Ustica Lines – Regione : unica soluzione è la proroga


 

Aliscafo Ustica Lines  (3)6 dicembre 2015

A fine mese la scadenza dei servizi. Ma i nuovi bandi di gara per far partire i nuovi servizi dal 1° gennaio non sono stati ancora predisposti. Ecco cosa è accaduto e cosa può accadere domani a Palermo

Lipari- Ustica Lines prima annuncia la sospensione, da domani, dei collegamenti marittimi integrativi con le Eolie e le Egadi ma nel pomeriggio di ieri ecco che rientra l’allarme per la convocazione, lunedì alla Regione, di un incontro con la compagnia e con i sindaci. La società del presidente Morace ieri ha annunciato che “ con provvedimento n. 2960 del 3 Dicembre 2015, notificato nel pomeriggio del 4 dicembre, la Regione Siciliana ha comunicato di avere proceduto all’annullamento dei bandi delle gare espletate nel febbraio 2014 ed aggiudicate in via definitiva all’Ustica Lines”. Una decisione che avrebbe costretto Ustica Lines a interrompere i servizi da domani .

Ma cosa è accaduto e quale problema dovrà essere affrontato a Palermo ? L’Avvocatura dello Stato qualche giorno fa ha dato parere contrario alla transazione tra Regione e società per risolvere il contenzioso della scorsa primavera. Come si ricorderà la Regione , ad aprile, ad un anno dall’affidamento dei servizi marittimi svolti senza contratti, aveva avviato le procedure per l’annullamento delle gare senza liquidare un solo euro a fronte dei servizi resi dalla società , comunicando di aver disposto un’anticipazione pari al 50% di quanto previsto a titolo di indennizzo. Questo perché erano stati ravvisati da parte dell’Assessorato ai trasporti “vizi di merito e di legittimità nella procedura di gara per violazione dei principi di trasparenza , obiettività , efficienza ed economicità”. La società , allora, nel far presente che l’anticipazione non sarebbe bastata a compensare la stessa Ustica dei servizi resi , né di saldare i debiti contratti, sospese, a maggio, per un paio di giorni i collegamenti fino a quando vi fù la fumata bianca, dopo una telefonata tra il presidente Crocetta e l’armatore Morace per l’intesa raggiunta su somme da versare e altre da verificare.

Dopo sette mesi la doccia fredda. La transazione non può andare in porto e la Regione revoca l’affidamento in attesa delle soluzioni da trovare domani. I Sindaci di Favignana, Lipari, Leni, Malfa e Santa Marina Salina, com’è noto, hanno già chiesto all’Assessore Regionale Giovanni Pistorio, di operare affinché posticipi le procedure di gara per l’affidamento dei servizi integrativi, già in itinere presso gli uffici competenti, peraltro con dieci milioni di euro un meno rispetto alla precedente dotazione. “Non si può ipotizzare la rimodulazione di servizi integrativi adeguati, in assenza di una certezza sulla prestazione dei servizi essenziali” ha fatto presente Marco Giorgianni per Lipari , in considerazione proprio delle incertezze sul futuro di Siremar CDI. Proprio il Sindaco di Lipari con il collega di Favignana solleciterà a Palermo la proroga del servizio ad Ustica Lines con saldo alla rendicontazione.

Fonte:il Giornale di Lipari

Rispondi