Dalla California Agostino Caserta


asd_usticaAsd Ustica – Godrano non ha tradito le aspettative e non solo dal punto di vista calcistico, ha dimostrato che l’Asd Ustica non e’ solo calcio ma e’ anche un fatto sociale, e’ amicizia,conoscenze, fratellanza e turismo. Il Godrano e’ un ‘ottima squadra ma la partita e’ stata equilibrata e con il risultato in bilico per quasi tutto il primo tempo. Purtroppo l’Asd Ustica durante il corso di questo campionato si e’ trovata ” in partita ” per un lungo arco della gara solo in poche occasioni; prendere gol a freddo, essere quasi sempre costretti a rimontare significa disputare incontri in una posizione mentale non ottimale; una squadra che sta in partita per un lungo periodo di tempo, invece, riesce a giocare con una forma mentis che la nostra squadra raramente ha potuto assaporare. C’e’ da augurarsi che per il prossimo futuro le cose cambino in meglio e cosi sarà possibile per l’Asd Ustica disputare molte gare trovandosi ” in partita ” a lungo per impadronirsi di un aspetto psicologico verso la gara diverso e positivo che darà alla squadra confidenza ed esperienza.

La partita con il Piana dopo quella casalinga giocata domenica scorsa con il Godrano sarà la prima partita di questa stagione, giocata in casa back-to-back ( una dietro l’altra). Parola inglese questa quasi onomatopeica, come tante altre del gergo parlato, ricorda infatti il bum-bum della doppietta sparata da una “scupetta “. Non e’ una di quelle parole, se ne esistono, di vitale importanza per completare il vocabolario italiano e utile perché e’ intraducibile, non e’ una di quelle parole che rappresentano la differenza fra la vita e la morte. Non lo e’, per come non lo sono le centinaia di parole-spazzatura all’inglese “usate” dai “media”, chissà per quale motivo, verso i poveri e confusi lettori e ascoltatori italiani negli ultimi anni durante e dopo l’avvento di internet. Questo e’ stato un fenomeno-frenesia prettamente italiano e se avessero avuto carta bianca, chissà , forse avrebbero cancellato dalla mappa completamente la lingua di Dante, ma alla fine e’ stato confermato che sono il pubblico dei lettori e i consumatori la vera potenza e sono stati loro a decidere…..Questa miriade di parole straniere, con qualcuna che ha arricchito la nostra lingua, di cui ne rimangono superstiti solo qualche dozzina e la decimazione continua, sono scomparse, come in un processo di selezione naturale.

Dopo due tentativi andati a vuoto di giocare la partita di andata contro Il Piana degli Albanesi per mancanza di collegamenti con la terra ferma si giocherà finalmente (bella giornata così dicono le previsioni su usticasape) la partita della gara di ritorno come da calendario. Il Piana e’ un’altra squadra molto simpatica ma e’ battibile, come d’altronde molte altre, però bisogna essere concentrati, evitare di subire gol all’inizio e praticare molta pressione sui portatori di palla avversari. E’ pure necessario, specie giocando al “Mulino al vento” e di conseguenza spesso in attacco, di non lasciare la difesa troppo scoperta; anche quando si sposta il baricentro in avanti e si va all’arrembaggio bisogna avere almeno tre difensori sulla linea di metà campo e due di questi a proteggere le fasce per chiudere la possibilità di contropiede agli avversari. Quando la partita e’ giocata aperta e con capovolgimenti di fronte e’ consigliabile una difesa a rombo con un fantasista davanti al trequartista, possibilmente entrambi ambidestri, e che con il regista e la punta  completano l’asse della formazione ad albero di Natale. Forza ragazzi e veterani questa volta ce la possiamo fare.

Nuccio

 

 

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.