Dall’ASD Ustica – Lettera di fine Anno, riflessioni e bilanci…


Cari lettori,

l’anno in corso sta per chiudersi ed è tempo di riflessioni e bilanci.

Come sapete abbiamo cominciato la nostra avventura in primavera quando, dai giovani di Ustica, ci è giunto lo stimolo a ricostruire una rappresentativa calcistica che partecipasse ai tornei federali come ormai non succedeva da ben dieci anni.

Ben consci delle difficoltà da affrontare in relazione alle numerose criticità che l’isola ci propone ed alle esperienze maturate nel settore, c’è stata molta diffidenza e perplessità prima di avviare il progetto. Le ultime resistenze sono state annientate dalla grande voglia e determinazione che abbiamo riscontrato nella generazione di ragazzi che non ha mai avuto questa opportunità.

Abbiamo subito capito una cosa, la formazione di una squadra di calcio usticese non poteva prescindere dalla costituzione di una “Società forte” che avesse l’organizzazione e la capacità di formare e guidare un “gruppo” all’etica dell’agonismo sportivo.

Abbiamo così cominciato a lavorare per costituire un gruppo dirigenziale pronto ad affrontare l’impresa che, come sapevamo, non si presentava facile.

Abbiamo cercato di coinvolgere tutte le “abilità” presenti sul territorio, non abbiamo escluso nessuno, non ci siamo fatti condizionare da elementi che non fossero finalizzati al bene della Società, ci siamo tenuti lontano da strumentalizzazioni o indebite annessioni.

Ci siamo infine affermati come “fenomeno sociale” vista la straordinaria adesione e sostegno che abbiamo ricevuto, abbiamo anche scelto di non escludere nessuno e presentare una “rosa” di 40 calciatori sapendo bene che sarebbe stato molto più difficile gestirla.

Tutto questo ci ha permesso di “bruciare le tappe” e fare in modo che la Società neonata potesse sostenere dal punto di vista organizzativo ed economico l’iscrizione della squadra ad un torneo Federale.

Come tutti sapete l’esperienza è un’entità che non si può acquisire che “sul campo”, per questo motivo, pur valutando altre possibilità, abbiamo scelto di iscriverci subito al Campionato di III Categoria dal momento che per i nostri ragazzi era l’unico modo di confrontarsi nell’agonismo sportivo.

Solo degli inguaribili ottimisti, per non dire degli utopisti, avrebbero potuto pensare che una squadra di “analfabeti del calcio” come noi stessi l’abbiamo definita, formata da ragazzi molto giovani (molti dei quali non avevano mai giocato il calcio a 11 né si erano mai confrontati con squadre organizzate), guidati da un drappello di “vecchi irriducibili” e da uno staff tecnico che si confronta e si mette alla prova giorno per giorno, si sarebbe subito laureata non avendo percorso le tappe preliminari e intermedie (elementari, medie, liceo).

Puntualmente ci si è tuffati nella realtà e sono arrivate sonore sconfitte nelle prime partite disputate. Chi conosce lo sport sa quanto i risultati determino il morale e l’atteggiamento di una squadra nell’affrontare le successive competizioni, ci si poteva quindi aspettare uno scoramento che poteva sfociare nella rassegnazione e nel disimpegno, niente di tutto questo, le sedute di allenamento sono state sempre più frequentate, è prevalsa l’idea di continuare a lavorare per migliorarsi, non si è mai spento il dibattito sulle azioni da intraprendere per rendere più esaltanti le performances, si è andati avanti compatti in gruppo sostenuti anche dagli esclusi e impermeabili alle immancabili critiche che ci piovevano addosso.

Oggi possiamo dire di avere ottenuto la vittoria più bella, quella di aver fatto rinascere lo sport coi suoi valori a Ustica attraverso la formazione di una squadra che solo in pochi mesi è maturata moltissimo e che, siamo convinti, potrà dare tante soddisfazioni a chi la segue e a se stessa, a patto che si abbia la pazienza di aspettare.

Sebbene voltandosi indietro ci accorgiamo di aver svolto una grande mole di lavoro, ci rendiamo conto di essere solo all’inizio, così come sappiamo bene di aver trascurato per mancanza di tempo e risorse umane alcuni settori vitali per la sopravvivenza stessa della squadra quale quello dei giovanissimi di cui ci siamo occupati ma non dedicando tutto il tempo che avremmo voluto. Nell’anno che verrà particolare impegno sarà dedicato proprio a questa attività che ha sempre costituito per noi una priorità assoluta.

Per ottenere tutto quello che abbiamo acquisito fino ad oggi, abbiamo valorizzato le competenze diverse dei nostri Soci, anche la costruzione del sito si è avvalsa di questo metodo ed ha consentito di informare chi ci segue nel miglior modo possibile. Anche il nostro sito è un neonato, per cui abbiamo inserito la sezione “Lascia un commento” che, come sapete era finalizzata solo ad ottenere consigli per fare in modo di darvi un organo di informazione quanto più possibile vicino ai vostri desideri. Abbiamo rilevato, nel tempo, che questa sezione si è trasformata in uno spazio in cui venivano convogliate critiche più o meno costruttive, complimenti e saluti anche intercontinentali, esternazioni più o meno personali e polemiche varie. Tutto questo ci ha stimolato a fare meglio ed ha insegnato ai più giovani a reagire in modo adeguato a sollecitazioni anche pressanti e ingiuriose. Sappiamo di costituire un “Soggetto Pubblico” e quindi ci sottoponiamo volentieri a tutte le vostre esternazioni, anche alle meno “educate” e non vogliamo rinunciare ai contatti con chi è lontano e ci vuole bene, nasce però un problema di appropriatezza, per cui dall’anno prossimo chiunque voglia esprimere le proprie idee rendendocele note, lo potrà fare attraverso l’indirizzo di posta elettronica ( asdustica@live.it ), leggeremo tutto e pubblicheremo le risposte ai saluti e alle idee più interessanti.

L’anno sta per finire per cui inviamo i nostri più sinceri e cordiali auguri ai nostri sostenitori e ai nostri detrattori, da parte nostra ci auguriamo di dare ai primi occasione di sostenerci ancora di più e agli altri di cambiare idea nei nostri confronti, auguri infiniti e infiniti ringraziamenti li mandiamo poi a tutti i nostri sponsors che sono stati tanti, nei loro confronti ci sentiamo in debito e possiamo promettere di impegnarci al massimo per rispondere al meglio alla loro generosità che ci ha consentito di esistere.

Auguri a tutti e……… Forza Ustica!.

ASD USTICA

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.