Beni archeologici presenti nell’Isola


[ id=14850 w=320 h=240 float=left] Ho seguito con molta attenzione la polemica sorta attorno all’articolo della Dott.ssa Croce e non comprendo il perché del risentimento suscitato in quanto la giornalista si è limitata a descrivere semplicemente lo stato in cui attualmente versano essenzialmente gli insediamenti preistorici presenti nell’isola.. Non credo che ci sia qualcuno che possa smentirla . Ha in effetti fotografato lo stato di abbandono esistente su tutto il territorio isolano e non soltanto dei beni archeologici ma, compresi anche quei beni che, nel recente passato, con tanti sacrifici, sono stati recuperati al degrado e resi fruibili.(Torre Santa Maria,Torre dello Spalmatore, Castello Saraceno, acquario in località caletta ecc).

L’unica colpa attribuibile alla Dott.ssa Croce è quella di aver citato soltanto la campagna di scavi condotta dall’Università di Broun (U.S.A.). In effetti già molti anni prima grazie all’attività svolta dall’indimenticabile Padre Carmelo, vero scopritore del villaggio preistorico, varie campagne di scavo erano state effettuate e seguite prima,con professionalità e dedizione, dal Sig. Giovanni Mannino, al quale va tutta la riconoscenza di noi isolani per l’attività da lui svolta e successivamente diretti e seguiti con competenza e amore dalla Dott.ssa Francesca Spatafora, il cui attaccamento per l’Isola non è certamente da mettere in discussione essendosi sempre prodigata per la valorizzazione dei beni archeologici presenti nell’isola. Si deve a lei, tra l’altro, l’allestimento del museo dedicato a Padre Carmelo realizzato nei locali denominati ex “Fosso”, recentemente restaurati, grazie ai PIT messi a segno dall’amministrazione comunale. Ha anche messo su casa sull’isola.

Intollerabili però alcune affermazioni di Giovanni Mannino allorché definisce “Nefasta l’iniziativa del comune” di mettere in sicurezza la scarpata molto ripida dei Faraglioni che sottoposta all’azione erosiva del mare era soggetta a continue frane rendendo pericolosa anche la navigazione, tanto è che era stata emessa un ordinanza da parte della Capitaneria di Porto con la quale veniva interdetta la navigazione nel tratto di costa sottostante. La stradella soprastante la falesia, si era resa necessaria chiuderla al traffico pedonale e veicolare per il continuo pericolo di smottamenti e frane. La messa in sicurezza di tale costa rocciosa, altro che nefasta, è anche servita a salvaguardare parte del villaggio stesso in quanto come certamente non sarà sfuggito al sig. Mannino dell’esistenza di capanne fin sul ciglio della scarpata. Con l’esecuzione dei lavori, che è un fiore all’occhiello degli organi comunali, nessun danno, come da lui affermato, è stato arrecato al villaggio in quanto i lavori di chiodatura sono stati effettuati con ponteggi montati nella sottostante scogliera e non hanno minimamente interessato il sito soprastante, lavori tra l’altro concordati con il soprintendente pro-tempore Dott.ssa Carmela Di Stefano che ha sempre partecipato, unitamente ad altri funzionari tecnici della Soprintendenza, alle riunioni tenutesi presso il competente Assessorato.

Altra imprecisione è quella che è stato smantellato il più antico insediamento neolitico presente nella zona spalmatore. I resti di tale villaggio nessuno li ha toccati. Essendo in buona parte fuori terra sono ben visibili unitamente all’assetto urbanistico dell’agglomerato. Il sito di tale insediamento appartiene a privati e certamente sarebbe opportuno acquisirlo al patrimonio demaniale corrispondendo, però, un adeguato ristoro ai proprietari dei terreni interessati e non come avvenuto per le espropriazioni inerenti al villaggio dei faraglioni che a tutt’oggi i proprietari dei terreni attendono di essere risarciti.

Ci si auspica che tutta la polemica sorta serva almeno a far si che qualcuno intervenga a dare soluzione a quanto ben rappresentato dalla Dott.ssa Croce.

Salvatore Compagno

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.