Anni ’50 – Case dei pescatori


[ id=11663 w=320 h=240 float=center]

^^^^^^^^^^^

COMMENTO.

Dalla California Agostino Caserta

Non ho mai capito perche’ le case dei pescatori furono abbattute . Il villaggio pescatori attuale e’ una bellezza, pero’…..le vecchie casette davano un’armonia speciale al paesaggio. Artisti e pittori protestarono vivacemente contro la loro demolizione e il famoso Omicciali di Roma disse che il paese senza le casette dei pescatori sembrava un uccello senza un’ala. Quello che non capisco inoltre e’ come mai la zona dove esistevano queste casette non si usi per costruire villette, negozi ecc….che con una vista senza dubbio fra le piu’ suggestive e panoramiche valorizzerebbe tutta la zona, lasciando logicamente la statua della Madonna dov’e’ per la protezione del Porto. Se non sbaglio quell’area e’ proprieta’ Comunale. In compenso chi arriva con la nave si trova subito davanti agli occhi quel mastodontico Casermone nella Via Mezzaluna con l’immenso muro di contenimento in cemento appena dietro…. Si potrebbero entrambi camuffare con alberi o murales. Nella foto si notano insegnanti che si dirigono dopo avere percorso a piedi ” a scalunata i mari ” ( via Vittorio Emanuele ) verso la banchina. Sullo sfondo si notano pescatori e le loro famiglie curiosi per l’arrivo della nave che era sempre un avvenimento. In una casa c’e’ una “loggia” per uva da tavola e tutti indossavano giacche, vecchie o nuove, che a quei tempi era l’unica pezzo di vestiario usato ( eccetto il cappotto, beato chi lo aveva ….) per ripararsi dal freddo.

One thought on “Anni ’50 – Case dei pescatori

  1. Non ho mai capito perche’ le case dei pescatori furono abbattute. Il villaggio pescatori attuale e’ una bellezza, pero’…..le vecchie casette davano un’armonia speciale al paesaggio. Artisti e pittori protestarono vivacemente contro la loro demolizione e il famoso Omicciali di Roma disse che il paese senza le casette dei pescatori sembrava un uccello senza un’ala. Quello che non capisco inoltre e’ come mai la zona dove esistevano queste casette non si usi per costruire villette, negozi ecc….che con una vista senza dubbio fra le piu’ suggestive e panoramiche valorizzerebbe tutta la zona, lasciando logicamente la statua della Madonna dov’e’ per la protezione del Porto. Se non sbaglio quell’area e’ proprieta’ Comunale. In compenso chi arriva con la nave si trova subito davanti agli occhi quel mastodontico Casermone nella Via Mezzaluna con l’immenso muro di contenimento in cemento appena dietro…. Si potrebbero entrambi camuffare con alberi o murales. Nella foto si notano insegnanti che si dirigono dopo avere percorso a piedi ” a scalunata i mari ” ( via Vittorio Emanuele ) verso la banchina. Sullo sfondo si notano pescatori e le loro famiglie curiosi per l’arrivo della nave che era sempre un avvenimento. In una casa c’e’ una “loggia” per uva da tavola e tutti indossavano giacche, vecchie o nuove, che a quei tempi era l’unica pezzo di vestiario usato ( eccetto il cappotto, beato chi lo aveva ….) per ripararsi dal freddo.

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.