Da Roma Pietro Manfrè

Pietro ManfrèCaro Pietro, nell’augurarti ancora un buon Natale e Felice Anno Nuovo a te ed i tuoi cari ti invio per la pubblicazione………..

A tutti gli Usticesi che vivono a Ustica o all’estero, invio un augurio di felice Natale e tranquillo e sereno Anno Nuovo.

La poesia che segue l’ho scritta in aereo, mentre andavo in Australia, a trovare mia madre colpita da ictus.

La dedico a tutte le mamme del mondo, a loro con gioia, non certo con dolore ed in patrticolare a quei figli, che hanno la mamma lontano.

Pietro Manfrè

——————————

[ id=1060 w=300 h=220 float=center]

ALLA MADRE LONTANA

Com’è bello il tuo nome, oggi, mamma,
che più d’ogni tempo, nominar mi piace.
Come è triste esser lontano, al finir del tuo giorno
ed ascoltare il nome mio.
Il mio cuor lo sente e solo l’anima mia parla;
e sento ancora i tuoi palpiti ed il tuo soffrire.
Tu che porti con te, gioie e dolori,
che di bontà sei fatta, illuminasti il mio cammino;
ed io, cosa ho fatto per te,
se pure al tramonto non ti sono vicino?
Si forte dunque, sei madre, aspetta,
ch’io possa dar luce al tuo tramonto.

Pietro Manfrè  ‘85


Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.