“Chi è a mare naviga chi è a terra giudica”


 

Foto di repertorio  (8)Gentile Sig. Longo,

mi consenta di esprimere il mio pensiero in merito al post da Lei pubblicato e che con profondo stupore mi chiama in causa.

Spesso nel trattare l’argomento dei trasporti marittimi da e per l’isola di Ustica, si é con molta facilità “generalizzato” facendo di tutta l’erba un fascio…..tutto ciò, come più volte manifestato, mortifica l’operato di chi ogni giorno cerca tra enormi difficoltà di servire diligentemente la popolazione Usticese.

Non posso certamente valutare la qualità mio operato, quello possono farlo solamente i miei passeggeri, ma senza dubbio alcuno posso giustificare le mie decisioni nell’omettere, anticipare o posticipare le partenze.

Per sua informazione, quando per SICUREZZA valuto d’omettere un viaggio, sono tenuto a motivare in modo tutt’altro che insufficiente la mia decisione, per tale ragione viene inviata una mail all’Amministrazione Marittima, alle biglietterie sociali, alla Compagnia di Navigazione e per intimo gaudio anche a USTICA SAPE, nella quale vengono fornite motivazioni complete di bollettini Meteomar e dati ondametrici.

Lei crede forse che con un controllo così capillare, se scrivessi delle castronerie piuttosto che dei dati inconfutabili, mi trovarei ancora al mio posto?

In merito al rispetto per gli isolani, credo che da parte mia sia assoluto e sia stato dimostrato in innumerevoli occasioni, ma giusto per rinfrescarLe la memoria evidenzio il caso della scorsa settimana, quando per consentire alle due rappresentanze calcistiche isolane di poter serenamente disputare gli incontri previsti con le compagini provenienti dalla provincia, siamo rimasti NON in sicurezza all’interno di Cala Santa Maria fino alle ore 14.30 ( sfondando due parabordi del valore di 500 € cadauno ) mentre “altri battevano la ritirata già alle ore 12.00″.

Oppure quando quest’inverno per tutelare 6 passeggeri che avevano previsto di lasciare l’isola con la nave (che poi ha omesso la partenza), sia dovuti tornare indietro per imbarcarli, operando nuovamente in condizioni al limite della sicurezza.

Per quanto sopra esposto credo dunque che poco ho da prendere d’esempio da altri colleghi del passato ai quali va peraltro tutta la mia stima e considerazione.

Infine, sempre nel rispetto che “CHI E’ A MARE NAVIGA CHI E’ A TERRA GIUDICA” , mi permetta di pretendere che a giudicarmi sulle questioni tecniche-operative o sulle mie doti marinaresche sia almeno un mio parigrado o quantomeno qualcuno che sia in possesso degli elementi e dei titoli per poterlo fare.

Scrisse Seneca: “È ingrato chi nega il beneficio ricevuto, è ingrato chi lo dissimula, è ancora più ingrato chi non lo rende, ma il più ingrato di tutti è colui che lo dimentica”

Con sincera stima
C.L.C. Giuseppe Bertolini

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Palermo Ing. Marco Daricello

Il comandante Bertolini ha i muscoli! Massima stima e massimo rispetto per lui, per le sue inconfutabili doti marinaresche e umane!

Da me una sola parola: GRAZIE!

^^^^^^^^^^

Da Ustica Angela D’Angelo 

Gentile Comandante,

non credo che il Signor Longo si riferisse a lei.
Di lei ho sempre sentito parlare bene e penso anche che chi opera il bene lo sappia.
Il popolo Usticese lo ritiene “uno di noi”, vada avanti sempre così, con tanti cari Auguri, Angel@

^^^^^^^^^^^

Da Ustica Tizziana Pitruzella

Non so se il post pubblicato si riferisse alla Usticalines o alla Siremar (Compagnia delle isole) ma una cosa vorrei puntualizzarla! Generalizzare è sbagliato, è vero, dare a Cesare quel che è di Cesare…..Ognuno sa, in coscienza e professionalità, se il suo operato è corretto. Il Catamarano Usticalines ha, fino ad oggi, navigato con condizioni meteo marine pessime, anche quando “altri” stavano fermi o anticipavano le partenze! Non sta a noi sapere se è un problema di Compagnie di navigazione, di tipologia di mezzi e/o comandanti ma di certo se c’è da muovere una severa critica non è nei confronti della Usticalines! Sta di fatto però che gli usticesi sono stanchi di combattere come Don Chischiotte contro i mulini a vento………

^^^^^^^^^^^

Da Palermo Luigi Carollo

Caro Comandante purtroppo le “buone azioni” si dimenticano troppo presto un po’ da tutti !!! comunque  vai avanti per la tua strada che sei e resti un serio professionista….

Dott. Luigi Carollo Odontoiatra


 

4 thoughts on ““Chi è a mare naviga chi è a terra giudica”

  1. Caro Comandante purtroppo le “buone azioni” si dimenticano troppo presto un po’ da tutti !!! cmq vai avanti per la tua strada che sei e resti un serio professionista ….
    Dott. Luigi Carollo Odontoiatra

  2. Non so se il post pubblicato si riferisse alla Usticalines o alla Siremar (Compagnia delle isole) ma una cosa vorrei puntualizzarla! Generalizzare è sbagliato, è vero, dare a Cesare quel che è di Cesare…..Ognuno sa, in coscienza e professionalità, se il suo operato è corretto. Il Catamarano Usticalines ha, fino ad oggi, navigato con condizioni meteo marine pessime, anche quando “altri” stavano fermi o anticipavano le partenze! Non sta a noi sapere se è un problema di Compagnie di navigazione, di tipologia di mezzi e/o comandanti ma di certo se c’è da muovere una severa critica non è nei confronti della Usticalines! Sta di fatto però che gli usticesi sono stanchi di combattere come Don Chischiotte contro i mulini a vento……….

  3. Gentile Comandante,
    non credo che il Signor Longo si riferisse a lei.
    Di lei ho sempre sentito parlare bene e penso anche che chi opera il bene lo sappia.
    Il popolo Usticese lo ritiene “uno di noi”, vada avanti sempre così, con tanti cari Auguri, Angel@

  4. Il comandante Bertolini ha i muscoli! Massima stima e massimo rispetto per lui, per le sue inconfutabili doti marinaresche e umane!
    Da me una sola parola: GRAZIE!

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.