Trasporti: Morace (libertyLines), “orari aliscafi per Ustica decisi dal comune. Protesta contro noi non ha senso


Palermo – “Va chiarito in maniera definitiva che gli orari dei collegamenti via aliscafo per Ustica non sono stabiliti dalla nostra compagnia. La protesta che da ieri sera  impedisce ai nostri aliscafi di attraccare al porto  è soltanto una incredibile strumentalizzazione messa in atto da parte di pochi. Ho la sensazione  siano le stesse persone che hanno ideato questa programmazione. Ora provano a nascondere le proprie colpe. E’ un tentativo goffo, maldestro e non tollerabile di ribaltare le responsabilità di questo stato di cose e farle ricadere, ingiustamente, su chi è mero esecutore di orari decisi da altri”. E’ il commento di Ettore Morace, amministratore delegato di Liberty Lines che prende così una posizione netta e definitiva sulle proteste in corso ad Ustica. Da ieri sera, infatti, agli aliscafi viene impedito di attraccare.

“Per essere ancora più chiari:  noi stiamo eseguendo alla lettera gli orari richiesti formalmente dal vertice del Comune di Ustica e dell’assessore comunale competente in materia di trasporti. Queste richieste sono state formulate, e da noi accettate,  in occasione della riunione che si è tenuta negli uffici della Regione siciliana il 14 dicembre scorso.”. 

Un mese dopo – continua la nota di Liberty Lines – l’amministrazione comunale di Ustica si rese conto dell’errore di programmazione compiuto e sostenne la tesi dell’esistenza di un “refuso” nel documento. In pratica, si sosteneva la tesi che l’orario “8,15” andava inteso come “17,15” (!!??).  Ci è stato chiesto di modificare ulteriormente l’orario: non abbiamo mai detto no ma per operare questa rimodulazione è necessario che vengano coperti  gli ingenti extra costi generati dalla variazione degli orari. Sono oneri legati al costo del personale: si tratta di 6 ore di straordinario da applicare, per sette persone di equipaggio, per novanta giorni. Su questo punto non abbiamo ricevuto nessuna risposta concreta dagli organi competenti se non una comunicazione vaga con la promessa di analizzare eventuali future economie(!) .

“Confermiamo la nostra totale disponibilità per porre rimedio a quei “refusi”  – conclude Morace – rispetto agli orari comunicati dall’amministrazione comunale di Ustica.  Ma, lo ribadiamo, questo potrà accadere soltanto nel pieno rispetto delle regole e del dettato della convenzione”.

Ad integrazione si fa presente:

Download (PDF, 1.36MB)

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Russo Angelo 85

Salve Sign. Morace, sono un libero cittadino usticese, che per fortuna pensa e ragiona con la propria testa. Mi voglio unire al suo discorso e dirle che al porto non c’è Ustica, ma una minima parte. Noi li chiamiamo (i parenti ra zita). Povera Ustica, Dio la benedica.

23+

4 Responses to “Trasporti: Morace (libertyLines), “orari aliscafi per Ustica decisi dal comune. Protesta contro noi non ha senso”

  1. Angelo Russo ha detto:

    Salve Sign. Morace, sono un libero cittadino usticese, che per fortuna pensa e ragiona con la propria testa. Mi voglio unire al suo discorso e dirle che al porto non c’è Ustica, ma una minima parte. Noi li chiamiamo (i parenti ra zita). Povera Ustica, Dio la benedica.

    2+
  2. salvatore salvini ha detto:

    Dovrebbero togliere la cittadinanza a schettino, che dopo aver fatto male i conti, manda a difenderlo i parenti ra zita,
    Ho un pallottoliere nel baule,
    Penso che potrebbe essere utile ad iniziare a ragionare e sapere poi cosa si scrive.
    Povera Ustica.
    Dio aiuti i grandi cittadini, ne avranno bisogno.

    1+
  3. Carmela ha detto:

    Comandante Morace,
    grazie per la Sua disponibilità a far chiarezza in questa vicenda che ha dell’inverosimile, una vicenda che ci vede coinvolti noi Usticesi in prima persona, in un avvicendamento di notizie false e di bugie da parte di questa Amministrazione con a capo il Sindaco Attilio Licciardi.
    Come già detto in altra sede, la verità prima o poi verrà a galla ed ecco qui saltata fuori da questo Suo comunicato.
    Il Gruppo di Minoranza, consapevole delle decisioni e delle scelte del Sindaco, ha più volte a gran voce in Consiglio Comunale e in assemblea cittadina, esposto i problemi che sarebbero scaturiti a causa degli spostamenti degli orari dei collegamenti via aliscafo, ma i nostri stessi concittadini pur sapendo, scettici, si sono cullati.
    Siamo consapevoli che i nostri disagi a partire dal 1° aprile 2017 sono stati causati da scelte scellerate, già dal dicembre 2016,da parte del Sindaco Attilio Licciardi; nonostante ciò nell’ultima assemblea cittadina organizzata dal Sindaco per discutere di modifica orario aliscafo,dove annunciava che avrebbe avuto un incontro l’indomani mattina all’Assessorato Trasporti, un cittadino lì presente, consapevole delle tante bugie sperperate in questi anni,proponeva che il Sindaco fosse accompagnato all’incontro da un cittadino, da un membro della minoranza e dalla consigliera indipendente.
    Il Capogruppo Felice Caminita ha dato la sua disponibilità all’incontro. La mattina successiva a Palermo, in accordo con il Sindaco Licciardi, il Capogruppo era in attesa di comunicazioni da parte dello stesso per modalità d’incontro e orario presso l’Assessorato Trasporti.
    Nessuna nuova da parte del Sindaco, malgrado le insistenti chiamate al cellulare da parte di Caminita che alle ore 11,49 del 4.4.2017, dopo che il Sindaco alle ore 11,43 dello stesso giorno, posta su FB e mette a conoscenza il gruppo di UD del suo incontro all’Assessorato, il Capogruppo riceve un SMS con scritto:
    “ FELICE NON E’ NECESSARIO CHE VIENI IN ASSESSORATO. GRAZIE COMUNQUE PER LA COLLABORAZIONE E LA DISPONIBILITA’……..ATTILIO “ Stamattina, tornato ad Ustica Felice , il Capogruppo, dopo le peripezie di ieri, sta ancora aspettando la convocazione all’incontro in Assessorato da parte del Licciardi e della sua tanto lodata “ DEMOCRAZIA PARTECIPATA”.
    Bisogna capire bene, che le scelte politiche e non , che ha fatto questa Amm. Licciardi ,non hanno più credibilità e che in un modo o in un altro qualcuno dovrà assumersi la responsabilità di quello che sta accadendo in questi giorni in quest’Isola, che ancora non ha finito di essere martoriata.
    Carmelina Caserta

    2+
  4. Patrizia lupo ha detto:

    Sig. Morace, sono la sig.ra Patrizia Lupo, consigliere comunale indipendente di Ustica. Il 15 febbraio ero tra gli irriducibili che hanno occupato l’agenzia di palermo fino alle 23:30, quando finalmente ha dato ordine al suo lacchè, di provvedere ad una sistemazione adeguata, in ottemperanza al regolamento europeo. In quell’occasione lei ebbe a difendere il sindaco Licciardi che a Suo dire era stato vittima di strumentalizzazione politica. Se lei non lo sapesse ancora, dalle mie parti si dice ” cu si curca cu i picciriddi agghiorna pisciatu”
    Cosa si aspettava da un personaggio abituato a dire bugie per rimanere sempre in piedi. Questo voltafaccia nei suoi confronti è la giusta ricompensa per averlo difeso ingiustificatamente

    2+

Leave a Reply

See also:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: