Coronavirus. Vietato fare passeggiate e jogging. Il Tar Campania respinge il ricorso


Il giornale “la  Repubblica” evidenzia il ricorso vinto dalla Regione Campania in relazione al divieto imposto, con relativa ordinanza, di passeggiate e jogging. Questo al fine di specificare che in nessun DPCM è prevista o espressamente vietata la pratica sportiva, ma tutto si rifà all art 1 del DPCM 8.3.2020.

Sul vademecum del Ministero dell’interno era stata indicata come possibile l’attività sportiva purché fatta in solitaria ma lo stesso documento non è un atto “ufficiale”.

SI CONSIGLIA DI STARE A CASA.

———-

Scrive la Repubblica di Napoli

“Rigettata l’opposizione ad ordinanza del presidente della Campania De Luca

Il Tar Campania ha respinto il ricorso presentato contro l’ordinanza del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, con la quale viene fatto divieto, per contenere il contagio, di passeggiare e fare jogging.

Il Tar Campania, con il decreto cautelare monocratico depositato oggi, ha respinto l’istanza cautelare di sospensione dell’ordinanza del Presidente della Regione (del 13 marzo) e del Chiarimento (del 14 marzo) che non consentono, tra l’altro, l’attività sportiva all’aperto ritenendola non compatibile con esigenze sanitarie, perché visto “il rischio di contagio, ormai gravissimo sull’intero territorio regionale” e il fatto che i “dati che pervengono all’Unità di crisi istituita con Decreto del Presidente della Giunta regionale della Campania dimostrano che, nonostante le misure in precedenza adottate, i numeri di contagio sono in continua e forte crescita nella regione” va data “prevalenza alle misure approntate per la tutela della salute pubblica”.

I giudici amministrativi hanno fissato la trattazione collegiale per “la camera di consiglio del 21 aprile 2020”.

 

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.