Trasporti Merci Pericolose e R.S.U. – Preoccupazione ordine pubblico e salute comunità.


            COMUNICATO  STAMPA

Ustica 08.08.12

Dopo che l’invito della Protezione Civile Regionale alle compagnie di navigazione per l’affidamento del servizio per il trasporto delle merci pericolose per i Comuni di Ustica,Pantelleria e Favignana è andato deserto, la situazione è talmente preoccupante anche per l’ordine pubblico che i primi cittadini di queste isole incontreranno il prossimo giorno 14 a Roma il Ministro degli Interni, Annamaria Cancellieri.

Oggi alle 10.00, mentre i sindaci di Ustica, Aldo Messina, di Favignana, Lucio Antinoro ed il Commissario di Pantelleria, Giuseppe Piazza, stavano definendo con il Dirigente dell’Ufficio Regionale Isole Minori, Alessandra Di Liberto, l’organizzazione dei servizi essenziali, è giunta la notizia che non potevano essere ritenute ammissibili le offerte di adesione alla procedura negoziata relativa al servizio marittimo, che prevedeva una base di negoziazione di 1.375.000 euro , per le due isole di Ustica e Pantelleria e l’arcipelago delle Egadi (Favignana, Levanzo , Marettimo e Formica) , per il periodo dal 10 agosto al 31 dicembre 2012.

“Anche la Nuova Compagnia delle Isole (ex SiReMar) evidentemente non ha ritenuto di potere accettare la proposta della Regione e se i rifiuti potranno viaggiare con le navi di linea, solo in quanto “declassati” a merce non pericolosa, il problema persiste per l’approvvigionamento energetico delle centrali elettriche, dei dissalatori e degli autoveicoli, nonché per il trasporto dei capi da macellare.

Recentemente abbiamo sopperito al mancato servizio con le nostre risorse ma è ben ovvio che, in quanto piccoli Comuni, non potremo continuare a lungo. La crisi politica della Regione rende incerti sia i tempi di soluzione sia l’interlocutore politico e, temendo per l’ordine pubblico e per la salute delle nostre comunità, riteniamo dovere richiedere direttamente l’intervento del Governo Nazionale.

IL SINDACO
Aldo Messina

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.