BASSA MAREA ECCEZIONALE


Alcuni amici di Ustica mi hanno telefonato o scritto, nelle ultime settimane, per segnalarmi il verificarsi di ripetute basse maree che fanno emergere parti di fondali e scogliere “mai viste a memoria d’uomo”.

Devo subito precisare che fenomeni di questo tipo, da un paio di mesi a questa parte, sono segnalati e documentati con foto e video in diverse zone costiere della nostra penisola: Puglia, Campania, Veneto; e sono da considerarsi notevoli ma non inediti e neppure inspiegabili.

Infatti, si tratta di basse maree esaltate da ripetuti e prolungati periodi di alte pressioni atmosferiche.

Il fenomeno è stato registrato anche dalla rete mareografica nazionale e ringrazio l’amico Marco Anzidei, geofisico dell’INGV, per avermi inoltrato il grafico che qui riproduco. È una serie temporale del mareografo di Palermo, dal 1 ottobre 2020 a 31 marzo 2121. Come si vede, da ottobre a gennaio, la curva dei livelli idrometrici mostra i consueti alti e bassi delle maree, che sono governati non solo dai fenomeni astronomici, ma anche da quelli meteorologici.

Tuttavia, da febbraio, si nota un evidente abbassamento della curva, che è da mettere in relazione con concomitanti e prolungati periodi di alte pressioni. Non è la prima volta che succede, come si può verificare consultando le serie storiche.

E non dimentichiamo che, a causa del riscaldamento globale, quel che ci attende in futuro sarà piuttosto un innalzamento del livello del mare

Franco Foresta Martin

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.