Pizze e “vasteddi” cotti nel forno a legna, con italo americani, in campagna da Lidia Bertucci


Pizze con italo americanipizze con italo americaniPizze e “vasteddi”  cotti nel forno a legna, con italo americani, in campagna da Lidia Bertucci Pizze con italo americani

Maria Bertucci Compagno ad Ustica da New Orleans con figli e nipoti

 


Dalla Virginia Angelo Palmisano

Maria should enter the eggplant cooking contest. The lady can cook!

Angelo

^^^^^^^^^^^
Da Cosenza Salvio Foglia

ciao Maria, peccato non essere a Ustica per salutarti e vederti di persona, insieme a Pietro e tanti amici… Buona permanenza!

IMG_9701IMG_9704IMG_9707IMG_9711IMG_9694

La famiglia Margee Wohner Giuffria – Maggiore al Comune di Ustica

La famiglia Margee Wohner Giuffria/Maggiore e gli ospiti  dal Mississippi (USA),  in assenza del Sindaco, sono stati ricevuti dal Segretario Comunale Dott. Giudo Ingrassia e dal sempre allegro (o quasi…) Enrico Tranchina 

La famiglia Margee Wohner Giuffria – Maggiore IMG_8297

Pam e Charles Fallo al Comune in cerca di informazioni sui loro antenati


[ id=22264 w=320 h=240 float=left] Pam e Charles Fallo to the City Hall looking for information about their ancestors

Marianna Bertucci: Ustica is a magical place…Grazie… – I will be back


[ id=18334 w=320 h=240 float=left] I went to Ustica to find my family – and I found family and so much more! I arrived via the Ustica Lines catamaran on a Monday morning. The last members of my immediate branch of the Bertucci family to visit Ustica were my grandparents, Felix and Estelle Bertucci, of New Orleans, on their honeymoon in 1930. I had always wanted to visit Ustica and at the first sight of the island from the ferry, my dream was coming true.

The staff of Hotel Diana met me at the ferry and took me to the hotel. Hotel Diana is lovely! The owners are very hospitable and kind hosts — they took great care of me. The hotel is in a great location with a beautiful swimming pool where I spent many hours. I highly recommend Hotel Diana for all Ustica visitors. The hotel even made lentil soup from Ustica lentils just for me! I went to the center of town and wandered the streets from the port to the centre. I visited the beautiful church which holds statues to the major local saints including Saints Rosalia and Bartolomeo.

The next morning, my cousin Pietro Bertucci, came to the hotel to pick me up. I quickly learned you never knew what adventures were in store with Pietro. He took me all over the island! The first day we did a tour to help my get my bearings on Ustica. We went to the old fort that also houses ruins dating back to 1,000 years BC. There were many men working hard to replace the safety railings and to clean up this historic site for summer visitors. [ id=18335 w=320 h=240 float=right]

Later, we stopped at the home of another Pietro Bertucci where we picked mulberries (which were delicious) and met Angelo Bertucci. As we met, we just kept pointing at each other and saying “Tutti Bertucci!” Pietro demonstrated his outdoor pizza and bread oven and said that on my next visit, we will make pizza. In my five days on Ustica, Pietro made sure that I met many Bertuccis – including lovely Licia who welcomed me into her home, Lia and kind Bartola who let us pick peaches from her wonderful peach trees and gave us tasty tomatoes and cucumber. We also visited many of Pietro’s friends who were always welcoming and caring.

Pietro took me to the top of   Continue reading “Marianna Bertucci: Ustica is a magical place…Grazie… – I will be back”

Marianna Bertucci (Alabama U.S.A): cinque giorni da sogno ad Ustica – I found my roots


[nggallery id=743]
[nggallery id=744]

San Diego reunion – in the villa of Bob Grande and Los Angeles


San Diego (California) reunion in the villa of Bob Grande and Los Angeles.
Click on the flag for view pictures

Riunione a San Diego  (California) nella villa di Bob Grande.
Clicca la bandiera per vedere le foto.
Bandiera italiana

 

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Rosanna Giorgio 

E’ stata un’ esperienza meravigliosa per me perche’ ho l’isola di Ustica nel mio cuore. Mi sento piu’ stretta di prima con la gente di Ustica. Grazie sempre per l’invito. Un giorno che non dimentichero’ mai!

 

 

Incontro con oriundi usticesi nella villa di Bob e Sheri Grande in Alpine Sud California


[nggallery id=703]
[nggallery id=704]
[nggallery id=705]

^^^^^^^^^^^

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

What a wonderful Reunion of people with Usticesi roots and also our very welcome guests from Ustica –Pietro and Pina Bertucci and Salvatore and Maria Compagno. Beautiful mangia !!!! beautiful people, !!! much love and talking !!!
We met at beautiful house of Bob and Sheri Grande. Had alot guests !!! Usticesi roots there were Marchese-Manfre, Taranto, Tranchina, Prima, Del Buono, Longo, Di Mauro, Pittari, Rando, and almost all had roots to Bertucci !!!!
Also many children !!! 17 children !!! a big pool and play area for the children. We also had a few guests with no Usticesi roots, but Italian and Sicily roots !!!
Marlene Robershaw, Manfre announced to the guests that the children there represent almost 200 years of Manfre descendants !!!Maria Manfre born in 1816, and it is now 2013, in 3 years it will be 200 years. Bravo !!!!!!!!!!!!
This was such a good day for re-connecting with family, and also meeting new Italian friends.

P.S.The picture that Ron Robershaw (my husband) is holding is first baby of Maria Manfre, Rosalia Manfre Anello, born in 1842. Also, that is Bob Grande in the kitchen fixing food. Pina and Maria also made lasagna and grand fruit salad.

Marlene Robershaw Manfrè

—————

Che meravigliosa Riunione di persone con radici usticesi e anche i nostri ospiti molto graditi da Ustica – Pietro e Pina Bertucci e Salvatore e Maria Compagno. Molta roba da mangiare!! bella gente,! tanto Amore e molto parlare!
Ci siamo incontrati in una bella casa di Bob e Sheri Grande. C’erano molti ospiti con Radici usticesi: Marchese-Manfre, Taranto, Tranchina, Prima, Del Buono, Longo, Di Mauro, Pittari, Rando, e quasi tutti conducevano a Bertucci!!
C’erano anche molti bambini! 17 bambini! una grande piscina e un parco giochi per i bambini. Abbiamo anche avuto un paio di ospiti senza radici usticesi, ma radici italiane e sicialiani!
Marlene Robershaw, Manfrè ha annunciato agli ospiti che i bambini rappresentano quasi 200 anni di discendenza dai Manfre! Maria Manfre nata nel 1816, ed ora è il 2013, in 3 anni saranno 200 anni. Bravo!!!!
Questa è stata una buona giornata per il ri-collegamento con la famiglia, e anche per incontrare nuovi amici italiani.

P.S. Il quadro che Ron Robershaw sta mostrando è la prima bambina di Maria Manfre, Rosalia Manfre Anello, nata nel 1842. Inoltre, Bob Grande è quello che si vede in cucina a preparare il cibo. Pina e Maria hanno anche fatto le lasagne e una abbondante macedonia di frutta.

Marlene Robershaw Manfrè

 

La voglia di ritornare a visitare Ustica


[ id=16976 w=320 h=240 float=left] My father’s family, both Mumphrey and Licciardi, emigrated from Ustica to New Orleans. The Mumphrey’s came over during the early 1890’s and the Licciardi’s during the early 1900’s. The Mumphrey’s were farmers in Ustica and continued to farm in America. The Mumphrey Farm was in Meraux, Louisiana and eventually expanded into neighboring Chalmette. Most of St. Bernard Parish was farmland with a heavy concentration of Italian immigrants from Ustica. The Mumphrey Family was one of the first Italian Families to settle in St. Bernard Parish as were the Licciardi’s. Over the years we have stayed in contact with our family back in Ustica through visits, letters, and phone calls. I myself along with my two cousins, Anthony & Abraham Boackle, traveled to Ustica in May 2011. I’m planning another trip next year sometime between May and July. On Sunday, April 21st I had the pleasure of having the Bertucci’s and the Compagno’s as my guests for lunch at my family’s home in Slidell. We enjoyed great company and great food. I was really happy we were all able to get together. We also called our cousin Gianna Licciardi in Ustica and were able to talk to her for a while. I enjoyed our visit very much, it was a very good day. I look forward to visiting with our out of town guests again before they return to Ustica.

Frank Mumphrey (Manfrè)

————–

La famiglia di mio padre, sia Mumphrey (Manfrè) e Licciardi, emigrarono da Ustica a New Orleans. Il Mumphrey arrivò durante l’inizio del 1890 e la Licciardi nel corso agli inizi del 1900. I Mumphrey erano agricoltori a Ustica e hanno continuato a coltivare in America. La Fattoria Mumphrey era in Meraux, Louisiana e infine si è ingrandita a Chalmette. La maggior parte del territorio di San Bernardo era terreno agricolo con una forte concentrazione di immigrati italiani provenienti da Ustica. La famiglia Mumphrey è stata una delle prime famiglie italiane a stabilirsi a St. Bernard Parish, come erano i Licciardi. Nel corso degli anni siamo stati in contatto con la nostra famiglia visitando Ustica, con lettere e telefonate. Io stesso insieme con i miei due cugini, Anthony & Abramo Boackle, siamo andati ad Ustica nel maggio 2011. Sto progettando un altro viaggio l’anno prossimo tra maggio e luglio. Domenica 21 aprile ho avuto il piacere di avere Bertucci e Compagno come miei ospiti a pranzo a casa dei miei genitori a Slidell. Siamo stati in ottima compagnia e abbiamo e goduto dell’ottimo cibo. Sono stato davvero felice di trovarci tutti insieme. Abbiamo anche chiamato a telefono la nostra cugina Gianna Licciardi a Ustica e siamo riusciti a parlare con lei per un po ‘. Ho apprezzato molto la loro visita, è stata una giornata molto buona. Non vedo l’ora di rivedere ancora i nostri ospiti fuori città prima che ritornino ad Ustica.

Frank Mumphrey (Manfrè)

^^^^^^^^^^^^^

Dalla California Marlene Robershaw Manfrè

Salute Frank, so glad to read about your family and your visit with visiting Usticesi ,Pietro, Pina, Salvatore and Maria. Do you know any of the first names of your Mumphrey (Manfre) relatives from Ustica ?? My Ustica roots are Manfre also. The first names I find in my roots are Gaetano, Maria, Giovanne, Felice, Antonino, Guiseppe, Concetta and Pietro, all of these from the 1800’s. Maybe some of these you will be familiar with ??

Glad you are returning to Ustica, I was there in 2012 and hope to return also. God Bless you and your lovely family.

Marlene Robershaw, Manfre

——————

Salute Frank, Sono molto felice di leggere che la tua famiglia ha incontrato gli usticesi Pietro, Pina, Salvatore e Maria. Sai qualcosa in merito ai nomi dei tuoi parenti Mumphrey (Manfre) di Ustica?? Le mie radici sono Manfre anche discendenti di Ustica. I primi nomi che trovo nelle mie radici sono Gaetano, Maria, Giovanne, Felice, Antonino, Giuseppe, Concetta e Pietro, tutti questi del 1800. Forse alcuni di questi nomi ti saranno familiari.

Sono contenta che ritornerai ad Ustica, ero lì nel 2012 e spero di tornare ancora. Dio benedica te e la tua bella famiglia.

Marlene Robershaw, Manfre

 

 

New Orleans: Congregazione San Bartolomeo – Usticesi Family Picnic 06/04/2013


[nggallery id=674]
[nggallery id=675]
[nggallery id=676]

^^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Milano Costantino Tranchina

L a foto più bella, Maria e Peter vi voglio un mondo di bene come vorrei essere insieme a voi. divertitevi un grosso abbraccio Costantino.

Buona Pasqua a tutti


[ id=16692 w=320 h=240 float=left]La Pasqua è un momento di gioia ma è anche la festa della speranza. Quella speranza che è stata sempre viva nei nostri cuori…. Quella di vedere un’Isola unita e solidale.

Lavoriamo affinché Amore e Rispetto reciproco prevalgano sull’accidia a cominciare da oggi operando quelle necessarie rinunce che ci rendono schiavi di egoismi che mortificano la nostra dignità di uomini.

In ognuno di noi deve far spazio la certezza che nel buon agire possa emergere un futuro migliore per i nostri giovani.

Auguri di Buona Pasqua a tutti, ma soprattutto ai nostri concittadini che stanno attraversando un periodo di difficoltà e di sofferenza nella malattia, che non abbandonino mai la speranza.

Pietro Bertucci

^^^^^^^^

Da Palermo Mario Oddo

Il tempo per assicurare all’Isola unità a mio modesto ed ostinato giudizio è tutt’altro che scaduto; ce n’è abbastanza a disposizione di uomini e donne di buona volontà, solo che lo volessero, solo che dessero prova di umiltà, solo che facessero propria la convinzione che un sereno “lavorare insieme” lontano dall’essere un inglorioso “passo indietro” sarebbe agli occhi dei cittadini usticesi e degli osservatori esterni un grande ma grande “passo avanti” in direzione del bene che tutti deve accomunare, Ustica. Spererò o, se preferite, mi illuderò fino all’ultimo che chi ha orecchie per intendere inaspettatamente m’intenda. Non credo di essere al momento il solo che insegue questo “pio desiderio”.

Tavola San Giuseppe 2013


[nggallery id=649]
[nggallery id=650]

^^^^^^^^^^

COMMENTO

Dalla California Marlene RobershawManfre

vedo Rosa Salerno Licciardi nella Tavola di San Giuseppe !! Ciao, Rosa, stavo sempre con te a tavola ad Ustica. Tom ed io siamo andati a vedere la tavola di San Giuseppe in California e poi ti faccio vedere le foto.

Un abbraccio, Marlena dalla California

 

 

UNITI per il bene dell’Isola e della sua comunità


A fronte di una situazione politica e sociale che sarà registrata dalle generazioni future tra le più “difficili” della storia di Ustica, chiunque abbia ancora a cuore il futuro dell’Isola dovrà porsi angosciosamente una domanda: – se abbia fatto qualcosa per promuovere o facilitare il rinnovamento e soprattutto se abbia compiutamente assolto al dovere primario di concorrere a ricostruire nella pubblica opinione credibilità nelle istituzioni e nel ruolo degli Amministratori -.

La tendenza più diffusa è sempre stata quella di confondere politica e amministrazione, interessi personali e doveri pubblici. Un esempio: – Il politico promette a prescindere, pur di arrivare alla meta, – l’Amministratore promette solo se ne ha la facoltà e/o la possibilità.

L’aspirazione a governare non sempre è rivendicata in funzione della propria capacità e serietà, ma in funzione di interessi di parte, di gruppi o di partiti.

Dobbiamo ora riflettere se non è arrivato il momento di cambiare metodo (mentalità).

Occorre quindi l’immediata, totale ed incondizionata inversione di tendenza per incoraggiare un nuovo gruppo di governo dell’Isola.

Le persone di buon senso, coloro che sanno vedere e sentire, coloro che ritengono, veramente e non solo a chiacchiere, prioritario il bene dell’Isola, dovranno intervenire in tutte le sedi più appropriate e con tutte le loro forze per unire in UNA UNICA LISTA persone (giovani e meno giovani) più che politiche, popolari al servizio dell’Isola che abbiano le idee chiare sulle regole e con pochi, selezionati ma urgenti programmi di lavoro e che possano professare con fatti, senza condizionamenti di sorta, il servizio per cui si candidano.

Un gruppo, con a capo un profondo conoscitore di Ustica e dei disagi che un’Isola comporta, capace di conquistare il cuore e la mente dei nostri concittadini per realizzare insieme un futuro migliore.

Potranno così riemergere i valori della collaborazione, dell’altruismo, della disponibilità e della tolleranza, per seppellire definitivamente i profondi solchi dei rancori che spesso proprio le competizioni elettorali provocano, a beneficio dell’Isola e della comunità.

Chi scrive, come forma mentis, crede nella politica dei ruoli contrapposti (chi vince governa e chi perde va all’opposizione), ma Ustica è l’eccezione perchè troppo piccola – assimilabile ad un medio condominio – per trovare gli elementi in possesso dei requisiti di cui sopra. In caso di liste contrapposte verrebbe selezionato il candidato in funzione dei voto che potrebbe ottenere, spesso a discapito della preparazione. I ruoli contrapposti in piccolissimi centri sono lesivi e negativi per la crecita.

Non dovrà nascere, quindi, un nuovo partito in aggiunta, o in concorrenza, o in alternativa, o in opposizione a quelli già esistenti, ma un gruppo “DIRIGENTE” cui tutti i partiti prestino i loro uomini migliori a cui si aggiungano i migliori per onestà, buona volontà e competenza avendo sempre presente che ESSERE AMMINISTRATORI DEL PROPRIO PAESE E’ UN “SERVIZIO NON UN DIRITTO”.

02 Febbraio 2013

Pietro Bertucci

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Angela D’Angelo

Signor Angelo Longo,
Ho la foto della “Signora Sindaco”, se lei vuole, quando ci vediamo gliela mostro!
Intanto qualcuno potrebbe andare a trovarla per vedere come lavora in armonia con la sua gente e con la Minoranza!

Cari saluti
^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Angelo Longo

CARA ANGELA, PERCHE’ NON PROVARE A INVITARE LA SIGNORA LUCIA PER UN WEEK END AD USTICA? CHISSA’ COME E’ FATTO UN SINDACO DONNA. NOI E’ DAI TEMPI DELLA BARONESSA ANNA NOTARBARTOLO CHE ASPETTIAMO. CHISSA’……

^^^^^^^^^^

Da Ustica Angela D’Angelo

Lucia Meloni è il Sindaco “sui generis” di Donori, un paesino del Cagliaritano.
Convinta che amministrare significhi prima di tutto giocare di squadra, cura la Politica della propria terra come un diligente giardiniere cura le sue piante.
Michela Murgia che l’ha intervistata, alla fine trova il coraggio di farle l’ultima domanda:”Lucia, ma tu sei di Destra o di Sinistra?”
Lei le sorride e semplicemente risponde:Sono di Donori”.

^^^^^^^^^^^^^^^

Da Palermo Mario Oddo

Pietro, questo tuo appello è musica per le mie orecchie (leggere commento postato il 31 u,s.); non so se gli sviluppi dimostreranno che la tua si rivelerà una predica nel deserto; mi auguro raggiunga anche le orecchie di altri che hanno una occasione irripetibile, quella di dimostrare con i fatti di avere a cuore solo ed esclusivamente il futuro dell’Isola. Non ci vuole molto; basta che pochi uomini di buona volontà (chi non ce l’ha se la faccia venire) si siedano intorno a un tavolo e ne discutano serenamente e responsabilmente. Qualche “spiritoso” forse osserverà che ad Ustica non mancano i tavoli … mancano gli uomini di buona volontà. Speriamo poter constatare a breve che non è così …

 

 

 

Gara delle cartoline


[ id=14846 w=320 h=240 float=left] Proviamo a fare vedere quanta “forza” ha la nostra comunità per far vincere Dakota Beurer (Bertucci ) nella ” Gara delle cartoline che possono essere inviate  ” da tutto il mondo. 

Dakota ( a destra nella foto ) e’ la pronipote di Angelo Bertucci che vive in Oregon ( Usa ) il quale ad Ustica ha molti parenti ed e’ ritornato nella nostra isola diverse volte.

Dakota frequenta il 6sto grado, equivalente della prima media e’ molto eccitata e spera di ricevere cartoline sia dagli usa che da altrove da parenti e conoscenti. Nella sua Scuola hanno un progetto interessante dal punto di vista storico, geografico, filatelico, genealogico ecc…in quanto ogni cartolina ricevuta generando in scuola commenti e discussioni diventa un gioco molto istruttivo.

Le cartoline devono essere ricevute entro il 4 gennaio 2013 dopo di che gli alunni saranno giudicati in due maniere :

1) quante cartoline ciascun alunno riceve da ogni luogo e quante cartoline ogni squadra riceve ( la classe della prima media e’ stata divisa in tre squadre ).

Regolamento:

1) La cartolina se ricevuta fuori dagli USA e’ preferibile che abbia scritto in fronte il nome della nazione o provincia o citta’ di provenienza ( Ustica ).

2) La cartolina deve essere spedita alla Scuola di cui sotto e timbrata dall’Ufficio Postale, che fa fede, e puo’ essere spedita oltre che da Ustica da qualsiasi citta’ italiana da dove possone essere spedite cartoline del luogo. [ id=14847 w=320 h=240 float=right]

3) nella cartolina deve essere inclusa una qualsiasi frase e la firma – nel caso di Ustica Angelo Bertucci suggerisce in italiano o in inglese quanto segue :

Sono un cugino o parente di Angelo & Gerry Bertucci e vivo nell’isola di Ustica ( Italy ) da dove la sua famiglia ha origine.
( traduzione ) I am a cousin of Angelo & Gerry Bertucci aka Papa & Great, and live on the Island of Ustica, where his family came from.

Alcune cartoline dei primi 3 luoghi da cui si riceveranno piu’ cartoline verranno esposte nell’aula Magna della Scuola a tempo indeterminato.

Le cartoline saranno spedite a questo Indirizzo scritto in maniera chiara :

6th Grade Tamarack Team
Dakota Buerer
Mountain View Middle School
17500 SW Farmington Rd,
Aloha, Oregon, USA 97007

Chiunque e specie tutti i ragazzi delle Scuole e studenti sono invitati a partecipare alla gara. Forza, e’ una bella sfida, aiutiamo a fare vincere Dakota che ha circa 12 anni e che l’anno venturo forse verra’ ad Ustica con i nonni.

Il nonno Angelo Bertucci e Nuccio Caserta  vi ringraziano per la collaborazione e sono sicuri che gli usticesi sparsi nel mondo invieranno tante cartoline  da far sentire orgogliosa Dakota per avere radici usticesi…

^^^^^^^^^^^

Dall’Oregon Paul Luntsford

Caro Pietro,

Io sono nonno Baileigh e Dakota per parte della madre di famiglia. Ho visto il vostro sito web per Ustica. è molto bello. Grazie per quello che hai fatto per Dakota, per quanto riguarda le cartoline.
Mia madre era in Italia. La sua casa di famiglia era in provincia di Calabria.

I migliori auguri a voi e alle famiglie usticesi .

^^^^^^^^^^

Dall’Oregon Angelo Bertucci

Pietro and Nuccio, Mille Grazie. Dakota was very excited when she saw the posting. Ciao, Angelo

^^^^^^^^^^

Dall’Oregon Cheryl Bertucci

So cool, cousin Pietro. Thank you for making this post. Dakota is very excited

 

 

 

Gara delle cartoline


[ id=14846 w=320 h=240 float=left] Proviamo a fare vedere quanta forza abbiamo e facciamo vincere Dakota Beurer ( Bertucci ) nella ” Gara delle cartoline che possono essere inviate  ” da tutto il mondo. 

Dakota ( a destra nella foto ) e’ la pronipote di Angelo Bertucci che vive in Oregon ( Usa ) il quale ad Ustica ha molti parenti ed e’ ritornato nella nostra isola diverse volte.

Dakota frequenta il 6sto grado, equivalente della prima media e’ molto eccitata e spera di ricevere cartoline sia dagli usa che da altrove da parenti e conoscenti. Nella sua Scuola hanno un progetto interessante dal punto di vista storico, geografico, filatelico, genealogico ecc…in quanto ogni cartolina ricevuta generando in scuola commenti e discussioni diventa un gioco molto istruttivo.

Le cartoline devono essere ricevute entro il 4 gennaio 2013 dopo di che gli alunni saranno giudicati in due maniere :

1) quante cartoline ciascun alunno riceve da ogni luogo e quante cartoline ogni squadra riceve ( la classe della prima media e’ stata divisa in tre squadre ).

Regolamento:

1) La cartolina se ricevuta fuori dagli USA e’ preferibile che abbia scritto in fronte il nome della nazione o provincia o citta’ di provenienza ( Ustica ).

2) La cartolina deve essere spedita alla Scuola di cui sotto e timbrata dall’Ufficio Postale, che fa fede, e puo’ essere spedita oltre che da Ustica da qualsiasi citta’ italiana da dove possone essere spedite cartoline del luogo. [ id=14847 w=320 h=240 float=right]

3) nella cartolina deve essere inclusa una qualsiasi frase e la firma – nel caso di Ustica Angelo Bertucci suggerisce in italiano o in inglese quanto segue :

Sono un cugino o parente di Angelo & Gerry Bertucci e vivo nell’isola di Ustica ( Italy ) da dove la sua famiglia ha origine.
( traduzione ) I am a cousin of Angelo & Gerry Bertucci aka Papa & Great, and live on the Island of Ustica, where his family came from.

Alcune cartoline dei primi 3 luoghi da cui si riceveranno piu’ cartoline verranno esposte nell’aula Magna della Scuola a tempo indeterminato.

Le cartoline saranno spedite a questo Indirizzo scritto in maniera chiara :

6th Grade Tamarack Team
Dakota Buerer
Mountain View Middle School
17500 SW Farmington Rd,
Aloha, Oregon, USA 97007

Chiunque e specie tutti i ragazzi delle Scuole e studenti sono invitati a partecipare alla gara. Forza, e’ una bella sfida, aiutiamo a fare vincere Dakota che ha circa 12 anni e che l’anno venturo forse verra’ ad Ustica con i nonni.

Il nonno Angelo Bertucci e Nuccio Caserta  vi ringraziano per la collaborazione e sono sicuri che gli usticesi sparsi nel mondo invieranno tante cartoline  da far sentire orgogliosa Dakota per avere radici usticesi…

^^^^^^^^^^^

Dall’Oregon Paul Luntsford

Caro Pietro,

Io sono nonno Baileigh e Dakota per parte della madre di famiglia. Ho visto il vostro sito web per Ustica. è molto bello. Grazie per quello che hai fatto per Dakota, per quanto riguarda le cartoline.
Mia madre era in Italia. La sua casa di famiglia era in provincia di Calabria.

I migliori auguri a voi e alle famiglie usticesi .

^^^^^^^^^^

Dall’Oregon Angelo Bertucci

Pietro and Nuccio, Mille Grazie. Dakota was very excited when she saw the posting. Ciao, Angelo

^^^^^^^^^^

Dall’Oregon Cheryl Bertucci

So cool, cousin Pietro. Thank you for making this post. Dakota is very excited

 

 

 

Innamorata di Ustica…


[ id=14799 w=320 h=240 float=left]  Hi Pietro, how are you? Thank you for posting the wedding picture of mum and dad. The time we were in Ustica gave us a chance to learn more about my parents and my sisters and I were so fortunate to hear nice things about them, considering they left Italy so long ago. You know dad has passed however mum was so enthusiastic to know about the people we had met. We had such a wonderful time and have fallen in love with that beautiful village. Love Mariella x x

Mary Zagami Colavecchio dall’Australia

———– traduzione

Ciao Pietro, come stai? Grazie per aver postato la foto del matrimonio di mamma e papà. La permanenza in Ustica ci ha dato la possibilità di saperne di più su i miei genitori e le mie sorelle ed io mi ha fatto molto piacere sentire cose belle su di loro, considerando che hanno lasciato l’Italia tanto tempo fa. Sai che papà è passato però mamma era molto entusiasta di conoscere le persone che avevamo incontrato. Abbiamo trascorso un periodo meraviglioso e sono innamorata di quel paese bellissimo. Amore Mariella x x

 

Lungo la scia di un’elica – L’emigrazione usticese dal 1801


[ id=13956 w=320 h=240 float=left]Dal 9 agosto 2012, nella sede del Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica, al Municipio Vecchio dell’isola, e’ possibile ammirare una nuova mostra dal titolo suggestivo e dal sottotitolo esplicativo: “Lungo la scia di un’elica. L’emigrazione usticese dal 1801, verso gli Stati Uniti, il nord Africa, il nord Italia, il nord Europa, e l’Australia”.

Per la prima volta, attraverso un formidabile apparato fotografico, documentario e di oggetti, che si snoda sui due piani della storica palazzina in piazza Capitano Vito Longo, viene ricostruita l’epopea di due secoli di emigrazione usticese nel mondo, individuandone le motivazioni, le principali destinazioni, la consistenza dei flussi e le vicende relative agli insediamenti nelle nuove terre. E descrivendo tutto il fenomeno non soltanto nei suoi aspetti generali, ma attraverso le innumerevoli storie particolari e individuali che lo hanno caratterizzato, dando voce, attraverso testimonianze, memorie e documenti, agli stessi protagonisti.

Che cosa colpisce maggiormente della diaspora migratoria degli Usticesi nel mondo? Prima di ogni altra cosa, le cifre.

Secondo stime approssimative, ma verosimili, oggi in tutto il mondo ci sono sparsi oltre 80.000 oriundi Usticesi, di cui 40.000 solo nell’area di New Orleans. Altre migliaia vivono nei diversi Stati degli Usa, con maggiore concentrazione in Louisiana, ma con presenze rilevanti anche in California, nel Mississippi, nell’Alabama e nel Texas. Ancora altre migliaia di Usticesi risiedono in Australia, in Francia ed in altri paesi europei e in nord Italia.[ id=13957 w=320 h=240 float=right]

Se si pensa che, oggi, la piccola comunità dei residenti a Ustica conta circa 1.200 abitanti è legittimo chiedersi quando e come si sia potuta produrre la massiccia diffusione degli Usticesi nel mondo. Essa è senza dubbio la conseguenza di quel grande fenomeno migratorio che, a partire dalla metà dell’Ottocento, ha indotto milioni di Italiani a cercare benessere e fortuna all’estero.

Come succede ancora oggi, i flussi migratori sono stati regolati dalla consuetudine delle “cordate”, per cui i primi emigrati in una regione dove sussistono condizioni di Continue reading “Lungo la scia di un’elica – L’emigrazione usticese dal 1801”

Edificio parrocchiale: Inaugurazione mostra ex voto restaurati


[nggallery id=519]

… Raccontare “l’emigrazione usticese”


[ id=12549 w=320 h=240 float=left] Il Centro Studi Isola di Ustica comunica: per la prossima estate vogliamo raccontare, attraverso una mostra, l’emigrazione usticese a partire dai primi del 1900. Cercheremo di ritrovare le motivazioni, le testimonianze e l’evoluzione, fino ai nostri giorni, di questo fenomeno che ha coinvolto tutte le famiglie dell’isola. Abbiamo iniziato a raccogliere fotografie, oggetti e documenti, grazie anche al generoso coinvolgimento dei soci americani e francesi oriundi usticesi. Il Centro Studi nel ringraziare per la collaborazione rinnova l’invito a partecipare alla realizzazione della mostra con l’invio di fotografie di luoghi e personaggi, di lettere o altri tipi di documenti mettendosi in contatto con la curatrice della mostra: Mariella Barraco – all’indirizzo mgbarraco@tiscali.it o sulla pagina Facebook del Centro Studi Ustica.

Dall’Australia – Ritorno alle proprie radici…


Hi Pietro, your donig a great job with Ustica Sape we thoroughly enjoy the information on it. My husband Felice and I along with my two sisters Rosetta, and Jenny and their husbands will be touring Italy in July, then ending up in Ustica for St. Bartolomeo and staying approx 10 days was wondering will you be in Ustica around that time ? If so would love to meet you and your wife family etc… we have so many relations yet to be introduced to hope to see you there. Hope you had a great Easter Mariella x x

Mary Zagami Colavecchio

———-

(Traduzione di Mariangela Militello)

Ciao Pietro, stai facendo un ottimo lavoro con Ustica Sape e noi possiamo godere a fondo tutte le informazioni sulla vita usticese. Mio marito Felice ed io con le mie due sorelle Rosetta, e Jenny e i loro mariti saremo in tour in Italia nel mese di luglio, per finire saremo a Ustica per circa 10 giorni in occasione della festa di S Bartolomeo. Mi chiedevo se sarete a Ustica in quel periodo. Se si, mi piacerebbe incontrarmi con te e la tua famiglia, moglie ecc .. abbiamo ancora così tanti incontri da fare che spero di vedervi lì.

Spero che abbiate trascorso una fantastica Pasqua.

Mariella xx