Disponibilità del Distaccamento Vigili del Fuoco a mettersi a disposizione della comunità e del territorio usticede


Il Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Palermo ha accettato la disponibilità del personale del Distaccamento Vigili del Fuoco di Ustica di mettersi a disposizione della comunità e del territorio usticese, nel rispetto delle norme igienico sanitarie  dovute al periodo di pandemia.

Dopo l’ultimo intervento effettuato nel lontano ottobre 2018, al ristorante “schiticchio”,  i nostri vigili torneranno,  con tanto amore, ad indossare la Divisa.

^^^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Pasquale Palmisano

Dopo 20 mesi, dall’ultimo intervento dei vigili del fuoco di Ustica, dopo due interrogazioni parlamentari, svariate segnalazioni del sindaco, con la volontà non arbitraria di chiedere, attraverso una legge nazionale 87/2004 art 3, un diritto necessario alla vita stessa della nostra comunità, come lo sono l’istruzione o i trasporti, o la sanità, lo è anche la sicurezza, che per 15 anni abbiamo fornito alla nostra isola, come vigili volontari e discontinui. Con la legge 97/2017, abbiamo avuto la possibilità di scegliere, è abbiamo scelto di fare i discontinui. Per la verità il ministero ci ha dato l’opportunità di ricoprire il ruolo di volontario, ma noi la nostra scelta l’avevamo fatta, sancita dalla legge, e nel rispetto dei nostri nuclei familiari. Perché la reperibilità data con il volontariato, ci precludeva la possibilità di lavoro presso altri enti. Quando è scoppiata questa epidemia, abbiamo deciso con i miei colleghi, di metterci ancora una volta a disposizione della nostra isola e della nostra comunità. La risposta è stata all’unanimità. Quando finirà questo periodo di pandemia, non spetterà a noi dare delle risposte. Noi in un momento di bisogno, abbiamo risposto presente. Ringraziamo il comando provinciale e il sindaco di aver permesso di rispondere PRESENTE

__
__

One thought on “Disponibilità del Distaccamento Vigili del Fuoco a mettersi a disposizione della comunità e del territorio usticede

  1. Dopo 20 mesi, dall’ultimo intervento dei vigili del fuoco di Ustica, dopo due interrogazioni parlamentari, svariate segnalazioni del sindaco, con la volontà non arbitraria di chiedere, attraverso una legge nazionale 87/2004 art 3, un diritto necessario alla vita stessa della nostra comunità, come lo sono l’istruzione o i trasporti, o la sanità. Lo è anche la sicurezza, che per 15 anni abbiamo fornito alla nostra isola, come vigili volontari e discontinui. Con la legge 97/2017, abbiamo avuto la possibilità di scegliere, è abbiamo scelto di fare i discontinui. Per la verità il ministero ci ha dato l’opportunità di ricoprire il ruolo di volontario, ma noi la nostra scelta l’avevamo fatta, sancita dalla legge, e nel rispetto dei nostri nuclei familiari. Perché la reperibilità data con il volontariato, ci precludeva la possibilità di lavoro presso altri enti. Quando è scoppiata questa epidemia, abbiamo deciso con i miei colleghi, di metterci ancora una volta a disposizione della nostra isola e della nostra comunità. La risposta è stata all’unanimità. Quando finirà questo periodo di pandemia, non spetterà a noi dare delle risposte. Noi in un momento di bisogno, abbiamo risposto presente. Ringraziamo il comando provinciale e il sindaco di aver permesso di rispondere PRESENTE

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.