Il sindaco risponde arrampicandosi sugli specchi…

Relativamente alle “ Dieci Domande”che leggo a firma di Roberto Rizzuto , da Buongiornoustica, vengo e…mi spiego.

Premetto che lo scrivente non ha una segretaria, né una segreteria . Nel bene e nel male fa tutto da sè e pertanto, soprattutto se si è informati di tutti gli impegni dello scrivente, appare poco opportuno affermare “ il sindaco non risponde” , quasi fosse omertoso.

Questo pomeriggio mi appresto a rispondere ai quesiti ma solo perché sono “ saltati “ due impegni pomeridiani: quello con l’avvocato Machì ( rinviato a lunedì) e quello con dr Mercadante-Tennis Club(alla settimana prossima). Senza questa circostanza non avrei risposto neanche oggi, semplicemente perché non ho tempo.

La raccomandata, come tutta la mia posta personale, che arriva ad Ustica non va al protocollo, viceversa non sarebbe personale ma pubblica! Sono tante le lettere che mi giungono al Comune come “personali”( ad esempio quelle relative alla mia separazione) e non vengono nè protocollate né,ovviamente, neanche aperte. Come ho detto già il protocollare una missiva personale o meno è una mia “personale” discrezione. La missiva era indirizzata al Comune e non al mio indirizzo privato ma anche questa domanda appare inutile perché non sarebbe cambiato proprio nulla.

Come già affermato, ho atteso di potere conferire con il dr Porretto, che era in vacanza, ritenendo le sue dimissioni un errore. L’indennità gli è comunque normalmente dovuto per i seguenti motivi:

non si tratta di uno stipendio (in funzione del lavoro svolto) ma di un’indennità di carica. Se così non fosse dovremmo erogare due indennità a quell’amministratore (come è successo più volte allo stesso Porretto) che nello stesso mese va, con la sua auto, ad Alcamo a Partinico ed in cento assessorati. O quando ci deve pagare aliscafo , pranzi e pernottamenti in albergo ad Ustica.

Magari così fosse: quanto dovrei essere pagato dal comune di Ustica? Altro che una cifra simile ai 450 euro !!!

Personalmente ho più volte chiesto che la mia indennità venisse cambiata in “rimborso spese”, proprio perchè spendo molto di più (soltanto l’ultimo pranzo per l’inaugurazione del museo mi è costato 500 euro!) del valore dell’indennità e, “ curnuto e bastonato”, l’indennità mi fa cumulo di reddito con il mio reddito di medico facendomi “saltare l’IRPEF”. Mi è stato detto che non è possibile. Credete che Porretto stia attento a 400 euro? Mah..

Sul perché ho ritardato a protocollare la missiva ho detto ampiamente e pertanto mi scuso se mi ripeto: ho cercato (e cerco ancora) di dissuadere Porretto dalla sua decisione, ritenendolo importantissimo ( a proposito ho notizia che il famoso documentario dovrebbe essere stato finanziato) ed inoltre il mese di agosto ad Ustica si deve operare affinchè si possa dare l’immagine quanto più serena possibile della vita quotidiana. Ma in ogni caso risulta che una qualche decisione non sia stata presa o ritardata per questo? No? E’ di questo che devo rispondere.

L’altro interlocutore di usticasape, Berucci, afferma che saremmo già nelle condizioni di una giunta a tre assessori, senza dovere modificare lo statuto comunale(che prevede quattro assessori). Non dico che certamente “non sia così” ma affermo “ che io sappia non è così”.

Premesso che se io avessi torto ne sarei felice perché era quello che desideravo, ma dico il motivo che mi fa ritenere il contrario.

Gli uffici mi hanno confermato che è allo statuto del Comune di Ustica che occorre far riferimento. Che questa tesi sia valida lo dimostrerebbe la vicenda “ pagamento TARSU dell’hotel Grotta Azzura-Framon”. Come si legge quasi quotidianamente sui giornali locali, vari alberghi –anche della catena Framon- vincono le cause con il Comune di Palermo che fa pagare agli alberghi una tariffa diversa da quella versata dai proprietari delle abitazioni. Ebbene le stesse cause sono state vinte( anche contro la Framon) dal Comune di Ustica semplicemente perché il regolamento del nostro Comune , al di là della norma generale, prevede una differente tassazione.

Ciò non toglie che non si possa modificare lo Statuto. Come detto, questa decisione mi sembra più opportuna venga presa dopo che l’Assessorato EELL avrà portato in porto la modifica dell’0rdinamento dei Comuni e Province.

Qualcosa devo dire sulla polemica “Rumore ad Ustica” che, mi è parso di capire, secondo Buongiornoustica sarebbe solo relativa al traffico veicolare. Ritengo che se si dovesse limitare ad esempio 60 dB l’emissione sonora, questo valore diverrebbe generico ( ovviamente , si) e non relativo alle sole auto. Non esistendo zone diversificate per livello di rumorosità, dovremmo chiudere tutte le discoteche ( come è stata fatta chiudere quella dei Faraglioni!!!). Si potrebbe dire “ allora creiamo le zone di rumorosità”! Per far questo occorre dare un incarico ad un professionista e ci vogliono dei soldi . Come pubblicato ( ma li leggete gli articoli che scrivete?) il bilancio 2012, che sarà falciato dalla finanziaria regionale e nazionale, è già abbastanza impegnato da debiti pregressi ed avvocati da pagare (dimenticate gli 80.000 euro ?).

Allora calmi con le affermazioni ed estrapolate ogni fatto ad un contesto.

Il politico deve avere una visione ampia dei problemi, se gli si mettono i paraocchi, come ai cavalli, avrà una visione parziale che vi dico subito è sbagliata.

Sempre Bertucci vuol sapere perché faccio tutto da solo.

Premetto che non è questa affermazione non è reale, stante che posso godere della collaborazione di un vice sindaco e di assessori di prim’ordine ognuno pronto ad affrontare compiti oltre le proprie competenze. E poi c’è chi dice l’opposto di quello che dice Bertucci: il vero sindaco è il vice sindaco! Uno nessuno e centomila direbbe Pirandello.

In ogni caso vi risulta che qualche atto sia stato ritardato od omesso? No ? e allora tranquilli.

Ora devo scrivere altri due comunicati, scusatemi. A presto

Aldomes

 

 

 

 

 

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.