Impossibilità di “Governo” senza maggioranza…

 


[ id=13796 w=320 h=240 float=left]Ieri sera si è riunito il consiglio comunale, prosecuzione della seduta di lunedì 23 luglio, per trattare i rimanenti punti inseriti all’O.d.G.

Erano presenti Leonardo Cannila (Presidente), Felice Badagliacco, Giovanni Palmisano, Gaetano Caserta, Pasqualino Palermo, Girolamo Tranchina, Bartola Martello e Angelo Russo.

Si è subito affrontata la problematica “Sdemanializzazione aree comunali” che, secondo il presidente del consiglio, doveva essere completata con l’integrazione di altre pratiche non inserite precedentemente per la discussione. L’integrazione all’O.d.G  ha lasciato “molto perplessa” la segretaria comunale trattandosi di argomento già affrontato nella seduta del 23 Luglio 2012. L’argomento, comunque, non è stato trattato in quanto alcuni consiglieri (in particolare il consigliere Tranchina) non erano stati messi in condizione di visionare le pratiche.

Prima di passare al quarto punto inserito all’O.d.G. “problematiche Amministrative gestionali” il consigliere Badagliacco, proprio mentre prende posto a sedere il Sindaco, ha chiesto al presidente Cannilla 10 minuti di sospensione del consiglio, che sono stati concessi.

Al rientro dei consiglieri in aula il presidente del consiglio, approfittando della presenza in aula del sindaco, ha voluto fare delle precisazioni che di seguito riportiamo:

“Nella scorsa seduta, spiega Cannilla, abbiamo bocciato il conto consuntivo, su parere negativo del revisore dei conti. Questo parere negativo era appunto accompagnato da alcune note che, per chi le vuole intendere, hanno un grosso significato” e, chiarezza di informazioni legge un rilievo fatto dal Revisore dei conti:[ id=13797 w=320 h=240 float=right]

“Il fatto che il consiglio comunale abbia deliberato la sussistenza degli equilibri di bilancio e ciò comunque in ritardo rispetto al termine di legge, scrive il Revisore, deriva probabilmente dalla dichiarazione di insussistenza di debiti fuori bilancio da parte dei responsabili dei servizi, i quali invece al sottoscritto malgrado le note del 03-05-2012 e del 25-06-2012 non hanno rilasciato tale attestazione. Invero doveva essere agevole farlo visto le precedenti dichiarazioni rese in sede di esame del permanere delle condizioni di equilibrio finanziario.”

Tecnicamente, per quanto mi riguarda, prosegue Cannilla, “ciò significa che il consiglio comunale nella seduta del 03-11-2011, dove era presente anche l’assessore al bilancio Mistretta, è stato messo nelle condizioni di approvare un equilibrio finanziario, se non ricordo male addirittura dopo aver stipulato un paio di mutui, non tenendo conto che esistevano questi debiti fuori bilancio. Per chi non è molto esperto nella materia significa che il prossimo bilancio dovrà tenere presente e trovare la copertura per questi debiti fuori bilancio, che non sono pochi (€ 350.000 – 400.000)… Penso che non era mai successo una cosa del genere, è una cosa di una gravità unica e non so cosa dirà o farà la Corte dei Conti. Penso anche una cosa che in un momento come questo qualcuno ha pensato bene, dopo forse essersene servito nel corso di questi due anni, a partire della famosa delibera della Commissione Portualità che chiedeva lo spostamento del passaggio dell’AMP a settembre per favorire il problema delle catenarie, di dire che dell’indirizzo del consiglio si faceva carta straccia.

Nell’occasione dell’approvazione del conto consuntivo era assente la giunta al completo, compreso l’assessore al bilancio, per cui qualcuno di noi ha ritenuto opportuno, considerato il punto in cui siamo oramai arrivati, non sia il caso di continuare questo consigli comunali.

Per quanto riguarda me, ma penso che sia condiviso anche da parte degli altri, non vogliamo dare l’opportunità a qualcuno di fare le passerelle e poi non essere presente quando ci sono argomenti molto gravi da trattare.

Il consiglio comunale è stato messo nelle condizioni di approvare l’ equilibrio finanziario il 3 Novembre del 2011 non essendo stato messo a conoscenza di atti e di situazioni amministrative gestionali tra cui debiti fuori bilancio che l’amministrazione attiva ne doveva essere per forza a conoscenza. Questo è quanto mi sento di dire e se non c’è qualche consigliere che vuole aggiungere qualcosa, mi dispiace per i presenti, ma non penso che ci siano più le condizioni, a mio avviso, di poter amministrare un bel nulla… che questo comune non ha più una lira… l’evidenza è nei fatti…  il consiglio è chiuso”.

È evidente che un Sindaco costretto a gestire quotidianamente problemi sempre più impegnativi, sfiduciato da tempo dalla maggioranza dei consiglieri comunale, senza né la serenità né la capacità di rappresentare gli interessi della nostra comunità e costretto a subire frustrazioni di ogni genere dentro e fuori il consiglio comunale, dovrebbe aver capito che “time is over”…

Pietro Bertucci

^^^^^^^^^

COMMENTO

Da Ustica Fabio Ailara

In risposta al caro Leo riporto le sue testuali parole durante il consiglio del 01-08-12.
“….ma non penso che ci siano più le condizioni, a mio avviso, di poter amministrare un bel nulla… che questo comune non ha più una lira… l’evidenza è nei fatti… il consiglio è chiuso”.”
Un buon dirigente quando non ha un bel nulla da poter amministrare normalmente lascia. a meno che vuole continuare ad amministrare il nulla!!!!!!

 

 

One thought on “Impossibilità di “Governo” senza maggioranza…

  1. In risposta al caro Leo riporto le sue testuali parole durante il consiglio del 01-08-12.

    “….ma non penso che ci siano più le condizioni, a mio avviso, di poter amministrare un bel nulla… che questo comune non ha più una lira… l’evidenza è nei fatti… il consiglio è chiuso”.”

    Un buon dirigente quando non ha un bel nulla da poter amministrare normalmente lascia. a meno che vuole continuare ad amministrare il nulla!!!!!!

Rispondi con il tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.