Accoglienza turisti


[ id=7756 w=320 h=240 float=left]

COMMENTI:

Da Cosenza Salvio Foglia

è una foto bellissima! in questo scatto ingenuo e semplice, dai toni netti e decisi, senza compromessi, del bianco e nero “accecato” dal sole ci sarebbe molto da leggere.

innanzitutto la “misura” dell’accoglienza, scandita non dal chiasso di oggi, di albergatori e affittacamere, ma dalla musica di pochi strumenti che a più di qualcuno avrà suscitato meraviglia ed emozioni…

qualche minuto di allegria neanche tanto soffusa, un palcoscenico mobile in cui la scena, è il caso di dire, ondeggia e vibra…

spettatori neanche tanto comodamenti seduti in poltona…

teatro di strada, anzi, di mare!

Aiutatemi anche voi: cosa c’è in questa foto?

forza, dite la vostra!

^^^^^^^^^^^^^

Dalla California Agostino Caserta

Mario,
caso mai ce ne fosse bisogno, per corroborare i tuoi/nostri ricordi ripropongo un’altra foto tempo fa inserita su usticasape. Come si vede il molo non esisteva, la nave attraccava alla fonda e i passeggeri venivano traghettati con barche dal piroscafo verso la piccola banchina Barresi. Sul “vuzzareddu” in primo piano si notano Alfredo Favaloro al sassofono, Giovanni Martucci con fisarmonica e mio padre Armando Caserta, con chitarra, che per intrattenere e tenere allegria ” quattru fila si manciava..” Inoltre sulla barca si riconoscono Pino Pecora (Ceci), Filippo Zanca ( Fulippu) e Giovanni Zanca (u stortu) ai remi. Questo e’ cio’ che si faceva per accogliere i “villeggianti”, come li chiamavamo allora, nelle Hawayii li accolgono con la corona di fiori a Ustica oggi, perché no, si potrebbe fare qualche cosa simile e originale per farli ritornare…..

Nuccio Caserta

One thought on “Accoglienza turisti

  1. è una foto bellissima! in questo scatto ingenuo e semplice, dai toni netti e decisi, senza compromessi, del bianco e nero “accecato” dal sole ci sarebbe molto da leggere.
    innanzitutto la “misura” dell’accoglienza, scandita non dal chiasso di oggi, di albergatori e affittacamere, ma dalla musica di pochi strumenti che a più di qualcuno avrà suscitato meraviglia ed emozioni…
    qualche minuto di allegria neanche tanto soffusa, un palcoscenico mobile in cui la scena, è il caso di dire, ondeggia e vibra…
    spettatori neanche tanto comodamenti seduti in poltona…
    teatro di strada, anzi, di mare!

    aiutatemi anche voi: cosa c’è in questa foto?
    forza, dite la vostra!

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.