ed il Rresidente del Consiglio, Leo Cannilla si sono recati a Roma per incontri istituzionali.
In mattinata hanno fatto visita all’ingegner Mario Gamberale, amministratore delegato della società Azzero Co2, esperto di progetti sostenibili per le isole minori, con il quale hanno discusso delle possibili strategie da attuare a Ustica. “Ci sono fondi per 121 milioni di euro, riservati a progetti di sostenibilità ambientale in campo di energia, rifiuti, trasporti e acqua, destinati nella misura dell’80 per cento alle isole minori”, ha spiegato Messina. “Con riferimento alla nostra realtà – ha aggiunto – abbiamo parlato, tra le altre cose, della possibilità di migliorare l’utilizzo dei fanghi derivanti dalla depurazione dell’acqua, estraendo, da questi, biogas; di riprendere gli impianti fotovoltaici esistenti e realizzarne di nuovi, dopo avere valutato le migliori soluzioni per renderli compatibili con la centrale elettrica di Ustica. Andranno evitate differenze di fase e di potenza per scongiurare danni alla centrale stessa. L’ingegner Gamberale verrà pertanto a Ustica per studiare le soluzioni migliori.
Il secondo incontro ha avuto luogo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Precedenza per la Programmazione economica , servizio III, comunicazione e rapporti istituzionali, dal dr Ugo Scherino, al fine di valutare la possibilità di realizzare il molo di protezione nel porto di Ustica. Il Sindaco si è impegnato a fornire la documentazione per comprendere ” lo stato dell’arte”. In particolare il livello della progettualità.
L’intervento del Cipe è infatti finale rispetto a quello del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, e questo, a sua volta, rispetto al parere della Regione siciliana.
Infine l’ultimo incontro presso il Ministero Ambiente alla presenza dei delegati del Ministro, della Capitaneria di Porto( ammiraglio Carpinteri e Pace), Della Presidenza della Regione ( Totò Cianciolo), dell’Assessore Territorio ed Ambiente ( Ing: Scalia) e della Provincia ( Presidente Avanti e in Angelo Troja) Tutti hanno concordato – Provincia e Capitaneria inclusa- sull’importanza di completare le operazioni di passaggio dell’AMP al Comune di Ustica. Ovviamene l’ultima risposta spetta al Ministro Prestigiacomo e pertanto ci si è autoconvocati per il 14 marzo.