Dalla California Agostino Caserta

[ id=164 w=320 h=240 float=center]

Nonostante la lunga lontananza, il mio pensiero corre spesso alla mia terra e alla mia bella isola. E ogni volta che ci torno (non spesso come vorrei) mi rendo conto che con una spesa non eccessiva in tempo e denaro si potrebbe migliorare la situazione del traffico che, a lungo andare, rischia di compromettere l’affluenza dei turisti e la vita quotidiana dei residenti. Capisco le difficolta’ con cui le amministrazioni comunali hanno a che fare, ma sicuramente i miglioramenti che andro’ a suggerire ripagherebbero se’ stessi nel breve termine.

Ecco quello che vorrei consigliare:

1) ) un tunnel per realizzare il famoso svincolo . Un tunnel  non molto  lungo e non molto costoso in tempo e denaro, circa 150 metri di sottopassaggio che partirebbe dalla zona Borgo S.Francesco,  passando sotto la piazza e sbucherebbe appena fuori paese, all’altezza delle Scuole . Risolverebbe il problema vecchio di mezzo secolo dello svincolo. Niente piu’ rumore e traffico in estate nelle vie cittadine ;  sembrera’ di essere  davvero in villeggiatura, mentre d’inverno , quando e’ piacevole sentire il movimento e vedere il traffico  per stradine, viuzze e piazze, si potrebbe mettere lo  svincolo in letargo e usare le strade , dimodoche’  da 4 anime vive ,come si soleva dire, sembrera’ di essere in 4 mila …… E se il tunnel c’e’ a Favignana ( lungo almeno 2 km. ) perche’ non si puo’ fare anche ad Ustica?

2) Un maxi-parcheggio sotto le “Terrazze”. Dopo aver scavato nella roccia , tetti naturali e muri sarebbero gia’pronti, basterebbe rinforzarli e consolidarli con cemento armato. E una volta con le mani in pasta ,si potrebbe realizzare  un altro parcheggio nella zona alta  del paese, per assorbire il traffico proveniente dal nord e da fuori paese;

3) piazzare alberi e pensiline alle fermate    degli autobus allo” Spalmatore”               in modo  che la tintarella dei turisti in attesa del bus non si trasformi in          scottature e mali di testa .

4)  sdemanializzare tutti i gorghi e creare ,piazze , piazzette, giardini, aiole o parchi per bambini. Lo spazio di San Bartolicchio potrebbe diventare un bello spiazzo per la Festa, concerti, ecc.

5) rimboschire un po’ la zona “Spalmatore”  proprio sopra i Sidoti, troppo secca e brulla. Li c’e’ un grosso spiazzo di terra incolta , forse comunale. Una bella oasi di alberi in quello spiazzo renderebbe i Sidoti ancora piu’ affascinanti d’estate e ombrosi per chi aspetta o vuole rilassarsi con la brezza che viene dalla vegetazione.

Spero che questi suggerimenti, che sottopongo col dovuto rispetto, incontrino il favore di chi legge e, ancora meglio, delle Amministrazioni Comunali.

Da Rancho Mirage, california

Agostino Caserta

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.